Informazioni sui cookie

AUGURI DI BUONA PASQUA A TUTTI I LETTORI

DI REDAZIONE

Tanti auguri dal Movimento Libertario. RISORGA LA LIBERTA’

BuonaPasqua

Article written by

19 Responses

  1. Vito
    Vito at | | Reply

    Tertium non datur. E’ risorta la Libertà. Da oggi siamo tutti libertini !

  2. Vito
    Vito at | | Reply

    Leggete il libro “Elogio del Libertino” di Franco Cuomo.

  3. Vito
    Vito at | | Reply

    Il libertario invece legge Max Stirner : “L’Unico e la sua proprietà” (in originale “Der Einzige und sein Eigentum”) che è l’opera principale del filosofo tedesco Max Stirner.

  4. Vito
    Vito at | | Reply

    A mia madre una zingara sinti predisse un figlio psicopatico.
    A mia madre una zingara rom predisse un figlio coglione.
    Sono nato io e ho avverato entrambe le previsioni.

    1. Vito
      Vito at | | Reply

      Chi ha scritto il commento sopra è un antisemita
      Mia madre è ebrea, non zingara !
      Happy Passover!
      hag Pesach kasher v’sameach!
      http://www.launiversidaddelaire.es/
      לְשָׁנָה הַבָאָה בִּירוּשָלַיִם

      1. Vito
        Vito at | | Reply

        Cosa predissero a mio padre? Mai saputo.
        Voglio dire: mai saputo chi sia mio padre.

        1. Carmelo
          Carmelo at | | Reply

          Giovanni 8: 43
          «Perché non comprendete il mio linguaggio? Perché non potete dare ascolto alle mie parole, 44 voi che avete per padre il diavolo, e volete compiere i desideri del padre vostro. Egli è stato omicida fin da principio e non ha perseverato nella verità, perché non vi è verità in lui. Quando dice il falso, parla del suo, perché è menzognero e padre della menzogna. 45 A me, invece, voi non credete, perché dico la verità. 46 Chi di voi può convincermi di peccato? Se dico la verità, perché non mi credete? 47 Chi è da Dio ascolta le parole di Dio: per questo voi non le ascoltate, perché non siete da Dio».

  5. Pedante
    Pedante at | | Reply

    Buona Pasqua a tutti voi!

  6. Carmelo
    Carmelo at | | Reply

    BUONA PASCUA FRATELI!!
    VISTO CHE IN POLITICA ORAMAI CI SONO CANI PORCI
    ( PIU’ PORCHE) A PROSIMME ELEZZIONE AVERE DECISO DI ANDARE ANCHIO, CAZO!!

    1. Vito
      Vito at | | Reply

      Eccolo qui. E’ arrivato lo zingaro

  7. Vito
    Vito at | | Reply

    Carmelo Casamonica

  8. Vilma
    Vilma at | | Reply

    Ho avuto un colloquio telefonico con la Dembech, la quale era in colloquio medianico con Rol, il quale era in colloquio diretto con la Blavatsky, la quale era in colloquio diretto con Gurdjieff, il quale era in colloquio medianico con
    Battiato, il quale era in colloquio via internet con la Dembech e tutti questi maestri hanno riferito lo stesso identico messaggio:

    Vito può andare a prendersela nel culo.

    1. Vilma
      Vilma at | | Reply

    2. Vilma
      Vilma at | | Reply

      Hai ragione: l’unico personaggio, lo stesso identico personaggio come spiego bene nel video ha un nome : Lucio

      1. Vito
        Vito at | | Reply

        No coglionazza, è Lucy Fer non ho sesso e non ho casa perchè abito in Hot-hell.

  9. Vito
    Vito at | | Reply

    Altro che coglionazza. Questa e’ furba come i diavolo ! Lucio = Lucifero

  10. Vito
    Vito at | | Reply

    Lucy è una studentessa che vive a Taiwan. Si trova costretta a consegnare una valigetta dal contenuto misterioso a un criminale coreano, Mr. Jang. Costui, una volta verificato ciò che gli è stato portato, sequestra la ragazza. Le fa inserire nel corpo uno dei pacchetti ricevuti che contiene una sostanza di cui dovrebbe essere la passiva trasportatrice. Non sarà così perché il pacchetto si rompe e il prodotto chimico viene assorbito dal suo corpo il quale progressivamente sviluppa una capacità di conoscenza e di potere inimmaginabili per chi non sia, come il professor Norman, un neuro ricercatore.
    Che Luc Besson ami mettere al centro di molte sue opere personaggi femminili coinvolti in esperienze che ne mutano profondamente la vita è testimoniato dalla sua filmografia. Sappiamo quanto sono lontane tra loro, nel tempo e nell’azione, Nikita e la Aung San Suu Kyi di The Lady ma al contempo vicine per capacità di resistenza, di forza d’animo, di sguardo verso possibili mutamenti che i maschi faticano a sostenere. Lucy si aggiunge a loro in un film che si struttura come un puzzle narrativo e visivo di cui si può cogliere la reale sostanza solo se se ne sanno pazientemente ricomporre i pezzi e si rinuncia a ricorrere agli stereotipi valutativi, che da sempre vengono applicati al cinema di Besson, per guardare più in profondità. Perché l’assunto iniziale è legato alle neuro scienze e ci ricorda che il nostro cervello ha sviluppato solo una piccolissima parte delle sue potenzialità rispetto all’homo sapiens (non dimentichiamo che Lucy è il nome che è stato dato alla prima donna di cui l’antropoarcheologia abbia conoscenza). Cosa accadrebbe se si passasse progressivamente dalla potenza all’atto, se i neuroni attivi aumentassero percentualmente? È questa la domanda iniziale su cui si innesta l’azione di una supereroina suo malgrado (come tanti personaggi Marvel) che combatte contro il Male impersonato da un cattivissimo Choi Min Sik (molti lo ricorderanno in Oldboy e in Lady Vendetta). Qui ci si possono attendere le già citate facili banalizzazioni su un Besson incapace di resistere alla tentazione fumettistico-adrenalinica (vedi la corsa in auto nel centro di Parigi e non solo). Se si guarda però più nel profondo ci si può accorgere che il più americano dei registi francesi mentre sembra servire al grande pubblico un mix di SuperQuark e di Science fiction in realtà sta esponendo una sorta di trattato sul Tao. Chiunque abbia confidenza con i principi di questa filosofia potrà ritrovarli utilizzati a marcare le tappe del percorso della protagonista. “Vuota la tua mente di tutti i pensieri; lascia che il tuo cuore trovi la pace. Studia la complessità del mondo, ma contemplane il ritorno. Il ritorno alla sorgente è la serenità. Se non realizzi la fonte finirai con il confonderti e il dispiacerti. Quando comprenderai da dove provieni, diventerai naturalmente tollerante, comprensivo, multiforme”. Questo si legge nel Daodejing ed è quanto si scorge in controluce in Lucy. Besson, interpellato in materia, non conferma ma neanche smentisce.

  11. Vito
    Vito at | | Reply

    Lucy Fer= Lucy Fergusson

  12. Giovanopoulos
    Giovanopoulos at | | Reply

    Buona Pasqua a Leonardo e a tutti gli intrepidi combattenti del Movimento Libertario!!

Please comment with your real name using good manners.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *