Article written by

28 Responses

  1. Pedante
    Pedante at | | Reply

    FSA=ADL. Come ho detto a Fusari prima delle presidenziali, Ron Paul non poteva essere eletto in quanto rappresentante dell’America bianca, di origine europea. L’élite politica e accademica americana li odia in modo viscerale (vedi Tim Wise, tutt’altro che franco riguardo alla sua appartenza etnica).

    1. firmato winston diaz
      firmato winston diaz at | | Reply

      @pedante
      mi pare che i “liberal” americani (elite accademica se non politica) si siano scagliati in massa contro il cosiddetto “patriot act” citato nell’articolo, e criticato dall’autore dello stesso. Quindi… l’argomento non vale nulla.

    2. LucaF.
      LucaF. at | | Reply

      @Pedante
      Scusa hai per caso il link dove avrei affermato quanto mi attribuisci?.
      Può darsi che abbia tradotto qualcosa di Pat Buchanan o Walter Williams sulle tensioni tra i gruppi etnici nella società americana, ma non mi pare di aver mai posto, di mio, la questione etnica o razziale tra i motivi della sconfitta del Dr alle presidenziali 2012.
      Ho semmai fatto notare che Ron Paul non è razzista http://www.movimentolibertario.com/2011/12/ron-paul-non-e-razzista/
      come invece i media (liberal e non) in Italia ed Usa hanno strumentalmente descritto (dopo i primi sondaggi a lui favorevoli usciti poche settimane prima delle primarie GOP in Iowa http://www.movimentolibertario.com/2011/12/22/iowa-perche-ron-paul-vincera/ ) per affossarlo presso gli elettori (come è in parte avvenuto durante il resto delle primarie).
      Egli è tra i politici più apprezzati e votati dalle minoranze etniche, compresa quella afroamericana.

  2. Pedante
    Pedante at | | Reply

    Studiare il quadro politico americano in termini di ‘liberali’ e ‘conservatori’ è inutile. L’ottica etnica è più rivelatrice. I neoconservatori di ora sono i trotskiisti del passato. Ad uno certo punto, decisero che il conservatorismo combaciava meglio con i loro fini politici (politica estera essenzialmente) e cambiarono casacca.

    Non mi pare che la maggioranza degli accademici sia contro la Patriot Act, solo gli eventuali abusi nell’esecuzione della legge.

  3. Pedante
    Pedante at | | Reply

    @Fusari:
    È proprio questo il punto. Lei non aveva capito il ruolo della razzia nelle presidenziali (a prescindere delle opinioni razziste o meno di Ron Paul), e perciò era ottimista per la sua campagna. Io invece l’avevo dato per spacciato già dall’inizio (nonostante le mie simpatie sia per lui sia per il suo programma) precisamente perché i mass media odiava (e odia tuttora) l’elettorato che lui rappresentava, cioè l’americano di origine europea.

    A grandi linee minoranze votano democratico, non hanno votato Paul. (Che piaccia o meno, la polarizzazione razziale è la realtà, come Brownstein sa benissimo:
    http://www.nationaljournal.com/columns/political-connections/the-new-math-of-presidential-elections-20120823).

    Ovviamente, non convido i consigli di Brownstein per il GOP né credo che siano in buona fede.

    1. LucaF.
      LucaF. at | | Reply

      Brownstein è un liberal, ergo deve sostenere l’idea che le minoranze votino sempre e solo Democratico.
      http://www.washingtonpost.com/blogs/the-fix/wp/2013/04/29/black-turnout-was-higher-than-white-turnout-in-2012-and-2008/
      http://www.huffingtonpost.com/2013/04/28/black-voter-turnout-2012-election_n_3173673.html
      Nel caso però di Ron Paul, egli essendo contro la pena di morte e la guerra alle droghe (contemplanti soprattutto reati e condannati latinos e neri) aveva notevoli possibilità di ottenere voti presso i gruppi etnici, quantomeno rispetto agli altri candidati GOP in corsa.
      http://freeindependentsun.com/republic/obama-v-paul-why-ron-paul-is-the-republicans-top-prospect-for-winning-the-presidency-in-2012/
      La sconfitta del Dr nel 2012 non è però dovuta agli afroamericani ma alle regole delle primarie del GOP e ad una differente preferenza ideologico-politica di voto degli iscritti al GOP (i quali sono perlopiù bianchi).

  4. Pedante
    Pedante at | | Reply

    razzia“. Razza!

  5. Pedante
    Pedante at | | Reply

    a prescindere delle“.

  6. Pedante
    Pedante at | | Reply

    Fusari, dal 2012: “Pedante le razze non esistono…”
    Allora le minoranze sono un non senso.

    1. LucaF.
      LucaF. at | | Reply

      @Pedante
      Ti confermo che le razze non esistono, esistono gli individui.
      Ho usato il termine minoranza in chiave puramente sociologica al fine di descrivere un determinato gruppo elettorale votante.

  7. Christian
    Christian at | | Reply

    Per essere più precisi esistono i fenotipi
    (http://scuolacavalcanti.it/files/informatica/geni/fenotipo.htm questo è solo un link tra le migliaia che puoi trovare, l’ho scelto solo per la sua estrema sintesi).

    Distinti Saluti

  8. Pedante
    Pedante at | | Reply

    @Fusari:
    Che Lei ignari qualcosa non significa che non esista.
    http://www.timesofisrael.com/russian-speakers-who-want-to-immigrate-could-need-dna-test/

    1. LucaF.
      LucaF. at | | Reply

      @Pedante
      Guardi che saltare da una notizia off topic ad un’altra, non è conversare sul tema dell’articolo qua pubblicato inerente esclusivamente Ron Paul e la NSA.
      Se le piace tanto parlare delle razze e di come selezionarle/identificarle sono sicuro che in rete troverà altri referenti (ossessionati quanto lei sulla questione) con cui dibattere.

  9. Pedante
    Pedante at | | Reply

    @Fusari:
    Grazie dell’invito. Lamentarsi dell’amministrazione pubblica senza svelare coloro che esercitano il potere mi sembra un esercizio di futilità. O peggio, di pusanillimità.

    1. LucaF.
      LucaF. at | | Reply

      Pedante, lei sta rompendo un pò troppo il sottoscritto con insinuazioni ed illogiche argomentazioni prive di senso.
      Sicché secondo lei coloro che esercitano il potere nell’amministrazione pubblica sarebbero i neri, e magari pure a danno dell’uomo bianco? O.o
      Suvvia, ha già dato ampio esercizio di sé su questo sito.
      Vada al mare anzichè continuare a trollare epiteti ed altre assurdità!.

  10. Pedante
    Pedante at | | Reply

    Pusillanimità, per chi non è dislessico.

  11. Pedante
    Pedante at | | Reply

    Non, i neri vengono usati come una mazza contro i bianchi di origine europa. Lasci perdere Ayn Rand e la sua atomizzazione da fumetto e legga piuttosto Yuri Slezkine e capirà come funziona e quale scopo ha la NSA, o la nuova NKVA.

    1. LucaF.
      LucaF. at | | Reply

      “I neri vengono usati come una mazza contro i bianchi di origine europa”,.
      Pedante, lei continua a confermare che ha sbagliato sito dove predicare le sue idee razziali.
      http://www.youtube.com/watch?v=eAFXusfP-WI

  12. Pedante
    Pedante at | | Reply

    @ Fusari:
    “il termine minoranza in chiave puramente sociologica al fine di descrivere un determinato gruppo elettorale votante.”

    Allora non capirà mai l’America.
    http://articles.latimes.com/2013/jan/25/local/la-me-0126-compton-20130126

    1. LucaF.
      LucaF. at | | Reply

      @ Pedante
      Guardi le assicuro che l’America la conosco meglio di lei e sono consapevole di quanto accade là.
      Il punto è che a differenza dei nazisti dell’Illinois come lei, io non sono un collettivista, ergo attribuisco ai singoli individui le loro responsabilità per le loro azioni commesse, senza scadere in illogiche generalizzazioni basate sui caratteri fenotipici umani.

  13. Pedante
    Pedante at | | Reply

    NKVA“. NKVD!

  14. Pedante
    Pedante at | | Reply

    @Fusari:
    Nazista, no, collettivista nemmeno. Ma solo un cieco non potrebbe riconoscere l’esistenza di collettivismo intorno a gruppi etnici, sarebbe come negare che esista la Cosa Nostra con i suoi vincoli di consanguineità perché i siciliani sono individui, o perché ammetterne l’esistenza offenderebbe quelli buoni.

  15. Pedante
    Pedante at | | Reply

    Per quel che vale, Rand era piuttosto abile quando si trattava di ricorrere a stereotipi:
    http://www.youtube.com/watch?v=2uHSv1asFvU

  16. Pedante
    Pedante at | | Reply

    @Christian:
    Non credo che l’autore dell’articolo, Salomon Katz, dell’università di Pennsylvania negherebbe la sua appartenenza etnica. Vorrebbe che gli altri ne neghassero la loro. Idem per i vari Lewontin, Gould, ecc.

  17. Pedante
    Pedante at | | Reply

    Secondo Chiao & Blizinsky è possibile che ci siano anche delle differenze di inclinazione collettivista/individualista tra diverse popolazioni geografiche, differenze dovute a fattori ambientali anche ai politiche eugeniche/disgeniche. Non tutti hanno le necessarie facoltà mentali o la disposizione caratteriale per capire Azione umana e di approfittarne a pieno.
    http://is.gd/6bev38

  18. Christian
    Christian at | | Reply

    @Pedante
    Non ho assolutamente detto nulla sulla negazione o meno della propria appartenenza etnica.
    Era solo una precisazione in merito alla questione scientifica della classificazione dell’uomo (inteso come Homo Sapiens) in diverse razze.
    Le diversità fisiche che si riscontrano tra i diversi individui non sono dovuti alla presenza di varie “Razze” di Homo Sapiens ma alle espressioni dei geni nell’interazione con l’ambiente cioè i Fenotipi.
    La mia precisazione non aveva natura politico-regligiosa-culturare-filosofica (ecc..).
    Comunque siamo effettivamente abbastanza fuori tema rispetto all’articolo.
    Direi che sia il caso di riaffrontare il discorso quando ci sarà un articolo più pertinente.
    Distinti Saluti

  19. Pedante
    Pedante at | | Reply

    @Christian:
    Sulla questione di una tassonomia degli essere umani rimarremo in disaccordo. Mi scuso con Lei se il mio sembrava un proselitismo. L’intenzione era quella di segnalare l’aspetto etnico della NSA. Il meccanismo si vede (anche se molto meno marcato) nel dispiegare carabinieri non nativi in una determinata zona affinché possono esercitare con più rigore (spietatezza) il loro ruolo senza legami di sangue, cultura o affinità etnica.

  20. Pedante
    Pedante at | | Reply

    possono“. Possano!

Please comment with your real name using good manners.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>