Informazioni sui cookie

Chi siamo

Il Movimento libertario è un soggetto politico che ha come scopo quello di ridurre lo Stato ai suoi minimi termini, al fine di dare spazio alla libera interazione fra individui, o comunità consensuali di individui, che sul mercato cercano soddisfazione dei propri bisogni.
Il Movimento Libertario si contraddistingue per tre tipi di azione:

1-Diffusione culturale. Continuando quanto già fatto negli ultimi dieci anni, il Movimento Libertario dovrà sempre essere il motore della diffusione della cultura libertaria, ovvero del liberismo in economia (laissez faire) e del liberalismo più coerente in politica. Convegni, incontri, dibattiti e altro sono parte della nostra attività. Il motto è: Ciascuno è libero di fare ciò che ritiene per sé giusto, senza aggredire nessuno e senza aggredire i diritti di proprietà altrui;

2-Azione politica. Il Movimento Libertario è un soggetto politico che potrà decidere di partecipare alle competizioni politiche (a diversi livelli), al fine di far sentire la propria voce e diffondere le proprie idee. Insomma, usare la politica per diffondere cultura libertaria e far prendere coscienza alle persone di buona volontà che lo Stato è una finzione che obbliga a vivere tutti alle spalle di tutti gli altri.

3-Movimentismo. E’ la caratteristica peculiare che sta iscritta nel nostro nome, nel nostro dna. Il Movimento Libertario scenderà per le strade e inviterà la società civile a riconquistare i propri diritti naturali alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità. Ci batteremo contro il fisco, contro la burocrazia, contro la voracità e il parassitismo statale. Il Movimento Libertario vuole coagulare attorno a sé una massa critica di soggetti produttori e affrontare, pacificamente, ma senza timori, i gabellieri e i satrapi che ci stanno riducendo in schiavitù, vivendo alle nostre spalle.

Né di destra, né di sinistra, né di centro. Semplicemente liberi e meglio!

Leonardo Facco

229 Responses

  1. Gianfranco
    Gianfranco at | | Reply

    ciao sono d’accordo con te,cosa devo fare per aderire?ciao

    1. Arsem
      Arsem at | | Reply

      acquistare da noi dei semi di mais ogm e piantarlo. Come dire, così sarai promosso sul campo!

      1. Brus
        Brus at | | Reply

        semi di mais ogm ? e che centra, avete scritto scritto senza aggredire, rispettare gli altri ect… perche ovete imporre per motivi eonomici il mais ogm ? non e che pe i soldi siete isposti a tutto ?
        non e mica che i privati si devono sostituire allo stato, altrimenti si,o punto d acapo

        1. Vito
          Vito at | | Reply

          George Soros finanzia anche il Libertarian Party degli U.S.A ed il ML italiano

          1. Luciano
            Luciano at |

            Anche i radicali sono finanzati da Soros.

          2. leonardofaccoeditore
            leonardofaccoeditore at |

            SUCCHIA PARASSITA DI MERDA

          3. Luciano
            Luciano at |

            PUTIN finanzia la Lega Nord ed il FN di Le Pen.
            Per me, ma non solo, hai le idee estremamente confuse.

          4. Vito
            Vito at |

            Leggo su Le Monde del 25 aprile, a pagina 15, che la Russia ha sostenuto Le Pen e Fillon “contro la mondializzazione americana”, rappresentata da Emmanuel Macron. Putin che sostiene la destra moderata-clericale di Fillon e quella estrema neo-fascio della Le Pen! Anche Mèlenchon, sinistra, veniva giudicato in modo favorevole. Ma c’è di più, il quotidiano riferisce anche di un prestito alla Le Pen del 2014 di 9 milioni euro da una banca russa. Le Monde è un giornale cosiddetto serio, se l’hanno scritto sarà vero. 9 milioni di euro ! un prestito (come farà a restituirlo?) o piuttosto un “aiutino”? in cambio di che cosa?

          5. Vito
            Vito at |

            Per rispondere a Nomaphi123 che ha scritto : “Se andate sul mio utente “Nomaphi123″, trovate le assurde censure di Wikipedia. Radio Courtoisie. Avevo inserito questa radio francese di destra ed ora l’hanno proposta per la cancellazione perchè dicono manchino dati di base..” Raciste déclaré, le président de Radio Courtoisie, Henry de Lesquen, est prié de démissionner Candidat à la présidentielle de 2017, M. de Lesquen défend le négationnisme et lutte contre « la musique nègre ». « Ça devient plus extrême que le FN », s’inquiète un responsable d’émission. Le patron de Radio Courtoisie jugé pour injure raciale et contestation de crime contre l’humanité

        2. Vito
          Vito at | | Reply

          George Soros. Questo losco personaggio che passa per filantropo non è altro che un multimiliardario di origini ungheresi che finanzia anche l’immigrazione illegale http://www.breitbart.com/jerusalem/2017/01/28/george-soros-financed-groups-scheme-stop-trumps-temporary-refugee-halt-order/

          1. Vito
            Vito at |

            TEL AVIV — Immigration lawyers from groups financed by billionaire George Soros, a champion of open border policies, were signatories to a lawsuit filed Saturday to block President Donald Trump’s executive order halting visas for 90 days for “immigrants and non-immigrants” from Syria, Somalia, Sudan, Libya, Yemen, Iran, and Iraq.

            The executive order further suspended the entry of all refugees for 120 days, indefinitely blocks Syrian refugees from entering and lowers the ceiling to 50,000 for refugees allowed to enter the U.S. during Fiscal Year 2017 .

            The New York Times first reported on the lawsuit:

            At least one case quickly prompted a legal challenge as lawyers representing two Iraqi refugees held at Kennedy International Airport in New York filed a motion early Saturday seeking to have their clients released. They also filed a motion for class certification, in an effort to represent all refugees and other immigrants who they said were being unlawfully detained at ports of entry.

            The suit was filed by lawyers from the International Refugee Assistance Project, the National Immigration Law Center, the Jerome N. Frank Legal Services Organization at Yale Law School, the American Civil Liberties Union (ACLU), and the International Refugee Assistance Project (formerly Iraqi Refugee Assistance Project) at the Urban Justice Center.

            The ACLU is massively funded by Soros’s Open Society Foundations, including with a $50 million grant in 2014.

            The National Immigration Law Center has received numerous Open Society grants earmarked for general support.

            The Urban Justice Center is also the recipient of an Open Society grant.

            Taryn Higashi, executive director of the Center’s International Refugee Assistance Project, which is listed on the Trump lawsuit, currently serves on the Advisory Board of the International Migration Initiative of Soros’s Open Society Foundations.

            Over the last decade, Soros has reportedly provided some $76 million for immigrant issues.

            In 2014, the New York Times credited “immigrant rights groups” financed by Soros and a handful of other donors for influencing President Obama’s immigration policy.

            The newspaper reported:

            When President Obama announces major changes to the nation’s immigration enforcement system as early as next week, his decision will partly be a result of a yearslong campaign of pressure by immigrant rights groups, which have grown from a cluster of lobbying organizations into a national force.

            A vital part of that expansion has involved money: major donations from some of the nation’s wealthiest liberal foundations, including the Ford Foundation, the Carnegie Corporation of New York, the Open Society Foundations of the financier George Soros, and the Atlantic Philanthropies. Over the past decade those donors have invested more than $300 million in immigrant organizations, including many fighting for a pathway to citizenship for immigrants here illegally.

            In August, Breitbart Jerusalem first reported hacked documents from Soros’s Open Society Institute boasted that the billionaire and his foundation helped to successfully press the Obama administration into increasing to 100,000 the total number of refugees taken in by the U.S. annually.

            The documents revealed that the billionaire personally sent President Obama a letter on the issue of accepting refugees.

            Aaron Klein is Breitbart’s Jerusalem bureau chief and senior investigative reporter. He is a New York Times bestselling author and hosts the popular weekend talk radio program, “Aaron Klein Investigative Radio.” Follow him on Twitter @AaronKleinShow. Follow him on Facebook.

            With research by Brenda J. Elliott.TEL AVIV — Immigration lawyers from groups financed by billionaire George Soros, a champion of open border policies, were signatories to a lawsuit filed Saturday to block President Donald Trump’s executive order halting visas for 90 days for “immigrants and non-immigrants” from Syria, Somalia, Sudan, Libya, Yemen, Iran, and Iraq.

            The executive order further suspended the entry of all refugees for 120 days, indefinitely blocks Syrian refugees from entering and lowers the ceiling to 50,000 for refugees allowed to enter the U.S. during Fiscal Year 2017 .

            The New York Times first reported on the lawsuit:

            At least one case quickly prompted a legal challenge as lawyers representing two Iraqi refugees held at Kennedy International Airport in New York filed a motion early Saturday seeking to have their clients released. They also filed a motion for class certification, in an effort to represent all refugees and other immigrants who they said were being unlawfully detained at ports of entry.

            The suit was filed by lawyers from the International Refugee Assistance Project, the National Immigration Law Center, the Jerome N. Frank Legal Services Organization at Yale Law School, the American Civil Liberties Union (ACLU), and the International Refugee Assistance Project (formerly Iraqi Refugee Assistance Project) at the Urban Justice Center.

            The ACLU is massively funded by Soros’s Open Society Foundations, including with a $50 million grant in 2014.

            The National Immigration Law Center has received numerous Open Society grants earmarked for general support.

            The Urban Justice Center is also the recipient of an Open Society grant.

            Taryn Higashi, executive director of the Center’s International Refugee Assistance Project, which is listed on the Trump lawsuit, currently serves on the Advisory Board of the International Migration Initiative of Soros’s Open Society Foundations.

            Over the last decade, Soros has reportedly provided some $76 million for immigrant issues.

            In 2014, the New York Times credited “immigrant rights groups” financed by Soros and a handful of other donors for influencing President Obama’s immigration policy.

            The newspaper reported:

            When President Obama announces major changes to the nation’s immigration enforcement system as early as next week, his decision will partly be a result of a yearslong campaign of pressure by immigrant rights groups, which have grown from a cluster of lobbying organizations into a national force.

            A vital part of that expansion has involved money: major donations from some of the nation’s wealthiest liberal foundations, including the Ford Foundation, the Carnegie Corporation of New York, the Open Society Foundations of the financier George Soros, and the Atlantic Philanthropies. Over the past decade those donors have invested more than $300 million in immigrant organizations, including many fighting for a pathway to citizenship for immigrants here illegally.

            In August, Breitbart Jerusalem first reported hacked documents from Soros’s Open Society Institute boasted that the billionaire and his foundation helped to successfully press the Obama administration into increasing to 100,000 the total number of refugees taken in by the U.S. annually.

            The documents revealed that the billionaire personally sent President Obama a letter on the issue of accepting refugees.

            Aaron Klein is Breitbart’s Jerusalem bureau chief and senior investigative reporter. He is a New York Times bestselling author and hosts the popular weekend talk radio program, “Aaron Klein Investigative Radio.” Follow him on Twitter @AaronKleinShow. Follow him on Facebook.

            With research by Brenda J. Elliott.

        3. Vito
          Vito at | | Reply

          GEORGE SOROS A CRIMINAL PHILANTHROPIST -Financed Groups Scheme to Stop Trump’s Temporary Refugee Halt Order http://www.breitbart.com/jerusalem/2017/01/28/george-soros-financed-groups-scheme-stop-trumps-temporary-refugee-halt-order/

      2. Vito
        Vito at | | Reply

        I radicali regalano con la tessera antiproibizionista un seme di maria (cannabis), mentre i libertari regalano semi di mais OGM. Povera Italia !

        1. Vito
          Vito at | | Reply

          Insieme , i radicali ed i libertari, del resto sono sponsorizzati e finanziati dal noto filantropo criminale George Soros che a sua volta finanzia la multinazionale Monsanto per l’OGM e finanzia anche le campagne per la legalizzazione della maria , a cominciare dall’Uruguay. Infatti, Il miliardario speculatore finanziario George Soros,‭ ‬di origine ungherese,‭ ‬è inoltre molto interessato all’esperienza uruguaiana di legalizzazione della marijuana.‭ ‬Una fondazione,‭ ‬gestita da Soros,‭ ‬ha finanziato una campagna per la legalizzazione della marijuana in Uruguay , Soros è anche uno dei principali azionisti della multinazionale Monsanto in Uruguay che vende semi di grano e di mais modificati geneticamente. In questo campo il paese è ancora una volta un laboratorio che sarà esportato in tutto il mondo,‭ ‬se funziona come business ($) . E poi è anche un noto finanziatore dei Democratici U.S.A.

          1. Vito
            Vito at |

            E Questo losco personaggio che passa per filantropo non è altro che un multimiliardario George Soros finanzia anche i Radicali (sono note le sue frequentazioni in particolare con Emma Bonino , il Gruppo Bilderberg e la Massoneria) . In Grecia abbiamo le storiche ambiguità di Tsipras‭ (‬ad esempio,‭ ‬le sue frequentazioni con George Soros.Corre persino in rete e non solo in rete
            la voce che il famigerato George Soros sia il finanziatore occulto dei cosiddetti black block e dei vari centri sociali . Anche Amnesty International (detta AMNESY) è solo una delle tante organizzazioni finanziate direttamente dal noto filantropo George Soros.
            http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=90&id=65688

          2. Mario
            Mario at |
          3. Mario
            Mario at |

            ★ Monsento assassina! Secondo le conclusioni del Tribunale Monsanto internazionale, la società statunitense specializzata in biotecnologia agricola è stata riconosciuta colpevole di condotta dannosa per molti diritti umani. La Monsanto è stata accusata di crimini contro l’umanità e ecocidio, compresa l’immissione di guasto LED di prodotti tossici che hanno causato la morte di migliaia di persone, come i policlorobifenili (PCP), il glifosato o 2,4 , 5-trichl

      3. Luciano
        Luciano at | | Reply

        MA CHE DIRE ? EBBENE…

        Forse aveva ragione Churchill quando affermava che “per puro caso l’uomo inciamperà nella verità ma il più delle volte s’alzerà e continuerà per la sua strada”. Pochi si stupiscono di quello che sta succedendo oggi:

        • Le nostre libertà cadono giorno dopo giorno in nome della sicurezza; moltissima gente sta perdendo la propria casa ed i mezzi di sostentamento.
        • In paesi come la Grecia il 50% delle famiglie non riesce a sfamare i figli, alcuni genitori danno via i propri figli perché non hanno di che nutrirli. L’Italia è la penultima potenza industriale prima della Grecia…
        • L’“Austerità” è diventata l’imposizione del capitalismo estremo ai poveri e il dono del socialismo ai ricchi.
        • Abbiamo partiti politici che fanno finta di essere in competizione, quando ormai anche le pietre sanno che dietro le quinte sono tutti manovrati dallo stesso potere, il che appare evidente prendendo atto che non esiste discontinuità; l’ordine del giorno è sempre lo stesso e non conta chi sia ufficialmente al governo.
        • Prendiamo in prestito dai banchieri denaro che non esiste e che dobbiamo restituire con gli interessi. Lo scopo di uno Stato dovrebbe essere quello di emettere moneta non quello di toglierla al popolo per darla ai banchieri.
        • Abbiamo alimenti geneticamente modificati che di conseguenza stanno modificando geneticamente i nostri organismi, ma le persone non sembrano molto interessate a implicazioni e conseguenze.
        • Abbiamo medici convinti di operare la guarigione dei malati con vaccini coltivati in tessuti di feti umani abortiti (GlaxoSmithKline, Sanofi, Merck) e con livelli di mercurio 25.000 superiori al limite EPA per l’acqua (ricerche Natural News Forensic Food Lab)
        • Numeri incredibili di piccoli agricoltori si stanno suicidando a seguito della distruzione finanziaria delle loro imprese cadute in mano a multinazionali come la Monsanto. Uno dei motivi principali è dato dalle sementi ‘terminator’, utilizzabili per una unica coltivazione, le quali costringono gli agricoltori a svenarsi per comprare ad ogni semina nuove sementi. Tutto questo presto arriverà presto anche da noi, con la sentenza C 36/11 della Corte Europea è ormai permessa la coltivazione Ogm anche da noi.
        • Giorno e notte volano a bassa quota nel nostro paese ed in tutti i paesi NATO aerei senza livrea di identificazione che disseminano sali di bario e alluminio (chemtrails) rendendo il cielo lattiginoso, facendo impazzire il clima e rovinando raccolti e coltivazioni non Ogm (guarda caso gli Ogm resistono benissimo). “La guerra ambientale non è più solo una ipotesi: è già in atto” a dirlo è stato il Generale d’Armata dell’Esercito Italiano F. Mini che ha tenuto diverse conferenze sulle armi geoclimatiche.
        • Stanno sostituendo il lavoro della gente con la tecnologia e quindi moltissima gente andrà a crepare di fame.
        • In USA hanno costruito più di 800 campi di concentramento FEMA dei quali in Europa non si parla affatto (https://www.youtube.com/watch?v=EUHiIYVdW3s)
        • I nostri governanti hanno firmato un tratto (Velsen) con cui istituiscono una gendarmeria europea con poteri illimitati sulla quale nessun tribunale ha giurisdizione (art. 29 Trat. Velsen), creata apposta contro eventuali manifestazioni popolari e rivolte.
        • Viviamo in un paese dove tutto è privato e lo chiamiamo “Repubblica”, dove la politica è l’arte del dire tutto e il contrario di tutto senza provare un minimo sentimento di vergogna, dove i politici vengono pagati profumatamente per il loro servizio di contraffazione della verità.
        • Abbiamo stampa e media che sono strumenti di manipolazione planetaria dell’opinione pubblica e che stanno diffondendo i semi per una Terza Guerra Mondiale.
        • Abbiamo un sistema scolastico che si presta a raccontare ai ragazzi ciò che viene dettato da un sistema folle e ignorante, non importa quanto imperfette e mendaci siano le nozioni che insegnano. Gli studenti si conformano alle aspettative dei docenti, ed i docenti che si conformano ad insegnare nozioni propagandistiche create per distogliere dalla comprensione di ciò che sta accadendo.
        • Crediamo che molte cose esistano per venire in nostro aiuto, come i “Social Network”. In realtà la rete viene usata dalle elite come arma organizzativa d’elezione, allo stesso modo in cui il piccolo ma disciplinato partito rivoluzionario era l’arma d’elezione dei comunisti.

        Siamo diventati quasi indifferenti a cose che 30 / 40 anni fa ci avrebbero fatto inorridire: sono state poco a poco banalizzate e quasi non ci disturbano più. Se non ci stupiamo più vuol che ci stiamo adattando e “conformando” ad una società profondamente anormale, che siamo pronti ad accettare condizioni di vita ancora più decadenti.

      4. Vito
        Vito at | | Reply

        Esatto ! Sono d’accordo con quasi tutto e provo conforto di sapere che qualcuno condivide il mio sentire.
        Non sono d’accordo sugli OGM. Non è sufficiente l’etichetta OGM per sentenziarne la pericolosità. Perché tutta l’Umanità è OGM rispetto il padre e la madre che l’ha generata.

        Inoltre, anch’io sono d’accordo sul complotto globale ma credo che si sbriciolerà in maniera autonoma perché cerca di creare un “sistema” in opposizione alla Creazione. Una barzelletta!!!!!!

    2. Luciano
      Luciano at | | Reply

      Non perdete tempo e soldi con questi cialtroni ladroni della Banda bassotti Facco rintronati rincoglioniti !
      Iscrivetevi al M5S !
      E’ GRATIS !
      Non avete nulla da perdere, tranne le vostre catene ed avete un mondo nuovo da conquistare !

      1. Luciano
        Luciano at | | Reply

        Morte alla Casta !

  2. franco
    franco at | | Reply

    Quante belle,giuste,sane….utopie!Nel nostro povero e disgraziato paese la politica è sempre stata intrisa e pervasa dai peggiori inquinamenti d’ogni genere;adesso quasi improvvisamente (perchè solo adesso?) giornalistucoli e gazzette varie scoprono che il sistema politico (tutto) è fatto solo di marciume mentre quotidianamente salta fuori qualche nuovo ladrocinio più o meno locale.Vien da chiedersi il perchè dopo aver abbaiato per anni come cani fedeli dove indicavano i loro padroni: contro l’evasione fiscale indicata come la vera rovina del paese,questi fedeli saltimbanchi stiano,quasi con stupore svegliandosi dal torpore eterno realizzando che il saccheggio del paese deriva da ben altre cause.Patetico appare persino il tentativo di addossare colpe e responsabilità a vari sottopersonaggi politici,tentando puerilmente di far credere ancora intatta la “verginità”della casta dirigente.Di fronte a tutto questo squallore penso che sia assolutamente illusorio pensare di far appelli o richieste a chi da sempre ha rapinato e saccheggiato tutto il possibile,o sperare in qualche (nuovo?)politicante che dall’interno dello stesso sistema possa rottamare il vecchio per prenderne il posto,anche perchè si è finalmente “scoperto” che il tutto è strettamente correlato a mafia,camorra e ndrangheta e da sempre è risaputo che con questi soci l’unica possibilità è….tacere ed ubbidire.

  3. Andrea Casalegno
    Andrea Casalegno at | | Reply

    Come diceva Benjamin Franklin “Ben fatto è meglio di ben detto”, tutto sta nel iniziare a fare le cose… invece di semplicemente sedersi e continuare a lamentarsi della situazione insostenibile!

    1. Luciano
      Luciano at | | Reply

      Ho scambiato lei per Casaleggio ! Detto fatto !

  4. Gianfranco
    Gianfranco at | | Reply

    Ciao Facco sono Gianfranco appena ritornato da Uk,cosa devo fare per aderire tuo movimento,grazie,ciao. 348 7930534

  5. lorenza
    lorenza at | | Reply

    Sogno uno Stato italiano con pochi dipendenti statali, eccetto che nella sanità, istruzione e polizia. So che questo non avverrà mai, se non con una rivoluzione, o un crollo dello Stato. Che forse avverrà presto

    1. Giorgio Fidenato
      Giorgio Fidenato at | | Reply

      Perché non pensare ad uno stato dove tutto è privato? Privato non significa solo che è di Berlusconi, ma che può essere anche di un’impresa di mutuo soccorso che gestisce i soldi di coloro che vogliono comprare il servizio sanitario in maniera privatistica, efficiente ed efficace. Perché bisogna pensare sempre a una sanità pubblica dove le corporazioni dei medici e dei farmacisti vanno a trattare con una sola entità e si fanno pagare quello che vogliono loro. Se ci fossero entità in concorrenza fra loro le corporazioni dei medici e dei farmacisti non avrebbero tutto quel potere che hanno oggi. E così per tutte le altre corporazioni.

      1. Alfonso Tomè
        Alfonso Tomè at | | Reply

        Caro Giorgio se riesci mandami un tuo recapito per telefonarti
        grazie
        Alfonso

      2. diego
        diego at | | Reply

        gìà, perchè lo stato ha il monopolio su taluni servizi, ad esempio la giustizia, quanto male la sta esercitando?

  6. Brus
    Brus at | | Reply

    ma lo stato dovrebbe semplicemente essere un apparato per dare servizi essenziali ai cittadini, ovvero sanita, giustizia, acqua, e garantire che altri servizi siano accessibili a tutti, trasporti.
    I cittadini dovrebbero essere coloro che scelgono chi viene assunto per essere loro dipendente.

  7. giacomo freddo
    giacomo freddo at | | Reply

    “Ciascuno è libero di fare ciò che ritiene per sé giusto, senza aggredire nessuno e senza aggredire i diritti di proprietà altrui”

    Mi permetto di farvi notare che in un sistema chiuso come è il nostro, questo è praticamente impossibile…..se voglio andare in auto ci sarà qualcuno, magari in Nigeria, che vivrà da schifo oppure, se per assurdo( mica tanto ) tutte le lobby dei palazzinari del pianeta continuassero a mangiare suolo, da qui a poco tempo ci si porrebbe il problema di dove coltivare il cibo…..eppure entrambe le categorie di “consumatori” obbediscono alla filosofia sopra espressa.
    Mi sa che dovete ripassarvi Gaber….libertà è partecipazione.

  8. Cosimo
    Cosimo at | | Reply

    La proprietà è futto di un’epropriazione della forza lavoro.. la proprietà privata è prodotta socialmente.. l’uomo può essere libero solo se vive in un mondo comune dove tutto è dono e non merce, dove la fonte a cui si abbevera è comune e il cibo di cui si nutre è frutto del lavoro comune.. libertà è comunità, partecipazione, asena di proprietà… che non vuol dire Stato o burocrazia, anzi il contrario, assena di stato, fine del dominio dell’uomo sull’uomo.. il vero comunismo è l’anarchia, intesa coe autogestione generalizzata.. la Spagne del 1936 ad esempio.. o le comunità zapatiste in messico.. quello che proponete è il neoliberismo, che ha portato l’1% della popolaione mondiale ad appropriarsi del 99% della ricchezza e ha causato l’attuale crisi economica… e si è imposto per la prima volta nel mondo in Cile nel 1973, con Pinochet, sotto una dittatura

    1. leonardofaccoeditore
      leonardofaccoeditore at | | Reply

      ‘Sticazzi, che idee innovative, mumble mumble… Un tale Marx, mi pare, raccontò cose simili. Gente di buona volontà come lei, pensò che quelle idee fossero la via per la libertà. Nel Novecento abbiamo infatti consociuto: URSS, CINA MAOISTA, CAMBOGIA, KOREA DEL NORD, BIRMANIA… Ops, la via della libertà si trasfromò in quella della schiavitù. Ma perchè perdo del tempo a spiegarglielo?

    2. toto
      toto at | | Reply

      Per Cosimo.

      … l’uomo può essere libero solo se vive in un mondo comune dove tutto è dono e non merce, dove la fonte a cui si abbevera è comune e il cibo di cui si nutre è frutto del lavoro comune.. libertà è comunità, partecipazione,…

      Un mondo dove tutto è comune sarebbe un mondo dove tutti spererebbero di vivere alle spalle di tutti (come direbbe Bastiat), ci sarebbe una continua guerra per le risorse scarse e l’unica legge possibile sarebbe la legge del più forte.

      Inoltre, per quanti non volessero far parte della vostra meravigliosa comunità collettivizzata, la pena prevista quale sarebbe, la deportazione in un gulag?

      1. Adriano Cori
        Adriano Cori at | | Reply

        Secondo me, non dovremmo cercare risposte solo nel passato o valutare le infinite possibilità solo in base agli ‘esempi’ già esistenti. Viviamo ormai in una ‘epoca’ in cui la curva descritta dall’andamento esponenziale del progresso scientifico e tecnologico ha ampiamente superato le Umane capacità di stargli dietro.

        E’ solo questione di tempo… ma la tecnologia sta inesorabilmente generando abbondanza.

        Probabilmente, in un futuro assai prossimo, potremmo tutti vivere ‘sulle spalle’ dell’automazione; della robotizzazione; dell’intelligenza artificiale. Dove la proprietà privata sarà più un peso che non una ricchezza… una ‘palla al piede’ per le nuove libertà individuali che così si dischiuderanno.

        La proprietà privata in futuro coinciderà solo con la necessaria ‘privacy’ di ogni individuo… e ogni sovra-dimensionamento rappresenterà solo un ‘peso’.

        Ogni individuo potrà vivere come meglio gli aggrada… sia in collettività a cui aderirà spontaneamente o, se preferisce, isolandosi per dedicarsi ad uno fine/scopo personale. Tutti saranno necessari… ma nessuno indispensabile.

  9. Alessandro Noto
    Alessandro Noto at | | Reply

    Caro Facco, meglio dell’anarco-capitalismo che produce altra schiavitù e distruzione, c’è l’anarco-cristianesimo di cui Tolstoj fu un esponente. Utopia per utopia, preferisco il Cristianesimo, che predica pace, fratellanza, comunità e aiuto reciproco! Anche in questo caso, dello Stato non ci sarebbe bisogno!

    1. leonardofaccoeditore
      leonardofaccoeditore at | | Reply

      Nessuno ti obbliga ad aderire alle mie idee, basta che tu mi permetta di fare come voglio. Tolstoj, beh… interessante per alcuni aspetti. La religione la lascio a chi ha più fede di me.

    2. toto
      toto at | | Reply

      ….. il Cristianesimo, che predica pace, fratellanza, comunità e aiuto reciproco….

      Forse lei dimentica: distruzione delle civiltà precolombiane (aztechi, maia, ecc..), santa inquisizione, Torquemada, alleanza trono altare nel medio evo, Giordano Bruno sul rogo, ecc….

      Il capitalismo poi, confrontato con tutti gli altri sistemi, regni imperi, socialismi, ecc, compreso lo stato pontificio ai tempi del Papa-Principe, direi che non è andato proprio malaccio.

      1. Adriano Cori
        Adriano Cori at | | Reply

        Senza entrare nei meriti (o demeriti, a seconda delle opinioni) del cristianesimo, la mia lettura della storia mi racconta di una chiesa quale soggetto attivo del contesto capitalistico… a volte contendente e a volte legittimante il potere temporale, ovvero economico… ma il sistema era sempre e solo uno… quello capitalistico.

      2. Luciano
        Luciano at | | Reply

        ECCO MACHIAVELLI SECONDO CRAXI ‘IL PRINCIPE E’ UN LIBRO – PROFEZIA’

        ROMA Il Principe ha assicurato a Machiavelli un posto d’ onore nel processo di formazione della scienza politica, ma il suo volumetto non è un trattato scientifico, un’ analisi critica, una proposta. E’ del realismo più crudo, ma è anche un sogno e un’ invenzione, un’ istigazione, un appello, una profezia. Chi parla così del celebre saggio cinquecentesco questa volta non è un illustre accademico ma il segretario socialista Bettino Craxi, autore della prefazione alla ristampa del Principe che i lettori di Epoca troveranno allegata al numero del 19 settembre. A dieci anni dal commento dell’ opera di Proudhon, che venne pubblicato sull’ Espresso nell’ estate del ‘ 78, il leader socialista affronta una rilettura del messaggio politico di Niccolò Machiavelli, alla luce delle polemiche che agitano l’ attuale situazione politica. La premessa al Principe contiene infatti qualche allusione, nemmeno troppo velata, alla crisi strutturale e ideologica che alcuni partiti politici italiani stanno attraversando in questo periodo: Machiavelli scrive ad esempio Craxi visse uno dei periodi più turbolenti della nostra storia. Machiavelli avvertiva l’ urto dei tempi nuovi. Capiva che le cose non potevano più andare come erano andate fino ad allora; e capiva soprattutto che bisognava cambiare gli uomini, creare una nuova coscienza, far emergere una nuova volontà, capace di integrare le esigenze di uno stato diverso da quello in cui aveva profuso pressoché inutilmente le sue energie e la sua intelligenza. Il Principe però non è, secondo Craxi, la cronaca di una sconfitta intellettuale; sono state, invece, alcune interpretazioni successive ad avere stravolto il senso del pensiero di Machiavelli. Ad esempio quella di Antonio Gramsci, che il segretario socialista attacca duramente: Più che nel Machiavelli, che è un suscitatore di coscienze, con Gramsci siamo in pieno machiavellismo, sul piano di quel fine che giustifica i mezzi, in nome del quale la storia degli uomini gronda di tanto sangue. Qual è l’ errore, dunque? Questo errore risponde Craxi oggi lo possiamo leggere benissimo; è la teoria della doppia morale, una per il Principe e l’ altra per i sudditi; una per lo Stato e un’ altra per i cittadini; una per il partito e l’ altra per il popolo. La stessa logica, l’ idea che si possa fare a meno della morale comune, che ha alimentato gli anni di piombo, il terrorismo. E conclude: Il nuovo Principe, il principe definitivo siamo tutti noi con la nostra unica morale, con la libertà di fare e di pensare.http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/09/10/ecco-machiavelli-secondo-craxi-il-principe.html

  10. virgilio
    virgilio at | | Reply

    Inutile discutere di quel che è giusto o meno che tanto a decidere chi dev’essere punito, a prescindere da qualsiasi valutazione oggettiva, è sempre una “Suprema Corte”, che in virtù dell’onnipotenza riconosciutale da uno Stato imposto poliziescamente agli ivi abitanti, può in qualsiasi momento decidere Essa del destino d’ogni individuo e d’ogni sua azione, anche aldilà del buon senso e degli universali criteri di libertà di scelta e d’accordo fra uomini (termine che io intendo nel senso di specie: maschi e femmine). Non passa giorno che non mi debba, che non ci si debba, sentir minacciato/i dagli spregiatori del libero arbitrio individuale, libertà dataci da chi ci ha creati: che fosse qualche Dio o il gran meccanismo della Natura. Infatti sempre si trova notizia di qualcuno condannato per accordi stabiliti liberamente da egli con altri individui, o addirittura promossi da quest’ultimi. Si può fare o pretendere solo quello che stabilisce come giusto da qualche Suprema Corte, e ciò pure retroattivamente! Così se tu osi costringere qualcuno a far quello che egli liberamente ha acconsentito e anche se dal suo rifiuto ti deriva un danno immediato, se tal S.C. non è d’accordo tu sei perseguito duramente. Cioè la violenza dell’azione d’un individuo sull’altro non è inerente all’atto stesso ma alla moda di pensiero della relativa Inquisizione operante. E’ ovvio che se si può far del male agli altri costringendoli ad un qualche impegno si fa anche del male rifiutando d’ottemperare a qualche impegno preso o accettato: se è violenza l’una è pure violenza l’altra. Io posso far del male rifiutando una prestazione dichiarata solennemente con libero accordo se essa è di fondamentale importanza o necessità immediata per chi dovrebbe usufruirne: ma quello non puoi difendersi obbligandomi ad onorarla pur se a me costa un tempo limitato, se ciò è deciso da LorSignori…Così l’accordo libero e personale: che è il fondamento storico d’ogni comunità e civiltà umana, e soprattutto della nascita dell’idea democratica, ormai non conta più niente! Quel che è “violenza” lo sentenzia chi in quel momento detiene il potere politico/giudiziario. A che serve ai semplici individui: pensare, decidere, contrattare, programmare…procurarsi dei beni vitali, tanto tutto questo può esser vanificato in un attimo; puoi venir derubato d’un bene per te vitale senza che tu possa usare la necessaria forza per impedirlo: se Lor SignoriSupremi così stabiliscono. E le pene da Loro comminate nemmeno hanno nulla della bilancia della giustiza, il cui limite è: “occhio per occhio e dente per dente”, infatti le sanzioni pecuniarie/penali sono comminate così…secondo quello che gira per la testa ad Essi, e tali imposizioni, per quanto costrittive o dolorose, la cultura dominante non le chiamano “violenza”, bensì “giustizia” !?! T’ho tolto dei soldi a te? No, ma non importa devo risarcirti, pur a costo della mia miseria, per qualche c… morale di danno che Essi giudicano, e da te richiesto per tuo meschino interesse, che t’avrei fatto; t’ho tolto la libertà di scegliere: no, ho solo preteso d’avere quel che s’era concordato insieme, per me importante, e che tu comunque con un pò d’impegno e per circoscritto tempo eri in grado di dare! Ma io vengo sbattuto in galera per lunghi e luridi anni se Essi decidono così, ché in tal caso non dovevo pretendere niente e dovevo solo supinamente subire il tuo insolente rinnegamento! Ormai libertà e dignità e natura personale e criteri di valutazione conseguenti valgono com’uno sputo, per i lor Supremi Signori Del Bene E Del Male che presiedono gli Stati contemporanei (e per di più definiti “democratici”!)…
    Allora che si sta a perder tempo con blog e siti di questo tipo…e che si perde tempo a pensare…!

    1. Luciano
      Luciano at | | Reply

      Il nuovo Principe (leggi : lo Stato) siamo tutti noi con la nostra unica morale, con la libertà di fare e di pensare.

  11. Paolo
    Paolo at | | Reply

    È evidente che il liberismo assoluto da voi predicato porti a delle distorsioni del mercato e della società. Ricchi sempre più ricchi ed il resto della popolazione ridotta in schiavitù. In un sistema del genere come si può garantire ad ogni nuovo nato stessi diritti e opportunità?

    1. leonardofaccoeditore
      leonardofaccoeditore at | | Reply

      Comprendo le sue preoccupazioni, ma mi creda, le sue conoscenze sul libero mercato.

    2. nico
      nico at | | Reply

      Le distorsione nel mercato le fanno i legislatori. Ed “i ricchi sempre più ricchi” lo sono per via di appoggi politici. I salvataggi ad ogni costo (che i politici eseguono) sono una distorsione del mercato. Chi deve fallire fallisca. Significa che il suo business non importa più a nessuno, non ha clienti. Ed invece no, vanno dagli amici politici a chiedere salvataggi, e lei paga il conto. Sveglia!

    3. toto
      toto at | | Reply

      Le società dove i ricchi sono sempre più sono sempre più ricchi e i poveri sono sempre più poveri sono sempre esistite, In queste società i ricchi si chiamavano ‘nobili’, ‘principi’, ‘re’, ‘imperatori’, ‘feudatari’, ‘aristocratici’ in altre parole ‘lo stato’. In queste società i diritti di un nuovo nato dipendevano esclusivamente dalla casta nella quale nasceva. Se tutto ciò è passato è grazie alla rivoluzione industriale e conseguente nascita della libera impresa.

  12. Antonio
    Antonio at | | Reply

    “La proprietà è un diritto naturale”?…Mah in un universo dove noi siamo temporanei direi piuttosto che la natura ci ha solo dato il diritto a ricevere in prestito consigliandoci di restituire qualsiasi cosa nel miglior stato possibile a fine corsa. Tutto quel che devia da questa legge universale è destinato a fallire perché nemmeno l’uomo più potente può piegare la legge di natura senza pagare conseguenze. Starei ben attento ad augurarmi una società basata sulle teorie neoliberiste. Alcuni esempi di mercato completamente sgomberato dalla mano statale ci sconsigliano di adottare tale sistema a meno di non far parte del 5% straricco. Pioniere del liberismo a tutti i costi il Cile di Pinochet basato sul fanatismo di Friedman & Co…meno male che si tennero almeno le miniere a conduzione statale sennò sarebbero morti di fame. A seguire l’Argentina di Videla e poi di Menem decisi a privatizzare tutto il possibile. Il Brasile e l’Uruguay degli anni ’70. L’Iraq del dopo-Saddam…tanto per citare qualche esempio di quanto alcuni popoli abbiano “beneficiato” dell’illuminante visione della scuola di Chicago amante della proprietà privata sopra ogni cosa. La natura ci ha insegnato che la virtù è mediana ed ogni eccesso fallisce o ha conseguenze negative uno Stato onnipresente e si sfocia nell’eccesso Urss uno Stato assente (fuorché per l’esercito) ed otteniamo una dittatura militare di un’élite ricca. Mi viene da pensare:”ma dietro questo Movimento ci siano finanziatori interessati o c’è solo ingenua incoscienza?

    1. Liberty Defined
      Liberty Defined at | | Reply

      i primi evidenti segni del caldo. Devi aver sbagliato indirizzo o forse la propaganda Marxista ti ha completamente rintronato

      1. Antonio
        Antonio at | | Reply

        Non credo di individuare molti principi marxisti in quel che ho scritto…

      2. Luciano
        Luciano at | | Reply

        Leonardo Facco è un cialtrone ritronato per natura, a causa del suo passato leghista e il suo l’attuale libertarismo da strapazzo, solo per gente come lui che non capisce un cazzo !
        Valga la rima.

      3. Luciano
        Luciano at | | Reply

        Il caldo da’ alla testa di questi facinorosi estremisti

        1. Luciano
          Luciano at | | Reply

          i padani sono da chiudere nel recinto della loro Pontida e circondarli di ruspe !

          1. Luciano
            Luciano at |

            E spedire Salvini in Russia accanto al suo Putin .

          2. Luciano
            Luciano at |

            E Leonardo Facco in manicomio.

  13. Christian
    Christian at | | Reply

    Antonio hai scoperto il complotto.
    In realtà il Movimento Libertario fa solo finta di non contare niente in questo paese ma in realtà dietro le quinte rappresenta un governo segreto volto al dominio del mondo. Questo sito è solo di facciata ed ha lo scopo di fare proseliti.
    Tutti i commenti che vedi, sia pro che contro gli argomenti postati, sono in realtà fatti sempre dai membri del movimento, in questo modo qualsiasi sia la tua opinione sarai sempre d’accordo con almeno un membro del movimento, di cui entrerai a farne parte senza accorgertene.
    In realtà anche il tuo ed il mio commento sono finti e chiunque, sia a favore o contro il complotto, non potrà che essere sempre in linea con il movimento.
    Cile di Pinochet, Argentina di Videla, Brasile anni ’70, Iraq dopo (ma prima era meglio?) Saddam, sono esempi di libero marcato?
    Scusate ma sono uno stupido che non ha capito niente e mi ritiro in buon ordine.
    Distinti Saluti

    1. Antonio
      Antonio at | | Reply

      Non ho parlato di complotto…solo notavo che c’era un tale “innamoramento” per il neoliberismo della scuola di Chicago da farmi pensare: ma ci sono o ci fanno? Più che altro perché gli esempi che ho citato sono stati tutti governi (a parte l’Iraq per motivi anagrafici) che Friedman ha accompagnato passo passo con le dottrine che al vostro Movimento piacciono molto. Vada a vedere da chi erano composti i gabinetti economici di Pinochet, Videla e dei militari brasiliani degli anni 70. Insomma vedo che le vostre idee libertarie sono sempre costrette ad essere imposte con la forza alle popolazioni…non è che il neoliberismo non sia poi così “libertario”? Il tutto senza complottismi di sorta dato che non sono il tipo da pensare che dietro ci sia una banda di cattivi tipo “Spectre”…

    2. PE
      PE at | | Reply

      In questo paese c’è “Antonio” (e sono in tanti) che ancora non ha capito bene cosa ha detto per anni Friedman.

      In Italia poi è come parlare arabo, tutti -inconsapevoli socialisti dalla nascita-
      (di dx e di sx, e il bello è che quelli di dx non sanno nemmeno di esserlo..)
      che non realizzano che stiamo vivendo in pieno socialismo..si veda Budget EU, programmi comunitari e fondi (fondo “sociale”) europei.

      Ma ancora non vi siete stancati di pagare fior di tasse per i PROGRAMMI altrui??

      Consiglio per “Antonio”: Su YouTube ci sono, fortunatamente, i video di Friedman
      e forse qualcuno li dovrebbe vedere, inglese permettendo…:-)

      Sistemi perfetti non esistono, ma le tasse basse e i governi piccoli sono l’unica via per la reale meritocrazia e la felicità…
      PE

      1. Vito
        Vito at | | Reply

        1. Vilma
          Vilma at | | Reply

          Ho avuto un colloquio telefonico con Bongiovanni, il quale era in colloquio medianico con Siragusa, il quale era in colloquio diretto con la Grosso, la quale era in colloquio diretto con Adamsky, il quale era in colloquio astrale con Ashtar Sheran, il quale era in colloquio telepatico con Bongiovanni.

          Tutti questi maestri hanno detto lo stesso identico messaggio:

          “Antonio del post del 2013 è lo stesso Vito di oggi, che può andare a prendersela nel culo”

          Ed hanno aggiunto: “Coglione era e coglione è rimasto”.

          1. Vilma
            Vilma at |

          2. Vilma
            Vilma at |

            Cito testualmente : tutti i commenti che vedi, sia pro che contro gli argomenti postati, sono in realtà fatti sempre dai membri del movimento, in questo modo qualsiasi sia la tua opinione sarai sempre d’accordo con almeno un membro del movimento, di cui entrerai a farne parte senza accorgertene.
            In realtà anche il tuo ed il mio commento sono finti e chiunque, sia a favore o contro il complotto, non potrà che essere sempre in linea con il movimento.

          3. Vilma
            Vilma at |

            Ho avuto un colloquio telefonico con Marine Le Pen http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=90&id=66093

            la quale era in colloquio medianico con Jean Plantin

            Negazionismo di estrema sinistra 21/04/2017http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=90&id=66081
            Robert Faurisson
            il quale era in colloquoi telefonico on

          4. Vilma
            Vilma at |

            Jean Plantin il quale era in colloquio telefonico con Robert Faurisson http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=90&id=66081

            Tutti questi maestri hanno detto lo stesso identico messaggio:

            Che Marine Le Pen vince le elezioni presidenziali francesi del 23 aprile 2017

          5. Vilma
            Vilma at |
          6. Vito
            Vito at |

            L’ho fatto dire a Vilma, ma dovevo farlo dire a Sonia Patacchi, ma tanto coglione sono e… (lo sapete già).

          7. Sonia Patacchi
            Sonia Patacchi at |

            Hai forse qualcosa in contrario Vito ???
            IO SONO ORGOGLIOSAMENTE FASCISTA, COME HO GIA’ POSTATO ALTROVE !
            Tu invece sei un piddino di merda

          8. Vilma
            Vilma at |

            Vito scusa …ma allora sei proprio un coglione come tu scrivi a te stesso !
            Chi ha scritto a Informazione Corretta ?
            Sonia Patacchi forse ?
            Vai a leggere le 2 lettere che sono firmate da me stessa ! Coglione !

            Oltre tutto, io da molto tempo scrivo molte volte su IC e trovi tra altre lettere sparse anche la mia firma completa con tanto di nome e cognome !
            Vilma Laudelino De Souza

        2. Sonia Patacchi
          Sonia Patacchi at | | Reply

          Vito (alias Vituzzu) = PIDDINO DI MERDA

          1. Vito
            Vito at |

            Scusate, mi ero dimenticato il link alla manicure, pedicure e pederast.
            Che cogl….(lo sapete già).

          2. Vito
            Vito at |

            Sonia Patacchi “La Voce Della Fogna” !

          3. Vito
            Vito at |

            Sonia Patacchi infatti fa parte di Casa Pound

      2. Vito
        Vito at | | Reply

        Io sono anche un pedofilo ! (lo sapete già).

    3. Luciano
      Luciano at | | Reply

      ha fatto la scoperta dell’acqua calda?

      1. Luciano
        Luciano at | | Reply

        Cito testualmente: in realtà questo sito dietro le quinte rappresenta un governo segreto volto al dominio del mondo. Questo sito è solo di facciata ed ha lo scopo di fare proseliti.

        1. leonardofaccoeditore
          leonardofaccoeditore at | | Reply

          SUCCHIA PARASSITA DI MERDA

          1. Luciano
            Luciano at |

            Per me, ma non solo, hai le idee estremamente confuse. LEGHISTA DI MERDA

      2. leonardofaccoeditore
        leonardofaccoeditore at | | Reply

        SUCCHIA PARASSITA DI MERDA

  14. W la Libertà
    W la Libertà at | | Reply

    L’anarchia collettivista è uno dei più grandi paradossi che ha partorito il genere umano.

    Anarchia collettivista, socialista e comunista equivale alla massima forma di potere statale, autoritario e violento!

    La vera anarchia è quella libertaria e capitalista!

    Nell’utopia anarchica dove tutti vivono beati e sono tutti “uguali”, non si può pensare diversamente dagli altri! Io che non sono d’accordo con i principi dell’anarco-collettivismo in un mondo dominato da questa ideologia che fine farei, immagino rieducato, raddrizzato, con le buone prima, con le cattive dopo? Che mi farebbero i pacifisti e tolleranti anarchici se provo a tenere per me i frutti del mio lavoro senza condividerli con gli altri? Bastonate immagino…

    Nella vera anarchia chiunque può basare la propria vita sull’ideologia che vuole, nel rispetto dell’unico principio da rispettare, quello della libertà propria ed altrui.

    Molti non hanno capito che non è il vero liberismo ad averci ridotti in crisi, ma il capitalismo clientelare e amico dei governi e degli stati, che rappresenta il 99,9% del capitalismo totale! In italia ma anche in America poi non esistono e non sono mai esistite forme di liberismo vero.

    Le odiate multizianoli hanno il monopolio dei mercati grazie ad accordi con i vari governi e i vari stati. In un mondo senza stati è facile immaginare che il mercato non sarebbe di stampo monopolistico (monopolio statale o delle multinazionali) ma sarebbe in mano alle libere iniziative locali, piccole imprese in leale concorrenza tra di loro perchè non esisterebbero dazi, prezzi prefissati, obblighi e burocrazie varie e chiunque farebbe impresa partirebbe dalla stessa linea.

    Poi il sistema libertario non vieta a chi la pensa diversamente di creare comunità differenti, magari la maggioranza delle persone si riorganizzerebbe in una grande comunità nazionale, in ogni caso non sarebbe obbligatorio aderire alla comunità più numerosa, nascerebbero piccole comunità territoriali, ognuna con la sua forma di govermo, con la sua tassazione e le sue norme, alcune di stampo socialista, altre ambientalista, altre religiose, altre aperte solo a chi ha i capelli rossi, altre solo agli omosessuali, altre vietate ai neri…ogni comunità sarebbe lecita nel rispetto del principio di libertà personale.

    Ovviamente noi pochi e sparuti libertari vivremmo per conto nostro, senza aderire a nessuna comunità, nella vera ed unica forma di anarchia possibile, e per i servizi useremmo quelli privati (ospedali privati, tribunali, privati, agenzie di difesa private, assicurazioni, scuole private, ecc…) o se non disponibili nella nostra zona pagheremmo quelli di una comunità a noi vicina come se fossero privati.

  15. Anon
    Anon at | | Reply

    L’ anarchia e’ la cosa migliore che l’essere umano possa essere in grado di fare, e’ l’autogestione federalizzata, ovvero l’organizzazione di persone su un piccolo territorio, con queste piccole “città-stato” che cooperano tra loro per migliorare la vita di tutt* e la qualità dell’ ambiente in cui si vive… l’anarchia non e’ certo portata da uno che si mette a seminare OGM rischiando di mandare al collasso l’agricoltura in generale già a dura prova, l’anarchia è per la diversità (anche ambientale), non certo per la monocoltura… questa non e’ anarchia, non e’ libertarismo, questa e’ follia, come questo gruppo. O se proprio, dato che libertarismo e’ sinonimo di anarchia che lo vogliate o no (che non si appoggia a gruppi politici ne’ vuole compromessi), questo e’ anarco capitalismo, ancor peggio del capitalismo stesso, una cosa che non dovrebbe avere libertarismo (o che si voglia anarchia) nel nome. Lo slogan di questo sito lo dice bene, “PROPRIETA’ E LIBERTA'”, cose che non possono esistere insieme, il vero anarchismo, quello puro (che poi e’ anche l’unico anarchismo) abolisce la proprietà e non certo la difende, quel che volete voi e’ la forma più sfrenata di capitalismo, nel rispetto di chi e’ davvero libertario, fareste meglio a chiudere baracca.

  16. Anon
    Anon at | | Reply

    L’anarchismo si basa su una autogestione, molto banalmente…. cioe’ su un’assemblea (piu’ assemblee, una in ogni territorio federato) formata da persone con la stessa autorita’. Nell’ anarchismo la proprieta’ e tutto cio’ che viene abolito viene abolito con l’azione comune delle persone. L’anarco capitalismo non e’ altro che la brutalizzazione del capitalismo gia’ mostro, ovvero non un libertaismo, semmai un liberismo estremo. Questo genererebbe lotte per il potere immani e porterebbe alla costituzione di enormi multinazionali e ancor piu’ grandi masse affamate, senza considerare il problema irrisolvibile del capitalismo: la sua esistenza su un pianeta con risorse FINITE (e usate male e distrutte come nel vostro caso, rispettivamente mi riferisco a mais e agricoltura)

  17. Anon
    Anon at | | Reply

    Il sistema attuale NON e’ anarchismo ma un sistema marcio che si basa sulla rappresentazione… se uno non si sente parte di un assemblea puo’ o decidere di andare in un altra assemblea o semplicemente decidere di vivere da solo, ma in sintonia e rispetto con le altre persone, magari dietro un qualche accordo trovato con l’assemblea stessa in modo civile e rispettoso di tutti. L’anarchismo e’ rispetto e aiuto reciproco.

  18. Gaetano
    Gaetano at | | Reply

    Più che movimento Libertario io lo chiamerei Movimento Liberale senza regole…
    State sputando su una delle idee più illuminanti della storia unama: anarchia e libertarismo!
    Non esistono anarchia e libertarismo senza solidarietà, soprattutto non andranno mai a braccetto con l’autorità.
    Che tristezza… e poi tirar fuori l’ogm, probabilmente senza neanche aver letto i vari studi di settore (probabilmente avete letto solo quelli che vi facevano comodo).

    Povera Anarchia…

    1. leonardofaccoeditore
      leonardofaccoeditore at | | Reply

      La tristezza sta nella sua testa, che di libertarismo conosce nulla e di regole capisce niente, nel caso specifico, dato che Fidenato ha vinto la causa proprio chiedendo il rispetto delle regole da parte dell’Italia. LEI E’ UN ESEMPLARE DI IGNORANTE TIPICAMENTE ITALIANO!”

    2. Anon
      Anon at | | Reply

      Concordo in pieno Gaetano, son contento di non essere il solo…

    3. Luciano
      Luciano at | | Reply

      Fossere almeno liberali . Questi sono falsi liberali . Sono una banda di evasori fiscali e ladroni senza regole !

      1. leonardofaccoeditore
        leonardofaccoeditore at | | Reply

        SUCCHIA PARASSITA DI MERDA

        1. Luciano
          Luciano at | | Reply

          ANCHE DA PARTE MIA
          TENIAMO BOTTA.
          Luciano

          Casali avv. Luciano
          Via G. Ghirardini 18
          40141 Bologna

        2. Vito
          Vito at | | Reply

          MALEDETTI EVASORI, I LADRONI SIETE VOI !

  19. W la Libertà
    W la Libertà at | | Reply

    Quello che dice Anon si basa su una gigantesca contraddizione, una delle più grandi della storia dell’uomo.

    Anarchia intesa come collettivismo e comunitarismo non è anarchia vera, ovvero assensa di autorità, violenza e coercizione!!

    La vera anarchia è l’anarco-capitalismo, che suona male visto che il capitalismo che oggi viene inteso non è il vero capitalismo, quello basato sul libero scambio in assenza di interventi statali e del governo , ma tutt’altro, fatto di clientele, multinazionali amiche dei governi e corruzione.

    Anon parla del suo mondo anarchico come se tutta la popolazione globale fosse d’accordo nell’aderire a tale sistema fatto di assemblee eccetera… Ma non è così così!!! Ci sarà chi vorrà vivere in modo diverso, e che fine farà??? Risponda per favore Anon!!! Ci dica cosa farete voi anarchici a chi come me non vuole aderire all’assemblea, vuole avere la sua proprietà privata e vuole vivere secondo principi diversi dal vostro anarco-collettivismo??? Credo che qualunque risposta non contenga la frase “verrà lasciato in pace” metta in evidenza la tua contraddizione!!

    La vera anarchia è quella che permette a tutti di vivere come meglio credono.

    La differenza tra libertar e tutti gli altri è semplice:

    Tutti voi volete imporre il vostro sistema pensando che sia il migliore, noi vogliamo che tutti siano lasciati liberi di scegliere di vivere secondo il sistema che ritengono il migliore per loro!!

    La tua Anon non è anarchia, è ultra-autoritarismo e violenza coercitiva nascosti sotto un sottile velo di belle parole!!

    1. Anon
      Anon at | | Reply

      Certo che rispondo. Io ho parlato di assemblee, il che vuol dire che la gente e’ libera di fare cio’ che vuole nel rispetto altrui. L’anarchia e’ l’assenza di regole in una società dominata da norme e accordi. NORME e accordi tra persone, terra terra per cosi’ dire, non imposte da chissa’ quale autorita’ (e qui il riferimento al sistema attuale). Riguardo al chi sarebbe o non sarebbe contento, per questo sono norme e non regole. La gente viene ridotta alla suo forma bestiale (crimini e violenze) quando qualcosa li opprime, non quando sono liberi di agire e pensare. Le norme sono flessibili e lasciano libertà, se uno non e’ d’accordo e’ libero di esserlo, nel rispetto degli altri. Sicuramente sarebbero d’accordo molte persone, di sicuro tutti coloro che lavorano dalle 8 alle 10 ore e piu’ in fabbriche per mantenere in vita questo vostro decantato sistema capitalista, che, come ho detto, verrebbe solo esaltato, applicando nei fatti questa vostra visione.

      1. W la Libertà
        W la Libertà at | | Reply

        Quindi in pratica nel tuo mondo anarchico io sono libero di possedere un terreno, una proprietà? Posso aprire la mia azienda e farci lavorare dei dipendenti? Posso vendere al prezzo che ritengo opportuno i miei prodotti?

        Se la risposta è si abbiamo un obiettivo comune: l’abbattimento dello stato. Ma la pensiamo diversamente su come organizzare la società dopo l’abbattimento dello stato.

        Soluzione: abbattiamo lo stato insieme e poi ognuno per la sua strada, tu crei la tua comunità anarco-collettivista, dove non esiste la proprietà privata e tutti condivono tutto; io creo la mia comunità anarco-libertaria dove esiste la proprietà privata e basata sul libero scambio.

        D’accordo?

  20. Anon
    Anon at | | Reply

    L’abbattimento dello stato e’ l’obiettivo comune e qua ci siamo. La risposta alla tua domanda, pero’ e’ no. E’ no perchè la libertà non può esistere con la proprietà. Chiariamoci, ogni uomo ha la sua piccola proprietà di affetti e ricordi materiali e non, ma si limita a questo la nostra proprietà. E’ un concetto, in ogni caso difficile da spiegare. Tornando al discorso di prima, c’e’ un intoppo in quello in cui credi e in quello che dice questo sito, ovvero libertà e proprietà. Il problema sta nel fatto che se io posseggo qualcosa come privato, tolgo la libertà agli altri di fare altre cose su quel terreno. Se posseggo i mezzi di produzione, tolgo agli altri la libertà di utilizzarli. In un esempio concreto, il vostro compagno che ha seminato OGM nel suo campo, se sono esatti gli studi finora fatti e cioe’ che i loro pollini potrebbero portare alla distruzione dell’ agricoltura sana, lui ha tolto la libertà di mangiare non OGM a chi non vanno i prodotti biotecnologici. E’ questo il punto su cui viene ribaltato e smentito il concetto che la proprietà (intesa in senso liberista) possa esistere in armonia con la libertà degli altri. Riguardo il tuo primo paragrafo, invece, le aziende nel mio mondo sarebbero collettive, i terreni coltivati collettivamente, i prezzi calmierati dalle assemblee. Spero di essere stato chiaro nella scrittura di questo commento.

    1. leonardofaccoeditore
      leonardofaccoeditore at | | Reply

      Per me, ma non solo, hai le idee estremamente confuse. Ma non mi meraviglio, così è quando è l’invidia mista all’ideologia a fungere da dottrina.

      1. Luciano
        Luciano at | | Reply

        Per me, ma non solo, hai le idee estremamente confuse. Tu sei solo un leghista ladrone evasore fiscale

        1. Luciano
          Luciano at | | Reply

          Roma Ladrona
          La Lega non perdona !

          1. Luciano
            Luciano at |
  21. Anon
    Anon at | | Reply

    1) La dottrina non deve esistere
    2) Io non invidio proprio nessuno
    3) Confuse non sono le idee ma il modo in cui le espongo tentando (inutilmente) di fare collegamenti

  22. W la Libertà
    W la Libertà at | | Reply

    Anon il libertarianismo, o almeno il mio pensiero, visto che ci sono tanti tipi di libertarianismo quanti sono i libertari, si basa sul concetto di libertà individuale, che a sua volta si realizza nel momento in cui ogni individuo gode dei tre “diritti” naturali, che non sono diritti intesi nel senso odierno della parole, ovvero conquistati con scioperi o calati dall’alto da qualche politico per acquistare voti, i tre diritti naturali sono propri dell’uomo e strettamente collegati alla sua natura, ed essi sono il diritto alla Vita, il diritto alla Proprietà e il diritto alla Volontà.

    Tutti e tre derivano da tre caratteristiche proprie dell’essere umano, il diritto alla vita nasce dall’istinto di autoconservazione della specie, comune a tutti gli esseri viventi, il diritto alla proprietà dalla possibilità di usufruire dei frutti della natura e dalla caratteristica propria di molti animali di marcare un territorio di caccia, di residenza o di influenza e dalla capacità di alcuni di questi di creare utensili e di fare provviste, infine il diritto alla volontà deriva dall’elevata capacità celebrale e intellettiva dell’essere umano e dalla sua capacità di discernere cosa ritiene giusto o meno per sè.

    Dire che non esiste la proprietà privata è una forzatura e costringere l’umanità a vivere senza è un’alienazione di un suo diritto naturale e dunque contro-natura.

    Se poi vi sono degli individui che ritengono opportuno vivere senza proprietà privata proprio per il diritto alla volontà sono liberi di farlo, ma non sono sicuramente liberi di imporre la loro visione del mondo agli altri.

    Comunque inizi il tuo ragionamento con il dire che è necessario abbattere lo stato, poi come conclusione dipingi il tuo mondo ideale, che assomiglia tanto a una specie di URSS, ovvero l’emblema del SUPER STATO massiccio e intrusivo.

    A cosa serve scrivere righe e righe di commenti per mettere in evidenza la contraddizione dell’anarco-collettivismo se gli stessi vostri commenti lo sbattono in faccia a tutti?

    1. Anon
      Anon at | | Reply

      Poi come tu haidetto (giustamente) quelli sono i 3 diritti fondamentali dell’uomo, ma… sono venuti fuori dalla rivoluzione francese e ed erano applicati a quella società ovvero ad una società in prevalenza borghese. Ora e’ cambiato, non puoi applicare il corso della storia di 300 anni fa al mondo moderno.

  23. Anon
    Anon at | | Reply

    Allora, prima di tutto io sostituirei il diritto alla proprietà con diritto alla libertà, cosa che come continuo a sostenere non si raggiunge in uno stato liberale e non libertariocome il vostro. Facciamo una distinzione, libertario e’ sinonimo di anarchico, liberale e’ sinonimo di capitalista, cioe’ quel che volete voi ovvero oltre alla dissoluzione dello stato, il suo non-intervento economico (apro una partentesi: e il welfare state dove lo mettiamo? e chi non ha niente? e chi non ha soldi? credete sul serio che l’America da cui, ho letto, prendete spunto, sia cosi’ rose e fiori?). Poi, dato che forse non ci siamo capiti nei miei commenti in cui parlavo di assemblee, sostituiamo questo termine con federalismo, molto più comune. Adesso e’ chiara la cosa? Quel che noi vogliamo e’
    1)Una società senza divisioni di sorta, impedimenti di sorta o ingiustizie;
    2)Una società libera da imposizioni ma gestita (e non governata) da norme prese collettivamente;
    3)Una società federale dal basso in piccoli “feudi” (anche se col passato non abbiamo nulla a che fare) autoorganizzati e comunicanti tra loro.
    Meglio di cosi’ non so spiegare, ma intanto rispondi, per favore, alle mie domande.

  24. W la Libertà
    W la Libertà at | | Reply

    Tutti i problemi di lessico vengono da errori di traduzione…nel mondo anglosassone si distingue tra libertarianism (anarco-capitalismo) e libertarism (anarchia in generale) nelle lingue neolatine non c’è distinzione e si usa o libertarismo per entrambi i casi (come in questo sito) o si usa il neologismo libertarianismo, ma queste sono inutili chiacchere sul sesso degli angeli!

    Nel sistema anarco-liberista i servizi che tu ricevi e che paghi allo stato versando circa i 3/4 del tuo stipendio in tasse, sarebbero del tutto liberalizzati, e questo permetterebbe di rispariarmare tanti soldi, sia al cattivo imprenditore che al dipendente! Senza tasse è inutile dire che gli stipendi aumenterebbero, i prezzi crollerebbero e la disoccupazione crescerebbe! I servizi prima in mano al monopolio statale, qui in italia per questo motivo particolarmente inefficaci e pieni di sprechi, ruberie e clientelismi, verrebbero liberalizzati, e nascerebbero moltissime nuove imprese di servizi, dalle già esistenti cliniche private e scuole private, alle nuove agenzie di difesa personale e pubblica, ai tribunali privati, e così via, oltre alle agenzie di assicurazione che offrirebbero pacchetti completi e competitivi alla portata di tutti e anche dei più poveri, che comunque non fatico a pensare verrebbero assistiti oltre che dalle comunità religiose anche da associazioni di volontariato o dalle stesse assicurazioni che per migliorare l’immagine e attirare più clienti offrirebbero gratis i loro servizi ai più disagiati.

    Questo sistema non c’entra nulla con quello americano, in cui ricordiamoci esiste comunque una tassazione, un governo e le assicurazioni sono spesso lobby amiche di politici e del governo.

    Se poi come ripeto il sistema che ti ho descritto ti fa schifo, tu con i tuoi amici anarco-collettivisti, così come chiunque altro di qualunque altra ideologia, non siete obbligati ad aderire a questa società! Voi fonderete la vostra comunità anarco-comunista, gli statalisti democratici e patrioti aderirebbero allo Stato Italiano, gli autonomisti veneti allo Stato Veneto, gli autonomisti di Filettino al Principato di Filettino, i fascisti fonderanno la loro comunità vietata ai neri e agli omosessuali, che a loro volta vivranno in quartieri vietati agli etero, e così via.

    Tutte le comunità sarebbero in concorrenza tra di loro, e ognuno sarebbe libero di scegliere a quale comunità aderire, o anche di non aderire a nessuna e pagare i servizi privati come ho detto prima, o se assenti nella sua zona appoggiarsi alle comunità vicine e pagare i loro servizi.

    Le comunità che prospereranno saranno quelle che funzionano meglio, attireranno più adesione e vivranno a lungo. Quelle più fragili, meno stabili e più sfortunate, crolleranno e avranno vita breve, in questo modo tutte le ideologie verranno testate e messe alla prova si vedrà quale sia veramente la filosofia su cui si basa la comunità più prosperosa e stabile.

  25. Anon
    Anon at | | Reply

    Sai, mi intrigherebbe sapere come andrebbe a finire in un mondo del genere, sul serio. Alla fine il mondo e’ bello perche’ e’ vario e ognuno puo’ fare quel che vuole. Propongo di chiudere senza vincitori nè vinti. Una cosa pero’ voglio rimarcare e su questa non transigo: il vostro amico che ha seminato gli OGM solo per trasgredire, ha fatto un grosso favore a chi specula su questo (es: Monsanto) e un grosso danno a tutti quelli estranei alla faccenda o contro gli OGM. Prima di fare una cosa del genere e mettere a rischio tante persone, io ci avrei riflettuto un po.
    Saluti.

    1. W la Libertà
      W la Libertà at | | Reply

      Mi fa piacere che hai capito il mio punto di vista.

      È proprio il bello del libertarianismo, il non dover avere per forza un vincitore e un vinto, una maggioranza e una minoranza, uno governatore e un governato, un padrone ed uni schiavo!

      Riguardo gli ogm io non sono esperto in materia, le uniche conoscenze che ho sono residui di biologia e chimica e quello che può sapere un appassionato o un curioso, ma da quello che ho letto in giro e da quello che scrive giorgio fidenato, mi sono fatto un’idea a riguardo.

      Giorgio è, libero di coltivare e vendere ogm, tu sei libero di non comprarli e mangiarli, io sono libero di comprarli e mangiarli.

      Il problema si pone quando dite che il polline possa “infettare” le colture tradizionali. Ora io non so i meccanismi precisi, ma per avvenire uno scambio di dna tra due organismi o l’inserimento di dna transgenico in un organismo tradizionale non basta un semplice spargimento di polline!

      Tra l’altro come ha detto giorgio in qualche vecchio post, è come se il coltivatore di melanzane si lamentasse del fatto che il polline dei pomodori del suo vicino contaminassero la sua coltura! Mi sembra assurdo no?

      Quando parli di danno a chi è contro gli ogm, non capisco, loro sono contro gli ogm e non avranno mai a che fare con gli ogm.

      Anche si rivelassero cancerogeni o esplosivi se ingeriti chiunque dovrebbe essere libero di poter scegliere se mangiarli o no, d’altronde è libero il fumatore di tabacco, il consumatore di droghe leggere (ma anche pesanti dovrebbe), l’alcolista, o anche il suicida!

      Comunque ti ricordo che in mezzo mondi sono legali gli ogm, e che da decine di anni noi italiani cosumiamo carne di animali che mangiano soia ogm…

      1. Antonio
        Antonio at | | Reply

        posso permettermi di osservare che la Monsanto negli USA persegue legalmente i proprietari di terreni dove ci sono piante OGM anche se derivate da impollinazione casuale e dunque costringe il contadino a pagarne il brevetto anche se questi non ha seminato piante transgeniche? Questo per far notare che in quell’ambito negli USA lo Stato è sparito per far posto ad una multinazionale..dunque il massimo della proprietà privata. Siamo sicuri che anche in Europa non faremo la stessa fine?

        1. W la Libertà
          W la Libertà at | | Reply

          A me pare invece che in questo caso la Monsanto opera con l’aiuto dello Stato, ovvero perseguendo legalmente i contadini.

          Ottimo esempio di multinazionale aiutata dal governo.

          Ma la stessa cosa accade qui in Italia, con lo Stato e i vari ministri incompetenti che insieme a Coldiretti (lobby democristiana e statalista) e alle associazioni no-ogm (guidate spesso da parassiti ignoranti che campano da decenni alle spalle dei cittadini, come l’illustre signor Capanna) perseguitano giorgio fidenato, sono arrivati a usare la violenza, a invadere la sua proprietà, a malmenare lui e una sua collaboratrice, i vari politici locali e nazionali stanno mettendo i bastoni fra le ruote a fidenato quando non solo moralmente ma anche per il loro amato legalitarismo europeo non possono!

          1. Antonio
            Antonio at |

            Beh per amor di verità c’è da dire che il consiglio d’amministrazione e l’ufficio legale della Monsanto si sono insediati pari pari nei posti chiave dello stato negli anni delle amministrazioni Bush e Clinton. Io deduco che questo è solo l’esempio di cosa i soldi generati dal libero mercato producono: ossia il crollo dello stato sostituito da una società privata…che come si vede non è esente dall’usare gli stessi metodi “malavitosi” contestati al governo…anzi rispetto ad un governo non ha nemmeno il vincolo elettorale dunque la Monsanto in questo caso può fare un po’ quel che gli pare. Direi il tipico risultato della legge della giungla…sbaglio?

  26. Anon
    Anon at | | Reply

    Sisi c’e’ sempre il discorso della libertà invalicabile, pero’ il problema si pone quando per caso si impollineranno piante tradizionali con il polline ogm o quando, come accade gia’ per molto altro, i prodotti ogm verranno spacciati per tradizionali con beffa a chi pensa di mangiare “sano”, perche’ gli ogm fanno, come ho gia’ detto, molto bene alle grandi industrie speculatrici.

    1. W la Libertà
      W la Libertà at | | Reply

      Nel momento in cui si vendono prodotti ogm e non si specifica la loro natura transgenica il venditore passa dalla parte del torto, andando a limitare la libertà del consumatore.

      Ma se viene specificata la natura del prodotto, chiunque deve essere libero di poter vendere o acquistare prodotti di ogni natura, anche tossica o dannosa volendo (sigarette, alcool, droghe, eccetera). Nel caso degli ogm la loro pericolosità non è ancora stata dimostrata, anzi!

  27. Anon
    Anon at | | Reply

    Sono d’accordo, ma sappiamo tutti che qua in Italia (e non solo) si ha una certa leggerezza su queste cose..

  28. W la Libertà
    W la Libertà at | | Reply

    Antonio non vedo come possa la Monsanto insediarsi nei posti chiave dello stato in una società senza stato!

    Comunque tu parlavi delle prime comunità di cavernicoli e del fatto che non è naturale il libertarianismo.
    A parte che il termine cavernicoli non si addice alle prime comunità umane, ti consiglio di studiarti meglio la preistoria e la protostoria umana.
    Basta dare un’occhiata all’europa di per rendersi conto che le cose non stanno come dici tu.

    L’europa era abitata fin da 20 000 anni fa dai primi uomini moderni, in particolare differenziati in due grandi “popoli”, uno stanziato in europa occidentale (penisola iberica, francia, germania, italia, isole britanniche) di cui i baschi sono gli unici eredi genetici, linguistici e culturali, e l’altro in europa orientale e settentrionale (balcani, sardegna, scandinavia), di cui non esistono eredi diretti.
    La loro cultura era particolare, dai resti archeologici sappiamo che vivevano in villaggi indipendenti l’uno dall’altro, senza una struttura statale intesa come oggi, le loro costruzioni erano tutte simili le une alle altre, e non sono state trovate abitazioni più maestose o sepolture con gioielli che possano identificare la presenza di un re, un governatore o di una classe dirigente, inoltre non sono state rinvenute armi per combattere altri uomini, erano un popolo pacifico senza una classe guerriera. La loro società era di tipo matriarcale, così come la loro religione, che aveva come divinità principale la Dea Madre.
    In una società simile non c’era coercizione e violenza, nei villaggi si viveva ovviamente in comunità (anarco-collettivismo), ma non statali, e non fatico a pensare che se un individuo desiderava vivere lontano dal villaggio in piena libertà (anarco-capitalismo) potesse farlo, non esistendo al di fuori dei villaggi autorità alcuna.
    I primi europei non avevano una mentalità chiusa e protezionista, ma anzi praticavano commerci sviluppati, scambiando merci provenienti anche da molto lontano, ed erano aperti all’introduzione di innovazioni tecnologiche e culturali, come quelle che portavano i continui spostamenti degli agricoltori neolitici della mezzaluna fertile.

    Un bel giorno dalle steppe pontiche e caspiche arrivarono in europa i primi indoeuropei, popoli che si spostavano a cavallo, che vivevano di nomadismo e che socialmente erano ben differenziati in classi, dai re ai sacerdoti ai guerrieri, erano un popolo violento, patriarcale con divinità principlale il Dio Padre guerriero ed autoritario, e quando si imbattevano in popolazioni differenti tendevano a imporre gradualmente la loro cultura, lingua e religione. Nel giro di poco tempo l’intera europa fu indoeuropeizzata, nacquero al posto dei villaggi indipendenti una serie di popolazioni guidate da capi guerrieri, precursori delle future città-stato, e più tardi degli imperi conquistatori, come quello romano ma anche quello persiano.

    Lo stato non è una forma di società nata in modo naturale, o l’ultima fase evolutiva della civiltà umana, è un qualcosa di imposto! Fin dal principio, da una minoranza organizzata e militarmente superiore ad una maggioranza pacifica e più debole.

    1. Antonio
      Antonio at | | Reply

      Ovviamente non voglio affermare che i popoli primitivi avessero uno stato burocratico così come ora lo conosciamo, dico solo che per sopravvivere hanno sempre trovato migliore l’opzione di organizzarsi in una società piuttosto che rimanere dei singoli. Poi io non sono contrario alle vostre idee nel senso che mi auspico vengano cancellate anzi sarei felice esistesse un mondo dove ogni gruppo si aggrega e si organizza come meglio crede così come se qualcuno decide di fare l’eremita, solo che l’esperienza mi insegna che il più forte impone il suo credo a tutti gli altri ed in questo temo che gli estremi del libertarismo e del comunismo abbiano mostrato l’inapplicabilità del modello. Vedi le società liberamente aggregate degli indiani d’America che fine hanno fatto…e volevano solo poter avere la libertà di mantenere i loro usi e costumi. Tutto qui solo questo mi preoccupa del costrutto filosofico che sta alla base del vostro movimento. PS.: grazie ai finanziamenti elettorali la Monsanto ha monopolizzato i posti chiave per legiferare e controllare in campo agricolo. Nominalmente mantenendo lo stato, ma formalmente sostituendolo. Questo anche è un aspetto della questione OMG che mi preoccupa, sai finché si permettono monopoli su alcuni generi io posso sempre farne a meno, ma mangiare non è una scelta opzionale. Nel vostro ideale gruppo libertario come pensate che si comporterebbero le multinazionali lasciate libere di farsi il mercato a loro piacimento? E’ una curiosità scusami

      1. W la Libertà
        W la Libertà at | | Reply

        Ma sei sicuro che senza appunto i finanziamenti elettorali e l’aiuto dei vari governi e dei vari politici una multinazionale possa mantenere il monopolio?

        Una società del tutto libera la immagino più come una società dove prevalgono le piccole e medie imprese piuttosto che le grandi multinazionali, che ricordiamoci sono spesso e volentieri aiutati dal governo e dallo stato.

        Comunque al contrario del comunismo, nessuno ha mai sperimentato il libertarianismo…

        1. Antonio
          Antonio at | | Reply

          Veramente è la Monsanto che finanziava e dato che economicamente ha già la forza di muoversi come un piccolo stato non ha fatto altro che far mettere dal governo nero su bianco quel che già faceva nella pratica col suo studio legale e con le sue guardie private. Dunque ripeto nel libertarianismo come si pensa di contenere questo potere delle multinazionali per salvaguardare le piccole imprese o i singoli individui? Questo aspetto mi incuriosiva perché a me sembra che il libertarianismo porti necessariamente ad una società priva di governo. Voglio chiarire che con la parola governo intendo un gruppo di persone che una nazione ha delegato democraticamente a difendere i principi che quel popolo si è dato. Ora io credo che lo Stato invece sia percepito negativamente perché confuso con la macchina burocratica (che è tutt’altro). Una società priva di governo è solo l’anticamera alla legge del più forte. A meno che storicamente mi sia perso qualche caso in cui lasciati tutti i cittadini liberi di far quel che gli pareva abbia prevalso l’equilibrio libertario invece che il più forte. Concludo con un parere (che ovviamente è personale e pesa quanto quello di chiunque altro su questo sito) : tra gli eccessi è sempre meglio la via mediana dunque assunto che una forma di stato perfetta non ci sia il meno peggio tra gli eccessi comunisti e gli eccessi libertari mi pare la socialdemocrazia che salvaguarda gli individui, ma tutela allo stesso tempo la collettività dagli eccessi di potere. Ovviamente alla base ci vuole un popolo vigile e pronto a difendere ogni diritto perché alla lunga chi ha soldi e potere tende sempre ad andare sopra le righe. Saluti

  29. Mario Ruggiero
    Mario Ruggiero at | | Reply

    Quando non vivevo in Italia mi sono considerato sempre di Destra, perché i miei genitori artigiani si sono fatti da soli all’estero, senza aiuto di nessuno men che meno dello Stato Italiano, anzi sono stati invitati ad andarsene in cerca di pane per i loro denti, pertanto sono cresciuto con l’idea che se ti dai da fare c’è la puoi fare, come d’altronde è stato, ora da quando ho deciso di tornare in Italia, non vedo più gli stessi ideali nella destra nostrana, permanente come si è comportata nei nostri confronti (liberi professionisti e autonomi) mi sembra l’immagine speculare della sinistra, solo a parole ma nei fatti forse si comportano anche peggio. Ora penso che distruggere questo diabolico sistema non sarà facile, perché questi hanno saputo fare bene il loro lavoro, come un cancro si sono metastasizzati in tutti i settori e anche se sono minoranza hanno fertilizzato il terreno con leggi e norme al loro favore e ora ci tengono sotto ricatto ed in trappola, non credo più alle parole ma bisogna passare ai fatti però tutti insieme.

  30. Liberty Defined
    Liberty Defined at | | Reply

  31. Manuel Castelletti
    Manuel Castelletti at | | Reply

    Un liberista che pretende che anche gli altri lo siano, non è un liberista, ma un fascista.

    1. Sonia Patacchi
      Sonia Patacchi at | | Reply

      ECCOMI. SONO ORGOGLIOSAMENTE FASCISTA !

      1. leonardofaccoeditore
        leonardofaccoeditore at | | Reply

        C’E’ POCO DA ESSERE ORGOGLIOSI

        1. Luciano
          Luciano at | | Reply

          Qui ti posso dare ragione. Andiamo d’accordo. Mi fanno paura sia loro che i comunisti !

          1. Luciano
            Luciano at |

            ma anche voi libertari evasori siete la rovina dell’Italia. Ma non rappresentate nulla in termini di consensi, siete ininfluenti, quindi non siete pericolosi

  32. Leo
    Leo at | | Reply

    Tutto interessante, però ci vorrebbe un nuovo simbolo, più accattivante. Anche un nuovo sito con un forum. In passato ho votato radicale, poi mi sono un pò spostato a sinistra in odio a questa destra fascio corporativista e libertaria per i cazzi propri. Sarebbe necessaria una nuova forza politica al di fuori degli schemi, che combatta contro i privilegi come ci è stato insegnato da Einaudi, Von Mises, Von Hayek, Hazlitt ed il mitico Rothbard!

  33. irene
    irene at | | Reply

    cosimo ha capito tutto…

  34. Mario
    Mario at | | Reply

    Buona fortuna! Avete bisogno di cui.

  35. Alessandro Colla
    Alessandro Colla at | | Reply

    Chiesa “soggetto attivo nel sistema capitalistico”? Vuol dire tutto e niente. Anche il marxismo può essere soggetto attivo in un sistema che però vuole combattere.. La rerum novarum è anticapitalistica, la dottrina sociale della chiesa è anticapitalsitica, le condanne del modernismo sono anticapitalsitiche. Ardita affermazione quella di un sistema che “era sempre capitalistico”. Non è vero. Quando c’è l’ingerenza dello stato non si può parlare di sistema capitalistico e di quest’ingerenza la storia è piena. Occorre ridare il giusto significato alle parole. Vale anche per chi lamenta che il “liberismo assoluto” provochi distorsioni del mercato. Le distorsioni del mercato le provoca solo l’interventismo che è il contrario del liberismo. L’affermazione “liberismo assoluto” è un non senso linguistico, un ossimoro. E’ come dire “un duca borghese”. Certo, in Italia abbiamo i prìncipi Borghese ma è solo un cognome. Non mi risulta che un referendum dove la repubblica risulti vincente, causi l’istituzione di una monarchia. Salvo colpi di stato, ovviamente. Nella guerra delle parole ci sono anche destra e sinistra. Ho letto di un commentatore che dopo aver votato radicale sostiene di essersi spostato a sinistra. Fin qui tutto bene in quanto i radicali sostengono di essere liberali, liberisti e libertari. Poi, però, si contraddice quando sostiene di averlo fatto per ragioni antifasciste e anticorporative. Fascismo e corporativismo sono un limite al libero mercato, perciò “spostarsi a sinistra” significa favorire quello che si dice di voler combattere. Ancora più contraddittorio è l’auspicio di tornare a Einaudi. Mises, Hayek e Rothbard. Spostandosi a sinistra ci si allontana da loro. Se continuiamo a dare a destra e sinistra un inutile significato sindacale, non ne usciamo più; finiremo con l’essere schiacciati dalla retorica ipocrita che vuole la sinistra protettrice della classe operaia, dei disoccupati. dei deboli, degli orfani e delle vedove. Stupidaggini smentite dalla storia e che solo gli eredi “culturali” dei cardinali che si rifiutavano di osservare gli effetti del telescopio di Galileo si ostinano a continuare a negare. Destra significa meno stato, sinistra più stato; e nient’altro. Se si invocano i pensatori autenticamente liberali non si può ritenere di essere politicamente a sinistra. Il confondere il fascismo, il conservatorismo, il nazionalismo, finanche il nazionalsocialismo (basterebbe il nome) con la destra politica è una perniciosa zavorra semantica: liberiamocene.

    1. Franco Berrino
      Franco Berrino at | | Reply

      Quando non si hanno strategie politiche da proporre ai cittadini per il futuro ci si aggrappa a idee fasciste e comuniste, che sono solamente cadaveri imbalsamati. Il Fascismo è morto e sepolto, appeso a testa in giù a Piazzale Loreto. Il Comunismo è finito e riproporlo come forma di governo è da pazzi. Al massimo si possono riproporre idee di quel passato, ma riviste e aggiornate ai tempi nostri. Ad una società che sta cambiando verso una confusione di identità sessuale. Verso una società LGBT, ossia formata da lesbiche, gay, bisessuali e trans gender. Non dovete – voi che siete in età di fare figli – farli naturalmente, ma utilizzando uteri in affitto e seme da acquistare al supermercato.
      E’ la civiltà del futuro, ragazzi!!! La civiltà del Nuovo Ordine mondiale, che distruggerà il Vecchio Ordine naturale, è sostenuta dalla Sinistra, o da ciò che rimarrà dopo la cura Renzi, ossia la cura imposta dai potentati finanziari che governano il pianeta. Altrimenti Napolitano non lo avrebbe messo a governare senza l’elezione elettorale.
      Adesso, caro Alessandro Colla, ti do una notizia che è stata pubblicata su alcuni fogli on line grazie agli hackers, che ce l’hanno fatta scoprire rivelando al mondo i materiali riservati del miliardario guerrafondaio George Soros. La notizia è che l’ex-ministro e attualmente parlamentare europeo del PD Kashetu KYENGE, detta Cécile, gode della fiducia, insieme ad altri parlamentari italiani ed europei, del miliardario Soros, che la classifica quale sostenitrice del GENDER EQUALITY… Adesso, capisci perché la Kyenge, invece di ritornare in Congo a curare i bambini congolesi con gli occhi devastati dalle malattie tropicali che portano alla cecità, restava qui per proporre il “genitore uno e genitore due”, eliminandocc il nome del padre e della madre in nome della Gender Equality?
      Io non mi meraviglio alla fine dell’etica comunista dei Compagni di una volta. Ormai i “compagni” di oggi pensano alle poltrone e dei lavoratori “chissenefrega”. Mi meraviglio invece di quei cattolici del PD e di Sel che si sbattono il petto alla domenica in chiesa e che poi sostengono senza battere ciglio le tesi aberrate e aberranti della turpitudine LGBT e del Gender nelle scuole in cui si vuole gettare la nostra società naturale, verso l’omosessualità totale e verso il “meticciato” sponsorizzato dalla Kyenge per l’attuazione del Piano Kalergy per una futura società europea “negroide eurasiatica”.

  36. Giovanni
    Giovanni at | | Reply

    Non credo che si possa stabilire l’equazione “- stato = destra “.

  37. diego
    diego at | | Reply

    lancio un appello a tutti i libertari appartenenti al popolo veneto affinché si informino sul nostro percorso per cacciare l’italia fuori dai territori veneti ( quelli ante 22.10.1866), Comitato Liberazione Nazionale Veneto : clnveneto.ch http://www.facebook.com/clnveneto

  38. Lucia
    Lucia at | | Reply

    E’ una fortuna che la gente non capisca il nostro sistema bancario e monetario, perchè se lo facesse, credo che scoppierebbe la rivoluzione prima di domani”
    Henry Ford
    La moneta che sta rivoluzionando l’economia è arrivata. Voi siete pronti ? Tutte le info su:
    https://www.facebook.com/onecoinonelifecriptovaluta/
    Il futuro dei pagamenti iniza gratuitamnte sul sito:
    https://www.onelife.eu/signup/LuciaVip

  39. Giannetto Michelassi
    Giannetto Michelassi at | | Reply

    Puo’ esistere una societa’ comunista senza stato, come la immaginava Marx? Un’utopia. Richiderebbe la pressoche’ unanimita’ e il controllo di tutti su tutti, cosa improponibile in comunita’ di dimensioni superiori ad un kibbutz. Non e’ un caso che ogni regime comunista sia finito in dittatura, perche’ l’esproprio proletario si puo’ fare solo con la forza, e impedire l’esodo di cervelli e capitali richiede cortine di ferro. Allo stesso modo, e’ immaginabile una societa’ di liberi individui senza stato, senza una quota di risorse destinate al bene comune? un’uopia, perche’ se e’ vero che la liberta’ individuale e’ il primo e il principale motore della produzione di progresso (ricchezza, benessere, scienza, teconologia, cultura…) e’ altrettanto evidente che perche’ questo modello abbia successo sarebbero necessarie due conditio sine-qua-non 1) che gli inividui della comunita’ siano in maggioranza capaci, responsabili e autosufficienti, cosa difficilmente raggiungibile se non con espulsioni o esodi vlontari di massa. 2) che tutto il mondo seguisse lo stesso modello, mandando i fancazzisti parassiti su Marte. Perche’ altrimenti tempo pochi anni e alle frontiere della straricca comunita’ libertaria si affollerebbe un esercito di predatori affamati che non hanno letto Rothbard e per i quali un hamburger vale piu’ della liberta’, del rispetto della proprieta’, dell’integrita’ fisica altrui, e altre stupende amenita’ con le quali pero’ non si mangia. Una societa’ siffatta sarebbe immediatamente invasa dai barbari alla prima carestia. Senza una politca minima di inclusione solidale (sottolineo MINIMA, ma ineleudibile) sarebbe la guerra civile. Senza una forza coercitiva di tipo satuale contro i “dissidenti” (delinquenti) sarebbe la barbarie, le legge del piu’ forte. Senza frontiere protette e difese da un esercito comune pagato con le decime (=tasse) sarebbe l’invasione e la razzia di Roma, altro che Buzzi e Carminati….
    In conclusione, le idee libertarie appaiono piu’ utopistici aneliti di vecchi frustrati un po’ avvvinazzati che roba seria. Quasi quanto il comunismo. Roba buona per cazzeggiare su facebook, per raggruppare sette di fanatici soldati da tastiera, sfogarsi con gli amici contro lo stato ladro sbucciando le castagne…Ma all’atto pratico trattasi di fanta anti-politica, un genere di sicuro traino per l’editoria di questi tempi. Vero Facco? (geniale!)

    1. christian
      christian at | | Reply

      Mi sa che ancora non ti sei ripreso dai bagordi natalizi. Per aver tirato fuori un cumulo di stronzate così grosse hai sicuramente mangiato qualcosa che ti ha fatto male ma questo sito non è il tuo WC personale. Usa qualcosa di più consono come le pentole che usi sicuramente per dare da mangiare le stesse stronzate alla tua famiglie e tuoi figli (se ne hai). Vatti a rileggere i post del sito e troverai le degne risposte ad ognuna delle baggianate che hai scritto, sempre se sarai in grado di capirle. Ho visto scimmie battere la tastiera a caso e scrivere frasi più sensate ed intelligenti delle tue.

  40. Alessandro Colla
    Alessandro Colla at | | Reply

    Una società libertaria non esclude affatto la possibilità di “minima inclusione solidale”. Purché non sia obbligatoria e le decime per la difesa siano pagate volontariamente, non imposte. Se la società libertaria non si è ancora organizzata è proprio perché esistono i barbari per i quali la polpetta è più importante della libertà. Le idee libertarie possono, appunto, “apparire” utopistiche. Ma solo agli occhi di chi non approfondisce l’ampia letteratura del pensiero libertario. Dal libero pastore Abele, aggredito dal collettivista Caino che voleva impossessarsi delle pecore legittimamente di proprietà del fratello, ai giorni nostri. Utopistico è ritenere che l’apparato pubblico e coercitivo possa garantire una difesa efficace. Non mi pare che l’editoria “di questi tempi” sia dominata da Leonardo Facco. Purtroppo.

  41. Giannetto Michelassi
    Giannetto Michelassi at | | Reply

    Ecco, alla domanda “chi siamo” hai risposto in maniera davvero esaustiva caro Christian. Gente aperta di mente, pronta al confronto civile, che non crede di avere la verita’ in tasca e accetta le critiche. Il paragone con le scimmie poi e’ proprio calzante, sul web in effetti se ne incontrano tante, ma evolute come voi e’ raro, sembrate quasi umani. Mi hai convinto, votero’ convintamente per voi al prossimo rinnovo del consiglio di zoo! Auguri! :)

  42. Giannetto Michelassi
    Giannetto Michelassi at | | Reply

    Alessandro “Se la società libertaria non si è ancora organizzata è proprio perché esistono i barbari”: Verissimo! ma ti do una notizia. Esisteranno sempre!!! avete una soluzione anche per quelli? Bomba H? Ingegneria genetica?? Anche il Comunismo e’ caduto perche’ esistono gli egoisti, avidi, ambiziosi, individualisti, genii.. se no “avrebbe” funzionato! ma alla faccia di Marx gli uomini non sono formiche, e alla faccia di Rothbard nemmeno tutti premi nobel…

    1. spago
      spago at | | Reply

      Il comunismo non avrebbe funzionato comunque per il problema del calcolo economico in assenza di mercato come spiega Mises, al contrario il libertarismo non ha bisogno che gli uomini siano diversi da come sono. Se esistono i barbari esistono la sicurezza e la difesa: non c’è nessun motivo per cui uno Stato dovrebbe poter garantire meglio la nostra sicurezza, anzi è il contrario.

      Inoltre il tuo ragionamento considera ancora lo Stato come una forma di organizzazione necessaria per difederci da chi ci aggredisce, ma lo Stato è una banda criminale che vive dei frutti dell’aggressione ai suoi cittadini: dunque in nessun caso lo Stato può essere un male necessario per difendersi, a meno che tu voglia considerare la mafia un male necessario per difendersi dalla criminalità comune..

      Le domande che poni se le sono poste già molti pensatori libertari e anarchici e hanno elaborato varie risposte. Se cerchi se questo sito e su altri sicuramente puoi trovarne una parte.

  43. Vito
    Vito at | | Reply

    NOI DI WIKIPEDIA RIBADIAMO QUI ANCORA UNA VOLTA E PER SEMPRE CHE IL ML E’ ILLEGALE !!!

  44. Vito
    Vito at | | Reply

    Incredibile il modo in cui distorcono le notizie con grande livello di censura e manipolazione, non è solo un blog, sono un canale di propaganda libertaria di merda , che serve una merda come George Soros! per questo motivo i loro giorni sono contati! La maggior parte non sono più! Abbandonate questa ideologia di merda.
    https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Discussioni_progetto:WikiDonne/Eventi/Editathons/La_mujer_que_nunca_conociste_2017/Roma&action=edit&section=8
    Per WikiDonne/Eventi/Editathons/La mujer que nunca conociste 2017/Roma
    la più votata in termini assoluti risulta essere :https://it.cam4.com/michelina87
    Incredibile !!!

  45. Vito
    Vito at | | Reply

    Incredibile il modo in cui distorcono le notizie con grande livello di censura e manipolazione, non è solo un blog, sono un canale di propaganda libertaria di merda , che serve una merda come George Soros! per questo motivo i loro giorni sono contati! La maggior parte non sono più! Abbandonate questa ideologia di merda.

  46. Vito
    Vito at | | Reply

    Per WikiDonne/Eventi/Editathons/La mujer que nunca conociste 2017/Roma
    la più votata in termini assoluti risulta essere :https://it.cam4.com/michelina87
    Incredibile !!! https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Discussioni_progetto:WikiDonne/Eventi/Editathons/La_mujer_que_nunca_conociste_2017/Roma&action=edit&section=8

  47. Vito
    Vito at | | Reply

    Per WikiDonne/Eventi/Editathons/La mujer que nunca conociste 2017/Roma
    la più votata in termini assoluti risulta essere :https://it.cam4.com/michelina87
    Incredibile !!!

  48. Michaela Kajšová
    Michaela Kajšová at | | Reply

    Grazie Vito , sei fantastico !
    Votate cicciolini libertari !
    modelka milenec @vito
    milující flétna model přehrávače
    Vituzzu ♥ přišel hrát s mým kočička
    můj milenec flétnista vždy

    Ti aspetto nel mio canaleCiao Vito ( https://it.wikipedia.org/wiki/Utente:Vituzzu)….ti sembra bello agire così…rubare al tuo amico il mio indirizzo mail… Come sai io sono Jolanda Mosca, 28 anni, suono il pianoforte, anch’io …amo…nuotare, tutto ciò che ha a che fare con l’acqua. Il mio primo rapporto… è stato un sogno. Avevo tredici anni…l’età in cui … si vuol anche perdere la verginità…frastornata…sul bordo della piscina. Non lo dimenticherò… mai. La tua lezione… molto intima…. caro Vito… aveva funzionato . E non si può fingere… mai. Leggo…ascolto musica…penso molto…forse anche troppo….spesso la mia mente vaga in spazi sconosciuti…. eterei…sospesa dalle cose reali… epoké…a proposito mi parlavi di un maneggio di cavalli….mia sorella che ha fatto per anni concorsi di equitazione ora per forza maggiore deve vendere il suo cavallo … ed ora non può montare in sella con una tua spinta…potresti ancora aiutarmi…in qualche modo tu che sei nel settore. Se vuoi scrivermi in seguito volentieri… ma non su Wikipedia…che non è lo spazio adatto…. per certi discorsi… troppo osé. Il mio indirizzo vero dovresti averlo verooooooo ? La mia mail ce l’hai di sicuro, visto che me l’hai rubata ! Comunque… Jolanda Mosca V. Caboto 4 13048 Santhià (Vc) Alla prossima…Vito fai il bravo …a proposito io ho una paura folle dei cavalli. Mi trovi anche nella chat (che tu conosci bene…ma che non so bene per quale motivo…tu non usi da un bel pò….mi trovi con il mio nick: delfin) Ciao Jolanda MoscaCiao Vito ( https://it.wikipedia.org/wiki/Utente:Vituzzu)….ti sembra bello agire così…rubare al tuo amico il mio indirizzo mail… Come sai io sono Jolanda Mosca, 28 anni, suono il pianoforte, anch’io …amo…nuotare, tutto ciò che ha a che fare con l’acqua. Il mio primo rapporto… è stato un sogno. Avevo tredici anni…l’età in cui … si vuol anche perdere la verginità…frastornata…sul bordo della piscina. Non lo dimenticherò… mai. La tua lezione… molto intima…. caro Vito… aveva funzionato . E non si può fingere… mai. Leggo…ascolto musica…penso molto…forse anche troppo….spesso la mia mente vaga in spazi sconosciuti…. eterei…sospesa dalle cose reali… epoké…a proposito mi parlavi di un maneggio di cavalli….mia sorella che ha fatto per anni concorsi di equitazione ora per forza maggiore deve vendere il suo cavallo … ed ora non può montare in sella con una tua spinta…potrestCiao Vito ( https://it.wikipedia.org/wiki/Utente:Vituzzu)….ti sembra bello agire così…rubare al tuo amico il mio indirizzo mail… Come sai io sono Jolanda Mosca, 28 anni, suono il pianoforte, anch’io …amo…nuotare, tutto ciò che ha a che fare con l’acqua. Il mio primo rapporto… è stato un sogno. Avevo tredici anni…l’età in cui … si vuol anche perdere la verginità…frastornata…sul bordo della piscina. Non lo dimenticherò… mai. La tua lezione… molto intima…. caro Vito… aveva funzionato . E non si può fingere… mai. Leggo…ascolto musica…penso molto…forse anche troppo….spesso la mia mente vaga in spazi sconosciuti…. eterei…sospesa dalle cose reali… epoké…a proposito mi parlavi di un maneggio di cavalli….mia sorella che ha fatto per anni concorsi di equitazione ora per forza maggiore deve vendere il suo cavallo … ed ora non può montare in sella con una tua spinta…potresti ancora aiutarmi…in qualche modo tu che sei nel settore. Se vuoi scrivermi in seguito volentieri… ma non su Wikipedia…che non è lo spazio adatto…. per certi discorsi… troppo osé. Il mio indirizzo vero dovresti averlo verooooooo ? La mia mail ce l’hai di sicuro, visto che me l’hai rubata ! Comunque… Jolanda Mosca V. Caboto 4 13048 Santhià (Vc) Alla prossima…Vito fai il bravo …a proposito io ho una paura folle dei cavalli. Mi trovi anche nella chat (che tu conosci bene…ma che non so bene per quale motivo…tu non usi da un bel pò….mi trovi con il mio nick: delfin) Ciao Jolanda Moscai ancora aiutarmi…in qualche modo tu che sei nel settore. Se vuoi scrivermi in seguito volentieri… ma non su Wikipedia…che non è lo spazio adatto…. per certi discorsi… troppo osé. Il mio indirizzo vero dovresti averlo verooooooo ? La mia mail ce l’hai di sicuro, visto che me l’hai rubata ! Comunque… Jolanda Mosca V. Caboto 4 13048 Santhià (Vc) Alla prossima…Vito fai il bravo …a proposito io ho una paura folle dei cavalli. Mi trovi anche nella chat (che tu conosci bene…ma che non so bene per quale motivo…tu non usi da un bel pò….mi trovi con il mio nick: delfin) Ciao Jolanda Mosca
    Entra nella mia videochat sexy, sono in webcam dal vivo su #CAM4 ora!

  49. Michaela Kajšová
    Michaela Kajšová at | | Reply

    Grazie Vito , sei fantastico !
    Votate cicciolini libertari !
    modelka milenec @vito
    milující flétna model přehrávače
    Vituzzu ♥ přišel hrát s mým kočička
    můj milenec flétnista vždy
    Ti aspetto nel mio canale. :https://it.cam4.com/michelina87Ciao Vito ( https://it.wikipedia.org/wiki/Utente:Vituzzu)….
    Entra nella mia videochat sexy, sono in webcam dal vivo su #CAM4 ora!

  50. Michaela Kajšová
    Michaela Kajšová at | | Reply

    Grazie Vito , sei fantastico !
    Votate cicciolini libertari !
    modelka milenec @vito
    milující flétna model přehrávače
    Vituzzu ♥ přišel hrát s mým kočička
    můj milenec flétnista vždy
    Ti aspetto nel mio canale. Entra nella mia videochat sexy, sono in webcam dal vivo su #CAM4 ora!

  51. Michaela Kajšová
    Michaela Kajšová at | | Reply

    Ti aspetto nel mio canale. :https://it.cam4.com/michelina87Ciao Vito ( https://it.wikipedia.org/wiki/Utente:Vituzzu)….Ciao Vito ( https://it.wikipedia.org/wiki/Utente:Vituzzu)….ti sembra bello agire così…rubare al tuo amico il mio indirizzo mail… Come sai io sono Jolanda Mosca, 28 anni, suono il pianoforte, anch’io …amo…nuotare, tutto ciò che ha a che fare con l’acqua. Il mio primo rapporto… è stato un sogno. Avevo tredici anni…l’età in cui … si vuol anche perdere la verginità…frastornata…sul bordo della piscina. Non lo dimenticherò… mai. La tua lezione… molto intima…. caro Vito… aveva funzionato . E non si può fingere… mai. Leggo…ascolto musica…penso molto…forse anche troppo….spesso la mia mente vaga in spazi sconosciuti…. eterei…sospesa dalle cose reali… epoké…a proposito mi parlavi di un maneggio di cavalli….mia sorella che ha fatto per anni concorsi di equitazione ora per forza maggiore deve vendere il suo cavallo … ed ora non può montare in sella con una tua spinta…potresti ancora aiutarmi…in qualche modo tu che sei nel settore. Se vuoi scrivermi in seguito volentieri… ma non su Wikipedia…che non è lo spazio adatto…. per certi discorsi… troppo osé. Il mio indirizzo vero dovresti averlo verooooooo ? La mia mail ce l’hai di sicuro, visto che me l’hai rubata ! Comunque… Jolanda Mosca V. Caboto 4 13048 Santhià (Vc) Alla prossima…Vito fai il bravo …a proposito io ho una paura folle dei cavalli. Mi trovi anche nella chat (che tu conosci bene…ma che non so bene per quale motivo…tu non usi da un bel pò….mi trovi con il mio nick: delfin) Ciao Jolanda Moscai ancora aiutarmi…in qualche modo tu che sei nel settore. Se vuoi scrivermi in seguito volentieri… ma non su Wikipedia…che non è lo spazio adatto…. per certi discorsi… troppo osé. Il mio indirizzo vero dovresti averlo verooooooo ? La mia mail ce l’hai di sicuro, visto che me l’hai rubata ! Comunque… Jolanda Mosca V. Caboto 4 13048 Santhià (Vc) Alla prossima…Vito fai il bravo …a proposito io ho una paura folle dei cavalli. Mi trovi anche nella chat (che tu conosci bene…ma che non so bene per quale motivo…tu non usi da un bel pò….mi trovi con il mio nick: delfin) Ciao Jolanda Mosca

  52. Michaela Kajšová
    Michaela Kajšová at | | Reply

    Ho visto che sei un bel maialone Vito: Ciao Vito ( https://it.wikipedia.org/wiki/Utente:Vituzzu)….ti sembra bello agire così…rubare al tuo amico il mio indirizzo mail… Come sai io sono Jolanda Mosca, 28 anni, suono il pianoforte, anch’io …amo…nuotare, tutto ciò che ha a che fare con l’acqua. Il mio primo rapporto… è stato un sogno. Avevo tredici anni…l’età in cui … si vuol anche perdere la verginità…frastornata…sul bordo della piscina. Non lo dimenticherò… mai. La tua lezione… molto intima…. caro Vito… aveva funzionato . E non si può fingere… mai. Leggo…ascolto musica…penso molto…forse anche troppo….spesso la mia mente vaga in spazi sconosciuti…. eterei…sospesa dalle cose reali… epoké…a proposito mi parlavi di un maneggio di cavalli….mia sorella che ha fatto per anni concorsi di equitazione ora per forza maggiore deve vendere il suo cavallo … ed ora non può montare in sella con una tua spinta…potresti ancora aiutarmi…in qualche modo tu che sei nel settore. Se vuoi scrivermi in seguito volentieri… ma non su Wikipedia…che non è lo spazio adatto…. per certi discorsi… troppo osé. Il mio indirizzo vero dovresti averlo verooooooo ? La mia mail ce l’hai di sicuro, visto che me l’hai rubata ! Comunque… Jolanda Mosca V. Caboto 4 13048 Santhià (Vc) Alla prossima…Vito fai il bravo …a proposito io ho una paura folle dei cavalli. Mi trovi anche nella chat (che tu conosci bene…ma che non so bene per quale motivo…tu non usi da un bel pò….mi trovi con il mio nick: delfin) Ciao Jolanda Moscai ancora aiutarmi…in qualche modo tu che sei nel settore. Se vuoi scrivermi in seguito volentieri… ma non su Wikipedia…che non è lo spazio adatto…. per certi discorsi… troppo osé. Il mio indirizzo vero dovresti averlo verooooooo ? La mia mail ce l’hai di sicuro, visto che me l’hai rubata ! Comunque… Jolanda Mosca V. Caboto 4 13048 Santhià (Vc) Alla prossima…Vito fai il bravo …a proposito io ho una paura folle dei cavalli. Mi trovi anche nella chat (che tu conosci bene…ma che non so bene per quale motivo…tu non usi da un bel pò….mi trovi con il mio nick: delfin) Ciao Jolanda Mosca

  53. Michaela Kajšová
    Michaela Kajšová at | | Reply

    Oh, siiii Libertari belli caldi, mmm : vi aspetto nel mio canale. :https://it.cam4.com/michelina87 Entra nella mia videochat sexy, sono in webcam dal vivo su #CAM4 ora!

  54. Carmelo
    Carmelo at | | Reply

    Ok. Non credi sia giunto il momento di archiviare le discussioni? Sono più di 980

    https://it.wikipedia.org/wiki/Discussioni_utente:Vituzzu

  55. Vito
    Vito at | | Reply

    FACCO DE’ MERDA

    1. Vilma
      Vilma at | | Reply

      L’amministratore di Wikipedia Vituzzu è stato denunciato anche per aver ripetutamente cancellato la pagina del Movimento Libertario.

  56. Vilma
    Vilma at | | Reply

    L’amministratore di Wikipedia Vituzzu è stato denunciato anche per aver ripetutamente cancellato la pagina del Movimento Libertario. http://www.movimentolibertario.it/index.php?option=com_content&view=article&id=3696:wikipedia-censura-il-movimento-librtario-&catid=1:latest-news#yvComment3696

    1. carmelo
      carmelo at | | Reply

      Ma che scoperta ! Vituzzu è un amministratore di wikipedia di fede renziana, è un piddino !

  57. carmelo
    carmelo at | | Reply

    Purtroppo molti non hanno capito che il FQ ha pubblicato un controscoop: https://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Bar/Discussioni/Ennesimo_scoop_giornalistico_su_Wikipedia

    A questo punto è meglio andare direttamente su Wikipedia per avere delle news fresche ed aggiornate in tempo reale :)

    Infatti, non per niente, un certo amministratore di Wikipedia di nome Vituzzu ha cancellato l’articolo del FQ E non sarà forse un caso che si tratti di un amministratore di fede renziana ? :)

    https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Governi_italiani_per_durata&action=history

  58. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    Questi comunisti di merda non sanno nemmeno quello che dicono

  59. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    Io gli strapperei tutte le unghie dei piedi

  60. Luciano
    Luciano at | | Reply

    Ladroni patentati ed evasori fiscali.

    1. leonardofaccoeditore
      leonardofaccoeditore at | | Reply

      SUCCHIA PARASSITA DI MERDA

  61. Luciano
    Luciano at | | Reply

    Anche da parte mia.
    Teniamo botta.
    Luciano

    Casali avv. Luciano
    Via G. Ghirardini 18
    40141 Bologna

  62. Luciano
    Luciano at | | Reply

    Viva il M5S ! Viva Grillo, Casaleggio, Pizzarotti, Raggi, Appendino !

  63. Luciano
    Luciano at | | Reply

    Morte alla Casta !

  64. Luciano
    Luciano at | | Reply

    Luigi Di Maio Premier !

  65. Luciano
    Luciano at | | Reply

    Manlio Di Stefano agli Esteri !

  66. Mario
    Mario at | | Reply

    Mauro Suttora ha scritto e postato in rete vari post che invitano gli anarchici ed i libertari ad entrare in massa NON nei radicali ma nel M5S, Curioso , vero ?

    1. leonardofaccoeditore
      leonardofaccoeditore at | | Reply

      ridicolo se fosse così

      1. Mario
        Mario at | | Reply

        Esplora Entra Registrati
        maurosuttora
        Mauro Suttora

        @maurosuttora

        Commenti 337
        Discussioni
        Consiglia
        Sostenitori 0
        Stai seguendo 0

        266 apprezzamenti
        Iscritto il 5 giu 2013

        Comunità frequentate
        Il Fatto Quotidiano
        Il Fatto Quotidiano
        Lista civica Milano
        Lista civica Milano
        Formiche
        Formiche
        LaCosa
        LaCosa
        Lettera43
        Lettera43
        Discussione su Lista civica Monza 10 comments
        AMMINISTRATIVE MONZA 2017. VOTAZIONE ON LINE PER DECIDERE IL CANDIDATO SINDACO
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un mese fa

        Ah, le cordate
        Vedi nella discussione
        Discussione su Formiche 7 comments
        Beppe Grillo, lo stadio della Roma e la querela a Formiche.net
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 mesi fa

        Ottimo
        Vedi nella discussione
        Discussione su Lettera43 4 comments
        M5s, la vera piattaforma di e-democracy non vedrà mai la luce
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 mesi fa

        Ottimo
        Vedi nella discussione
        Discussione su Formiche 19 comments
        Io, giornalista grillino, vi racconto cosa succede nel Movimento di Grillo e Casaleggio
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Fabio 4 mesi fa

        Tutto confermato dai pochi rendiconti che qualche eurodeputato grillino pubblica
        Vedi nella discussione
        Discussione su il Post 119 comments
        Cos’è la storia delle note spese di Di Maio
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 6 mesi fa

        Sono rendiconti finti. Non devono allegare giustificativi, quindi possono inventarsi quel che vogliono. E nessuno controlla
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 49 comments
        Urbano Cairo, ricordi quando eravamo giovani e pieni di speranze
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 9 mesi fa

        bell’articolo pieno di insight. Brava Januaria, e quanti rosiconi che commentano
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora nessuno 9 mesi fa

        nvidiosso
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Guest 9 mesi fa

        cos’hai contro le parrucchiere?
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Controtendenza 9 mesi fa

        perché, cos’hai contro gli operai della Fiat?
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Foglio di Claudio Cerasa 1 comments
        Marco Pannella, uno scandalo radicale
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 9 mesi fa

        Molto interessante, bravo Diego Galli, comprerò il libro
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 15 comments
        Trash-chic, David Gilmor ritorna a Pompei. Biglietti alle stelle per il chitarrista dei Pink Floyd
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora clack 10 mesi fa

        I pink floyd volevano una “società più giusta”? E quando mai?
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 10 mesi fa

        vado a vedere Gilmour alla Royal Albert Hall di Londra, il suo ambiente naturale, a settembre. I biglietti costano la metà di Pompei, 150 euro. E il volo low cost Milano-Londra meno del treno Milano-Napoli. Inoltre si spera che ora la sterlina crolli
        Vedi nella discussione
        Discussione su Giornalettismo 3 comments
        Davide Casaleggio guiderà il M5S al posto del padre Gianroberto?
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        a me invece pare informatissimo. La differenza fra chi si firma e gli anonimi come mav mav
        1
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 78 comments
        Olbia, la candidata grillina tra luci e ombre
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        Da quando in qua Lions e Rotary sono massoni?
        Buffagni, stimato consigliere regionale grillino in Lombardia, era nel Rotary giovani. E allora?
        Mi sembrano più gravi le altre questioni: abuso edilizio, paracadutaggio, non residenza e mancanza di primarie
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 6 comments
        Trash-chic, lo zio d’America salva il borgo di Castiglioncello del Trinoro
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        Janu, mi fai impazzire.
        “Angelo Bucarelli social artist”
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 2004 comments
        Comunali Roma: Virginia Raggi e l’omissione sullo studio Previti
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        Articolo eccellente. Il praticantato chez Previti non e’ stato “dichiarato apertamente in conferenza stampa”.
        C’è stata l’ammissione di fronte alla rivelazione del giorno prima, inizialmente minacciata di querela e definita, come fanno tutti i politici, “dossier”, “manovra”, “macchina del fango”.

        Inoltre, la Raggi dichiara di avere lavorato nello studio Previti dal 2003 al 2007. Ma i praticantati durano 18 mesi, non 4 anni. E non sono ne’ stages gratuiti, ne’ babysitteraggi
        2
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora inverness un anno fa

        Non è preistoria. Infatti Pieremilio Sammarco ha cancellato suo fratello Alessandro dalla lista online dei consulenti del proprio studio due notti fa, per non imbarazzare la sua Virginia
        2
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Norrin un anno fa

        Lillo “peone piddino”?
        Forse non conosce la sua storia professionale. Si informi, molti suoi articoli sono online
        3
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Foglio di Claudio Cerasa 7 comments
        Le lacrime amare di Miuccia Prada von Kant
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Regular Coffee un anno fa

        perché, esiste il sarcasmo dolce?
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        grande ritratto, complimenti
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora aldo un anno fa

        a brescia c’è coin
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 27 comments
        Trash-chic, San Valentino: ecco perché agli uomini preferisco il vibratore
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        perché accontentarsi di un uomo quando si può avere un intero vibratore?
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 2 comments
        Trash-chic, le ultime da Gstaad: Carolina di Monaco assorta in preghiera e James Franco fa cucù
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        la creperie Apple Pie era l’unica con prezzi decenti a Gstaad
        Vedi nella discussione
        Discussione su Bad 2 comments
        Mustang, la recensione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        Bravissimo
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Blog di Nicola Porro 6 comments
        Aldo Canovari, l’uomo che rende più Liberi i Libri
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        Bravo
        1
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 496 comments
        M5S: caro Beppe Grillo, tre propositi per il 2016
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        Ora che sua figlia e’ stata assunta come portaborse grillina, ogni suo commento su Grillo verrà visto con sospetto.
        Soprattutto se prima lo criticava, mentre ora lo loda e ambisce al ruolo di consigliere
        29
        Vedi nella discussione
        Discussione su InformArezzo 16 comments
        Chi racconta le novelle sulla crisi di Banca Etruria, cerca solo di far continuare a girare la giostra: a spese nostre!
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Egosintonico un anno fa

        dal 3 aprile 2011 era nel cda. Vicepresidente dopo che sua figlia diventa ministro, e fino a febbraio 2015.
        Quattro anni non sono pochi. E anche un figlio assunto e fatto dirigente
        Vedi nella discussione
        Discussione su Spetteguless Blog 13 comments
        Oggi, incredibile articolo omo-transfobico sul numero in edicola
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora un anno fa

        sono l’autore dell’articolo. Il cui succo sta in questa frase:
        «Sono fenomeni da baraccone pompati apposta per creare sconcerto e spavento», dice a Oggi Angelo Pezzana, primo gay in Italia a fondare un movimento nel 1971: il Fuori (Fronte unito omosessuale rivoluzionario italiano). «Proprio ora che, ultimi in Europa, stiamo per approvare una legge che riconosce le coppie omosessuali, qualcuno ricorre al solito sesso pruriginoso che attrae, ma allo stesso tempo impaurisce»
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 863 comments
        Elezioni Milano, riunione attivisti M5S: “Nome scelto nei Meetup contro infiltrati”. E Calise: “Non mi ricandido”
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Dem73 2 anni fa

        infatti, i disoccupati per 2 anni sono già garantiti. Il resto è manna dal cielo (coi soldi delle nostre tasche, però)
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Foglio di Claudio Cerasa 14 comments
        L’Onu e i suoi fallimentari 70 anni (Auguri)
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        complimenti
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 162 comments
        Gianni Oliva ospite di ‘Libri d'(a)mare’, si riapre la caccia al tesoro di Mussolini
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Daniele Uboldi 2 anni fa

        Tutti sappiamo che sull’oro di Dongo e’ stata scritta una biblioteca, in questi 70 anni.
        La verità non è ancora uscita, quindi Oliva si aggiunge alla pubblicistica di destra che ipotizza legittimamente che il tes/oro sia finito al Pci.
        Non mi sembra sia un complottista.
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora VeraCrudele 2 anni fa

        Il diritto di usare uno pseudonimo si paga col dispiacere di essere presi in giro. Capirai che problemi.
        Che c’entrano illegalità, regole e camorra?
        Se si insulta protetti da una maschera, il minimo che si rischia e’ di farsela strappare
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        Insomma questa pseudo VeraCrudele ha una nonna nobile come la Piromallo, e’ napoletana come lei, ma la Piromallo deve averle rubato un fidanzato.
        O magari e’ un uomo.
        Buffo come i comunisti ancora si incazzino per l’oro di Dongo dopo 70 anni.
        Comunque W Berlinguer. Per non parlare di Tortorella
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora VeraCrudele 2 anni fa

        Mi raccomando gli operai i lavoratori gli intellettuali e le conquiste, e il paese che migliora, migliora, migliora
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora VeraCrudele 2 anni fa

        Compagni dirigenti
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Red Sky 2 anni fa

        Per quel che può importare, Claretta non era sul camion tedesco con Mussolini
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Ragnar 2 anni fa

        Mi ha stupito la superficialità del documentario preso per buono dalla Grande Storia, c’era un napoletano complottista che sembrava Giacobbo di Kazzenger e spacciava per oro colato una delle tante versioni alternative sull’uccisione di Mussolini e Claretta
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 9 comments
        Trash-chic, “era bella… Dio quanto era bella”. E Myriam disse no a Briatore
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        bella Panarea
        Vedi nella discussione
        Discussione su Parlamento Europeo 2 comments
        Restituzione, alle pmi 123 mila euro dai portavoce M5S Europa
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        dove sono pubblicati i rendiconti mensili degli eurodeputati? Perché restituite solo 1.200 euro a testa, mentre i portavoce italiani restituiscono il doppio sullo stipendio, e almeno il quadruplo su diarie e rimborsi non spesi?
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 1 comments
        Trash-chic, a villa Malaparte Gagosian imperatore per una notte. Grazie a Warhol, oggi scrivo sul Fatto
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        Cos’è il carpaccio di pezzogna?
        Vedi nella discussione
        Discussione su Forum Movimento 5 Stelle 9 comments
        STIPENDI €UROPARLAMENTARI
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        Ha ragione Piccirillo, gli eurodeputati devono rendicontare e restituire come tutti gli altri portavoce 5 stelle, nazionali o regionali.
        Che io sappia solo Affronte, dei 17 eurodeputati, ha pubblicato un parziale rendiconto.

        Da tenere presente che, oltre ai 14mila euro mensili di stipendio (6200), rimborsi (4200) e diaria (circa 4000), gli eurodeputati incassano l’incredibile cifra di 21mila euro mensili per i portaborse, contro i 4000 dei portavoce nazionali.
        Mi sarei aspettato una battaglia politica per almeno dimezzare questo ladrocinio, e intanto la rinuncia volontaria da subito a 10.000 euro.

        Appellarsi a regolamenti lacunosi firmati in precedenza è da azzeccagarbugli. Andiamo alla sostanza. Chi non rendiconta e restituisce se ne vada.
        E’ uno scandalo grosso come una montagna, come quello degli 11 portaborse che un nostro eurodeputato siciliano aveva assunto. Ha fatto marcia indietro solo dopo un mio articolo.

        Mi stupisce che nessuno ne parli
        Vedi nella discussione
        Discussione su LaCosa 260 comments
        Putin salva una fabbrica e centinaia di operai
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora civiltà 2 anni fa

        questo è il mio unico nome. sei tu che non hai neanche il coraggio di firmarti, vigliacchetto
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora civiltà 2 anni fa

        confermi di essere un residuato bellico, infatti rivanghi cose di 70 anni fa. Putin invece è una merda oggi
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 328 comments
        Movimento 5 stelle, dagli stivali allo slogan: una Taverna per pochi nello spot anti-euro
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        comunque Taverna è bellissima. L’unico aspetto interessante di questo spot
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora andrea 2 anni fa

        Andrea, oltre ai rimborsi elettorali ci sono le decine di milioni che vanno ogni anno ai gruppi parlamentari (e M5s questi li prende): http://www.ilfattoquotidian
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        il vero messaggio subliminale è farsi camminare sopra dagli stivali della taverna
        7
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora ortika49 2 anni fa

        senza soldi? i gruppi parlamentari 5 stelle prendono milioni di finanziamento pubblico
        3
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora andrea 2 anni fa

        veramente il gruppo comunicazione grillino in parlamento, quello dell’incompetente che ha fatto sto strazio di spot, becca milioni di soldi pubblici
        7
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        guarda che Taverna è l’undicesima politica italiana più popolare su Facebook, la terza dei 5 stelle dopo Di Maio e Di Battista. La sua pagina fb ha 227 mila like
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 301 comments
        No Tav, io sto con Erri De Luca: è solo un processo alla parola contraria
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Camilla2010 2 anni fa

        anch’io sono un lettore di De Luca e lo stimo molto come scrittore. Ma quando sulla Tav istiga ragazzotti impressionabili al sabotaggio violento su cose (e persone annesse) scrive sciocchezze. Non ho il diritto di considerarle sciocchezze?
        Nel merito, sospetto che gli anti-treno siano finanziati dai poteri forti proprietari delle società autostrade e compagnie aeree che sarebbero danneggiate dal treno superveloce che ci porterà a Parigi in poche ore
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        de luca ha diritto a scrivere le sue sciocchezze contro la tav senza essere portato in tribunale. poi, se istiga a delinquere commette un reato. lo decideranno i giudici. non faccia troppo il martire, è tutta pubblicità e soldi per il suo nuovo libro. buona bibbia
        9
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Foglio di Claudio Cerasa 17 comments
        Redazione rel. corr.
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        bellissimo articolo
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su LaCosa 260 comments
        Putin salva una fabbrica e centinaia di operai
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora vaffankulo 2 anni fa

        detto da un vigliacchetto che non ha neppure il coraggio di firmarsi, e che come finto nome sceglie un insulto, è comico
        1
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora vaffankulo 2 anni fa

        fatti curare
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Daniil 2 anni fa

        fascistone
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Daniil 2 anni fa

        sei un residuato bellico comunista
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora cinzio guzzardi 2 anni fa

        che livelli
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora vaffankulo 2 anni fa

        complimenti per lo pseudonimo. dice tutto
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        ma siete impazziti? ora lodiamo quel fascista di putin?
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su http://www.aldogiannuli.it/nuovosito/ 21 comments
        Informazione: cosa resterà a sinistra?
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Martino Iniziato 2 anni fa

        complimenti per l’articolo. E’ stato proprio Il Fatto a «uccidere» Liberazione e Unità, e a mettere in difficoltà il Manifesto. Il Fatto dà molte notizie, gli altri troppe opinioni
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        E Il Fatto?
        Vedi nella discussione
        Discussione su Gradozeroblog 2 comments
        Riforma o non riforma?
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 2 anni fa

        Bellissimo video
        Vedi nella discussione
        Discussione su Nanopress.it 8 comments
        Tutte le gaffe dei grillini: la corrida del Movimento 5 Stelle
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        Taverna ha già spiegato di avere rimesso in mare la stella stella marina dopo la foto
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Foglio di Claudio Cerasa 3 comments
        Il Genio tedesco ovvero Fichte a Belo Horizonte (ma senza scarponi)
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        stupendo articolo, complimenti
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 3 comments
        Trash-chic, la carica degli ottantenni: da Bernie Ecclestone a Emilio Fede
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        Janu, parlaci dei miliardari greci fuggiti a Gstaad che, se riportassero un po’ dei loro soldi ad Atene, salverebbero la Grecia
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 445 comments
        Milano, cacciata dal Duomo per mise indecente
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        povero papa Francesco, che guardiani sciocchi
        3
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 12 comments
        Trash-chic, per i primi 50 anni di Alessandro Benetton tutti al luna park
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        ma è stata sia a miami che a treviso?
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 51 comments
        Novartis-Roche: chi guadagna sulla salute dei cittadini?
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        bravo!
        http://blog.oggi.it/mauro-s
        Vedi nella discussione
        Discussione su LaCosa 6517 comments
        La Cosa
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        Paola il cuore e l’anima, Luigi il cervello. Anche Paola ha un grande cervello, e Luigi un grande cuore e anima, ma assieme siete perfetti
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        non funziona. peccato, perché sono bravissimi
        1
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Antonella Nella 3 anni fa

        no, anche questo è bravo
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        è un boicottaggio del regime contro Paola Taverna
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 12 comments
        Trash-chic, Putin imita B: si è dato una tiratina per Sochi
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        januaria mi fa sempre sognare
        1
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 267 comments
        M5S: i nuovi resistenti che urlano ‘Boia chi molla’
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        Ottimo
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 15 comments
        Trash-chic, Napoli e la ressa al Monte di Pietà. Milano da bere, libri e sfiziosità
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Anna Ipata 3 anni fa

        ma Milagros e Coralla sono nomi bellissimi, da telenovela sudamericana
        1
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        beh, chiamare “fatiche” quelle di Milagros Branca mi pare un po’ esagerato. Comunque continui a farci sognare, la leggiamo con simpatia qui dalla scala H delle case Aler a Crescenzago, periferia di Milano
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su Forum Movimento 5 Stelle 25 comments
        REAGIRE CON DETERMINAZIONE ALLA DISINFORMAZIONE
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        ottima iniziativa
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 45 comments
        Esselunga, dynasty familiare. Cara Violetta ti scrivo
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Paun 3 anni fa

        a me invece interessa. I giornali se ne sono occupati la settimana scorsa. Certo, se uno è analfabeta e non li legge…
        2
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora rtq 3 anni fa

        non sono vicende private, il padre le ha spiattellate su tutti i giornali (corsera, dagospia) 10 giorni fa
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 12 comments
        Trash-chic, la faccia di plastica di B. quelle di Klinger e quella da rifare a Napoli
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        berlusconi scort(ic)ato
        1
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        tutti i napoletani sentivano la mancanza di uno skybar
        1
        Vedi nella discussione
        Discussione su Beppe Grillo Video 97 comments
        Video
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        ottima
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 31 comments
        Trash-Chic, esce dal monastero di clausura e si dà all’arte erotica
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        grande Massimo Fini
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 344 comments
        Anno 2013, mi faccio monaca di clausura
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora marco1791 3 anni fa

        è incredibile la quantità di sfaccendati cui il web lenisce la solitudine
        1
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 3 anni fa

        le suore di clausura sono sexissime. auguro loro tanti garibaldini
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Angelo N 3 anni fa

        e perché bisogna rendere servizi alla società?
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora FilippoSQL 3 anni fa

        ah, ecco, sei solo uno sfigato invidioso
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Paun 3 anni fa

        perché, hai bisogno? ora capisco perche’ tanta gente vota berlusca
        Vedi nella discussione
        Discussione su Parlamento 26 comments
        Mentre fissiamo le briciole, si divorano la pagnotta!
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Nico Consapevole 3 anni fa

        tutti cialtroni, specialmente barnard (il collezionatore di anelli)
        Vedi nella discussione
        Discussione su Forum Milano 20 comments
        IV Riconferma Semestrale Zona 4 Danilo Boni
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        sì, bravissimo Danilo. Fai piantare alberi sull’ex stazione Porta Vittoria (largo Marinai). Dovevano costruirci la Biblioteca europea, ma non hanno soldi. Che non rimanga come adesso (lo si vede da viale Umbria). Ciao
        Vedi nella discussione
        Discussione su Forum Milano 111 comments
        IV Riconferma Semestrale Comune Mattia Calise
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        sì. fate qualcosa contro il quadruplicamento dell’irpef comunale
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 311 comments
        Lavoro, il Sud e la filosofia del ‘chiagne e fotte’
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora manuele 4 anni fa

        non perdo tempo con anonimi
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Sikano 4 anni fa

        lei non ha capito l’articolo della piromallo. non esistono “i” meridionali, non generalizziamo. ce ne sono di tanti tipi, e lei ha contrapposto l’esempio positivo di uno che si da’ da fare a quello negativo dei chiagne e fotte
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora manuele 4 anni fa

        sempre colpa degli altri. Vuole allargare il discorso all’intera questione meridionale? Sì, lo ammetto, è un complotto del nord contro il sud. Scherzi a parte: perché tutta la dorsale adriatica (Abruzzi, Molise, Puglia) si sono risollevati, mentre restano i buchi neri Campania/Calabria/Sicilia? Che abbia qualcosa a che fare con le mafie, che impediscono lo sviluppo?
        Come in tutti i problemi, i fattori sono tanti. Uno è l’accidia individuale
        2
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora manuele 4 anni fa

        le solite lagne. per lavoro ci si trasferisce (come diceva massimo troisi, non “si emigra”). qual è il problema?
        se i disoccupati riescono a sopravvivere senza stipendio nella propria città, facendosi mantenere da qualcuno, meglio per loro.
        anch’io lo farei, probabilmente, perche’ sono pigro.
        Comunque “nemico” non regge il dativo.
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        ottimo articolo. e per niente leghista, visto che contrappone un esempio positivo a uno negativo. patetici certi commenti, proprio da chiagne e fotti
        2
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 301 comments
        La lotta contro la restaurazione non si fa su Facebook
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        bella analisi.
        Solo una piccola precisazione: il foro boario era il mercato dei buoi (e vacche). Lapsus voluto, o il riferimento era al foro tout court, ovvero l’agorà romana?
        Vedi nella discussione
        Discussione su Notizie Radicali 2 comments
        Articolo 49 della Costituzione – Democrazia interna ai partiti, è l’ora degli stregoni
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        bravo
        Vedi nella discussione
        Discussione su Parlamento 24 comments
        Senato:Lezzi-Taverna ballottaggio \”rosa\” per il portavoce
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        http://maurosuttora.blogspo
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 20 comments
        Trash-chic, è cominciata la grande fuga dall’ultima riserva dei paperoni italiani
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Amino Acido 4 anni fa

        commentare per annunciare che non si commenta. una contraddizione in termini
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Capitan_Findus 4 anni fa

        impossibile che un diluvio universale sommerga St Moritz: è a 1.800 metri d’altitudine
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 63 comments
        Pedofilia, si riapre il caso di Outreau
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        sulle labbra di homayra si puo’ galleggiare nell’oceano
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora Paolo-A 4 anni fa

        sulla rete c’è piu’ pressapochismo che nel giornalismo. l’inchiostro è una remora
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 2 comments
        Trash-chic: un viaggio in aliscafo? No, un incontro casuale che produce scintille
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        ah, il raya di panarea, che nostalgia. sono passati 20 anni, ma mi sembra ieri
        Vedi nella discussione
        Discussione su Il Fatto Quotidiano 35 comments
        Per chi suona la campana? Per l’anarchismo
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora maddi 4 anni fa

        magari psichiatra. manicomio? siberia?
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora pallinopinco@email.it 4 anni fa

        per fortuna che ci sei tu che fai la rivoluzione
        Vedi nella discussione
        Mauro Suttora
        Mauro Suttora 4 anni fa

        gli anarchici devono entrare nel m5s

  67. Mario
    Mario at | | Reply

    Mauro Suttora 4 anni fa

    gli anarchici devono entrare nel m5s

    https://disqus.com/by/maurosuttora/?l=it

  68. Luciano
    Luciano at | | Reply

    INFORMATEVI ! CAZZO !
    LA MANO DEL NWO SULL’ITALIA COLPEVOLI STATO, CHIESA, MULTINAZIONALI.
    LA DOLOROSA REALTA’ FUTURA DELL’ITALIA
    ——————————————————————————
    Gli eventi che stanno delineando nel mondo ci inducono al Peggio.
    E’ REALE ormai il DOMINIO da parte del NWO (Massoneria, Multinazionali, Europa, USA) di portare a impoverire la popolazione portandola a una schiavitu’ e a un CAMBIO DI RAZZA oltre che di RELIGIONE.
    In Italia questo è più che mai palese con lo sbarco continuo di CLANDESTINI aiutati dalla MARINA MILITARE ITALIANA collusa con ONG di Soros e la cosidetta Mafia e l’INTERO CORPO DELLE FORZE ARMATE nonchè la POLIZIA DI STATO e i CARABINIERI.
    Le forze dell’Ordine dai Carabinieri alla Polizia di Stato in tutte le città ormai vuoi per mancanza di mezzi Vuoi per Collusioni con i Poteri Forti (Politica, Banche, Chiesa) no agiscono neanche più altro che facilitando gli immigrati e soggiogando i cittadini Italiani così creando Degrado e Criminalità sempre più in espansione.
    La Magistratura anch’essa Corrotta e senza mezzi non applicano più le leggi contro i malviventi extracomunitari impotenti per mancanza di mezzi e strutture.
    Famiglie che perdono il lavoro o ridotte a lavorare da 2 a 5 Euro l’ora svendendo la propria persona oltre che perdendo la casa e i propri affetti.
    Le manifestazioni che si sono svolte nei precedenti mesi non sono servite a nulla vuoi per le troppe divisioni vuoi per il MENEFREGHISMO del 90% della popolazione italiana ormai DROGATA dal Calcio e dalle PUTTANATE DI REGIME DI MEDIASET E RAI.
    Controllano le Vite dei cittadini Italiani portandole alla Redimersi in schiavitù.
    La realtà futura del paese senza una Rivoluzione sarà in un DOMINIO di razze provenienti dal medio Oriente e l’Africa spinte da Multinazionali Criminali soggiogando il 90% della popolazione e quel rimanente 10% costretta a scappare da un Paese che Ormai non esiste più.
    L’intera classe politica colpevole nella svendita del paese e nella DISTRUZIONE di una generazione intera e della sua Popolazione con future Guerre Civili per un pezzo di pane o una casa.
    Colpevole è la CHIESA falsa Ipocrisia della Cultura della fratellanza venduta anch’essa alle Multinazionali.
    La fine di un’ITALIA MORTA

    1. carmelo
      carmelo at | | Reply

      Io so che un giorno

      1. carmelo
        carmelo at | | Reply

        PIETA’ L’E’ MORTA

    2. Vito
      Vito at | | Reply

      La MAFIA di Mazzini

      «Nel secolo scorso, la finanza britannica, protetta dai cannoni inglesi,
      controllava il traffico mondiale di droga. I nomi di queste famiglie ed
      istituzioni sono noti a tutti gli studenti di storia: Matheson,
      Keswick, Swire, Dent, Baring e Rothschild; Jardine Matheson, Hongkong
      and Shanghai Bank, Charterer Bank, Peninsular and Orient Steam
      Navigation Company. (I poteri occulti) dirigono un’Anonima Assassini
      mondiale tramite le società segrete: l’Ordine di Sion, la Mafia di
      Mazzini, le Triadi (che sgnifica: “Società dei tre puntini”), dette
      anche le “Società del Paradiso in Cina”».1

      «Se analizziamo come la Mafia arrivò negli Stati Uniti, scopriamo che
      questa storia è inseparabile da quella dell’Ordine di Sion. Mazzini, il
      padrino della Mafia in Italia, rispondeva direttamente al più importante
      esponente del sionismo britannico: il Primo Ministro ebreo Benjamin
      Disraeli (l’uomo che era sfuggito alla prigione per debiti, grazie
      all’aiuto datogli dalla famiglia Rothschild), e veniva finanziato dai
      principali banchieri ebrei come i Rothschild e i Montefiore.

      Mazzini, a sua volta, quando dovette mandare i suoi luogotenenti in
      America, dopo aver fatto esperienza all’interno della “Giovine Italia”,
      trovò la strada già spianata dal lavoro fatto da persone come l’ex
      generale sudista Albert Pike e l’Alta Massoneria ebraica dei B’nai
      B’rith» 2.

      «I primi italiani che misero piede in America seguirono le orme dei
      commercianti di tessuti che avevano posizioni di primo piano all’interno
      dell’Alta Massoneria ebraica dei B’nai B’rith. Anche New Orleans, la
      prima base dei Lehman e dei Lazard, divenne il punto di raccolta dei
      “picciotti” di Mazzini. Durante il periodo delicato e caotico, che seguì
      la Guerra Civile americana, gli uomini legati a Mazzini agirono come
      veri e propri sabotatori del processo di pacificazione della repubblica
      americana.

      Quest’opera di sabotaggio li vide impiegati nella guerriglia condotta
      dal generale Pike contro il Governo federale di Lincoln e costituì uno
      dei primi esempi di attività mafiosa negli Stati Uniti. Operazioni della
      malavita a New Orleans, per conto della mala palermitana, che facevano
      capo a Mazzini e, tramite lui, a Disraeli. Che dietro il crimine ci
      fossero persone al di sopra di ogni sospetto era di pubblico dominio.

      La parola “MAFIA”, infatti, era spiegata con l’acronimo 3:

      M=Mazzini

      A=Autorizza

      F=Furti

      I=Incendi

      A=Attentati.

      Le prime reti mazziniane cominciarono ad essere attive nel periodo
      precedente alla Guerra Civile (1860-1865). “I gruppi mafiosi di New
      Orleans, New York e Palermo erano società separate – scrive l’importante
      storico di quel periodo, D. L. Chandler – ma cooperavano strettamente.
      Un membro che riceveva adeguati appoggi poteva essere spostato da una
      città all’altra, da una famiglia all’altra” 4.

      Verso la fine della Guerra Civile americana, la Mafia di Disraeli (e
      quindi di Mazzini – n.d.r.) era capeggiata da un certo Joseph Macheca,
      capo di una banda che, secondo testimonianze dell’epoca, svolgeva
      un’attività che era indistinguibile da quella del Ku Klux Klan (di cui
      uno dei fondatori fu proprio il generale Albert Pike – n.d.r.). Nel
      1868, Macheca organizzò, a New Orleans, la campagna elettorale
      presidenziale a favore del candidato democratico Horatio Seymour contro
      il repubblicano Ulysses S. Grant, il generale che aveva portato alla
      vittoria il Nord e che divenne, poi, il Presidente degli USA. I fondi e
      le direttive politiche arrivavano a Seymour da August Belmont, colui che
      i Rothschild designarono come loro rappresentate ufficiale negli Stati
      Uniti.

      Il giornale di New Orleans “Picayune” ci descrive la campagna elettorale
      nei seguenti termini: “Questo popolare e singolare gentiluomo (Macheca)
      aveva organizzato e dirigeva una compagnia formata da 150 siciliani,
      conosciuta col nome di Innocenti. La loro uniforme era costituita da un
      mantello bianco con una croce maltese sulla spalla sinistra. Giravano
      armati e quando marciavano per le strade sparavano ad ogni negro che
      vedevano. Si lasciavano dietro le spalle una scia di decine di negri
      uccisi. Il Generale James E. Steadman, che coordinava la campagna
      (elettorale di Seymour) vietò altre parate ed il gruppo fu sciolto” 5»6.

      1 K. Kalimtgis, D. Goldman, J. Steinberg, “Droga S.p.a.”, Edizioni Logos, Roma 1978, p. 12.

      2 Idem, p. 41.

      3 Charles William Heckethorn, “The Secret Societies of All Ages and
      Countries”, vol. I e II, 1875 (New York University Books Inc., 1965). Si
      veda anche: David Leon Chandler, “Brothers in Blood”, New York, E.P.
      Dutton Co. Inc., 1975, p. 31.

      4 David Leon Chandler, op. cit.., p. 103.

      5 Idem, p. 75.

      6 Kalimtgis, Goldman, Steinberg, op. cit., pp. 42-43.

      VIVA GIUSEPPE VERDI

      V=VITTORIO

      E=EMANUELE

      R=RE

      D=DI

      I=ITALIA

    3. Vito
      Vito at | | Reply

      Massoneria in Russia: ritorna di nuovo e occupa i ruoli più importanti.

      Il fatto è che in questa nuova
      Russia la forza massonica si sta estendendo a macchia d’olio in tutte le
      strutture vitali della società con l’obbiettivo principali le Olimpiadi
      del 2014

      Nel periodo sovietico era una massoneria del silenzio, ma
      prima della Rivoluzione bolscevica aveva avuto periodi di splendore.
      Aveva dalla sua parte, ancora nel 1917, Kerenskij e tutto il suo
      governo. Poi il netto calo e quindi, con Gorbaciov la ripresa di ogni
      attività.

      Si deve appunto al fondatore della perestrojka
      e al suo diretto collaboratore Aleksandr Jakovlev (accusato un tempo di
      essere un “muratore” di una loggia moscovita) se è tornata attiva
      inglobando giornalisti, scrittori, deputati, avvocati, diplomatici e
      affaristi di ogni risma che operano negli ambienti dell’amministrazione
      comunale della capitale.

      Ora i “nuovi massoni” escono decisamente allo scoperto
      invadendo tutti i gangli della società russa. Prendono in mano settori
      della diplomazia e della politica, delle istituzioni e delle banche.
      Stabiliscono rapporti diretti con le massonerie di altri paesi e
      dominano la vita di molti media.

      Ecco il capo, il Grande Maestro della loggia russa più
      importante: quella di Mosca. Si chiama Andrej Vladimirovic Bogdanov ed è
      nato nel 1970. Alle spalle una rapida carriera politica nella compagine
      del “Partito democratico” e nella direzione della Confindustria russa.

      Ma
      la sua “specializzazione” consiste nell’organizzare partiti e
      movimenti. In pratica diviene un professionista della politica nel senso
      più diretto del termine. Conosce leggi e modalità per ottenere
      autorizzazioni e finanziamenti. E

      così all’insegna del suo slogan
      – “Per me sono tutti eguali, io seguo gli ordini del committente” –
      mette in sella i partiti “Democratico”, il “Rus”, la “Russia Unita”, il
      “Partito dei pensionati”, il “Partito della Russia forte”, il “Movimento
      popolar-patriottico”… Tutto con il sistema el “chiavi-in-mano”. E
      così sulla base delle grandi amicizie accumulate in questi anni nel
      campo della vita politica ed economica della Russia post-sovietica,
      Bogdanov si lancia nell’avventura massonica.

      Al giornalista russo
      Serghej Osipov – che conduce ora una inchiesta sulle 28 logge che sono
      sorte come funghi nella capitale, a Vladivostock nell’Estremo oriente, a
      Kaliningrad, Voronez e San Pietroburgo – dichiara che la massoneria
      russa “non ha nessun programma politico”.

      Quindi, la vita russa
      non ha niente da temere. Eppure si sa che i “muratori” si muovo in
      segreto. Non esistono elenchi ufficiali degli iscritti e non si
      conoscono le percentuali delle categorie più rappresentate.

      Il
      fatto è che in questa nuova Russia la forza massonica si sta estendendo a
      macchia d’olio in tutte le strutture vitali della società. Bogdanov – a
      nome dei suoi adepti – spiega che i massoni nel corso di tutti
      cataclismi politici della Russia si sono trovati ad operare da diversi
      lati delle barricate. “Ci sono stati massoni – ricorda – che aderivano
      al movimento dei decabristi e massoni che erano, invece, fedeli seguaci
      dello Zar”.

      Il giornalista che conduce l’indagine avanza le domande centrali:
      tutto in regola? Nulla da nascondere? Cosa siete oggi, una
      organizzazione a delinquere, una setta religiosa o un club? “Nulla di
      tutto questo – risponde il Gran Maestro – perchè noi, nelle nostre
      logge, portiamo gli uomini a discutere, a conoscersi. Curiamo il loro
      sviluppo morale…”. Tra domande e risposte si apprende poi che ogni
      loggia russa è composta di circa 20 muratori e che il totale degli
      adepti, in Russia, è per il momento a quota 400. La tassa da pagare
      annualmente si aggira sui 300 euro. E anche in Russia, come nelle altre
      massonerie “regolari” del mondo, non si ammettono le donne nelle proprie
      logge.

      Sin qui il Gran Maestro. Restano da individuare, invece,
      le reali attività della massoneria russa. E qui si può solo procedere
      utilizzando fonti che però non forniscono dati concreti o testimonianze
      dirette. Su un punto però tutti sono d’accordo. Ed è quello che riguarda
      l’attività organizzativa delle Logge che operano un reale collegamento
      con le strutture della società. Si entra nel giro massonico solo su
      suggerimento delle categorie interessate ad avere un ruolo nella
      costruzione della “nuova Russia”.

      E non è un caso se alcuni “muratori” russi – che operano nel
      settore della grande edilizia – stanno scalando le organizzazioni che si
      occupano della ristrutturazione delle grandi città. Nel giro di questi
      affari si entra solo utilizzando la porta delle raccomandazioni e delle
      tangenti gestite dalle logge… Tutto questo avviene mentre
      all’orizzonte si avvicina sempre più quel grande “affare” delle
      Olimpiadi del 2014, a Soci. La corsa per gli appalti è già cominciata. E
      chi meglio dei massoni russi – che nel settore delle grandi costruzioni
      hanno basato le loro strutture – può fornire nomi ed indirizzi? Non a
      caso il Cremlino – per mettersi almeno formalmente al riparo da
      qualsiasi critica – ha varato una legge appositamente elaborata per
      regolamentare tutti i problemi connessi all’appuntamento di Soci.

  69. Vito
    Vito at | | Reply

    1. Vito
      Vito at | | Reply

      Esattamente. È proprio così, signore e signori,
      la vittoria della Famiglia Rothschild ! In molti non l’hanno capito e continuano a non capire, purtroppo.
      En Marche!
      E come no ? l’Europa risorgerà con l’uomo dei Rothschild Emmanuel Macron ! hahaha :)
      Infatti, proprio con il trionfo del finanziere Macron, l’uomo della famiglia Rothschild.
      En Marche! hahaha :)
      http://www.informazionecorretta.it/main.php?mediaId=&sez=90&id=65674

      1. Vito
        Vito at | | Reply

        Ho avuto un colloquio con Lapo Elkann , il quale era in colloquio diretto con Alain Elkann, il quale era in colloquio diretto con John Elkann, il quale era in colloquio diretto con Ginevra Elkann, la quale era in colloquio medianico con Gianni Agnelli.

        Tutti questi dirigenti della Fiat e imprenditori italiani hanno detto lo stesso identico messaggio: EMMANUEL MACRON

      2. Vito
        Vito at | | Reply

        Emmanuel #Macron : Super Cadre

        #En Marche!

      3. Vilma
        Vilma at | | Reply

        “Macron è pericoloso”, lo dice uno psichiatra

        1. Vilma
          Vilma at | | Reply

          MACRON che parla di “SDENTATI” per definire i poveri…MACRON che insulta i minatori dicendo che sono solo tabagisti e alcolisti…MACRON che definisce le donne “stupide e ignoranti”…..e non è tutto…MACRON, l’ UOMO NUOVO è uno…PSICOPATICO!!

    2. Vito
      Vito at | | Reply

      L’ancien banquier et actuel actionnaire de Rothschild est le candidat de la revolution sociale du capitalisme. Il est l’avatar de la fusion économico—étatique assumée. celui de la privatisation de tous les profits et de la socialisation de toutes les pertes, celui du “capitalisme sans frictions” de la silicon valley. Alors que son programme. avoué ou non- est le plus tadical, le médias font de lui le moins “idéologue”, bien qu’il soit la continuité même du capitalisme actuel, sa conclusion logique, on fait de lui “la ropture”- Seulement, si les électeurs-amnésiques ne croient pas a son rôle social, lui le connait “très bien: celui d’accélerer la cybernétisation du capitalisme, ce qu’elle compterair de domination transversale publique et privée, de contrôle, d’évaluation et de surveillance permanente. La fusion de l’intégralité des services administratifs de l’état en une seule plateforme, mesure centrale er pourtant absolutemenr indiscutée de son programme, ne représente pas autre chose.

    3. Vilma
      Vilma at | | Reply

      Vive la Franc-Maçonnerie Universelle, Vive Emmanuel Macron, Vive la République, Vive la France !
      Un nouveau Président pour notre République : Emmanuel Macron !

      May 7, 2017

      Les francs-maçons travaillent sous la protection de la République. Nos obédiences, et en particulier la première d’entre elles, le Grand Orient de France, sont devenues des institutions républicaines. Il est donc important et normal que nous nous déterminions par rapport au nouveau Président élu par le peuple français.

      Même si toutes les franc-maçonnes et tous les francs-maçons ne partagent pas la totalité des propositions du programme du candidat qu’il a été, une fois élu, Emmanuel Macron, devient l’autorité qui a en charge d’illustrer et de défendre les valeurs républicaines qui sont aussi les nôtres.

      Naturellement, nous lui prêterons allégeance et nous aurons le devoir de le soutenir et de le défendre. Toute autre démarche serait antinomique avec notre histoire et notre spécificité et c’est du devoir des obédiences de faire respecter ce principe.

      Bien sûr, s’il advenait que ce nouveau Président déroge à ses devoirs, nous serions en droit de l’alerter et de lui rappeler son rôle et sa fonction.

      Dans une France déboussolée, Emmanuel Macron débute sa Présidence en suscitant de grands espoirs mais aussi de nombreuses incertitudes.

      Le plus grand espoir c’est avant tout de résoudre ce problème du chômage de masse qui alimente les discours démagogiques et les peurs malsaines ; de la résolution de ce problème dépend la cohésion de la société française.

      La plus grande incertitude concerne la capacité du nouveau Président à asseoir son autorité et à acquérir l’affection indispensable pour faciliter son acceptation et l’exercice de son autorité.

      On ne peut nier que l’accession à la Présidence de la République d’Emmanuel Macron relève d’une exceptionnelle convergence entre une personnalité hors du commun et des circonstances favorables inimaginables quelques mois plus tôt.

      Ce destin exceptionnel sera-t-il de nature à durer ?

      L’avenir le dira mais, pour notre pays, comment ne pourrait-on pas le souhaiter !

      Cette belle jeunesse et cette intelligence supérieure sont à l’honneur de notre histoire et constituent en elles-mêmes une exceptionnelle motivation pour tous les jeunes français afin qu’ils trouvent dans le travail l’innovation nécessaire à notre adaptation aux contraintes du monde contemporain.

      Vive la Franc-Maçonnerie Universelle, Vive Emmanuel Macron, Vive la République, Vive la France !
      https://www.idealmaconnique.com/single-post/2017/05/07/Un-nouveau-Pr%C3%A9sident-pour-notre-R%C3%A9publique-Emmanuel-Macron-

      1. Vilma
        Vilma at | | Reply

        STAMPA E REGIME. Tra l’altro proprio la rassegna stampa curata da Massimo Bordin di Radio Radicale , questa mattina ha rivelato che Emma Bonino insieme a Benedetto Della Vedova hanno festeggiato con una torta con sopra scritto il nome di MACRON, la Torta Macron per l’appunto. Comunque sia, è impressionante il 93% di voti che Macron ha registrato solo a Parigi, ha riscosso un vero Plebiscito !

  70. Michaela Kajšová
    Michaela Kajšová at | | Reply

    “tutti i commenti che vedi, sia pro che contro gli argomenti postati, sono in realtà fatti sempre dai membri del movimento, in questo modo qualsiasi sia la tua opinione sarai sempre d’accordo con almeno un membro del movimento, di cui entrerai a farne parte senza accorgertene.
    In realtà anche il tuo ed il mio commento sono finti e chiunque, sia a favore o contro il complotto, non potrà che essere sempre in linea con il movimento”

    Vito, meno male che ci sei tu che hai preso la pillola rossa e sei andato a vedere la tana del Bianconiglio. Lascia perdere Matrix, coglione di un nerd, e prendi la pillola blu, ma quella che drizza il bigolo e prova andare in mona ogni tanto.

    A proposito, spiantatello pippaiolo senz’arte nè parte, sei indietro coi pagamenti dei miei web-servizi. Hai tempo 48 ore, poi ti mando i fratelli Cosimo & Salvatore Scaramìa, specialisti in recupero crediti col metodo del “giradito”. Meanwhile: you’re fired!.

  71. Carmelo
    Carmelo at | | Reply

    Bravo Vito, continua a prendere il Viagra che ne hai davvero bisogno, visto che sei quasi impotente, specialmente con una come Michelina che esige molto sperma .

  72. Carmelo
    Carmelo at | | Reply

    Ti troveremo Vito fino a che ti flagelleranno per le strade, tu mangerai spazzatura dei cassonetti per la strada , tu sarai quella persona, tu rivestirai questa piaga da barbone e la polizia è dietro di te. Devi essere e stare molto attento, Vito, in modo da rimuovere in breve tempo tutto quello che stai facendo , tira fuori tutta quella spazzatura che hai gettato, sulle strade di Roma. La polizia non ti lascerà in pace, ti diamo due giorni di tempo per portare fuori la spazzatura, Vito, sei seguito a vista dalla polizia e sai bene che stanno inseguendoti e ti troveranno Vituzzu mafioso delinquente !!! Tu che getti i rifiuti per strada, sei una piaga di uomo , sei un rom legato al Clan dei Casamonica e della Famiglia Spada di Ostia , ebbene si Vito tu sei un delinquente criminale e ti rimane ancora poco tempo per te, finché non ti troviamo, cercheremo anche di sotto della terra e poi, ripetiamo, ti flagelleranno per le strade un giorno per rimuovere tutti i rifiuti che hai gettato a Roma per dare la colpa alla Sindaca Virginia Raggi. Devi dire addio anche alla tua tranquilla vita wikipediana , nella tua reggia, nerd piddino di merda !
    I tuoi danni che hai fatto ora li pagherai cari, Vituzzu . Battiamo il tempo a questo individuo.

  73. Vito
    Vito at | | Reply

    Quello che hai appena compiuto è un reato. Legalmente parlando però ne è responsabile il tuo tutore legale che, ti dico per l’ennesima volta, deve mettersi in contatto con noi. –Vito (msg) 18:43, 22 apr 2017 (CEST)

  74. Carmelo
    Carmelo at | | Reply

    Una via d’uscita – giugno 1992- l’Italia è ancora un paese democratico? – un romanzo di fantapolitica dove il futuro segue il presente con inquietante logicità / Lucio Malan
    Agorà, 1987
    Italia 1992: un giornalista, diventato famoso per aver scoperto i mandanti di un clamoroso delitto politico, caduto in disgrazia, per salvarsi e guadagnare 800.000 $, deve estorcere un segreto ad un ideologo dell’opposizione, finito in carcere per reati fiscali ( Leonardo Facco?) Ma la missione gli riserverà molte sorprese.. Bisogna a questo punto che spieghi l’intera vicenda del caso Pannella. Il 5 dicembre 1989 Marco Pannella era stato sequestrato a Torino, vicino alla sede del Partito Radicale, in via San Tommaso, dove si stava recando a piedi da un vicino ristorante. Quattro sconosciuti l’avevano preso e costretto a salire su un’auto. Ci furono rivendicazioni da parte di diversi gruppuscoli (tra cui le Nuove Brigate Rosse), ma nessuna sembrava credibile. Di lui non ci furono più notizie. Lo stile del delitto faceva pensare alla mafia, e le sinistre diedero subito credito ad un complotto del crimine organizzato con ambienti della destra reazionaria. Chi nella realtà potesse impersonare questi famosi ambienti non si è mai saputo con precisione. Tutti comunque ci immaginavamo congiure di piccoli industriali (piccoli perché i grandi erano erano generalmente legati al governo, “rinnovatore e progressista“ per definizione, che ricambiava con tante sovvenzioni e leggine compiacenti) con biechi ufficiali fascistoidi e agenti dei sevizi segreti in impermeabile. Naturalmente noi giornalisti allineati al governo, cioé quasi tutti, dammo ampio credito alla voce, parte perché ci credevamo e parte perché sapevamo di sostenere un ‘ipotesi comoda. Io, che tra i colleghi avevo la fama di usufruire di chissà quali informatori, mi potevo permettere di formulare ardite ipotesi, cosi’ ricche di particolari da non sembrare più ipotesi. ” Mettendo insieme le tessere del mosaico- scrivevo- che ci arrivano da voci incontrollate trapelate da ambienti vicini al Viminale, il rapimento del sottosegretario per gli aiuti al Terzo Mondo sarebbe stato deciso da una casa patrizia alla periferia di Roma, verso metà novembre, in un incontro in cui avrebbero partecipato industriali rampanti e ufficiali con ambizioni di junta alla sudamericana. Si dice anche che all’esclusiva serata fossero presenti alcuni agenti (forse ex agenti) dei servizi segreti…” Naturalmente era tutto inventato, ma, come ho detto era una storia che pieceva a chi contava e pur non essendoci un solo indizio concreto che lo avvalorasse la si dava ormai per vera.. Questo mi procuro’ una certa celebrità: il mio quotidiano passo’ i miei pezzi, relegati generalmente nella pagine interne di cronaca, in prima; un settimanale di alta tiratura mi offri’ cento milioni per “ulteriori particolari” sulla vicenda. Io accettai e mi inventai che si era “ormai prossimi al ritrovamento del corpo di Marco Pannella”. Mi misi cosi’ alla ricerca di un qualsiasi rinvenimento di cadavere che potesse darmi ulteriore slancio per sfruttare quella cuccagna, Trovai la notizia che faceva al caso mio: in una discarica abusiva presso Tortona, il 28 dicembre era venuto alla luce durante l’opera di un bulldozer un cadavere in avanzato stato di decomposizione. “Forse ritrovato il corpo di Pannella ” scrisse il mio giornale a tutta pagina.. Tuttavia, nonostante lo scempio fatto dal cingolato, in breve tempo si arrivo’ ad accertare che quello non era il corpo del leader radicale, ma, si presumeva, quello di un balordo sui trent’anni scomparso da alcune settimane. Stavo già mettendo a punto l’ipotesi di un depistamento, cercando di attribuire a chi conduceva le indagini la falsa identificazione (che invece era solo una mia idea), quando- era il 3 gennaio 1990- ricevetti una telefonata con la quale mi si invitava a recarmi in un ufficio della Sicurezza di Torino. Ci andai subito, ma temevo che volessere spiegazioni sulla fonte delle mie notizie. Trovai ad aspettarmi il commissario Iomma, col quale avevo avuto diverse volte a che fare, quando lui faceva trapelare per mio tramite le notizie che gli interessava andassero in giro. Di qui la mia fama di ben informato.

  75. Vito
    Vito at | | Reply

    Renzi uomo del Mossad?

    Renzi è un uomo del Mossad? O quantomeno, la sua ascesa politica è stata finanziata anche con i soldi del potente servizio segreto israeliano? La questione è stata sollevata da alcune vicende accadute un anno fa, ed è riemersa più di recente con l’archiviazione di un’inchiesta della Procura di Milano a carico di Luigi Zingales e Katerina Litvak, dall’accusa di diffamazione contro l’amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi. Archiviazione le cui motivazioni si rifanno anche ad un verbale di interrogatorio dell’ex manager Vincenzo Armanna, già indagato dalla Procura di Siracusa (titolare dell’inchiesta poi passata a Milano) per la maxitangente che Eni avrebbe pagato ai nigeriani per i diritti su un giacimento petrolifero, il quale sostiene che ci fu un complotto per far saltare Descalzi, candidato di Renzi, e far nominare al suo posto il consigliere Eni Umberto Vergine.
    E ciò da una parte facendo pressioni su Marco Carrai, Luca Lotti e Andrea Bacci, fedelissimi del premier, e dall’altra, pur di realizzarlo, architettando una campagna di stampa per danneggiare Renzi, accusandolo di essere stato finanziato dal Mossad. “Mi fu chiesto di partecipare a questa operazione, ma rifiutai”, ha dichiarato Armanna, puntando il dito contro un imprenditore nigeriano, tale Kase Lawal, e su personaggi dell’entourage di Vergine e politici legati a Forza Italia e anche a Massimo D’Alema. Le motivazioni del pm De Pasquale, che ha chiesto l’archiviazione, non dicono nulla però circa la consistenza o meno di questo complotto, lasciando sostanzialmente in sospeso tutti gli interrogativi emersi con le dichiarazioni di Armanna del luglio dell’anno scorso.
    In realtà le voci su presunti legami tra Renzi e il Mossad circolavano da molto prima negli ambienti politici. Già nel dicembre del 2015 una fonte riservata ma considerata molto attendibile dalla redazione rivelava a Il Fatto Quotidiano che Renzi fu finanziato dal Mossad durante le primarie del 2012 contro Pier Luigi Bersani e che i nostri servizi segreti, Copasir incluso (il comitato parlamentare che vigila sull’attività dei servizi segreti, allora presieduto da D’Alema), intervennero per bloccare il flusso di denaro. Secondo questa fonte, scrive il giornale, “nel 2012 il Dis (il dipartimento della presidenza del Consiglio che coordina i servizi, ndr) ha informato il Copasir, in maniera informale, che il Mossad stava finanziando la campagna elettorale di Renzi per le primarie contro Bersani. A quel punto il Copasir avverte l’allora direttore del Dis, Giampiero Massolo, chiedendogli di intervenire. Infine, qualcuno dei servizi incontra l’ambasciatore israeliano Noar Gilon per discutere l’argomento”.

    Le allusioni di D’Alema su Renzi e Gilon
    Non trovando riscontri nelle attività ufficiali del Copasir, ed avendo il portavoce dell’ambasciatore Gilon smentito qualsiasi contatto, Il Fatto decide di non pubblicare la notizia. Pubblica però un’inchiesta in tre puntate, descrivendo una rete di società legate all’amico di Matteo Renzi, Marco Carrai: create in Lussemburgo, queste società portano dritte a Tel Aviv; tra i soci di Carrai c’è Reuven Ullmansky, veterano dell’unità 8200 dell’esercito israeliano, dedita da sempre alla guerra cibernetica e alla “raccolta dati” per l’intelligence israeliana.
    Sono inoltre ben noti i rapporti tra Renzi, Carrai e Michael Ledeen, il diplomatico americano che negli anni ’90 fu espulso dagli Usa proprio perché accusato di aver passato informazioni riservate al Mossad. Rapporti talmente intimi che Ledeen è stato invitato al matrimonio di Carrai e Renzi pagò più di 5 mila euro a spese della Provincia per ospitarlo in una tre giorni nel 2006 a Firenze. Per non parlare degli stretti rapporti di stretta amicizia con il premier sionista Netanyahu, cementata dal reciproco scambio di visite a Firenze e in Israele. E tutto ciò rende più che plausibili le rivelazioni della fonte de Il Fatto , anche se non basta per renderle pubblicabili.
    Il 16 Marzo 2016, però, è il Corriere della Sera a riaprire il caso, con un articolo della giornalista ultrarenziana Maria Teresa Meli, in un retroscena così intitolato: “Massimo D’Alema, nel corso di una cena: ‘Renzi è un uomo del Mossad, bisogna sconfiggerlo’”. Una notizia che avrebbe dovuto scatenare un putiferio politico, invece non accade nulla. Renzi non reagisce, nessun giornale riprende la notizia, e nemmeno D’Alema smentisce di aver detto quella frase. Anzi, In un botta e risposta con l’ambasciatore israeliano Gilon, sempre sul Corriere della Sera , D’Alema accusa il diplomatico di interpretare “in modo molto attivo e dinamico il suo ruolo, partecipando — e non solo con articoli— alla vita politica del nostro Paese”. Che cosa intendeva dire D’Alema? In che modo e tramite chi l’ambasciatore sionista, nota spia del Mossad e partner di Ledeen già dal tempo in cui era addetto all’ambasciata di Washington, si ingerisce nella politica italiana?

    Il complotto contro Renzi: mossa precostituita?
    Qualche mese dopo, a luglio, Armanna sostiene uno scenario esattamente opposto: Renzi non è finanziato dal Mossad, ma anzi c’era un complotto mirante a far passare per vera questa falsa tesi per screditarlo fino a far cadere il suo governo, pur di evitare la nomina di Desacalzi e imporre quella di un suo rivale: “So che esiste l’interesse di imprenditori ebrei, impegnati in attività in Toscana e Francia, che hanno avuto un forte interesse a sostenere politicamente Renzi. Non so se l’abbiano finanziato economicamente. Escludo soldi dal Mossad. Sono certo che non esiste alcun documento al Copasir che dimostri questa tesi”, dichiarava infatti Armanna a Il Fatto . Senza peraltro spiegare da cosa provenisse questa sua incrollabile certezza.
    Sta di fatto che per mesi né il Copasir né D’Alema sono intervenuti per confermare o smentire queste voci, e solo di recente D’Alema, in un’intervista a La Gazzetta del Mezzogiorno , si è deciso a precisare: “Mai detto che Renzi è una spia del Mossad. Che abbia un rapporto speciale con Netanyahu è notorio. Ma è un fatto politico, non spionistico”. Una dichiarazione che però, se da una parte prende atto dell’impossibilità di dimostrare che Renzi è un uomo del Mossad, dall’altra non si pronuncia sulla rivelazione più concretamente verificabile, e cioè se è o no stato finanziato dal servizio segreto sionista.
    Perché se lo fosse stato, come tutto il quadro dei rapporti dell’ex premier e di Carrai con Israele rende più che credibile, allora le dichiarazioni di Armanna (che potrebbe essere anche in buona fede e strumento di altri) sul presunto complotto ai danni di Renzi assumerebbero l’aspetto di una contromossa precostituita per screditare come una bufala le rivelazioni sui finanziamenti del Mossad a Renzi. Un modo cioè per mettere le mani avanti e disinnescare il caso prima ancora che esploda pubblicamente, e tutto acquisterebbe un senso. Cosa che per adesso sembra funzionare, almeno stando al fatto che nessuno, a parte gli interrogativi rilanciati, sia pure con cautela, da Il Fatto dopo la sua intervista a Marco Carrai, ha mai cercato di riaprire in qualche modo l’oscura vicenda.

  76. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    Come tutti voi sapete, uno dei nostri militanti, Luigi Cosentino, ha in corso una denuncia per querela firmata dal Segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini.

    “Gigi” è citato in giudizio a causa della pubblicazione di tre fotografie, scattate la notte tra l’11 e il 12 marzo 2015, a Pontida dove è stato esposto lo striscione:
    PONTIDA COME TEL AVIV
    LEGHISTA SIONISTA.

    Salvini porge la sua mano, venendoci incontro con il discorso di ieri a Verona:
    https://www.youtube.com/watch?v=sxrn5n73Da8

    BREVE PRECISAZIONE
    Per contrastare il “fondamentalismo islamico made in U.S.A.” non serve schierarsi con Israele.

  77. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    1. Pedante
      Pedante at | | Reply

      Triste ma prevedibile.

      1. Luciano
        Luciano at | | Reply

        Hai visto l’ultima notizia ? roba da matt!!!
        “Il popolo padano non vuole un segretario itagliano: Salvini föra da i ball”

        http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/01/lega-striscione-sul-prato-di-pontida-il-popolo-padano-non-vuole-un-segretario-itagliano-salvini-fora-da-i-ball/3554990/

  78. Vito
    Vito at | | Reply

    «Il potere logora chi non ce l’ha». (Giulio Andreotti docet)

    1. Luciano
      Luciano at | | Reply

      ==Ode a Vituzzo==
      +
      +
      ”O’ mio Vituzzo,”
      +
      ”ancora io sento il tuo puzzo”
      +
      ”e quando mi delizi col tuo lezzo,”
      +
      ”talvolta mi sento pazzo!”
      +

      +
      ”Ma se solo tu amassi il mio cazzo,”
      +
      ”io non avrei così tanto disprezzo,”
      +
      ”proverei solo un po’ di imbarazzo,”
      +
      ”e diverrei tutto paonazzo.”b
      +

      +
      ”Con amore il tuo caro frattazzo.”

        1. Luciano
          Luciano at | | Reply

          VITUZZUPEDIA

  79. Vito
    Vito at | | Reply

    Luciano, leccami sto cazzo !

  80. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    Essere chiesa che soffre e discute – Che materiale si trova su Internet? AVVISO PRELIMINARE. SONO STATO MOLTO COMBATTUTO SE PUBBLICARE O MENO QUESTO POST. HO PAURA CHE POSSA ESSERE CONTROPRODUCENTE, PRESTARSI AD EQUIVOCI E FARE DEL MALE. MA SO ANCHE CHE MOLTI FRATELLI SINCERI DIVENTANO VITTIME DEL MARCIUME CHE SI TROVA SU INTERNET, E VORREI FARE QUALCOSA PER METTERLI IN GUARDIA. DEBBO QUINDI CORRERE Il RISCHIO. SO ANCHE CHE AMICI NON AVVENTISTI POTREBBERO LEGGERE CON SCONCERTO QUELLO CHE DIRÒ. RICORDO LORO CHE OGNI GRUPPO, OGNI FAMIGLIA, HA I SUOI PROBLEMI E CHE SE VOGLIONO AVERE STIMA DI NOI E VOLERCI BENE, TENGANO CONTO DELLA NOSTRA REALTÀ ANCHE NEI SUOI ASPETTI NEGATIVI CHE CONFESSIAMO UMILMENTE DI AVERE ANCHE NOI. LO PUBBLICO QUINDI ANCHE SE COL MAGONE IN GOLA E CON TANTI DUBBI. CHE IL SIGNORE CI AIUTI PERCHÉ NE VENGA COMUNQUE UN QUALCHE BENE PER TUTTI. Per quel che riguarda la Chiesa Avventista, su Internet come nella vita si possono trovare moltissimi buoni materiali, ma esistono anche elementi negativi sui quali sento mio dovere esprimermi. Penso alla realtà della mia chiesa come a un grande fiume che scorre liberamente ma che presso le sue due rive rallenta perché ostacolato dall’attrito con le sponde. Tra queste due sponde estreme suddivido i seguenti tipi di materiali. 1) Materiali accusatori o critici preparati da esponenti di altre chiese (non dalle chiese in quanto tali: ognuno ha i suoi crociati malaccorti e importuni!). Se riguardano le nostre dottrine possono essere sgradevoli, fuori posto, errati, ma sono senz’altro legittimi. I nostri membri sono o dovrebbero essere preparati a comprenderli e valutarli correttamente. Se non ne sono capaci, possono rivolgersi ai loro pastori o un fratello in fede d’esperienza e preparato, e ogni problema viene presto risolto. Se invece riguardano la storia della chiesa o di alcuni suoi esponenti, il problema diventa più complicato perché non tutti hanno l’esperienza, la conoscenza, l’abilità per rispondere. In ogni caso, ogni critica od opposizione giusta o ingiusta, deve diventare un’occasione per approfondire la nostra storia e la nostra fede. Io sono sicuro che se abbiamo accettato la fede cristiana-avventista con cuore sincero e consapevolezza reale, se abbiamo un buon rapporto con il Signore e con la comunità, non ci lasceremo scalfire dai dubbi e troveremo risposta ad ogni domanda. Per lo meno questa è la mia esperienza personale, anche se di critiche alla mia fede ne ho ricevute una infinità. I virus e i batteri, in genere infettano più facilmente chi ha giù un organismo debilitato, non i forti. 2) Materiali di critica e di accuse riportati da ex avventisti. Alcuni di costoro sono stati nella chiesa anche persone importanti, ed anche loro hanno il diritto umano e legale di esprimere le loro critiche. La Chiesa Avventista è una chiesa democratica e aperta che si presenta al mondo con sincerità e onestà. Non abbiamo archivi segreti e scheletri negli armadi da nascondere. Ogni membro può accedere, oggi in modo facilissimo tramite Internet, a tutte le sue pubblicazioni presenti e passate, ai suoi archivi storici, a tutto quello che hanno scritto i nostri pionieri inclusa Ellen G. White, a tutti i nostri statuti e regolamenti. Non abbiamo quindi nessuna paura della verità e ringraziamo se qualcuno ci aiuta a scoprire cose che non sapevamo. Il problema è quando le critiche e le accuse sono pretestuose, infondate e maligne. A volte succede che problemi vecchi di oltre cento anni vengano ripresentati come attuali (in questo il copia e incolla di Internet è straordinario) senza tenere assolutamente conto delle risposte e delle soluzioni che nel corso del tempo sono state offerte. Questo tipo di critiche è inaccettabile perché non onesto e va respinto. Sfortunatamente, molti che non conoscono la completezza dei fatti rischiano di lasciarsi trascinare lontano dalla fede comune. Ed è un peccato, perché potrebbero accedere facilmente alle soluzioni, alle risposte, se avessero il cuore disposto a cercare insieme ai loro fratelli in fede la verità. Su Internet, alcuni sono particolarmente critici verso il ministero di Ellen G. White accusata di ogni sorta di mali (grazie a Dio non ho ancora trovato l’accusa di essere stata un’adultera!). A volte, questi critici erano stati precedentemente dei sostenitori quasi idolatrici della White, ergendosi magari a suoi propugnatori appassionati verso il resto della comunità; tranne poi a diventare dei suoi nemici sfegatati quando hanno scoperto la sua umanità o qualcosa che, a parere loro, non andava. Sappiano i nostri fratelli ed amici, che abbiamo buone risposte alle critiche fatte, se solo vogliono conoscerle. Ma scoprirle a apprezzarle richiede impegno, studio, capacità di vedere l’insieme di una realtà. Molto più facile essere contro. È come per la nostra salute: se vogliamo stare bene dobbiamo badare a tante cose; se vogliamo rovinarci ne basta solo una. 3) Critiche e accuse rivolte da persone che sono e che vogliono essere considerate membri della Chiesa e che in genere si presentano come dei riformatori e dei maestri che tutto sanno e che tutto hanno capito. Questi possono essere divisi in vari gruppi. Per semplificare diremo che ci sono quelli che si considerano “progressisti” o “liberali”, e quelli che si considerano “conservatori” o “protettisti” (permettetemi di inventarmi questo termine”, quelli cioè che vogliono proteggere il patrimonio passato – a volte solo nella loro opinione – da ogni cambiamento. Permettetemi di dire che la chiesa ha bisogno di proteggere il suo patrimonio passato, la sua fede, il senso della sua storia; per cui benvenuti siano i fratelli che incarnano questa esigenza. Allo stesso modo abbiamo bisogno di quelli che sentono il bisogno di un cammino in avanti, di un progresso, di uno sviluppo. Quindi benvenuti siano anche i progressisti. Il problema non sta in questi due atteggiamenti o orientamenti in sé. Il problema nasce quando queste esigenze legittime si accompagnano a presunzione, ignoranza, individualismo, esibizionismo, settarismo, anarchia, malignità. Personalmente sono stato inserito (come si usa fare) in gruppi Fecebook di entrambi gli orientamenti. In un gruppo “progressista”, il creatore-animatore stava ad accusare i dirigenti della chiesa in ogni modo possibile, anche perché il tono della loro predicazione non era così brillante e festaiola di quella che trovava in altre chiese portate ad esempio (che lui sia un uomo di spettacolo potrebbe avere influito sulla sua opinione). Ellen G. White veniva accusata di essere una malata mentale, una cattiva madre, una massone ecc. Per lui non contava il fatto, per limitarci a quest’ultimo caso) che Ellen White avesse esplicitamente criticato la massoneria e che non ne condividesse la fede e le pratiche, massone era e massone doveva essere. E non c’era possibilità di discussione e chiarimento. Se rispondevo ad una accusa lui ne tirava fuori un’altra e andava avanti. La verità che voleva predicare non era la verità dei fatti esaminata con serenità e completezza, contestualizzata. La verità la costruiva lui andando a spigolare anche lui su Internet e tra gli oppositori della chiesa, ma si vantava di essere un fedele membro “liberale” della chiesa che intanto distruggeva. Dopo un poco mi sono ritirato da quel gruppo. Non so se esiste ancora. Se è così mi dispiace per quanti vi partecipano. Su lato opposto, ci sono dei gruppi che pensando di incarnare il vero spirito profetico dell’avventismo e che stanno a parlare di come prepararsi alle persecuzioni finali, di come l’apostasia sia giunta ormai al culmine come dimostrerebbe tutto il male che riescono a raccogliere e pubblicare sui propri fratelli e sugli altri. Partecipano a questi gruppi anche fratelli buoni e generosi, desiderosi di fedeltà e di bene. Ma c’è il rischio anche qui di essere squilibrati, di credere e andare avanti per slogan che non diventano necessariamente più veri solo perché continuamene ripetuti. In genere sono persone favorevoli al complottismo internazionale, si sentono talmente oppressi dal male da non riuscire a vedere il bene che li circonda. Ed hanno bisogno di raccogliere denunce, accuse, critiche per alimentare la loro passione e il loro senso di appartenenza alla vera fede. Il complottismo politico ed economico viene qui trasportato all’interno della fede e della chiesa. E qui, si formano altri due gruppi: uno lotta per la fedeltà alla Conferenza Generale contro tutti i deviazionismi possibili che riescono a intravvedere; l’altro getta sfiducia anche contro la Conferenza Generale perché ormai il complotto avrebbe avuto così tanto successo che la chiesa sarebbe inquinata “dai Gesuiti” fino al massimo livello della sua dirigenza. Una delle massime vette di questi difensori della purezza è quella raggiunta da quanti accusavano il famoso nostro professore Samuele Bacchiocchi di essere una spia gesuita entro la nostra chiesa. La prova? aveva studiato presso una università gestita dai Gesuiti. Che poi Bacchiocchi abbia dedicato tuta la sua vita a difendere il sabato e tutte le dottrine avventiste, e che abbia fatto in giro per il mondo conferenze non benevole neppure sui Gesuiti, questo non conta: spia gesuita era e spia doveva doveva rimanere, senza possibilità di discussione: lo dice la sacra ideologia complottista! Dato questa infiltrazione corruttrice dei poteri forti del mondo dentro la chiesa, la conclusione è che bisogna prepararsi a vivere senza organizzazione, andando ognuno per conto proprio e formando dei piccoli gruppi che conservino pura la verità, naturalmente guidati da questi esempi di spiritualità e buon senso cristiano. Il mio appello, quasi certamente inascoltato, a quanti alimentano questi gruppi è di smettere. Potrebbero fare cose molto più belle e buone per il loro popolo. Spero sia ascoltato l’appello a quanti si avvicinano a questi gruppi con sincerità di cuore perché stiano alla larga dal canto delle sirene che attirano molto ma che poi ci fanno diventare schiavi. Preghiamo perché il Signore ci protegga dal male e non esponiamo noi stessi alla tentazione. Prossimo post: Il peccato originale di molti gruppi Facebook e di tanti animatori su Internet. PS. Leggo che domani 7 febbraio è la giornata dedicata ai ragazzi per la sicurezza sul web. Mi sembra che ce ne dovrebbe essere una anche per gli adulti, ma servirebbe se non si vuole imparare?
    https://firmiamo.it/notso#comments

  81. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    QUESTO GIOVANNI LEONARDI E’ GIA’ UNO FUORI DI TESTA CHE ANDREBBE CURATO !

  82. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    i primi evidenti segni del caldo.

  83. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    L’avvocato radicale Fabio Massimo Nicosia è stato vittima di un’ iniezione a rilascio prolungato che le è stato oculato contro la sua volontà e per questo motivo ha dichiarato “che non sta bene” nella Riunione dell’Associazione “Enzo Tortora” – Radicali Milano dedicata al prossimo Congresso del Partito Radicale. Ecco spiegata la vergogna di una pratica brutale, inumana e degradante che si chiama TSO . La Germania ha abolito questa pratica. Certo, Fabio Massimo Nicosia si era scagliato contro una sedia interrompendo gli astanti congressisti radicali, per l’appunto durante un congresso radicale. Non condividendo questo scatto d’ira violenta per difendere le proprie idee, ma in quanto modalità poco consona con la prassi radicale rigorosamente nonviolenta e gandhiana, dai congressisti è stato costretto con la forza ad affidarsi nelle braccia degli pseudoscienziati psichiatri ed alle cosiddette “cure psichiatriche” degne delle peggiori tirannie e dei regimi totalitari altrettanto poco consone con l’ideologia radicale, non quella radical-chic ma quella liberale, liberista, libertaria e libertina.

  84. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    “Matti da slegare. Una lotta radicale” http://www.radioradicale.it/scheda/503254/matti-da-slegare-una-lotta-radicale MATTI DA SLEGARE Penso di non svelare segreti destinati a essere tali, se dico che mi ha telefonato il tesoriere di Radicali Italiani Michele Capano per parlarmi di riforma del TSO. Gli ho espresso alcune mie considerazioni di fatto e di diritto, nel senso che il fatto non corrisponde praticamente mai al diritto. Mi sono però dimenticato di sottolineare che io vivo, di fatto e di diritto, in una sorta di TSO permanente, la cui legittimità sarebbe tutta da verificare. Ora, è vero che io oggi accetto determinate cure, ma sta di fatto che se per caso io non accettassi il mese prossimo di sottopormi al depot mensile, sarei IMMEDIATAMENTE sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio, indipendentemente da ogni mia effettiva pericolosità. Funziona infatti che, contrariamente a quello che voi pensate, il TSO non viene imposto a soggetti effettivamente pericolosi, ma a soggetti che gli psichiatri ritengono meritevoli di cure, che sono due concetti molto diversi. Ora, e può darsi che non abbiano tutti i torti, i miei psichiatri ritengono che io debba essere soggetto a questa fiala mensile: se pure io non fossi PER NULLA pericoloso, se io il mese prossimo non mi recassi all’incoculazione, nel giro di un paio di giorni mi troverei la polizia locale sul pianerottolo a picchiarmi sulla porta per portarmi via, a un ricovero di almeno una settimana, nel corso del quale sarei costretto a subire l’incoculazione stessa. Come definire tutto ciò se non un TSO permanente, a mio avviso illegittimo?

    1. Sonia Patacchi
      Sonia Patacchi at | | Reply

      Fabio Massimo Nicosia, avvocato radicale.

  85. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    “Macron è pericoloso”, lo dice uno psichiatra . Il Prof. Adriano Segatori è psichiatra-psicoterapeuta, membro della sezione scientifica “Psicologia Giuridica e Psichiatria Forense” dell’Accademia Italiana di Scienze Forensi EMMANUEL MACRON che parla di “SDENTATI” per definire i poveri…MACRON che insulta i minatori dicendo che sono solo tabagisti e alcolisti…MACRON che definisce le donne “stupide e ignoranti”…..e non è tutto…MACRON, l’ UOMO NUOVO è uno…PSICOPATICO!! https://www.youtube.com/watch?v=_4qxmfse5EI

  86. Vito
    Vito at | | Reply

    Antonio Mette in evasione. Oggi Antonio Mette sta avendo una crisi particolarmente virulenta, non è una bella cosa. http://www.movimentolibertario.it/index.php?option=com_content&view=article&id=3696:wikipedia-censura-il-movimento-librtario-&catid=1:latest-news#yvComment3696

  87. Vito
    Vito at | | Reply

    Uscite da Babilonia (Roma) , la grande, la grande città, la potente città

    Uscite da essa, o popolo mio

    “Poi udii un’altra voce dal cielo che diceva: «Uscite da essa, o popolo mio, affinché non siate complici dei suoi peccati e non siate coinvolti nei suoi castighi; perché i suoi peccati si sono accumulati fino al cielo e Dio si è ricordato delle sue iniquità.” Apocalisse 18,4-5.

    http://sendaantigua.net/portfolio/category/libros/

  88. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    Infatti, Vicarius filii Dei (V + I + C + I + V + I + L + I + I + D + I = 666)

  89. Vito
    Vito at | | Reply

    Virginia Raggi e Papa Francesco?

  90. Vito
    Vito at | | Reply

    Godlim shorashim – גדלים שורשים

    Il Presidente venezuelano Nicolás Maduro Moros tiene importanti radici ed origini ebraiche sefardite, a partire da suo nonno che emigrato dai Paesi Bassi era giunto a Curaçao ed infine in Venezuela (attuale Repubblica Bolivariana del Venezuela)

  91. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    Henrique Capriles Radonski è figlio di Henrique Capriles García, uomo d’affari di ascendenze ebraiche sefardite, e di Mónica Cristina Radonski Bochenek, ebrea ashkenazita, discendente di una famiglia ebraica russo-polacca sopravvissuta alla Shoah.

  92. Sonia Patacchi
    Sonia Patacchi at | | Reply

    Maduro dona a Delcy Rodríguez la spada del Libertador padre della patria Simón Bolívar

  93. Vito
    Vito at | | Reply

    «Complimenti alla compagna Delcy Rodriguez: missione compiuta»

  94. Vito
    Vito at | | Reply

    «Complimenti alla compagna Mónica Vistali : missione compiuta»

  95. Michaela
    Michaela at | | Reply

    Vito, me estan guarimbeando por el Face. Donde.hacer yoga gratis en caracas este domingo?!?!

  96. Vito
    Vito at | | Reply

    #FORA VILMA LA BRUXA!

    #FORA TEMER!

  97. Vito
    Vito at | | Reply

    Sarebbe corretto considerare Monti un liberale? Mario Monti, come Emma Bonino, fa parte del club Bilderberg. Mario Monti poi è un massone. Come molti avventisti del settimo giorno (Giovanni Leonardi, Nomen omen ) e anarchisti del settimo giorno ! :)

  98. Vito
    Vito at | | Reply

    La pagode d’Évry enfin inaugurée. La pagode Khanh Anh, la plus grande d’Europe, a été inaugurée à Évry, dans l’Essonne.
    http://www.la-croix.com/Religion/Bouddhisme/pagode-dEvry-enfin-inauguree-2017-05-15-1200847211

  99. Vito
    Vito at | | Reply

    Ringer’s first political/ideological work, Restoring the American Dream (1979), reached #3 on The New York Times Bestseller List in 1979, and was revised, updated, and republished in 2010. The premise of the book is that liberty must be given a higher priority than all other objectives and that a laissez-faire free market is the clear solution to America’s economic troubles.

  100. Vito
    Vito at | | Reply
  101. Vito
    Vito at | | Reply

    Restoring the American Dream

    Robert Ringer

  102. Vito
    Vito at | | Reply

    GREAT WORK MR. ROBERT RINGER !
    I LIKE IT !
    starts at 1:04 click forward http://www.libalt.gemm.com Robert Ringer is an American entrepreneur, motivational speaker, and author of several best-selling self-help books.
    He is married to a Panamanian former stewardess and Playboy magazine centerfold model Ester Cordet, who was Playmate of the Month in the October 1974 issue of Playboy. They met at a party held at the Playboy Mansion.
    [edit]Writings

    A devoted admirer of Ayn Rand, Ringer wrote his most politically-oriented work, Restoring the American Dream (1979), which dealt with various problems in the United States, and offering solutions through a laissez-faire free market libertarian perspective (in recent years Ringer has modified his views, now describing himself as a “theoretical libertarian/practical conservative”).
    His first book, Winning Through Intimidation, was first published in 1974. In December 2004, Ringer revised and updated the book and republished it with a new title: To Be or Not to Be Intimidated?: That is the Question.
    His other books include Looking Out for Number One (originally published in 1978, but a revised and updated edition is planned for Fall, 2006); Million Dollar Habits (1990), and Action!: Nothing Happens Until Something Moves (2005).

  103. Vito
    Vito at | | Reply

    Robert Ringer is an interesting guy. If you’re a Libertarian I highly recommend his book, “Restoring The American Dream”. It’s as good a libertarian read as any out there, IMHO. It’s just too bad the interviewer here knew nothing about Ringer (did not know of his book “Looking Out For #1”!). It would have made for a much better interview.

  104. Vito
    Vito at | | Reply

    “Restoring The American Dream” was the first big and maybe the only commercial book on libertarianism, it was basically a libertarianism , a treatise on libertarianism (Robert Ringer)

Please comment with your real name using good manners.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *