In Economia, Libertarismo

DOMANI SERA, ALLE 21.00, GIORGIO FIDENATO SARA’ OSPITE DEL PROGRAMMA DI DARIA BIGNARDI, LE INVASIONI BARBARICHE”, SU “LA 7”.

IL TEMA DELLA SERATA… LE NOSTRE AMATE TASSE!

BUONA VISIONE!

Recent Posts
Showing 19 comments
  • Lorenzo
    Rispondi

    Imperdibile!
    Spero che il video venga anche caricato su Youtube.

  • marcoper
    Rispondi

    OTTIMO!!! Giorgio siam con te!

  • Rispondi

    Penso sia arrivato il momento di dire, apertamente, che, con queste aliquote fiscali e costi obbligatori, evadere è una necessità senza cui la maggior parte delle aziende avrebbero già chiuso. E siccome ho la convinzione che tiri una bruttissima aria da STATO da polizia tributaria, nei prossimi mesi sarà una strage. a meno di una ribellione fisica, di massa !!!!!!!!

  • FrancescoPD
    Rispondi

    …evvai, bruciali tutti!! …gli argomenti non ti mancano…

  • Antonino Trunfio
    Rispondi

    e vaiiiiiiii !! Giorgio
    siamo tutti con te, Antonino

  • luca
    Rispondi
  • fabrizio
    Rispondi

    Giorgio,
    se parli con gente che non ha mai letto Rothbard,Mises,Francesco Carbone ti possono considerare solo un pazzo.
    Ha ragione Carmelo Miragliotta:sarà una strage e la ribellione fisica partirà dai libertari.

  • FrancescoPD
    Rispondi

    Caro Giorgio
    ieri sera con la presenza della clack monocolore si è ben visto che con la campagna mediatica hanno rimesso unito (mandato all’ammasso) le menti del popolo bue. Purtroppo i parassiti (del quale ne avevi un chiaro esempio proprio di fronte) ce ne sono troppi e di “produtivi veri” ce ne sono pochi ed in assoluta minoranza.
    Neanche difronte all’evidenza (Preatoni da tanti anni … e notizia di qualche giorno fa, Benetton con tutte le attività delocalibilizzabili ha definitivamente salutato l’Italia) i parassiti si rendono conto che la misura è stata superata da molto tempo e siamo in un periodo di inevitabile catastrofico e …fra poco sanguinoso declino.
    La supponenza dei parassiti di Stato, come quella mostrata da quell’individuo sarà quella che ci porterà velocemente a tirare una riga su tutto.
    Avanti così, sono sempre più convinto che l’unica strada è quella nostra di divulgare i nostri semplici concetti di libertà sempre a testa alta e consapevoli che è una battaglia di civiltà PER TUTTI.
    I parassiti di Stato invece come abbiamo ben visto in questi giorni per i casi Lega nord per il caso Tanzania, e PD/margherita per i casi Penati e l’altro che si comprava le ville a spese del contributo dei partiti pagato dal popolo bue,.. si è ben visto che la campagna immonda contro l’evasione è niente altro che ad esclusivo servizio di questi boiardi di Stato.
    Continuino pure a fare i supponenti, il giorno che il popolo bue si risveglierà vedrai che i sorrisini sotto i baffi non li faranno più.
    Ciao

  • Michele Biasi
    Rispondi

    Giorgio, le faccio i miei complimenti anche se come ho avuto modo di notare non la hanno fatta parlare su polizia legge e tribunali e mi è dispiaciuto. Certamente non avrebbe convinto quella sala ma sicuramente qualcuno che ascoltava in tv si sarebbe per lo meno incuriosito e sarebbe venuto qui a dare un occhiata.
    Continui così.

  • Al
    Rispondi

    Che cagata di trasmissione.

  • Antonino Trunfio
    Rispondi

    come da copione, Giorgio !!!
    in queste trasmissioni lo scopo è prestabilito : dimostrare o confermare una tesi. E tu ovviamente sei come tutti noi contro quella che non è una tesi ma una MINCHIATA : le tasse di qua, i servizi di la, è giusto così, è sbagliato costì !!! Ma si sa che la Bignarda, mette in mostra la bernarda, e quel figuro abominevole che da dove sia sbucato fuori non si sa, era la comparsa della serata. Sghignazzava perchè dicendo MINICHIATE, sarebbe passato a fine show, dal retro bottega a ritirare il cestino coi salumi e la frutta secca (avanzi di natale di La7 per i coglioni come lui). Mi spiace che ad arte, ti abbiano lasciato parlare solo una volta per non più credo di tre minuti. La televisione si dimostra un terreno minato per i libertari, non foss’altro perchè ti trovi di fronte degli emeriti imbecilli e neurolesi come la Bignarda (a chi la do la mia bernarda !!). Il Preatoni (c’è qualcuno coi maroni ?), non sapevo chi fosse prima di ieri sera. Ho gradito quello che ha detto in ordine alla creazione della ricchezza, considerandola la logica conseguenza di un paese allo sfacelo come l’Italia. Quello che mi ha lasciato basito è sentirgli invocare l’agevolazione del credito, l’ìmmissione di liquidità nel sistema, e tutto sommato che l’inflazione è il minore dei mali. Ma questo dimostra anche cosa sia la classe imprenditoriale di questo nostro paese, anche se è andata via di qui. AMEN.

    • Fidenato Giorgio
      Rispondi

      Ero li che volevo redarguire anche Preatoni su questo argomento, ma non è stato possibile!!!

  • macioz
    Rispondi

    Queste trasmissioni sono solo agguati, sono progettate unicamente per mettere in ridicolo gli ospiti e le tesi non gradite. Partecipando si fa solo il loro gioco.
    Preatoni è l’ennesima dimostrazione che si può essere imprenditori di successo senza capire una fava di economia.
    La cosa divertente è stata quando ha detto che in Italia non resta perchè fanno affari solo quelli agevolati dal potere pubblico, cosa che lui non farebbe mai.
    Come se usufruire della moneta fasulla creata dal sistema pubblico stato-banche, e da lui invocata, non fosse la stessa cosa.

  • Angelo Versienti
    Rispondi

    Hanno gioco facile gli statalisti, per loro gli applausi erano già pronti, un pò più difficile per Fidenato il compito di affermare principi di libertà individuale in un paese come il nostro.
    Le tasse fanno arrivare le autoambulanze, certo…….. ma allora se non voglio pagare le tasse lasciatemi a terra mi arrangerò in qualche modo ma non mi portate via la casa.

  • Fidenato Giorgio
    Rispondi

    Non sono stato per niente contento della mia comparsata. Tanto che con Leo abbiamo deciso che non andremo più a questo tipo di trasmissioni, nel senso che se ci vogliono o ci danno adeguato tempo per ribattere o non se ne parla proprio. Non succederà più, mai più partecipazioni così. O ci danno adeguato spazio o stiamo a casa!!! D’ora in poi concorderemo la nostra presenza e se non si saranno le condizioni minime, non si parteciperà!!!

    • Lorenzo
      Rispondi

      E magari anche qualche libertario tra il pubblico..

  • Antonino Trunfio
    Rispondi

    ciao Giorgio. Intanto in TV hanno sentito del movimento libertario qualche milionata di persone. E qualcuno di sicuro, qualche migliaio capiranno anche cosa non ti hanno lasciato dire.
    Io sto predisponendo una specie di libello con sintetiche prove e controprove alle classiche e ormai scontate minchiate di parassiti e affini, come quelle di quel paraculo che sembravo venuto già dal pianeta Papalla.
    Appena lo finisco te lo giro, il libello

  • Sav
    Rispondi

    anche io sono dell’avviso che sia meglio concordare bene gli spazi e i tempi prima di accettare
    questo tipo di inviti. Purtroppo molte posizioni libertarie, anche se logiche e razionali, possono apparire estreme ed inaccettabili per un pubblico, tirato su a pane e statalismo, che le ascolta per la prima volta. Mentre invece, avendo a disposizione il tempo adeguato per controbattere e fornire spiegazioni, le stesse tesi potrebbero apparire tuttaltro che campate in aria, ma anzi, logiche e condivisibili anche per una parte del pubblico suddetto. Infatti, visti i tempi ignobili del programma, il Robecchi ha avuto gioco facile, mettendo in campo tutto un arsenale di espressioni facciali e battutine idiote, a far passare Giorgio Fidenato per un utopista che sogna un mondo fuori dalla realtà, in cui se ti investono resti a morire per strada senza uno straccio di ambulanza a soccorrerti. Io che conosco il movimento libertario ho provato sincera rabbia e, naturalmente, avevo una risposta pronta per tutte le stupide obiezioni di Robecchi, ma purtroppo credo che la reazione della gran parte del pubblico a casa non credo sia stata molto diversa da quella del pubblico in studio che applaudiva ad ogni “brillante” battuta del giornalista.
    Ovviamente vorrei tanto sbagliarmi…

  • Dexter
    Rispondi

    Ma quel signore non ha mai sentito parlare di assicurazioni sanitarie ? L’ambulanza e le cure mediche si possono pagare con l’assicurazione, così come i medici. In questo modo uno paga per un servizio che sceglie e di cui usufruisce realmente, invece di approfittare della rapina delle tasse per vedersi imposto un servizio in regime di monopolio pubblico con un medico che non si conosce e in cui non si ha fiducia.

    Comunque avevo immaginato che finisse così, ed anche quell’imprenditore era partito bene ma poi ha parlato di inflazione e liquidità….
    La cosa che mi da più fastidio è che quel giornalista e molti altri, pensano che la crisi sia causata dagli evasori. Ha detto circa così: “con 120 miliardi in più questo sarebbe un altro paese”…..ha ragione, ma in peggio ! Perché se i soldi invece di essere nelle tasche degli italiani fossero nelle casse dello stato, allora saremo tutti più poveri ! Un euro speso da un privato produce ricchezza, un ero speso dallo stato viene sprecato per il 90% !
    Inoltre bisogna ricordare a quello statolatra che il suo amato stato deve circa 90 MILIARDI agli imprenditori italiani cazzo ! Lavori fatti e mai pagati, è lo stato il ladro, ed anche ipocrita.

    Vale sempre la frase di Friedman: “se l’Italia si regge ancora è grazie al mercato nero ed all’evasione fiscale che sono in grado di sottrarre ricchezze alla macchina parassitaria ed improduttiva dello Stato per indirizzarle verso attività produttive”.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search