In Ambientalismo, Anti & Politica, Scienza e Tecnologia

fide15LETTI PER VOI

«Nè il Governo nazionale nè quello regionale rispettano le norme della Ue». A dichiararlo a Vivaro, nel corso di una manifestazione pro-Ogm organizzata da Futuragra, sono il presidente dell’associazione Duilio Campagnolo e Giorgio Fidenato, leader di Agricoltori federati, e protagonista della prima semina transgenica avvenuta in Italia, sempre a Vivaro lo scorso anno (rispetto alla quale oggi avrebbe dovuto concludersi con una sentenza il procedimento penale avviato dalla procura di Pordenone nei confronti di Fidenato, rinviato alla prossima settimana a causa dello sciopero degli avvocati), e della replica pochi mesi fa dopo il via libera della Ue.

«Siamo all’oscurantismo del Medioevo, poichè Regione Friuli Venezia Giulia e Governo italiano non rispettano la normativa e le sentenze dell’Unione Europea e non permettono alla ricerca italiana di restare al passo con quella internazionale», ha dichiarato Campagnolo, presidente di Futuragra, l’associazione di agricoltori favorevoli all’introduzione degli Ogm, che ha dato vita alla dimostrazione pratica, sul campo, della validità delle colture geneticamente modificate, oltre a un approfondimento scientifico con esperti del settore.

«Siamo al paradosso – ancora Campagnolo -: siamo costretti a importare Ogm in quanto non siamo autonomi nel quantitativo necessario di mais da utilizzare in zootecnia, ma non abbiamo l’autorizzazione a utilizzare gli stessi semi disponibili all’estero e che generano un prodotto che, una volta giunto nel nostro Paese, è perfettamente legale».

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

«Combatteremo questo neo-oscuratismo – ha aggiunto Fidenato – che sta investendo la Regione Fvg, pronta a varare una legge liberticida che siamo pronti a contrastare in ogni sede. Il presidente della Regione, Debora Serracchiani, ex deputato europeo – rincara l’agricoltore -, si riempie la bocca di europeismo, ma alla prima occasione dà dimostrazione del contrario». «È una vergogna – ha proseguito Fidenato – che quando la Ue ha dato parere favorevole alla coltivazione di mais transgenico, la presidente abbia fatto di tutto per metterci i bastoni tra le ruote».

TRATTO DA: http://messaggeroveneto.gelocal.it

Recommended Posts
Showing 3 comments
  • Raoul
    Rispondi

    Da anni lo dico che L’ITAGLIA democraticamente non si salva più. E’ talmente
    Marcia che nessuna cura potrà fermarla dal cadere nei miasmi mortali di
    Qualche fogna.

  • al
    Rispondi

    Tantopiù che come avete dimostrato con quella meravigliosa fattura scannerizzata, la Coldiretti vende tranquillamente le stesse sementi per le quali a voi han fatto un casino e nessuno le rompe i coglioni.

  • Rosa
    Rispondi

    51-Favola dedicata a Vandana Shiva

    Nell’anno duemiaduecentoventdue , si erano delineate definitivamente sulla terra due gruppi di società multinazionali, che si facevano vicendevolmente guerra.
    I governi democratici delle nazioni erano scomparsi,
    Innumerevoli gruppi di umani per proteggersi da quelle società vivevano nascosti da oltre un secolo in vallate e regioni impervie .
    Mantenendo intatte agricolture biodinamiche conservando una vastissima biodiversità, nonostante il proibizionismo imposto.
    La guerra,iniziata nel secolo precedente, perdurava per contendersi le monocolture e i semi OGM non ancora sterili e nocivi alla salute umana e degli animali .
    Molti alberi da frutto erano scomparsi a causa della totale estinzione di api e altri insetti impollinatori. Una multinazionale aveva brevettato impollinatori sintetici, produzione imperante su tutta l’Europa all’inizio del secolo, fino a che, una società concorrente, per imporre il suo prodotto, aveva infettato il nucleo dell’organismo. Le conseguenze erano state disastrose.
    Le popolazioni che vivevano in questo contesto si nutrivano acquistando i prodotti imposti dalle molteplici catene di macromercati, vere città dentro le metropoli. Convinte, dalle pubblicità che le società avessero a cuore il loro benessere.
    Il motto era: lavoro-consumo ( più consumo più io lavoro più io lavoro più consumo) una catena di montaggio continua.
    I terreni agricoli continuavano a divenire più aridi e improduttivi. Sempre più spesso le produzioni intensive davano raccolti insufficienti.
    Le città lungo le coste dei continenti erano state abbandonate a causa dell’innalzamento degli oceani e molte isole e intere regioni erano scomparse.
    In compenso nei mari si erano create vastissime zone di allevamenti ittici tenuti sotto controllo delle società.
    Quell’anno la guerra che avveniva con l’aiuto delle banche, (fino ad allora era stata di distruzioni finanziarie mediante il web, ) Inizio a coinvolgere sempre più l’economia produttiva agricola e come per il danno della impollinazione , anche sementi di cereali e leguminose , così pure animali da allevamento venivano infettati da geni o nuclei di DNA difettosi.
    Si verificò così una carestia spaventosa. Gli uomini che vivevano con i prodotti naturali spesso soccorrevano le città vicine ma erano subito aggrediti dai sistemi mediatici tutti plagiati.
    I centri commerciali dei macromecati si svuotavano rapidamente.
    Fu allora che una ribellione internazionale iniziò a distruggere il sistema o quel che ne rimaneva e i sopravvissuti compresero che l’unica salvezza era chiedere aiuto alle popolazioni che si erano nascoste e avevano mantenuto in vita la biodiversità .

    Racconto maggio 2012

    Secondo te Vandana è oscurantista ?
    Per me e il massimo del liberalismo
    Oscurantisti. Sono coloro che mirano esclusivamente al proprio profitto
    A proposito fatti pagare bene !

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search