In Anti & Politica, Economia, Primo Piano, Varie

DI REDAZIONE

Sabato 10 settembre, ad Arzignano (Vi), il Movimento Libertario, scenderà in piazza per sostenere l’iniziativa “zo le man dale inprese venete”, organizzata da “Veneto Stato”, il gruppo politico che chiede l’autodeterminazione della propria regione.

Sarà Giorgio Fidenato, l’imprenditore che da due anni dà tutti i soldi in busta paga ai suoi dipendenti, a spiegare le ragioni di chi produce, contro quelle di chi vive del frutto del lavoro altrui. “Parte la rivolta fiscale in Veneto”, ha dichiarato Lodovico Pizzati, il segretario di “Veneto Stato”, che “lancia la Sfida allo stato italiano”.

Riportiamo l’intervista a Pizzati apparsa sulla testa “VicenzaPiù”.

«Il momento è di una gravità impressionante – afferma – e il partito che vuole l’indipendenza del Veneto con un percorso legale e democratico. “Il nostro sistema produttivo è sotto attacco coordinato da parte del governo mafioso e degli organi di informazione di regime”, dicono i leader di Veneto Stato da Venezia.

In una dura presa di posizione, Veneto Stato afferma, a proposito della manovra finanziaria del governo, che “non contenti di aver derubato i nostri soldi a man bassa, ora i predoni di stato vengono a dirci che è colpa delle nostre imprese che a loro avviso non pagherebbero abbastanza tasse. Noi invece siamo schierati a difesa dei coraggiosi imprenditori veneti, che cercano di far sopravvivere le loro aziende al peggior inferno fiscale del mondo e dei tartassati lavoratori veneti che cercano di integrare i loro salari lavorando 10-12 ore al giorno per cercare di tirare avanti la carretta nel 179° stato al mondo su 180 per crescita economica decennale”.

Veneto Stato con toni durissimi reagisce pertanto alla campagna di disinformazione in atto in questi giorni contro il sistema produttivo veneto.

Il segretario di Veneto Stato Lodovico Pizzati ha dichiarato: “questa diffamazione del lavoro veneto è vergognosa! Erigeremo un monumento all’evasore! Lo faremo in occasione della manifestazione di solidarietà alle imprese e ai lavoratori veneti, ingiustamente attaccati e bollati come evasori, che si terrà sabato 10 settembre ad Arzignano a partire dalle ore 17.30. Abbiamo scelto Arzignano, perché proprio contro le concerie venete sono in atto una disinformazione e un attacco vergognosi, degni di un governo che controlla praticamente tutti gli organi di informazione”!

“È inaccettabile – continua Pizzati – che chi tiene in piedi questo stato fallito venga messo alla gogna ogni giorno, con falsità e disinformazione degne del peggiore regime dittatoriale. Noi veneti siamo stufi di continuare a pagare e ad essere spremuti come calze bagnate da uno stato che non ci merita: per tale ragione abbiamo deciso di dare il via da subito alla rivoluzione di velluto che porterà all’indipendenza del Veneto”.

Lodovico Pizzati annuncia quindi l’invito a attuare da subito una forma estrema e determinata di resistenza fiscale: “non pagheremo più le tasse all’Italia, che ha dimostrato ampiamente di non meritarsele. Sabato 10 settembre ad Arzignano spiegheremo come avverrà la nostra rivolta fiscale, siamo pronti e determinati a dare la battaglia estrema contro questa masnada di incapaci e ladri di politicanti italiani, gente che viene qui ad offenderci dopo che vive a sbafo senza far nulla grazie al furto dei soldi dei veneti. E’ venuto il momento. Basta lagne, basta imbrogli e false promesse. E’ venuto il momento inevitabile di difendersi dicendo “NO!” “.

È un fiume in piena Pizzati: “hanno oltrepassato ogni forma di decenza, assecondarli significa reggere loro il sacco mentre ci rubano in casa e dare loro i nostri soldi equivale a dare soldi a un drogato che continuerà a spenderli per spararsi droga in vena. È un preciso dovere di ogni veneto per bene mettere fine al furto dei nostri soldi e difendere il nostro sistema sociale, culturale economico e produttivo”.

E Come? “L’unico modo è: con un Veneto Stato indipendente”!».

Il Movimento Libertario sarà presente (oltre a Fidenato sarà ad Arzignano anche Leonardo Facco) e invita tutte le persone di buona volontà a non mancare. E’ iniziata la riscossa di chi ne ha le scatole di tirare la carretta e di essere trattato come un delinquente!

Post suggeriti
Mostrati 23 commenti
  • p
    Rispondi

    qua in Italia la demagogia politicante si spreca come si vede anche in questo post….dove ci si gira ci si gira …e si trova un politicante mistificatore, con un codazzo di creduloni che gli crede…per non parlare poi della favoletta liberista vecchia almeno 300 anni, che più volte si è rivelata FALLIMENTARE !

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Tutto sommato, lei è davvero divertente. Le barzellette le racconta benissimo.

    • domenico
      Rispondi

      Per il momento la storia mi pare faccia vedere solo fallimenti socialisti.

    • Borderline Keroro
      Rispondi

      Pronto a sentire una ricetta migliore.
      Spero che sarai così gentile da darmela, e bada bene, non sono assolutamente ironico.
      Ci si ragiona sopra apertamente, ovvero con la mente aperta.

      Qui c’è effettivamente un codazzo di idioti, e quanto ad idiozia io sono un grande, che sono un po’ stanchini di essere presi per il culo, essere espoliati dei propri guadagni e trattati come dei ladri.
      Idioti in quanto fino ad ora ci siamo lasciati sodomizzare da certa gentaglia. Ringraziando pure per la cortesia.
      Spero di essermi spiegato.

  • marzio
    Rispondi

    come voi tanti altri italiani sono stanchi , non solo quelli del veneto, credo che tutti ma proprio tutti
    dovrebbero protestare per un paese che sempre piu’ affonda in una mediocrita’ esclusiva
    della politica italiana

  • _Salvatore
    Rispondi

    Ad Arzignano? …io ci sarò!

  • gianfranco
    Rispondi

    Ci sarò anch’io, assieme ad un bel numero di creduloni! Viva il Veneto Indipendente!

  • Pietro
    Rispondi

    Ad Arzignano ci sarò. Concordo con ogni singola parola di quanto scritto.

  • Carmelo Miragliotta (genteproduttiva)
    Rispondi

    A parte la manutenzione delle vie di comunicazione e la sanità (che senza furti, sperperi e tangenti costerebbero la metà o, più probabilmente, meno della metà) per tutto il resto i soldi del gettito fiscale (estorsioni a chi lavora) sono come buttati in una buca senza fondo: una mangiatoia per parassiti.
    TASSE e IMPOSTE (affiancate sempre più da multe, ammende e sanzioni che “danno meno nell’occhio” ) non sono, non saranno, la soluzione del debito pubblico e/o del deficit statale ma l’AGGRAVIO DEL PROBLEMA. Più soldi verranno estorti e sottratti al sistema produttivo, più imprese verranno messe in difficoltà, più posti di lavoro verranno cancellati, MENO SOLDI RESTERANNO NELLE TASCHE DELLE FAMIGLIE da spendere per campare..
    Ma questi POLITICANTI, BUROCRATI E CONSIGLIORI con riescono nemmeno a capire le cose più elementari !!!

    • Maciknight
      Rispondi

      Sono solo dei predatori neurodeficitari e quindi privi di capacità prospettiche, analitiche ed interpretative, sono solo interessati al saccheggio ed alla conservazione dei loro privilegi ed impunità. Ma non durerà ancora a lungo

  • Maximus
    Rispondi

    Come al solito sono i giornalisti mentecatti di RADIO 24 , la radio di Confindustria , che si sta distinguendo nella operazione di denigrazione del popolo veneto : mandano da giorni un servizio che dura almeno 20 minuti e che si conclude dicendo che il distretto delle pelli di Solofra , nel sud , è riuscito a superare la crisi con l’ innovazione.

    Capito Veneti ? Oltre ad essere evasori siete anche incapaci !

    Chissà come mai la Guardia di Finanza , da quelle parti si fa vedere poco .

    Pagare in nero gli straordinari è sacrosanto , altrimenti , col sistema delle aliquote , nella busta paga del lavoratore non rimarrebbe niente del suo surplus lavorativo.

    Non sono sicuro di poter venire ad Arzignano ma penso che ci sarò .

    • Maximus
      Rispondi

      Solofra è in Provincia di Avellino , la terra di Ciriaco De Mita : da quelle parti si che sanno lavorare !

  • Pietro
    Rispondi

    Io personalmente ho gestito, quale Amministratore delegato, un’azienda con 20 dipendenti. Quando c’era bisogno di straordinari i lavoratori di un reparto mandavano in direzione i rappresentanti sindacali a chiarire che lo straordinario avrebbe dovuto essere versato fuori busta altrimenti……niente straordinari! Lo stesso dicasi per il nero. I nostri clienti del Sud chiarivano da subito che avrebbero acquistato solo in nero, altrimenti si sarebbero dovuti rivolgere alla concorrenza. Secondo le menti eccelse della G.d.F. avrei dovuto chiudere l’azienda e mandare a casa tutti gli operari? Perchè i controlli fiscali non vengono svolti al Sud? La situazione è uguale su TUTTO il territorio italiano quindi esigiamo che i controlli dell G.d.F. vengano svolti su TUTTO il territorio italiano con la stessa solerzia ed intensità. In questo caso prevedo una guerra civile…….

    • Maximus
      Rispondi

      Citazione : ” Perchè i controlli fiscali non vengono svolti al Sud? ”

      Perchè , a mio parere , al sud sono meno idioti che al nord.

      Non pensano solo a lavorare ma fanno in modo di proteggere i frutti del loro lavoro , legale o illegale che esso sia.

  • Roberto Porcù
    Rispondi

    Allora, ci si vede ad Arzignano. Io avevo intenzione di ordinare il pacchetto dei libri e sto pensando: “non è che te ne carichi in macchina ed io ed altri possiamo acquistarli direttamente senza bonifici ?”

    • Leonardo Facco
      Rispondi

      Ci vediamo là allora. Per il pacchetto, mandami una mail il giorno prima però perfavore. Grazie Roberto

  • Massimo74
    Rispondi

    @Maximus

    Ma fammi il piacere,quei cialtroni dei tuoi referenti politici hanno introdotto lo stato di polizia fiscale con il fisco che ti viene a spiare nei conti correnti e con la delazione fiscale attraverso la pubblicazione delle dichiarazioni dei redditi online(quando lo fece visco la lega e il pdl gridarono allo scandalo).Tutte cose che ancora una volta colpiranno solo il nord dove c’è già oggi un tasso di evasione minimo che serve solo a non far soccombere migliaia di piccole e medie imprese che finirebbero inevitabilmente fuori mercato con ripercussioni gravissime sotto il piano occupazionale(vedi esempio della conceria vicentina),mentre al sud si continuerà a evadere tranquillamente come si è fatto fino ad oggi perchè lì è risaputo che non c’è la volontà politica di perseguire il problema e lo stato chiude spesso un occhio(se non entrambi).Ma quando lo capirai che la lega non’è la salvezza per il nord,ma rappresenta invece una delle sue maggiori sciagure?

    • Maximus
      Rispondi

      Guarda che nel mio post non ho citato la Lega Nord : ho detto solo che al Sud sanno tutelare il frutto del loro lavoro. Punto.
      Se il Nord non riesce a fare lo stesso , conferma la mia convinzione sulla idiozia di quelle genti.
      Lega o non Lega .

      Se la Lega Nord non funziona , bisogna sforzarsi di crearne una migliore oppure semplicemente , fare come i terroni che hanno la loro economia sommersa e nessuno osa rompergli i coglioni , dato che i finanzieri ne conoscono le reazioni.

      Il opolo veneto è per ora troppo intossicato dal lavoro per reagire : se ascolti il programma di RADIO24 che cito nel mio precedente post , a un certo punto un sindacalista dice che da loro la cultura delle 40 ore non ha mai attecchito perchè se un operaio fa ” solo ” 40 ore , la moglie gli dice ” Tutto qui ? ” e lui si sente un fannullone.

      A questo tipo di padani io dico sempre le stesse cose , dovete applicare LA TETRADE PADANA : dovete lavorare , pregare , pagare le tasse e soprattutto ….. NON ROMPERE I COGLIONI con continue lamentele al bar e nei programmi radiofonici.

      Dato che non trovate tempo per fare attività politica ma siete sempre pronti a lavorare come muli , perchè è più facile , ANDATE A FARVI FOTTERE !

  • Maximus
    Rispondi

    Non dimentichiamoci inoltre di quel capolavoro della cinematografia italiota , COSE DELL’ALTRO MONDO , che è stato presentato proprio ieri al Festival del Cinema di Venezia , altra istituzione che Roma cerca di fottere al popolo veneto.

    Un Diego Abatantuono che non prova nemmeno a farsi doppiare da qualcuno che parli veneto veramente , dato che lui è un pugliese immilanesato , potagonista di un film nato solamente per radicare negli italioti il concetto che i veneti sono solo degli evasori fiscali e puttanieri.

    • Dario
      Rispondi

      “radicare negli italioti il concetto che i veneti sono solo degli evasori fiscali e puttanieri”

      Questo concetto e questa nomea ve li siet e tirati addosso da soli. Non fate inutile vittimismo e assumetevi le responsabilità della vostra mentalità.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca