In Economia

DI LUDWIG VON MISES

L’espansione impoverisce. Ma ancora più disastrosi sono i danni morali. Essa rende la gente scoraggiata ed abbattuta. Quanto più ottimista nella prosperità illusoria dell’espansione, tanto maggiore diventa poi la disperazione e il senso di delusione.

L’individuo è sempre disposto ad attribuire la buona fortuna alla sua personale efficienza e a prenderla come una ricompensa ben meritata al suo talento e alla sua probità.

Ma addossa sempre agli altri i rovesci della fortuna, bersagliando particolarmente l’assurdità delle istituzioni politiche e sociali. Non biasima le autorità per aver favorito l’espansione. Le ingiuria per la conseguente rovina.

In un boom, quando le cose vanno bene, tutti sembrano stare bene; sembra che tutte le cose che ci capitano sono frutto del nostro lavoro.

Poi, all’improvviso, quando le cose sembrano andare male, diamo le colpe agli altri senza ricordare a noi stessi che ogni azione in economia ha un prezzo e non esistono pasti gratuiti.

Articoli recenti
Mostrati 3 commenti
  • Fidenato Giorgio
    Rispondi

    Parole di una verità assoluta!!!

    Mises era un profeta. Profondo conoscitore delle leggi economiche e dell’animo umano.

    GRANDE LUDWIG VON MISES!!!!!

  • Fabio
    Rispondi

    ben detto

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Buonsenso.
    Cosa sconosciuta alla gran parte degli economisti contemporanei di Mises.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca