In Anti & Politica, Economia

di FRANCO BOLOGNESI

Sarà l’Imu a scottare i contribuenti italiani, a far scendere loro coi piedi per terra e a far dimenticare la luna di miele con il “professor Monti”. Usiamo, qui di seguito, le informazioni che ci ha fornito un amico su Facebook, che, a sua volta, le ha avute dal commercialista.

Del resto l’Imu (invenzione calderoliana) merita una trattazione particolare, trattandosi del tributo che più di ogni altro prosciugherà le tasche dei contribuenti. L’Imu sostituirà Ici ed Irpef, salvo che gli immobili non siano affittati. Pertanto, la seconda casa non sarà più da indicare nel modello Unico come reddito catastale per il calcolo dell’Irpef, né gli immobili sfitti. Le abitazioni concesse in uso gratuito a parenti, inoltre, non si considereranno più assimilate all’abitazione principale, perciò saranno trattate come le seconde case (dove sparirà la maggiorazione di un terzo).

L’Imu viene introdotta in via sperimentale per tre anni, insieme al ripristino della tassazione dell’abitazione principale, la prima casa per capirci. Conoscendo come vanno le cose, prevediamo che i 3 anni diventeranno 30, come è sempre accaduto con le una tantum all’italiana.

I soggetti passivi che pagheranno l’Imu sono gli stessi di quelli che pagavano l’Ici.

Oltre all’abitazione principale l’Imu ridotta si applica anche alle sue pertinenze (C/2, C/6, C/7) nella misura massima di una unità per ogni categoria catastale; il che significa che una casa può avere come pertinenza (pagante l’aliquota ridotta) un magazzino e anche un garage, ma non due garage. L’Imu è dello 0,76% per le seconde case, mentre è ridotta allo 0,4% per le abitazioni principali e per i fabbricati rurali. Ma i Comuni possono (e vedrete lo faranno, dato lo stato delle loro finanze) aumentare questa aliquota fino ad un massimo dello 0,3% (Anche qui, si noti, come tutto è imposto da Roma). Inoltre, bisogna fare i conti con l’elevazione dei coefficienti catastali, che dovrebbe aggirarsi intorno al 60%! Il che significa che aumenterà di oltre la metà il valore della casa su cui calcolare la tassa.

Come si calcola l’Imu? Più o meno come l’Ici, salvo l’aumento delle rendite, che incrementerà il valore base su cui calcolare l’imposta.

La base imponibile si calcola prendendo la rendita dell’immobile, rivalutata del 5%, e moltiplicandola per un coefficiente fisso, a seconda del tipo di immobile:
CATEGORIA CATASTALE NUOVO MOLTIPLICATORE DELLA R.C.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

A e C2, C6, C7 160

B, C3, C4, C5 140

A10 e D5 80

D (ESCLUSO D5) (dall’1.1.2013 passa a 65) 60

C1 55
Precisiamo che l’aumento del 60% riguarda solo l’IMU e non anche altre casistiche, come ad esempio il valore catastale del bene in caso di compravendita. Le aree edificabili, come per la vecchia Ici, valgono per il loro valore di mercato.

Gli immobili d’interesse storico-artistico pare non abbiano più l’agevolazione che avevano con l’Ici (verificheremo), secondo la quale venivano tassati in base alla minore delle tariffe d’estimo previste per quella categoria.

Per l’abitazione principale è prevista una detrazione di 200 euro, più (per gli anni 2012 e 2013) un’ulteriore detrazione di 50 Euro per ogni figlio fino ai 26 anni d’età, che abbia residenza e dimora nell’abitazione principale, fino ad un massimo di 400 euro.

Novità anche per i terreni agricoli, per i quali il valore si ottiene rivalutando del 25% il reddito dominicale e moltiplicandolo per 130 (anziché 120). Il coefficiente scende a 110 per i coltivatori e gli imprenditori agricoli professionali. Non ci saranno più, inoltre, esenzioni per i terreni agricoli e i fabbricati rurali.

E per i versamenti” Sarà come per l’Ici: entro il 16 giugno 2012 va versato il 50%, il saldo entro il 16 dicembre dello stesso anno. Anche i terreni devono essere dichiarati al catasto edilizio urbano entro il 30 novembre 2012 e pagheranno l’Imu. Fino alla presentazione della domanda, l’Imu dovrà essere pagata basandosi sulle rendite di immobili già iscritti al catasto.

L’Imu, come era per l’Ici, è indeducibile dalle imposte sul reddito.

Dopo questa girandola di notizie (qualora ci fosse qualche imprecisione siamo a vostra disposizione) vediamo di trarre qualche conclusione.

Fino ad oggi, con l’abolizione voluta dal governo Berlusconi nel 2008, l’abitazione principale nulla pagava per l’Ici. Quest’anno, pagherà l’Imu, apparentemente ridotta, ma considerando l’incremento del 60% dell’imponibile (valore catastale), pagherà in realtà di più di quanto pagava tre anni fa con l’ultima Ici versata.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Stessa cosa per gli immobili concessi in uso gratuito ai parenti: prima erano esenti dall’Ici, ora sono soggetti all’Imu. Analogamente, pagheranno un’Imu più salata gli immobili d’interesse storico e l’Imu  colpirà anche i terreni e i fabbricati rurali, in generale fino ad oggi esenti dall’Ici.

Che dire?

Prepariamoci ad un vero salasso per il prossimo mese di giugno, presumibilmente ad un raddoppio della tassazione locale sugli immobili.

Vediamo in questo specchietto come approssimativamente varierà dal 2011 al 2012 la tassazione, dalla vecchia “Ici/Irpef” alla nuova “Imu/Irpef”, considerando un contribuente medio possessore, oltre che di un reddito da lavoro, dell’abitazione principale (reddito catastale pari a 1.000), di una seconda casa (reddito catastale pari a 800) e di una casa affittata a canone concordato (reddito catastale pari a 800), affitto annuo percepito 7.200 euro). La simulazione la faremo con le aliquote proposte dal Comune di Bologna.

 

Tipo immobile                                 Abitazione Principale                   Seconda casa                    Casa affittata

Ici 2011                                                                      0 €                                                       782 €                                             0 €

Irpef 2011                                                                0 €                                                        424 €                                         1.628 €

Imu 2012                                                                 556 €                                                  1.425 €                                       1.425 €

Irpef 2012                                                                0                                                                  0 €                                        1.628 €

Differenza 2012 su 2011                          +556 €                                                   +219 €                                       +1.425 €

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

 

Tiriamo dunque le somme. In totale, quest’anno saranno 2.200 euro di aumento rispetto al 2011 (556+219+1.425). Che arrivano schizzeranno a circa 2.500 euro, considerando anche l’incremento di tassazione dovuto agli aumenti delle addizionali regionali e comunali.

Che dire a commento?

Che, con molta probabilità, aumenteranno gli affitti e qualcuno venderà anche gli immobili, non senza mettere in conto qualche riduzione di prezzo per via di un mercato che stagnerà ancora di più rispetto al 2011.

Infine, ciliegina sulla torta, non pensiate stiano meglio le imprese: per loro, sui capannoni di proprietà, è previsto un raddoppio della tassazione.

TRATTO DA www.lindipendenza.com

 

Recent Posts
Showing 19 comments
  • Borderline Keroro
    Rispondi

    … e vediamo se questa volta la gente non scenderà in piazza

    • vesalius vesanus
      Rispondi

      No. Non scenderanno in piazza.
      Il grado di lobotomia è massimo.
      Quindi, solo quando mangeranno fango e vermi, si agiteranno un pò.

  • Deciomeridio
    Rispondi

    L’ Imu l’ ha inventata Calderoli ? Molto interessante ! Se mi fate sapere qualche dattaglio in più vi ringrazio. Su questo sito l’ unica cosa che non ho ancora sentito dire contro i leghisti è che Giuda Isacriota fosse un protoleghista.

    Secondo me ve lo meritate , Mario Monti.

    • Luigi
      Rispondi

      Secondo me, invece, Monti ce lo ritroviamo per via della totale incapacità dimostrata da Bossi e alleati in tanti anni di governo. Ovviamente escludendo l’unico vero talento, quello dei rutti e delle scorregge. E poi, si, l’IMU l’ha inventata Calderoli nel cosiddetto pacchetto federalista. Non era esattamente come questa di Monti ma l’idea è del tutto simile: rubacchiare rubacchiare.

      • Deciomeridio
        Rispondi

        Ecco , appunto : avevo chiesto un chiarimento all’ articolo e tu sei capace di scrivere le solite stronzate. L’ Imu , la tassa ,municipale , i cui introiti vanno quasi tutti allo stato centrale , NON l’ ha di certo scritta Calderoli. Goditi Monti , perchè te lo meriti.

        • Luigi
          Rispondi

          Vedo che tu, invece, regisci fornendo argomentazioni lucide e documentate. Io non mi godo Monti perchè è un personaggio che mi è stato regalato dei tuoi rappresentanti della ruttania e dal loro degno compare miliardario. Strasù!!

          • Deciomeridio

            Caro idiota , qui c’ è un autore di nome FRANCO BOLOGNESI che , non sapendo che stronzata dire contro la Lega , afferma che l’ IMU è una invenzione di Calderoli.
            Io ho semplicemente chiesto a qualcuno di dimostrarmi la veridicità della notizia ma come al solito ho ricevuto solo risposte coglione come la tua.
            Non sono io a dover fornire argomentazioni.
            Hai capito , piccolo idiota ?

  • floriano
    Rispondi

    STA FINENDO IL LUBRIFICANTE DELLA DIGNITA’ DELL’UOMO,(VEDI =SU GOOGLE), ED INIZIEREMO A SENTIRE IL DOLORE DELLA SODDOMIZZAZIONE, IMPARTITA DA TUTTA QUESTA MARMAGLIA DELLA CLASSE POLITICA ITAGLIANA, (NESSUNO ESCLUSO), LA CHIAMO INFAME, BECERA E SCHIFOSA, FIGLIA DI UNA MATRIGNA SANGUISUGA CHIAMATA I-TAG-LIA,
    ED AVVERRA’ ANCORA IN FUTURO PERCHE’ L’ITAGLIANO HA LA MEMORIA CORTA, CHE GLI BASTA VEDERE LA NA-ZIO-ANALE ITAGLIANA CHE DA’ DUE CALCI AL PALLONE, PER SENTIRSI FIERO DI TUTTA QUESTA MERDA CHE LO CIRCONDA, E TIRANDO FUORI L’ORGOGLIO DEL CAMPIONE ITAGLIOTA, NON RINUNCERA’ A CHINARE LA SCHIENA PER POTERLO ANCORA UNA VOLTA PRENDERLO IN QUEL POSTO. DICO E CONCLUDO CHE QUESTO LIBRO CHIAMATO ITAGLIA, NON HA PIU’ VOCE IN CAPITOLO, PER RIMANERE APERTO E UNITO, MA SENZA DISCRIMINAZIONE ALTRUI DOVRA’ SEPARARSI PRIMA O POI E LO DICO AI GIOVANI CHE HANNO DAVANTI UN FUTURO SENZA LUCE.

    W VENETO STATO.org

    PAR TERA PAR MAR W SAN MARCO

  • davide.tevere
    Rispondi

    Voglio rincordare che grazie alla lega abbiamo i Cosentino liberi e gente che ruba le patate per vivere in galera.

    Poi ricordo che Monti e le sue tasse sono l’effetto non la causa.
    Perchè il governo è saltato?
    Se avesse gestito i soldi degli italiani in modo operoso non avremmo avuto bisogno delle tasse di Monti.

    Leghisti:
    Prima scoreggiate e poi vi spostate dicendo che il peto l’ha fatto l’andicappato di turno.

    • Deciomeridio
      Rispondi

      Appena insediato il Governo Berlusconi ha levato l’ ICI e non ha toccato le pensioni.

      Appena arrivato Monti ha introdotto l’ IMU e segato le Pensioni.

      Il tutto con il voto del Partito Democratico che dopo aver fatto centinaia di manifestazioni contro Silvio ,adesso vota insieme ad esso per INCULARE IL PROLETARIATO.

      Gli unici all’ opposizione sono quelli della Lega Nord , caro stronzetto scorreggiante.

      Auguri , compagni.

  • rik
    Rispondi

    Girando per la mia citta’ vedo cartelli in ogni dove con vendesi o affittasi e fabbricati copletamente abbandonati,vuoti e sfitti,poiche’ una loro ristrutturazione diventa eccessivamente onerosa e non piu’ ammortizzabile.Le agenzie immobiliari sono alla canna delgas poiche’ ilmercato e’ inerte;diverse imprese edili sono senza lavoro e questo governo di ladri e farabutti,non dissimile dagli altri,tassa a dismisura non solo il reddito ma anche la fonte del reddito e quella che di reddito non ne da.Siamo arrivati alla follia pura e peggio e’ che mentre altre catesorie,protestano in piazza,non vedo e non sento nulla da confedilizia e alte organizzazioni similari:questo e’esmpre piu’ un paesedi m…….e mi stupisce che non ci sia in parallelo una reazione forte dellagente comune che ha davanti a se’ un futuro di poverta’ e lotta perla sopravvivenza.Sono attonito e sconcertato.

    • Deciomeridio
      Rispondi

      Meno male che sono in crisi : con i loro capannoni del cazzo hanno distrutto mezza Italia.

      Che si convertano nel settore delle DEMOLIZIONI , così , tanto per espiare.

      I lavoratori stranieri tanto indispensabili fino a pochi anni fa , torneranno a casa con sommo dispiacere dei sindacati , che li hanno adoperati nella più straordinaria opera di CRUMIRAGGIO INTERNAZIONALE nella storia della Classe operaia, a svantaggio dei lavoratori autoctoni.

      Lettura consigliata nelle meste serate invernali : IL CAPANNONE DELLO ZIO TOM.

    • Borderline Keroro
      Rispondi

      caro rik, io non credo si tratti di follia.
      CHe l’economia stia andando in stallo lo sai tu, che passeggi per la strada, e lo sanno benissimo “loro”, che restano col culo al caldo dentro i palazzi del potere.
      Quanto al fatto che un immobile di per sè non produca reddito è una tua opinione: infatti tassandolo produce reddito eccome. Per lorsignori, ovviamente.
      Quello che è in atto è l’ultimo, si spera, assalto alla diligenza. Diligenza rapinata più e più volte, adesso si porteranno via le ruote. In pratica è in atto un trasferimento forzoso delle proprietà, le ultime rimaste.
      Loro lo chiamano “risanamento”, ma in realtà qui non c’è nulla da risanare, il cancro è assolutamente incurabile e non c’è intervento chirurgico che tenga. Figurarsi se servono gli antibiotici e l’aspirina, nemmeno in dosi equine.
      In compenso una cosa buona il governo Monti l’ha fatta: ha liberalizzato le licenze dei tacsi.
      Erano anni che speravamo in una mazzata ai biechi taxisti, anni! Infatti il peso del costo del taxi sul budget della famiglia media italiana era ormai diventato insopportabile, e non si poteva mica andare avanti così, per Diana!
      E finalmente alla stazione di servizio potremo fare la spesa, e far benzina dal giornalaio, e comprare la tachipirina dall’assicuratore, mentre nel frattempo l’idraulico ci metterà a posto l’impianto elettrico e il macellaio ci taglierà un po’ di legna da ardere.
      Per il rogo di questi buffoni.

  • Deciomeridio
    Rispondi

    domenica 7 settembre 2008

    Sopravvivere nell’italia terminale

    Sotto gli occhi di tutti.
    Berlusconi non solo non sta mantenendo alcuna promessa fatta in campagna elettorale ma sembra stia facendo esattamente l’opposto di quanto atteso da coloro che lo hanno votato.
    Perfino peggio da ciò fatto dall’orrendissimo governo Prodi.
    Non solo l’immigrazione non è stata frenata ma è incentivata in ogni modo.
    Non direttamente dal governo s’intende, bensì dalle varie branche della casta dominante come chiesa e magistratura che l’esecutivo non sta riducendo all’impotenza.
    I poteri forti stanno procedendo nel loro piano di controllare il paese sabotando anche le poche iniziative lodevoli escogitate dal governo guidato dal Cavaliere Blu. (1)
    Nessuna limitazione è stata finora posta ai ricongiungimenti famigliari ne moratorie sugli ingressi dai paesi neocomunitari. Men che meno qualche espulsione con camicia di forza stile Zapatero.
    In più gli immigrati avranno il diritto di voto contro la volontà della maggioranza dei cittadini italiani e la Libia otterrà un sacco di soldi nostri per fare finta di combattere l’immigrtazione clandestina.
    Anche la “sicurezza” un imbroglio.
    I militari schierati nelle città sorvegliano gli obiettivi “sensibili” tipo ambasciate, ministeri, palazzi di giustizia. Sensibili per la casta non per il popolo.

    Robin Hood Tremonti annuncia di volere azzerare il deficit dello stato in tre anni. Una promessa al limite del delirio. Perchè eliminare i 70 MILIARDI DI EURO di deficit annuo significherebbe spremere ulteriormente una popolazione già stremata dalla globalizzazione e dai parametri di Maastricht. Inoltre il debito pubblico, in un solo anno di lacrime e sangue unioniste, passato da 1605 a 1661 MILIARDI, nel 2011 sarà abbondantemente fuori controllo.
    Tuttavia, ci proverà a “risanare” i conti col certo risultato di schiantare l’economia del paese.
    Le tasse così non solo non stanno diminuendo ma incrementano a profusione per mantenere i sempre più foschi privilegi dei boiardi di stato. Mai licenziabili, dal TFR raddoppiato, sempre garantiti oltre ogni immaginazione come ben delineato dalla faccenda Alitalia.
    E naturalmente per Milano, il Nord solo beffe: dopo che i polentoni si sono dovuti sobbarcare lo smaltimento di TUTTI i rifiuti della Campania assieme i cittadini del Nord si pretenderebbe PER LEGGE che dirigano a Roma per imarcarsi sui voli intercontinentali in nome del “libero mercato” all’amatriciana.
    Questo portarà al probabile fallimento dell’Expo 2015.
    Perché lo stato “equosolidale” che DEVE regalare mliliardi di euro alle mafie per la vergognosamente gratuita autostrada Salerno-Reggio Calabria, per l’inutile tav Napoli-Bari, per il sismicissimo ponte sullo Stretto non avrà i soldi per l’Esposizione Universale dovendo ridurre il disavanzo dello stato.
    Dopodiché i giornali ROMANI, battendosi il petto gonfio d’orgoglio, pontificheranno che “la Lega ha torto, Milano non è meglio di Napoli”.

    Le pensioni stanno per essere nuovamente tagliate, ma unicamente quelle del settore privato già appestato dal precariato dilagante e dai salari più bassi del continete. Così come le piccole e medie aziende saranno costrette a consegnare il TFR dei loro lavoratori a Roma capitale.
    Con la pistola puntata alla tempia dei piccoli imprenditori.
    Questo perché meridionali e nuovi italiani pretenderanno sempre di più in cambio dell’adesione all’unità d’italia.
    Perché questa, solo e sempre, è la VERA questione.
    Tutto il chiacchiericcio sulla “meritocrazia”, sul “sistema paese”, sull’”italianità” è una barzelletta ormai stantia raccontata a beneficio degli scemi che ancora abboccano.

    L’italia affonda in una schizofrenia contagiosa quanto la peste bubbonica: di quelli che non vogliono il federalismo per “garantire l’uniformità su tutto il territorio nazionale” e un secondo dopo invocano nuove leggi speciali per il Mezzogiorno e per Roma; di coloro che detestano sentire parlare di razze ed etnie però difendono i menù “etnici” nelle scuole pubbliche; di coloro che vogliono farci sentire “italiani” orgogliosi per poi udire il cittadino numero uno, il presidente della repubblica in persona affermare che “l’italia non andrebbe avanti senza immigrati”. Bel rinforzo allo “spirito nazionale”! (2)
    E che dire di coloro che vorrebbero “spazzare via” gli extracomunitari dalla Padania ma sono favorevoli all’allargamento della base Nato di Vicenza? Appoggiando così gli americani che degli immigrati sono i più pericolosi detenendo decine di bombe atomiche in suolo padano. Simmetricamente i cattocomunisti, sostenitori del referendum anti-Dal Molin perché “democratico” ma contrari ad altrettanto democratiche consultazioni in materia di moschee e campi nomadi!
    Non ultimi gli psicobuffoni che biascicano di “democrazia dal basso” e poi chiedono l’abolizione dei piccoli comuni e delle comunità montane ossia degli organismi di gran lunga più vicini alle esigenze della popolazione.

    Cosa deve fare allora il cittadino medio per salvarsi dal Giano Bifronte Berlusconi-Veltroni?
    Molto per la verità, nonostante tutto.
    In prima scelta emigrare ma se per voi partire è un po’ morire ecco qualche “dritta”.
    NON PAGARE LE TASSE, o quantomeno fare di tutto per pagarne il meno possibile.
    Perché ogni singolo centesimo che voi versate sotto forma di contributi INPS, canone TV, bollo auto, Irpef eccetera verrà usato dal sistema centralista per salvare se stesso. Contro di voi!
    Importante è capire che l’attuale momento storico è di transizione.
    Per cui solo chi possiederà l’abilità di comprendere i segni e reagire di conseguenza avrà possibilità di salvarsi.
    Per gli altri, senza scampo, l’impoverimento nell’oblio del bisogno e della vergogna nelle favelas a mo’ del peggior Brasile iconico.
    Badate che ci siamo già.
    Alla periferia di Roma e Napoli. E già di altre citta del Sud le bidonville stanno arrivando anche alle periferie di Milano, Torino e Bologna con i campi nomadi come nucleo di accrescimento.
    In secondo luogo evitare ogni forma di consumo inessenziale.
    L’auto nuova, il televisore al plasma, il supercellulare, Telecom, sigarette, abbonamento Sky eccetera si possono evitare.
    Sempre cercare di acquistare nel mercato dell’usato il quale grazie alla Rete, tramite le aste online, siti di annunci gratis e altro, è la migliore fonte di rifornimento a prezzi accessibili di praticamente qualunque cosa.
    Andare a vivere in una casa SINGOLA abbastanza spaziosa con un annesso terreno coltivabile da poterne ricavare un orto e un frutteto. Possibilmente in campagna, meglio ancora in colina dal clima più salubre.
    L’abitazione deve essere abbastanza grande da potere avere una stanza/ripostiglio in cui riporre cose e oggetti dismessi o non più usati che potrebbero essere barattati o venduti in seguito. Anche per riporvi oggetti trovati e ritenuti utili.
    Importantissimo è l’approvvigionamento idrico.
    Fate in modo che la vostra abitazione sia dotata di un pozzo PRIVATO. SICCHÉ L’ATTUALE GOVERNO HA DATO LA POSSIBILITA’ DI PRIVATIZZARE GLI ACQUEDOTTI. Significa che il prezzo dell’acqua dell’acquedotto comunale, una volta privatizzato, salirà alle stelle.

    Non lasciate a quegli stronzi la possibilità di decidere quante volte voi potete tirare lo sciacquone IN CASA VOSTRA. O di quante volte al giorno vostra moglie possa farsi la doccia in estate.
    Molte vecchie abitazioni hanno pozzi insabbiati, riattivateli.
    Se un pozzo non lo avete favetevolo fare da una ditta specializzata MA NON CHIEDETE IL PERMESSO al comune poiché la casta cercherà un qualsiasi pretesto di non darvi il consenso.
    Passato del tempo, se vi romperanno le scatole, direte che il pozzo era li da molti anni e solo ora avete pensato bene di usufruirne.
    Per fare un nuovo pozzo non ci vuole tanto. Basta infilare nel terreno un tubo da due pollici fino a quando si trova il prezioso elemento. Poi una elettropompa che riempie un autoclave. Un sensore di pressione attiverà automaticamente l’elettropompa quando la pressione nell’autoclave scenderà sotto una certa soglia.
    E acquedotto malefico addio!

    NON contate sulle amministrazioni locali specialmente se di ispirazione “progressista”.
    Se davvero danno il voto agli stranieri, gli occhi della casta cattocomunista saranno solo per loro, impegnati nell’assistenza/solidarietà/integrazione dei neoitaliani. Voi sarete lasciati alla deriva.
    Anche per questo vi serve una casa grande.
    Per potere avere figli, la più sicura polizza vita/pensione per il futuro. Come in passato. Corsi e ricorsi storici.

    Nei periodi di trasformazione come l’attuale nulla vale quanto l’informazione: perciò è necessario che siate ben collegati alla Rete.
    Lasciate perdere il doppino telefonico. Stipulate un contratto di fornitura via etere (RDSL, meglio a 5,4 GHz) con un provider locale più efficiente e più vicina al cliente delle grosse società via cavo telefonico.

    Se vi rimangono dei risparmi metteteli in piccole banche territoriali (credito cooperativo consigliato) che saranno le ultime a fallire. Aprite un conto corrente CON INTERESSI (almeno 2,5% lordo) e gestione online gratuita. Se vi è un costo, fate a meno di bancomat, carta di credito e dell’estratto conto postale. Con l’accesso online il resoconto cartaceo non è necessario.
    Investite in buoni fruttiferi emessi da queste banche indicizzati all’Euribor + 40 punti base (o più se ne trovate). Il tasso variabile renderà questi bond sempre “attuali” e “spendibili”, se li venderete prima della scadenza, e il rendimento si avvicina oggi al 5% netto.
    Per nessun motivo investire in Borsa A MENO di essere degli speculatori appassionati ed esperti pronti a entrare ed uscire dal “gioco” in ogni istante.
    Se ne avete la possibilità, fate un’assicurazione sanitaria per la vostra famiglia presso un istituto in una qualche confederazione neutrale collegata ad un conto cifrato inaccessibile allo stato italiano.

    Infine, una nota dolente ma irrinunciabile.
    Prendete in seria considerazione la possibilità di procuravi armi da fuoco per difesa personale.
    La casta dei fankazzisti si è alleata con le peggiori organizzazioni criminali del mondo per potere “unire il paese” e con esso scampare le proprie immonde prerogative.
    Non ci vuole mica tanto a capirlo
    Negli scorsi anni Roma capitale (da non confondersi con Roma città) ha scientemente deciso la chiusura notturna di centinaia di stazioni dei carabinieri proprio negli anni della crescita esplosiva della criminalità immigrata. Col risultato che il Centronoird è divenuto nottetempo terra vergine di caccia per bande di romeni, albanesi, magrebini oltre che dei soliti pendolari della rapina meridionali. Ogni notte nell’indifferenza assoluta dei media “nazionali” avvengono MIGLIAIA di furti nelle auto parcheggiate (se non rubate le stesse), scassinamenti di bancomat, distributori di sigarette e di biglietti ferrovie/bus.
    Per non dire delle altre MIRIADI di scooter, furgoni, ruspe, trattori agricoli e attrezzature varie che svaniscono giornalmente.
    Senza che “Famiglia Cristiana”, troppo impegnato a perdere lettori e copie vendute, ne faccia menzione alcuna ogni giorno accade un numero impressionante di furti ed atti vandalici a danno di luoghi sacri: a chiese di ogni dimensione, cappelle di campagna, santuari e cimiteri. L’immigrazione non lascia in pace neanche i morti.

    E rapine nelle case, naturalmente.
    Non solo nelle ville dei ricchi come i media bugiardi cercano di farci credere.
    Addirittura reiterazione, misfatti ripetuti a distanza di breve tempo nel medesimo posto.
    Vuol dire che i nuovi italiani godono dell’impunità assoluta in cambio della loro permanenza sul territorio della penisola.
    Dell’imminente riforma della giustizia un altro indulto camuffato da “depenalizzazione”. A goderne una moltitudine di delinquenti e mafiosi di ogni colore, razza e religione che torneranno a delinquere il giorno stesso della scarcerazione con o senza bracciale elettronico.
    Indispensabile quindi è proteggersi.
    Se non potete legalmente detenete un’arma, rivolgetevi al vostro albanese/slavo/calabrese losco di fiducia e contrattate l’acquisto di un revolver con matricola abrasa e almeno un paio di scatole di munizioni. Meglio una pistola di calibro medio piccolo. Facile da usare e da nascondere. Poco precisa sui bersagli distanti ma se non siete dei tiratori allenati, non vi conviene nemmeno mirare oltre i dieci metri.

    Siate pronti ad ammazzare ed a essere ammazzati.
    Fatevi crescere un bel po di pelo sullo stomaco, vi servirà alquanto per sopravvivere nell’italia terminale.
    Questo è il futuro che l’”unità nazionale” ci riserva.
    Sotto gli occhi di tutti e senza speranza.

    F. Maurizio Blondet

    1) L’ottimo Leonini, che ringrazio, mi invia il link a questo articolo che fornisce un perfetto spaccato di come la magistratura, CHE PAGHIAMO PROFUMATAMENTE, intende per “cultura della legalità”, “rispetto della costituzione” e “uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge”.
    http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=288617
    State ben tranquilli che se, per ipotesi, a finire davanti al giudice fosse stato un cameraman ucraino clandestino impiegato in nero a Mediaset, lui, di razza bianca, lo avrebbero immediatamente espulso e l’intero consiglio di amministrazione di Mediaset finito sotto processo per violazione della legge Bossi-Fini!
    2) Secondo voi è possibile che a sciorinare un frase assurda del genere fosse il presidente tedesco, francese o la regina degli inglesi? Vedete, la cosa non è che questa affermazione di Napolitano sia vera oppure no (e non è vera) ma il fatto che il capo di uno stato orgoglioso NON può dire una cosa simile nemmero se fosse veritiera.

  • ben
    Rispondi

    vedremo se nessuno andrà in piazza…come si deve…senza fare danni a negozi, vetrine ma radere altri luoghi..stiamo aspettando in molti la scintilla.

  • riscossa
    Rispondi

    Ma come si fa ad essere cosi idioti ,sono anni che una grande ciurma di imbecilli si divertivano a leccare il culo ai signori disonorati onorevoli e ora piangete .Cosa vi apettavate che succedesse . Tutti a votare,alle prossime elezioni tutti a votare .Che rabbia mi esplode il cuore.Per anni avete pensato che la destra oppure la sinistra(campianto ogni qualvolta cerano le elezioni politiche) vi avrebbero risolto i problemi.Ma non avete dalla vita capito un corno e cioe che per campiare le cose dobbiamo campire il nostro agire.il problema non é la sinistra o la destra ma la giustizia che guarda caso non appartine a nessuna delle due correnti Poi ce della ltro ma come si fa a non capire che dove ci sono soldi e potere li si riuniranno le bestie ,nessun onesto cittadino avrà la possibilita oggi di andare a gestire il potere.Vi anno preso per il culo dicendovi che avevate la demograzia e non vi accorgevate che voi stavate scegliendo quelo che loro avevano gia scelto .Voi non avete scelto mai nessuno ,non so come chiamarvi ,pirla o minghia, fate voi Adesso dopo che questi si sono pappati tutti i vostri sacrifici ,e pure i miei (senza che ho colpa(sono anni che lo dico ,percio non sono mai andato avotare ,solo una volta ,avevo18 anni).Non illudetevi loro sanno di essere al sicuro.Per anni hanno praticato il clietalismo politico che significa un mare di voti assicurati che significa potere assicurato.Impiegati statai,regionali,provinciali enti di qualsiasi tipo ,con gli appalti di opere publiche o cosi via.Tutti ottenuti per mezzi illegali di corruzione Che tradotto significa ,il sistema continuerà ad andare avanti.Pensate un po ,insieme a questi ci sono le loro famiglie che sono in debito con questi signori .UN mare di voti .In Italia ce la burocrazia piu inefficinte di tutta europa ,e questo percchè i burocrati molto spesso non sono l a per meritocrazia ma per corruzione ,quindi sono impreparati e innefficienti oltre che molto spesso non anno voglia di lavorare.Vi rendete conto quando danno anno fatto i politici con il vostro consenso elettorale.Un famoso uomo saggio di nome Salomone si chiedeva se era meglio essera sagio o scemo,visto che i scemi non si accorgono di nulla di quello che gli succede intorno.:Concluse dopo vari ragionamenti che era meglio essere sagi ,certo pero,(concluse)comporta un prezzo ,la sofferenza ,cosi che la persona piu sa e piu soffre .Io aggiuco che li minchia soffrono dopo.Quando tutto gli crolla addosso.Prima non hanno voluto vedere .I politici si sono messi da parte per far fare il lavoro sporco a Monti ,cosi potranno dire un giorno che loro non centrano con queste impopolare decisioni. E quindi per non compromettersi,ma e stato deciso prima da tutti i partiti .Dopo quando Monti finirà il lavoro che i partiti gli anno assegnato si presenteranno di nuovo con la faccia degli innoccenti.E qui voglio vedere cosa faranno gli Italiani.Cordiali saluti

  • rik
    Rispondi

    per Borderline Keroro – purtroppo anch’io sono della tua opinione;questo ulteriore massacro sugli immobili ormai insostenibile dalla maggior parte della gente comune,portera’ alla svendita degli stessi,acquistati in tal modo a poco prezzo da potentati finanziari che poi li daranno in affitto agli ex proprietari,ma stabilendo loro in regime pressoche’ di monopolio,il prezzo di mercato;un vero e prprio ritorno al medioevo. Sono sbalordito che al di la del mugudno piu’ o meno formale,la gente subisca continue angherie,senza ribellarsi e vedo che anche tra noi che commentiamo e leggiamo gli articoli,se questo web,non si prepari almeno una manifestazione di forte protesta,in piazza………..rimango percio’ moralmente ed fisicamente in standbay.

  • menichelli mauro
    Rispondi

    Egregi Politici, siete vergognosi, avete previsto uno sconto per chi ha figli, ma non avete previsto alcuno sconto per chi ha un disabile se specialmente dalla nascita. Ma cosa avete nella testa, io vi auguro che possiate provare un problema come questo e capire cosa significa vivere una vita di merda per anni. Non vi è bastato depredare l’Italia e ridurci in mutande, adesso promuovete anche regole senza tener presente le famiglie in difficoltà, siete degli stronzi, dovete andarvene, basta siete una banda di ladri. Mauro Firenze

  • fabrizio
    Rispondi

    siamo fotttttttutttttiiii…con tante “tii”….si salvi chi puo..io vendo tutto e me ne vado via da questo bellissimo paese, che ormai e solo MER-DA…vi guardero via satellite in HD, mentre morirete di fame….io magari staro sotto il sole a bere limonata…auguri italiani che non volete ribellarvi a questi nuovi hitler…!

    SALVATEVI

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search