La storia della tua schiavitù

1280px-herd_of_cows_4528942592

Come tutti gli animali, gli esseri umani vogliono dominare e sfruttare le risorse che li circondano.
All’inizio cacciavamo, pescavamo e mangiavamo i frutti della terra, ma poi qualcosa di magico e terribile è successo alle nostre menti.

Abbiamo iniziato, unici tra gli animali, ad avere paura della morte e dalla perdita futura. Questo fu l’inizio di una grande tragedia e di un potenziale ancora più grande.

Vedete, quando abbiamo iniziato ad avere paura della morte, delle ferite e della prigionia, siamo diventati controllabili – e in qualche modo siamo diventati preziosi. Come nessuna altra risorsa potrebbe mai essere.

Per qualsiasi essere umano le più grandi risorse da controllare non sono risorse naturali, strumenti, animali o territori, ma altri esseri umani.

Puoi spaventare un animale, perché gli animali hanno paura del dolore in questo momento, ma non puoi spaventare un animale minacciando di togliergli la libertà, di torturarlo o di imprigionarlo in futuro, perché gli animali hanno ben poco senso del domani.

Non puoi minacciare una mucca con la tortura o una pecora con la morte. Non puoi far oscillare una spada contro un albero urlando per produrre più frutta, o tenere una fiaccola in un campo e chiedere più grano. Non puoi prendere più uova minacciando una gallina – ma puoi farti dare le uova da un uomo minacciandolo.

Questo allevamento umano è stata l’occupazione più redditizia e distruttiva nel corso della storia e sta raggiungendo il suo apice distruttivo.

La società umana non può essere compresa razionalmente finché non viene vista per quello che è: una serie di fattorie in cui gli allevatori umani posseggono bestiame umano.

Alcune persone si confondono perché i governi forniscono assistenza sanitaria, acqua, istruzione e strade, e quindi immaginano che ci sia un po’ di benevolenza al lavoro. Niente potrebbe essere più lontano dalla realtà. Gli allevatori forniscono assistenza sanitaria, irrigazione e addestramento al loro bestiame.

Alcune persone vengono confuse perché ci sono permesse certe libertà, e quindi immaginiamo che i nostri governi proteggano le nostre libertà. Ma gli agricoltori piantano le loro colture a una certa distanza l’una dall’altra per aumentare i loro raccolti – e permetteranno a certi animali più stalle o campi se ciò significa che produrranno più carne e latte.

Nel vostro paese, la vostra azienda agricola fiscale, “il vostro allevatore” vi concede certe libertà non perché si preoccupi delle vostre libertà, ma perché vuole aumentare i suoi profitti. Stai iniziando a vedere la natura della gabbia in cui sei nato?

Le quattro fasi

Ci sono state quattro fasi principali dell’allevamento umano.

La prima fase, nell’antico Egitto, era la costrizione umana diretta e brutale. I corpi umani erano controllati, ma la produttività creativa della mente umana rimaneva al di fuori della portata della frusta e delle catene. Gli schiavi sono rimasti tristemente poco produttivi e hanno richiesto enormi risorse per il controllo.

La seconda fase era il modello romano, in cui agli schiavi veniva concessa una certa capacità di libertà, ingegno e creatività, che aumentava la loro produttività. Ciò aumentò la ricchezza di Roma, e quindi le entrate fiscali del governo romano – e con questa ricchezza aggiuntiva, Roma divenne un impero, distruggendo le libertà economiche che alimentavano il suo potere, e crollò.

Sono sicuro che ciò non suoni del tutto nuovo.

Dopo il crollo di Roma, il modello feudale ha introdotto il concetto di proprietà e tassazione del bestiame. Invece di essere di proprietà diretta, i contadini coltivavano terreni che potevano conservare finché pagavano i signori della guerra locali.

Questo modello alla fine si ruppe a causa della suddivisione continua della terra produttiva, e fu distrutto durante l’“Enclosure”, quando la terra fu riconsolidata. Centinaia di migliaia di contadini furono cacciati dalle loro terre ancestrali, perché le nuove tecniche agricole rendevano le grandi fattorie più produttive con meno persone.

L’aumento della produttività del tardo Medioevo creò il cibo in eccesso necessario per l’espansione di villaggi e città, che a sua volta diede origine al moderno modello democratico di proprietà umana.

Mentre i contadini sfollati si riversavano nelle città, un enorme stock di capitale umano a buon mercato si era reso disponibile ai sempre più numerosi industriali. La classe dominante degli allevatori umani si rese presto conto che avrebbero potuto guadagnare di più lasciando che il proprio bestiame scegliesse le proprie occupazioni.

Sotto il modello democratico, la proprietà dello schiavo diretto è stata sostituita dal modello della mafia. La mafia raramente possiede le attività direttamente, ma piuttosto manda teppisti in giro una volta al mese per rubare dai “proprietari” dell’attività.

Ora puoi scegliere la tua occupazione, il che aumenta la tua produttività – e quindi anche le tasse che puoi pagare ai tuoi padroni.

La grande sfida del modello democratico è che gli aumenti di ricchezza e libertà minacciano gli allevatori. Le classi dominanti inizialmente traggono profitto da un mercato di capitali e manodopera relativamente libero, ma man mano che il loro bestiame si abitua alle loro libertà e alla loro crescente ricchezza, iniziano a chiedersi perché abbiano bisogno di governanti.

Nessuno ha mai detto che l’allevamento umano fosse facile.

Il mantenimento

Mantenere il bestiame fiscale in modo sicuro all’interno del recinto di proprietà delle classi dominanti è un processo a tre fasi.
Il primo è quello di indottrinare i giovani attraverso l’educazione statale. Con l’aumento della ricchezza dei paesi democratici, le scuole statali sono state universalmente inflitte per controllare i pensieri e le anime del bestiame.

La seconda fase consiste nell’aizzare i cittadini gli uni contro gli altri attraverso la creazione di bestiame dipendente.

È molto difficile governare gli esseri umani usando la forza diretta – e dove è possibile, rimane estremamente poco produttivo, come si può osservare in Corea del Nord.
Gli esseri umani non si riproducono bene o non producono efficientemente in cattività diretta.

Ah, se gli esseri umani credono di essere liberi, allora produrranno molto di più per i loro allevatori.
Il modo migliore per mantenere questa illusione di libertà è mettere un po’ del bestiame sul libro paga dell’allevatore.
Quelle mucche che dipendono dalla gerarchia esistente attaccheranno quindi qualsiasi altra mucca che indichi la violenza, l’ipocrisia e l’immoralità della proprietà umana.

La libertà è schiavitù e la schiavitù è libertà.

Se riesci a far attaccare le mucche l’un l’altra, quando qualcuno fa emergere la realtà della loro situazione, allora non devi minimamente spendere quanto dovresti se le controllassi direttamente.

Quelle mucche che diventano dipendenti dalla generosità rubata dell’allevatore si oppongono violentemente a qualsiasi dubbio sulla virtù della proprietà umana.
Le classi intellettuali e artistiche, sempre e per sempre dipendenti dagli allevatori, diranno a chiunque esige la libertà dalla proprietà: “Farai del male alle tue compagne mucche.”

Il bestiame è tenuto imprigionato così, scaricando la responsabilità morale della distruttività di un sistema violento su coloro che chiedono una vera libertà.

La terza fase consiste nell’inventare continue minacce esterne, in modo che il bestiame spaventato si rifugi sotto l’ala “protettiva” degli allevatori.
Questo sistema di allevamento umano si sta avvicinando alla sua fine.

Le terribili tragedie dei moderni sistemi economici occidentali si sono verificate non a dispetto, ma a causa delle passate libertà economiche.
I massicci aumenti della ricchezza americana nel corso del XIX secolo derivarono dalle libertà economiche – e fu proprio questo aumento di ricchezza che alimentò le dimensioni e il potere dello stato.

Ogni volta che il bestiame diventa esponenzialmente più produttivo, si ottiene un corrispondente aumento del numero di allevatori e dei loro dipendenti.
La crescita dello stato è sempre proporzionale alle precedenti libertà economiche. Le libertà economiche creano ricchezza e la ricchezza attira più ladri e parassiti politici, la cui avidità distrugge quindi le libertà economiche.

In altre parole, la libertà metastatizza il cancro dello stato. Il governo che inizia come il più piccolo finirà sempre come il più grande.

Questo è il motivo per cui non può esserci alternativa praticabile e sostenibile a una società veramente libera e pacifica. Una società senza governanti politici, senza proprietà umana, senza la violenza della tassazione e dello statalismo.

Essere veramente liberi è molto semplice e molto difficile. Evitiamo di guardare direttamente l’orrore della nostra schiavitù perché è doloroso.
Balliamo intorno all’infinita violenza del nostro sistema morente perché temiamo gli attacchi dei nostri compagni di bestiame.

Ma possiamo rimanere imprigionati solo nelle gabbie che ci rifiutiamo di vedere.

Svegliati.

Vedere la fattoria significa lasciarla.

Seguici

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca