Informazioni sui cookie

4 Responses

  1. […] Tutti i soldi in busta paga […]

  2. Renzo Riva
    Renzo Riva at | | Reply

    Queste di oggi di Giorgio erano i temi di alcune assemblee che ho tenuto nelle aziende del gruppo PITTINI di Osoppo nell’anno 1988 quando ero un sindacalista della fiom-cgil.
    Purtroppo il tempo è trascorso invano.
    Grazie comunque e sempre all’amico Giorgio Fidenato.

  3. Roberto Fedeli
    Roberto Fedeli at | | Reply

    Oggi ho scoperto a mie spese che se un datore non versa le tasse al fisco, diventi te responsabile dei versamenti mancanti. In pratica anno 2009/2010 reddito lordo non percepito 24mila circa il fisco ora mi ha mandato prima un avviso di pagamento che ho contestato inutilmente, ora mi è arrivata direttamente la cartella equitalia 5mila e rotti neuri da pagare entro 60gg. Sono andato dall’avvocato e qui ho capito che se avessi fatto il ricorso avrei perso e quindi altri soldi che non ho in più. A questo punto è meglio farsi dare direttamente tutti i soldi in busta come da battaglia di Giorgio e regolare i conti con il fisco direttamente. Il bello che anche quelli dell’uff. delle entrate dove sono andato a parlare di questa cosa , si certo fai ricorso è una bella cifra, ma il bello è che sono stati loro ad attivare questa cosa sanno che è profondamente ingiusta che non ci sono leggi al riguardo che tutelino il danneggiato. A premetto che all’epoca avevo denunciato sia alle entrate che alla finanza la mancanza del cud, nella dichiarazione dei redditi ho specificato che pur non avendo ricevuto questi documenti ho fatto fare il calcolo il più preciso possibile. Cornuto e mazziato….

  4. Anna Maria Castoldi
    Anna Maria Castoldi at | | Reply

    Anch’io sono d’accordo che gli stipendi dovrebbero essere pagati al lordo. Saremmo tutti più informati e forse anche più contenti. Si fanno i confronti con gli stipendi pagati negli altri stati Europei e risulta che i nostri sono i più bassi. Ma non è vero, se si legge una busta paga si vede. Considero una mancanza di rispetto verso le persone il fatto che il datore di lavoro deve trattenere sullo stipendio del dipendente le tasse, i contributi statali e regionali, la sanità ecc… Solo uno stato come il nostro, che disprezza i cittadini, continua a perpretare questo sistema che è stato inventato dai sabaudi che hanno sempre premiato gli aristocratici e i ricchi e disprezzato il popolo. Da allora , visto che aristocratici e riccastri , oggi si professano democratici, le cose si guarda bene dal cambiarle.

Please comment with your real name using good manners.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *