Informazioni sui cookie

Article written by

11 Responses

  1. Stefano Nobile
    Stefano Nobile at | | Reply

    ci vediamo là domattina.
    Mandi

  2. lorenzo s.
    lorenzo s. at | | Reply

    Fidenato sei un grande!

  3. Loris Asoli
    Loris Asoli at | | Reply

    Caro Giorgio,

    vorrei qui riportarti il modo in cui si originano i tumori.

    Un aspetto centrale nella genesi del tumore è che esso è rappresentato da cellule normali che divengono atipiche e alterate e che poi si riproducono in modo anormale, formando una massa in continuo accrescimento che invade e distrugge i tessuti circostanti.
    La crescita incontrollata di queste cellule è determinata da alterazioni o mutazioni del loro patrimonio genetico.
    E’ stato riscontrato che il tumore parte da un’unica cellula alterata nel DNA, cioè con danno genetico, che poi si riproduce in modo abnorme, con cellule tutte caratterizzate dallo stesso danno genetico.
    Le tipologie di danni genetici, da cui parte il tumore, possono essere svariate.

    Ti prego di documentarti: le frasi di cui sopra non sono una mia invenzione, ma vengono dalla evidenza scientifica.
    Ora io ti domando: se è l’uomo stesso che crea le alterazioni genetiche, visto che queste rappresentano la causa prima dei tumori, non è questa una super-super follia?
    Che futuro possiamo aspettarci con la diffusione degli OGM?

    Ormai la ricerca scientifica indipendente dalle multinazionali OGM e dalle persone e istituzioni influenzate dalla loro azione di lobbing, hanno ampiamente dimostrato l’estrema pericolosità potenziale a medio e lungo termine dell’alimentazione OGM.
    Io sono d’accordo con la vostra lotta libertaria contro lo strapotere di uno stato burocratico, anche se come società civile dobbiamo pur trovare un modo sano di convivere armoniosamente fra di noi, che non sia il combatterci a vicenda. Però ti chiedo se lo spirito libertario debba essere applicato proprio alla battaglia sugli OGM, la quale comporta che per prendersi una libertà propria si finisce per distruggere quella degli altri.

    Io credo che noi tutti siamo esseri spirituali in evoluzione e che non moriamo con la morte del corpo.
    Come tuo fratello sono sinceramente preoccupato per il peso di colpe con cui, dal mio punto di vista, stai caricando la tua anima.
    Se fosse vero che ci reincarniamo più volte portando le conseguenze delle nostre azioni, temo per te, per come dovrai condurre la tua prossima incarnazione. Se invece fosse vero quanto dice la chiesa cattolica, che ci sono inferno, purgatorio e paradiso (cosa che a dire il vero non credo), temerei ugualmente per il destino del tuo essere spirituale.

    Ti prego di sentire a fondo chi sei e se quello che stai facendo è il vero scopo per cui ti sei incarnato e con il quale dai senso alla tua vita, o non possa per caso essere un altro. Ti chiedo, se ti è possibile, di ripensare a quanto stai facendo e promuovendo. Ti prego con tutto il cuore di prendere in considerazione anche i milioni di persone che temono molto gli OGM.
    Leggi qui sotto uno dei tanti testi di preoccupazioni sugli OGM, che puoi trovare su internet. Perché dobbiamo sempre lottare gli uni contro gli altri? Non è possibile un’altra via?
    Infine, per il tuo bene e quello degli altri partecipanti, ti sollecito a non festeggiare l’8 luglio, mangiando polenta con mais OGM.

    Ciao Un abbraccio Loris

    Gli alimenti transgenici

    originano da produzioni vegetali o animali la cui struttura genetica sia stata modificata al fine di sviluppare o bloccare o creare ex-novo caratteristiche particolari che permettano una migliore
    commercializzazione dei prodotti alimentari.

    La modificazione di organismi animali e vegetali tramite l’alterazione genetica è irreversibile e introduce nell’ambiente nuovi esseri che non esistono in natura e dei quali non conosciamo il
    relativo impatto sull’equilibrio vegetale e animale.

    Gli effetti dell’inquinamento genetico sono irreversibili. Una volta che geni associati a nuove specie sono immesse nell’ambiente, non possono più essere rimessi nella bottiglia. Nuovi organismi, batteri e virus sono immessi nell’ambiente e si riprodurranno, migreranno e muteranno. Questi nuovi organismi trasferiscono le loro caratteristiche ad altri organismi e questi non possono essere
    bloccati.
    Il risultato della modifica del patrimonio genetico di vegetali e animali sono:
    Imprevedibili effetti a lungo termine
    Nuovi allergeni e tossine nella produzione di alimenti.
    Aumento dell’uso degli erbicidi e dei pesticidi nell’ambiente e nei nostri alimenti.
    Danni permanenti alla vita selvatica
    Perdita della biodiversità
    Nuovi virus capaci attraversare le barriere delle specie.
    Diffusione della resistenza agli antibiotici.
    Crudeltà nei confronti della fauna selvatica.
    Minaccia alla agricoltura organica
    Potenziale infezione o mutazione di cellule umane.
    Irreversibile contaminazione del nostro ecosistema

    Fonte: http://www.angelfire.com/ak3/nogm/

    1. fabio
      fabio at | | Reply

      i tumori li abbiamo sempre avuti dentro di noi, o meglio le cellule da cui nascono.
      Una volta si moriva di diarrea, febbre, tosse, freddo, cancrena, infezioni varie, di virus vari. O magari di mal di pancia. O di vecchiaia. Sempre che non si fosse morti di fame o guerra.

      Grazie alla medicina non si muore più di semplice malattia, si curano malattie, si estirpano parti malate, si sostituiscono organi, si prolunga la durata del corpo a nostra disposizione durante questa vita.
      E scopriamo nuove malattie che in realtà abbiamo sempre avuto latenti in noi ma che non avevano tempo di esordire perché si moriva prima.
      Ora si muore di tumore o di collasso cardiaco: non sono conseguenze nefaste del progresso e del moderno stile di vita, ma è proprio grazie ad esso che abbiamo solo queste cause, in attesa che ulteriori progressi le riducano ulteriormente.

      Però è un grave errore dire che i progressi tenologici sono pericolosi senza basarsi su prove e risultati. E sopratutto cercando di imporre con la forza della legge le proprie opinioni ad altre persone che la pensano diversamente.
      Non vuole OGM preferendo dosi più alte di agenti chimici in campo e ambiente? va bene, ma non impedisca altri a preferire OGM e coltivarli e comprarli.

      Ricordi che il nostro corpo NON è assolutamente fatto per vivere fino a 90anni! una volta arrivati a 60anni il grosso è fatto, manca ormai poco alla morte.

      Il mio riferimento resta Etta, la sorella di Berlusconi: aveva conoscenze? aveva soldi? poteva o no curarsi nel migliore dei modi? Eppure è morta a 65 anni!!!

      i tumori possono essere semmai riportati alla polvere dei ferodi all’amianto dei freni delle auto ma sopratutto di autobus e metropolitane che per anni hanno riempito i nostri polmoni.
      Ma anche qui torniamo allora alla pianificazione urbana fatta apposta per assorbire le auto dell’industria più importante dello stato.
      Industria dell’edilizia, della viabilità, i monopoli dei trasporti pubblici… se vuole trovare i responsabili dei fattori ambientali che aumentano i rischi d’insorgenza tumorale, deve rivolgersi a chi ha il potere e la costante voglia di pianificare le nostre vite, il -purtroppo- solito Stato.

  4. Giorgio Fidenato
    Giorgio Fidenato at | | Reply

    Egr. Sig. Loris, lei ha s ritto una grande quantità si innesatezze. Se lei è così preoccupato di tumori che (lei ritieni) siano portati dagli Ogm, dovrebbe chiedersi allora perché i tumori esistevano prima del l’avvento degli Ogm, e anche quando non esisteva la chimica. Forse la percentuale di incidenza oltre 100 anni fa era inferiore Ma perché la gente moriva prima che si potesse manifestare il tumore, che tutti sappiamo essere statisticamente una malattia dell’età avanzata.

  5. Stefano Nobile
    Stefano Nobile at | | Reply

    Caro Giorgio Fidenato,
    piantiamola con i luoghi comuni e diciamoci la verità: i pesticidi che vengono utilizzati in agricoltura sono una mano santa.
    Infatti è scientificamente provato che non hanno alcun effetto negativo sull’uomo, che, anzi, dovrebbe aggiungerne al caffè ogni mattina quando fa colazione. Che poi hanno anche un ottimo sapore e aiutano la ricrescita dei capelli.
    E’ un vero peccato che gli OGM ci privino di queste sostanze indispensabili anche per ottenere delle erezioni stabili e durature.
    Quanto scritto sopra è evidentemente ironico, ma ci si dovrebbe soffermare su questo aspetto: gli OGM i quali sono accusati di essere dannosi in base al principio di precauzione, non essendovi prove scientifiche che siano dannosi. Anzi, sono alcuni anni che ce li puppiamo senza che ce lo dicano.
    I pesticidi invece sono sicuramente dannosi, sono veleni che uccidono anche noi se presi in dose sufficiente. Pochi sanno che il DDT fu ritirato dal commercio non perché fosse un potente veleno, ma solo per il fatto che la molecola è molto stabile e si accumula nell’organismo.
    I pesticidi odierni sono meno stabili ma più forti, sempre più forti. E comunque o così o Pomì, la scelta è OGM o pesticidi.
    Perché tertium non datur. Anzi la terza via è la fame nera.
    Il resto sono biominchiate.
    La quale fame però un vantaggio lo arrecherebbe: l’incidenza dei tumori calerebbe in maniera drastica, non dando alle cellule mutate il tempo di moltiplicarsi.
    Mandi.

  6. alberta cardinali
    alberta cardinali at | | Reply

    Cari tutti, ma di che si sta parlando? E’ dimostrato che gli ogm non fanno diminuire la chimica in agricoltura. E’ dimostrato che il cocktail di sostanza chimiche presenti in noi, nella terra e nell’acqua, ci porta ad ammalarci sempre di più. Sull’aumento dei tumori infantili non dico nulla, solo che spero non vi capiti mai di entrare in un reparto oncologico di qualche ospedale pediatrico. Perchè allora non si parla di chi ci guadagna con gli ogm, con i disseccanti, con i pestici, con i concimi… Ci sarà qualcuno che ci guadagna a contaminare la terra e l’acqua che fra qualche anno non avremo più potabile. E non sono sicuramente i produttori che lavorano tutto il giorno cercando di risparmiare un pò di tempo e soldi. Ci sarà qualcuno che ci guadagna a metterci gli uni contro gli altri? Cosa o chi ci impedisce di trovare delle strade che tengano conto del bene collettivo e non dei soliti pochi? Quando cominceremo a ragionare con la nostra testa e a vedere che solo insieme e lavorando per il bene di tutti si può andare avanti? Ciao alberta

  7. Giorgio Fidenato
    Giorgio Fidenato at | | Reply

    Spett.le Alberta, chieda a Coldiretti cosa si fa in Italia per combattere la piralide, visto che non si possono ancora usare gli OGM?

  8. Loris Asoli
    Loris Asoli at | | Reply

    Caro Giorgio,

    non credo di aver scritto inesattezze.
    Né ho sostenuto che i tumori partono solo dagli OGM.
    So bene che essi esistevano già, e da secoli.
    Quello che ho detto, per evidenza scientifica, è che essi partono da un’unica cellula geneticamente danneggiata. Poi i meccanismi di danneggiamento possono essere molteplici. Per esempio nella civiltà attuale alcune cause principali possono essere radiazioni ionizzanti, fumo, sostanze chimiche cancerogene, inquinamento atmosferico di vario genere (come ha scritto Fabio), medicinali con componenti cancerogeni, virus e batteri nocivi, ecc.

    Io dico soltanto: visto che, purtroppo, ci sono già vari modi per danneggiare geneticamente le cellule, perché essere noi stessi per primi a danneggiarle nei cibi di cui ci nutriamo? Non è questo estremamente pericoloso? Io sono convinto di sì. Anche perché varie ricerche lo hanno già confermato.
    Che i tumori colpiscano bambini e giovani, molto più che in passato è risaputo. Un solo link, con l’elenco, sicuramente incompleto, degli ospedali italiani che trattano tumori infantili, può essere istruttivo:
    http://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/db/altrespecialita/pediatrico.shtml
    Personalmente ho anch’io amici morti giovani di tumore e abito in un piccolo paese.
    Ma ancora gli OGM non hanno incominciato ad agire, perché i tempi di formazione dei tumori sono lunghi, gli OGM sono ancora relativamente poco diffusi, con poche modifiche genetiche e su poche piante. Se dovessero diffondersi sarebbe la catastrofe. Io sarei il primo ad essere felice se gli OGM non facessero danni, ma tuttavia sono convinto che faranno danni enormi e che si vedranno soprattutto a partire dalle prossime generazioni e non solo danni fisici, ma interferiranno negativamente anche sulle facoltà più alte dell’uomo (il pensiero e il sentimento) rendendoci più simili ad automi. Altro che libertà!!

    A Fabio vorrei dire che non sono contro il progresso tecnologico, ma solo contro alcune tecnologie, come il nucleare, perché lascia scorie tossiche per milioni di anni, e gli OGM, perché alterano irreversibilmente la biodiversità naturale del pianeta, con creazioni genetiche artificiali ed arbitrarie, che potrebbero rivelarsi estremamente nocive. Che gli OGM permettano di usare meno prodotti chimici è un’illusione, perché dove si usano si sono già creati erbe e animali resistenti ai principi tossici immessi nelle piante genetiche e perché finché la piante resiste al diserbante, il coltivatore di fatto finisce per darne più di prima. Io credo che la tecnica che riduce veramente, anzi annulla, l’inquinamento chimico, è l’agricoltura biologica, che rappresenta il vero futuro per l’umanità e, per piacere, non usciamo fuori con le solite frasi fatte, false, a uso e consumo della pubblicità delle multinazionali degli OGM, che il biologico produce di meno e ci manda alla fame e che solo gli OGM ci sfamano. E’ più che dimostrato che le piccole coltivazioni intensive, con metodi a bassa tecnologia, sono quelle che nutrono l’umanità e che cavano più cibo per unità di superficie di suolo. E hanno meno bisogno di altra gente che lavora per loro a produrre concimi chimici e pesticidi vari. La maggiore intensità di lavoro, con maggiore varietà colturale, produce molto più cibo della maggiore intensità di tecnologie e ha bisogno di minori fattori produttivi che vengono dall’esterno. Con la saggezza ecologica siamo in grado di nutrire altri miliardi di esseri umani e di nutrire anche i sotto-nutriti attuali. La frase di Stefano Nobile “OGM o pesticidi o fame nera” è un falso. Non a caso la richiesta di cibi biologici è in costante aumento, anche in questi anni di crisi. Io dico quindi: l’agricoltura biologica è il vero futuro, che darà buon nutrimento all’umanità e riporterà all’ecologia l’ambiente agricolo. Gli OGM al contrario sono la catastrofe.

    Ma vorrei uscire da questi discorsi tecnici e parlare della Libertà.
    Caro Giorgio, mi fa strano, che tu che ti dici libertario, poi sei contento di affidarti ai responsi della attuale UE, che è il condensato dell’anti-libertà, con il potere altamente centralizzato nella sua Commissione, neanche eletta da nessuno e nella BCE privata, che tiene in piedi un euro che è per noi tutti come una moneta estera che dobbiamo comprare a caro prezzo, invece di produrla gratuitamente ad uso e consumo delle popolazioni. Questa BCE dell’Uniione europea, che lascia senza denaro cittadini, imprese, banche non colluse e istituzioni, per spogliarci di tutti i beni, la trovi di tuo gradimento? E’ a questa UE che fai affidamento tu, come libertario?

    Trovo che stai impiegando molte delle tue energie interiori dietro questa battaglia degli OGM, avendola scambiata per una battaglia di libertà, quando con essa ti metti contro la grande maggioranza del popolo italiano, dei produttori agricoli e dei consumatori e ledi la loro libertà.
    Non trovo che la tua sia una battaglia per la libertà, ma al contrario una battaglia per la schiavitù del popolo italiano e della sua agricoltura al potere di poche multinazionali delle sementi manipolate, che distruggerebbero l’agricoltura convenzionale e biologica. La produzione di buon cibo è rimasta una delle poche eccellenze italiane e verrebbe distrutta anche quella. Secondo me stai di fatto operando contro i tuoi stessi principi. Sarebbe meglio impegnarsi per cambiare tutte le istituzioni, a partire da quelle europee.

    Spero che non mi tiri fuori la balla che è possibile la convivenza fra i vari metodi colturali. Oltre alla contaminazione genica verticale, tramite impollinazione, che ha un raggio molto vasto, poco compatibile con la configurazione dei terreni italiani, sai bene che il trasferimento genico orizzontale, tramite gli stocchi, i terreni e la vita microbica dei terreni, è ancora più potente e inarrestabile. Già solo per il fatto di importare soia e mais OGM abbiamo creato un vasto inquinamento genico orizzontale tramite l’alimentazione e il letame degli animali. Inoltre: chi pagherebbe il costo di dover avere filiere nettamente separate fra le colture convenzionali e quelle OGM (trebbiatura, trasporto, stoccaggio, movimentazione, ecc)? In realtà le multinazionali vorrebbero stoccare tutto insieme. E’ questa la libertà che volete darci tu e la tua Monsanto? Volete imporci, voi, una piccola minoranza, la vostra dittatura? Siete allora dittatori mascherati da libertari?

    La battaglia per la Libertà è molto nobile e bella, ma quella per gli OGM, a mio parere, non ha nulla a che fare con la libertà, ma al contrario ci conduce alla schiavitù. Inoltre, anche se la Libertà è un valore meraviglioso, non possiamo pensare di fare tutto quello che vogliamo impunemente. Né dal punto di vista sociale, quando le nostre decisioni interferiscono con una maggioranza che vuole altro, né da un punto di vista spirituale, quando la nostra volontà va contro le leggi di armonia che reggono l’universo. Giocare con i geni, le basi della vita, mi sembra estremamente rischioso, soprattutto quando lo si fa (vedi multinazionali degli OGM) per fini non proprio nobili, come il potere sugli altri e il profitto personale. Io credo che chi infrange le Leggi della Vita, non può pensare di farlo impunemente: sarà la vita stessa, prima o poi (e ci metto anche le incarnazioni successive) che gli presenterà il conto.

    Caro Giorgio, ti invito di nuovo a riflettere su te stesso: sei proprio sicuro che la diffusione degli OGM in Italia sia una tua missione per questa vita?

    Ciao Con amicizia Loris

Please comment with your real name using good manners.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *