Informazioni sui cookie

DA GOOGLE AD AMAZON, LA VOGLIA DI PIU’ TASSE DELL’EUROPA

DI GIOVANNI BIRINDELLI

“La Ue prepara la web tax, stop ai vantaggi per Google e Amazon”. Solita storia: i soldi degli altri li vanno a prendere dove ce ne sono di più. E questa maggiore estorsione la giustificano con l’obiettivo di eliminare “ingiusti vantaggi” o privilegi.

1. Chiamare “vantaggio” un livello proporzionalmente minore di coercizione è già di per sé curioso: un po’ come se uno stupratore che avesse sequestrato dieci ragazze e ne stuprasse una meno delle altre, dicesse che quest’ultima gode di un ingiusto “vantaggio”, e quindi decidesse che, per ragioni di “uguaglianza”, essa deve essere stuprata di più;

2. Pensare che “chi ha o guadagna di più debba pagare più tasse” sia compatibile con l’uguaglianza davanti alla Legge intesa come limite non arbitrario a ogni potere coercitivo (e quindi con l’idea di legge strutturalmente incompatibile con ogni forma di totalitarismo), è irrazionale. Infatti uguaglianza imposta di situazione materiale e uguaglianza davanti alla Legge si escludono logicamente a vicenda (dato che siamo tutti diversi sotto infiniti aspetti, a partire dalle nostre preferenze, priorità e capacità, se venissimo trattati in modo uguale finiremmo necessariamente in posizioni economiche diverse; l’unico modo per farci finire in posizioni economiche meno diverse è quello di trattarci in modo diverso);

3. Non serve essere psichiatri per capire che ritenere che l’estorsione in generale, e quella progressivamente crescente in particolare, possa contribuire alla prosperità di lungo periodo e alla sua diffusione, è clinicamente folle;

4. I “vantaggi”, intesi come privilegi (cioè come particolari esenzioni di qualcuno rispetto a regole a cui sono sottoposti tutti gli altri), sono quelli dello stato, non di Google, Amazon ecc.: se Google o Amazon facessero quello che fa lo stato quando tassa, i loro responsabili verrebbero arrestati dallo stato stesso per estorsione.

Article written by

4 Responses

  1. Pedante
    Pedante at | | Reply

    C’è da dire che Google non è esattamente un paladino della libertà.
    https://www.filosofiaelogos.it/News/GOOGLE-Concepito-finanziato-e-diretto-dalla-CIA.html

  2. Margherita
    Margherita at | | Reply

    Fate SCHIFO……..papponi.

    1. christian
      christian at | | Reply

      Grazie. Detto da un socialista/collettivista è un grande complimento.
      Se un minus habens come te ci facesse i complimenti allora staremmo sbagliando veramente tutto.
      Poi Google/Amazon (od altre socità) non devono essere paladine della libertà ed la questine dei legami CIA-Google sono una questione diversa (che magari potrebbe essere interessante approfondire anche su questo sito in un argomento dedicato alla privacy/libertà sul web).

  3. Alessandro Colla
    Alessandro Colla at | | Reply

    A meno che l’interrlocutrice non si riferisca ai tassatori nel suo disgusto e nel suo insulto. Anche perché noi possiamo essere contrari a un provvedimento ma non siamo i diretti interessati, almento sul piano dell’offerta. Sempre che con “Margherita” non ci si riferisca alla “creatura” di Francesco Rutelli. Che a forza di spetalarsi nel “m’ama, non m’ama” (riferito al Partito Democratico) è rimasta solo con il gambo. Appassito anche quello, per nostra fortuna.

Please comment with your real name using good manners.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *