In Anti & Politica

mais btDI REDAZIONE

La multinazionale americana Monsanto getta la spugna: si rifiuta di continuare ad attendere il via libera della Commissione europea rispetto alla coltivazione di tre Ogm che hanno gia’ ricevuto un parere scientifico positivo dall’Autorita’ europea per la sicurezza alimentare (Efsa). Ma per le quali l’esito finale e’ tutt’altro che scontato, vista la crescente ostilita’ verso il cibo transgenico della maggioranza della societa’ europea e un crescente numero di Paesi – ormai nove con l’Italia – che vogliono far valere la clausola di salvaguardia contro le coltivazioni di Ogm sul loro territorio.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Un ”groviglio giuridico ”, come lo ha definito Frederic Vincente, portavoce del commissario europeo alla salute, responsabile del dossier, Tonio Borg, ”difficile da districare ” e davanti al quale Monsanto ha maturato la sua rinuncia. Per l’Italia, che lo scorso 12 luglio ha varato un decreto ‘ad hoc ‘ contro la coltivazione degli Ogm, il ministro per le Politiche agricole e alimentari, Nunzia De Girolamo, ha spiegato: ”Noi abbiamo preso una decisione seria da questo punto di vista, e’ il mercato che ci chiede questo oltre agli agricoltori e i cittadini italiani che in qualsiasi angolo sono contenti della decisione interministeriale presa ”.

La decisione di Monsanto ”ha anche una dimensione piu’ politica ” – sottolinea Bruxelles – che dovrebbe spingere i governi europei a uscire dall’impasse e sbloccare la situazione. Basti pensare che, prima della rinuncia di Monsanto (per i mais Mon 88017 e NK 603 e per la soia 40-3-2), erano gia’ otto le richieste di autorizzazioni a coltivare Ogm che attendevano la decisione della Commissione, avendo tutte ottenuto il parere scientifico positivo dell’Efsa, mentre una multinazionale ha gia’ attaccato Bruxelles alla Corte di giustizia dell’Ue.

”La soluzione c’e’ ed e’ a portata di mano ”, dice all’Ansa il direttore generale per la politica della salute alla Commissione europea, Paola Testori Coggi, ricordando che dal 2010 sul tavolo del Consiglio Ue c’e’ ”una proposta di regolamento che permette agli Stati membri di scegliere se vogliono coltivare o meno Ogm sul loro territorio ”. Le motivazioni per cui gli Stati possono decidere di non coltivarli ”non riguardano i problemi legati a fattori di rischio – in quanto il rischio e’ valutato dall’Efsa – ma sono motivazione di politica ambientale, utilizzo del terreno, pianificazioni del tipo di coltivazione (ad esempio la protezione di colture biologiche o tradizionali) e non ultimo l’impatto sociale ed economico ”. Una soluzione – aggiunge – che permetterebbe ”di far uscire da una situazione di illegalita’ gli Stati membri come la Francia, ma ora anche l’Italia, che hanno introdotto o stanno introducendo clausole di salvaguardia basate sul rischio ”.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Testori Coggi lancia quindi un appello agli Stati che vogliono essere liberi di scegliere sugli Ogm, ”affinche’ facciano anch’essi pressione sui partner europei per riunire una maggioranza di Paesi Ue a favore della proposta ”. Una maggioranza che potra’ essere pero’ trovata solo superando le resistenze di almeno uno dei grandi Stati membri che ancora si oppongo: Regno Unito, Germania e Francia.

P.S. Pubblico questo articolo per sbatterlo in faccia ai NAZI-COMUNISTI che hanno sempre sostenuto che Fidenato (e il sottoscritto) fossero finanziati dalla Monsanto. Magari fosse stato così, non ci avremmo rimesso del nostro per portare avanti una battaglia che abbiamo vinto (da soli contro tutto e tutti). Ora, quei parassiti, quella feccia dell’umanità, quei subumani biologici che hanno infangato con le loro illazioni sia il sottoscritto che Giorgio, risponderanno per tutte le bugie che hanno detto e che ancora stanno dicendo sulla vicenda Ogm. Goebbels al loro confronto era un seminarista per bene. Non a caso Hitler era un ambientalista ed un animalista indefesso!!! (Leonardo Facco)

Recent Posts
Showing 29 comments
  • Mauro Gargaglione
    Rispondi

    Poco meno di trent’anni fa, gli italioti decisero che questo paese di pulcinella fosse territorio denuclearizzato.

    Nonostante il buon senso secondo il quale avremmo avuto tutti i rischi del nucleare, essendo circondati da nazioni che lo utilizzano, e nessun vantaggio dell’energia a costo più basso, le capre utilizzarono la matita e la scheda referendaria come Tafazzi la bottiglia.

    L’OGM è il nucleare delle nuove generazioni, stesse obiezioni, stesse ottusità, stesse idiozie e stessi interessi nascosti (chiediamoci a chi giova che l’Italia paghi l’energia in modo spropositato). Leo, Giorgio, fatevene una ragione.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      30 anni fa dovevo andare all’estero effettivamente.

    • firmato winston diaz
      Rispondi

      E l’hanno confermato 3 anni fa, con maggioranza assoluta anche contando i non votanti.
      Io pero’ comincerei a chiedermi come mai tanta ostilita’ verso la tecnica e la modernita’: secondo me sotto c’e’ un sentimento che e’ uguale identico a quello che anima questo sito: la paura della perdita dell’autonomia e dell’indipendenza, e sono tanti, e chiari, ed esplicitamente dichiarati, i sintomi (magari sbagliati) da cui lo si evince.
      Percio’ dargli dei nazicomunisti forse non e’ strategicamente molto accorto, diciamo.

      • al
        Rispondi

        Questo è un commento che da solo basta a nobilitare un blog. Fossero tutti così non saremmo in questo cul de sac.

  • Giorgio Fidenato
    Rispondi

    La soluzione non sta in quello che ha detto la Testori Coggi, ma sta nell’applicare il diritto europeo e nell’azione della Commissione nel farlo rispettare. La Commissione deve fare il lavoro per la quale è stata istituita, cioè il guardiano del diritto europeo e se i paesi membri non lo rispettano se li porta avanti alla Corte di Giustiuzia. Non si lasciano i privati cittadini, come il sottoscritto e il ML, a vedersela contro gli stati membri.

    • firmato winston diaz
      Rispondi

      domanda, cosa ci fa la francia qui:

      ”Testori Coggi lancia quindi un appello agli Stati che vogliono essere liberi di scegliere sugli Ogm, affinche’ facciano anch’essi pressione sui partner europei per riunire una maggioranza di Paesi Ue a favore della proposta ”. Una maggioranza che potra’ essere pero’ trovata solo superando le resistenze di almeno uno dei grandi Stati membri che ancora si oppongo: Regno Unito, Germania e Francia

      se sopra c’e’ scritto cosi’:

      Una soluzione – aggiunge – che permetterebbe ”di far uscire da una situazione di illegalita’ gli Stati membri come la Francia, ma ora anche l’Italia, che hanno introdotto o stanno introducendo clausole di salvaguardia basate sul rischio

      Non e’ che la francia sta, non solo sul piano economico, infischiandosene a suo vantaggio di tutte le prescrizioni UE, e la UE fa finta di non accorgersene, perche’ altrimenti l’unione salta dalla sera stessa? Quelli si son messi d’accordo coi tedeschi per spartirsi il malloppo, mi pare abbastanza trasparente a questo punto. Ad esempio leggevo da qualche parte che in francia le banche stampano occultamente la valuta che gli serve senza problemi (e con cui comprano le nostre aziende all canna del gas).

      • firmato winston diaz
        Rispondi

        Altra domanda, esiste una mappa della diffusione della piralide?

    • Stefano Nobile
      Rispondi

      alla commissione non frega nulla. Secondo me è appena il caso di togliersi dai piedi e lasciare che gli idioti crepino di fame. Ecologicamente ça va sans dire.

      • leonardofaccoeditore
        Rispondi

        concordo, ci vediamo all’estero!

  • firmato winston diaz
    Rispondi

    cosa ci sara’ di vero qua dentro, considerati i mille complottismi che girano ? :

    http://www.capiredavverolacrisi.com/la-francia-stampa-euro-per-gli-altri-lausterity/

  • eridanio
    Rispondi

    vous devez lire les journaux français pour une plus large vue sur le sujet. Ne vous attendez pas à trouver des différences entre des gouvernements chauvins
    http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/agroalimentaire-biens-de-consommation-luxe/20130718trib000776371/ogm-monsanto-lache-l-europe.html

    L’europa è un manicomio e in certi posti i Napoleoni abbondano.
    La monsanto fa un gesto di realismo in attesa di altre condizioni
    Ma il Mon 810 dovrebbe rimanere disponibile a quanto pare.

    • firmato winston diaz
      Rispondi

      Manicomio per manicomio, a questo punto facciamo un referendum per obbligare la Francia a chiudere i suoi 67 reattori nucleari. Sono un terribile pericolo per tutta l’europa.

  • FrancescoPD
    Rispondi

    ..per non parlare delle bombe nucleari custodire nella base pluto di vicenza…
    ma fuori dalla base c’erano i cartelli comune denuclearizzato.

    • firmato winston diaz
      Rispondi

      Beh albert e francesco, vi pare che non abbiano protestato contro gli amerikani… ma perche’ contro i francesi no? ci hanno messo le centrali, e magari quelle piu’ instabili, le superfhenix autofertilizzanti, al confine! (anche se ora il superfhenix e’ stato chiuso) E contro gli svizzeri? E gli sloveni? In fin dei conti noi, per non inquinare anche loro, ci tagliamo le gambe energeticamente. Facciamoci dare un contributo!
      Scherzi a parte, mi sa che ormai e’ piu’ proficuo lavorare in questo senso che nell’altro…

      • FrancescoPD
        Rispondi

        appunto e che senso ha avuto bloccare il nucleare in Italia?? non ti sembra che sia stata una decisione del tutto miope alla tafazzi??.
        ogni cosa ha il suo rischio, anche farti l’antibiotico ha il suo rischio, rinunci a prenderlo?

  • Lorenzo s.
    Rispondi

    No, Testori Coggi, a scegliere cosa coltivare dev’essere l’agricoltore, non lo stato. Non siamo in Unione Sovietica.

    • Liberty Defined
      Rispondi

      ci siamo molto vicini però :-)

  • firmato winston diaz
    Rispondi

    “è che da noi è una certezza quello che all’estero è un rischio altissimo: la corruzione”

    Pero’ anche questo non e’ un bel pensare: in realta’ in questo modo se anche ci fosse stato qualche giovane studente di ingegneria o fisica entusiasta e volenteroso (e c’era) cosi’ lo abbiamo fatto scappare o iscriversi a scienze politiche.
    Dovevamo avere piu’ fiducia nei nostri migliori, io da questo punto di vista continuo ad averne, c’e’ un sacco di gente in gamba eccome, non credo che tutta la merda sia da noi e tutto la crema all'”estero”, tutt’altro. E’ che noi magari chiamiamo casta e corruzione cio’ di cui gli altri paesi sono orgogliosi oppure nascondono sotto il tappeto, puntando anche loro il dito sui nostri difetti.
    Loro in fin dei conti i cazzi loro se li fanno eccome, colonizzano, spadroneggiano, sopravvaricano.

    • firmato winston diaz
      Rispondi

      (Ho tolto i www. da aggiungere, senno’ va in moderazione)

      In proposito anni fa ascoltai una bella conferenza di Chicco Testa (non prendetelo per il culo per i suoi trascorsi, il laureato in filosofia chicco testa, ex capointesta di legambiente, verdi e compagnia bella, dopo essere stato per meriti partitici presidente dell’enel e aver visto come funzionano davvero le cose, e’ stato come fulminato sulla via di damasco, e dimostra di essere una persona intelligente e corretta, che muta le sue opinioni in evidenza dei fatti).

      Vediamo se la trovo, ecco forse e’ questa, io ho l’mp3 salvato:
      radioradicale.it/scheda/298391/il-pianeta-e-blu-non-verde-un-approccio-pragmatico-alle-politiche-ambientali

      In questa conferenza (se e’ questa) diceva che quando era presidente dell’enel non ha mai visto infiltrazioni mafiose e nepotistiche nei progetti ad alta intensita’ tecnologica, le infiltrazioni di tal genere si hanno nei progetti dove al massimo si movimenta terra, cemento, e immondizia (tipo le energie rinnovabili, per dire).
      Forse ha ragione, in italia abbiamo (avevamo) fior di impiantistica industriale di prim’ordine, solo che la gente non lo sa, l’informazione, che guarda il mondo con lenti foderate di merda, gli mostra solo la merda. Io ho dei carissimi amici che di mestiere smantellano grossi impianti industriali per poi svenderli a pezzi e a prezzo della materia prima, negli ultimi decenni abbiamo smantellato, per deficit di competitivita’ CHE DIPENDE ANCHE DALLA VALUTA TROPPO FORTE, montagne di impianti chimici di prim’ordine perfettamente funzionanti. (fra cui le tre centrali nucleari appena entrate in produzione, con raddoppiamento dei costi e senza nessun utile operativo)

      A proposito dei radicali, da cui e’ tratta la conferenza, avete visto dove porta il radicalismo? All’irrilevanza piu’ assoluta, e alla sconfitta delle proprie idee. Il partito radicale, forse il partito piu’ libertario d’europa, con le sue stupide pagliacciate e i suoi estremismi irrealistici, alla fine si ritrova, dopo 60 anni di massima visibilita’ e azione, col paese piu’ illiberale e illibertario d’europa.

      E se non bastano i radicali, guardate ai “successi” del vaticano: dopo aver promosso la politica piu’ restrittiva in senso di limitazione delle nascite del mondo, si trova alla fine nel paese col minimo numero di figli per donna della storia dell’uomo sulla terra. Un successo, dal loro punto di vista, no?
      Io non dico confrontarsi coi radicali il cui unico scopo alla fine era dar massima visibilita’ all’immenso narcisismo ed egomania del suo leader (cosa che accade spesso nei movimenti politici), ma credete di essere piu’ bravi della chiesa e dei preti?

      Di chicco testa e’ molto interessante anche questa:
      brunoleonimedia.it/public/Audio/MP3/08052013_PolicyBreakfast_ChiccoTesta.mp3

    • firmato winston diaz
      Rispondi

      la risposta era piu’ per fabio, in certi toni ;)

  • Gertrude Dorsey
    Rispondi

    Va notato comunque che, anche se attualmente non ci sono colture OGM in Italia (se non a livello sperimentale), non significa che sia un Paese “OGM free”. Infatti la gran parte dei mangimi utilizzati negli allevamenti italiani (esclusi gli allevamenti biologici ) è prodotta a partire da soia e mais geneticamente modificati importati da Stati Uniti , Canada e America Latina . L’Italia infatti produce solo l’8% della soia di cui necessita.

  • Fabio
    Rispondi

    Ma lo sapete che abbiamo, con le fonti energetiche rinnovabili, più energia prodotta del necessario, a tal punto che l’Enel la scarica a terra!?
    E lo fa perché deve mantenere i contratti d’importazione energetica da un lato e, dall’altro, per non dover abbassare fatturato e quindi PIL del paese!

    • firmato winston diaz
      Rispondi

      In proposito anni fa ascoltai una bella conferenza di Chicco Testa (non prendetelo per il culo per i suoi trascorsi, il laureato in filosofia chicco testa, ex capointesta di legambiente, verdi e compagnia bella, dopo essere stato per meriti partitici presidente dell’enel e aver visto come funzionano davvero le cose, e’ stato come fulminato sulla via di damasco, e dimostra di essere una persona intelligente e corretta, che muta le sue opinioni in evidenza dei fatti).

      Vediamo se la trovo, ecco forse e’ questa, io ho l’mp3 salvato:
      http://www.radioradicale.it/scheda/298391/il-pianeta-e-blu-non-verde-un-approccio-pragmatico-alle-politiche-ambientali

      In questa conferenza (se e’ questa) diceva che quando era presidente dell’enel non ha mai visto infiltrazioni mafiose e nepotistiche nei progetti ad alta intensita’ tecnologica, le infiltrazioni di tal genere si hanno nei progetti dove al massimo si movimenta terra, cemento, e immondizia (tipo le energie rinnovabili, per dire).
      Forse ha ragione, in italia abbiamo (avevamo) fior di impiantistica industriale di prim’ordine, solo che la gente non lo sa, l’informazione, che guarda il mondo con lenti foderate di merda, gli mostra solo la merda. Io ho dei carissimi amici che di mestiere smantellano grossi impianti industriali per poi svenderli a pezzi e a prezzo della materia prima, negli ultimi decenni abbiamo smantellato, per deficit di competitivita’ CHE DIPENDE ANCHE DALLA VALUTA TROPPO FORTE, montagne di impianti chimici di prim’ordine perfettamente funzionanti. (fra cui le tre centrali nucleari appena entrate in produzione, con raddoppiamento dei costi e senza nessun utile operativo)

      A proposito dei radicali, da cui e’ tratta la conferenza, avete visto dove porta il radicalismo? All’irrilevanza piu’ assoluta, e alla sconfitta delle proprie idee. Il partito radicale, forse il partito piu’ libertario d’europa, con le sue stupide pagliacciate e i suoi estremismi irrealistici, alla fine si ritrova, dopo 60 anni di massima visibilita’ e azione, col paese piu’ illiberale e illibertario d’europa.

      E se non bastano i radicali, guardate ai “successi” del vaticano: dopo aver promosso la politica piu’ restrittiva in senso di limitazione delle nascite del mondo, si trova alla fine nel paese col minimo numero di figli per donna della storia dell’uomo sulla terra. Un successo, dal loro punto di vista, no?
      Io non dico confrontarsi coi radicali il cui unico scopo alla fine era dar massima visibilita’ all’immenso narcisismo ed egomania del suo leader (cosa che accade spesso nei movimenti politici), ma credete di essere piu’ bravi della chiesa e dei preti?

      Di chicco testa e’ molto interessante anche questa:
      http://www.brunoleonimedia.it/public/Audio/MP3/08052013_PolicyBreakfast_ChiccoTesta.mp3

  • Christian
    Rispondi

    Quindi se metto una presa in terra nel giardino posso avere elettricità gratis?

  • Louise
    Rispondi

    Vittoria!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Liberty Defined
      Rispondi

      Ah Ah Ah!

  • giorgio
    Rispondi

    purtroppo non sara’ cosi’ , monsanto continuera’ ad avvelenare con la sua spazzatura ogm l’europa , una multinazionale cosi’ senza scrupoli dove prima della salute pone il profitto ,con tutte le pecore italiane che chiaramente si riempiono il portafogli per propagandare gli OGM ….

    • Liberty Defined
      Rispondi

      Ah ah ah

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search