In Aggiornamenti, Anti & Politica, Economia

DI ARTURO DOILO*

L’unica cosa certa di quanto ha sostenuto Monti è che non è ancora il momento di abbassare le tasse. Dopodiché, ha lanciato proclami di speranza, che i giornali d’Italia hanno rilanciato con vigore: “Ma potrebbe arrivare prima del previsto”.

Sino ad oggi, grazie alla manovra che ha approvato a dicembre, stiamo solo saggiando quanto sono aumentate le tasse. Il resto, è tutto subordinato al solito mantra della lotta all’evasione fiscale che Monti dice che “porterà un vantaggio concreto per i contribuenti onesti”.

Venerdì prossimo, il Consiglio dei Ministri varerà un decreto di semplificazione fiscale, ma non affronterà alcuna riforma organica. Secondo il presidente del consiglio saranno poste le basi per un futuro, anche prossimo, taglio dell’Irpef: sarà costituito un fondo in cui far confluire le risorse che arrivano dalla lotta all’evasione. Così come il capitolo dell’Ici per la Chiesa non trova per ora spazio nel provvedimento, ma l’intervento è comunque in arrivo.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Il governo, insomma, si muove con cautela, come stesse camminando sui gusci d’uovo, anche se ostenta una certa determinazione, soprattutto sul fronte fiscale, dove ha sguinzagliato la Finanza in tutto lo stivale. Parola di professore: “Prima si mettono da parte le risorse necessarie e poi si procede. Per un calo delle tasse è necessario aspettare”. E ti pareva? E ribadisce: “Non ci saranno misure di riforma fiscale ma di semplificazione fiscale”. Leggeremo. Poi, un po’ di sana demagogia: “Le risorse della lotta all’evasione dovranno rifluire in un beneficio alla collettività. Ci attendiamo robusti benefici, sia per gli strumenti messi a disposizione dalle autorità competenti sia per il cambiamento di psicologia, cosa non da poco, che si sta verificando nel Paese. Quanto alla possibile tempistica di questo ritorno dei proventi della lotta all’evasione in termini di tagli alle tasse non è detto che ciò significhi dover aspettare il 2014”. Clap, clap da parte di chi ci crede.

Il riferimento del primo ministro è all’articolo della bozza del decreto che prevede che dal 2014 le maggiori entrate della guerra agli evasori vadano, nel rispetto degli obiettivi di finanza pubblica, alla riduzione delle tasse per le fasce più deboli, con particolare riferimento all’incremento delle detrazioni fiscali per i familiari a carico. Il governo, spiega il premier, si muove “con i piedi di piombo e proprio per questo non ha contabilizzato i benefici della lotta all’evasione. Bisogna aspettare un momento”. Intanto, la povertà aumenta e gli imprenditori (e i capitali) fuggono.

Cautela, dunque, in perfetto stile loden. La determinazione è solo dedicata alla caccia a chi non paga le tasse: “sarà vigorosa”, ribadisce Monti. Degli sprechi infiniti, invece, silenzio tombale.

Le misure concrete? Nel decreto sono diverse quelle mirate ad una ulteriore stretta. “L’Agenzia delle Entrate elaborerà liste selettive di evasori, ripetutamente segnalati per violazione dell’obbligo di emissione della ricevuta o scontrino fiscale. Arrivano poi multe salate per chi porta capitali all’estero illegalmente, con un meccanismo che incrementa la sanzione fino al 40% secondo la quantità di denaro esportato. Chiusura d’ufficio, poi, per le partite iva inattive. Arrivano anche gli ispettori-giocatori nelle sale da gioco: l’amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, è autorizzata a costituire, avvalendosi di risorse proprie, un fondo destinato alle operazioni di gioco a fini di controllo, di importo non superiore a cento mila euro annui”. Si estende anche ai locali delle Onlus il “potere di accesso” degli ispettori fiscali per combattere le frodi Iva. Lo prevede la stessa bozza in elaborazione, che aggiunge appunto i “soggetti del Terzo settore” tra quelli per i quali è possibile procedere ad ispezioni documentali, verificazioni e ricerche e ad ogni altra rilevazione ritenuta utile per l’accertamento dell’imposta e per la repressione dell’evasione e delle altre violazioni fiscali. Altro che paradisi fiscali, l’Italia assurge ufficialmente al ruolo di inferno fiscale.

A Bruxelles, Monti vuol mettere mano anche ai rapporti fiscali con la Svizzera. Dopodiché, si dedicherà a far pagare l’Imu alla Chiesa.

Sul primo fronte, il premier ribadisce la discontinuità rispetto al passato: “Ai condoni non vogliamo proprio pensare”, scandisce puntando il dito addosso agli elvetici. “Quello che può sembrare un attacco alla grande evasione può essere un condono, come avvenuto con lo scudo che abbiamo in parte riaperto”, ha spiegato.

Sul capitolo vaticanista immobiliare, è invece necessario riflettere ancora e Monti chiede eloquentemente “scusa” se intende prendersi i suoi “tempi di riflessione”. Probabilmente vuol tenersi buono l’elettorato più intransigente di destra e sinistra. Poi, spiega che l’emendamento sull’imposizione dell’Ici alla Chiesa “è in dirittura d’arrivo”

Monti, quindi, non vuole fare annunci ma lascia comunque aperta la porta ad una sorpresa dell’ultima ora: “Magari sarà già inserito nel decreto che presenteremo venerdì”.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Dopo aver sentito Monti parlare oggi, mi son tornate alla mente le parole di George Washington: “Il governo non è ragionamento, non è eloquenza, è potere! Come il fuoco è un pericoloso servitore e un temibile padrone”.

 

* Link all’originale: http://www.lindipendenza.com/monti-al-rogo-gli-evasori-abbassare-le-tasse-per-ora-no/

 

Recent Posts
Showing 7 comments
  • iano
    Rispondi

    Il dott. prof. MONTI,sta facendo una “delicata” operazione…per salvare la vita alla sig.Italia.Io credo invece che sta solo facendo un autopsia!!Infatti gli italiani ormai sono solo dei “cadaveri”non reagiscono,non si muovono,non parlano…..(se tutti pagano le tasse,le tasse ripagano tutti) Si legato a una barella del pronto soccorso “aspettando che muori !!!!!magari poi intascheranno il 30% dall,agenzia funebre……sssssssnon ditelo a nessuno…….

  • Borderline Keroro
    Rispondi

    ma le gente si rende conto o meno che questo vuole solo fregarsi quello che resta?
    Collasso della repubblica subito: è la cosa migliore che ci può capitare.
    Figurarsi le altre.

  • Rispondi

    Qualsiasi attività autonoma e/o familiare che non abbia un reddito lordo (prima delle tasse) di almeno 100.000 euro non può reggere il carico fiscale e burocratico attuale. Ed il 70-80% delle piccole attività, checchè ne pensino i funzionari milionari, hanno un reddito molto, moltissimo sotto tale cifra. Saranno costretti a chiudere e/o fallire con la conseguente creazione di alcuni milioni di ulteriori disoccupati. Ci avete pensato egregi governanti, burocrati e sicari vari dediti alla rovina delle persone ed all’estorsione fiscale ???

    • Borderline Keroro
      Rispondi

      Secondo me lo sanno perfettamente ma non gliene frega un accidente.
      A posto loro a posto tutti.
      Come tu ben sai, caro Carmelo, e se non lo sai sallo (ieri me l’ha confermato un amico che ha contatti all’interno della sacra istituzione), la regione Veneto è piena di burocrati, molti dei quali con la qualifica di dirigente.
      E per tale ruolo insostituibile percepiscono degli stipendi che quei ladri di evasori fiscali con partita IVA si sognano.
      La cosa “buffa” è che tantissimi dirigenti dirigono solo sé stessi: in pratica todos caballeros che tanto paga il contribuente.
      Orbene, sempre per la serie se non lo sapete sapevatelo, il sig. Luca Zaia, presidente della regione sopra citata, non ha mosso un dito per mettere a posto la faccenda. Ovvio che, se ci provasse, si attirerebbe le ire dei dirigenti di sé medesimi, dei sindacati sempre pronti a difendere a spada tratta l’insostituibilità di tali figuri, e dei giudici del lavoro, sempre pronti a reintegrare chiunque anche se fosse un serial killer.
      Questa l’ho già raccontata, però siccome repetita juvant…
      correva l’anno 2005, e per motivi di lavoro mi sono dovuto recare in quel di Venezia, in uno degli stabili della regione Veneto. Esso stabile era appena stato restaurato, una meraviglia. Dentro si stavano sistemando gli arredi per i gli operai lavoratori timbratori di fogli (mi vengono in mente i documentari propagandistici cinesi che rai2 cortesemente ci faceva ammirare quando erano tutti convinti che prima o poi il PCI sarebbe andato al governo).
      Noi dovevamo integrare con del mobilio atto a contenere carte senza timbri e carte timbrate.
      Non ci crederete ma mentre noi trafficavamo, i grandiosi dipendenti della regione Veneto erano su internet a fare uno studio comparato per scoprire quali fossero gli orari dei treni VE-PD per andare a casa ottimizzando tempi e costi. Non è che lo facessero in silenzio, facevano esattamente come se noi non ci fossimo stati.
      Il dirigente? Dirigeva le operazioni, che cazzo, ci vuole qualcuno che diriga.
      In pratica la regione è un postificio, una zavorra per le attività produttive e basta.
      Chiudiamola.

  • Borderline Keroro
    Rispondi

    Sono ormai vent’anni che mi sento dire che non è il momento di abbassare le tasse, “lo faremo ma non subito, non si può”.
    Questi ci stanno prendendo in giro, ci fanno credere che sarà possibile abbassarle, ma non ne hanno la minima intenzione, siamo tornati a Stalin e ai suoi piani quinquiennali.
    In ogni caso non c’è nulla da fare, riformare la repubblica è impossibile, l’unica speranza è che crepi.

  • Dino
    Rispondi

    In pratica, come al solito, non risolvono niente di concreto ma fanno finta che lo fanno, due annunci così a caso, e il popolino GNAM si mangia le evidenti cavolate e va in giro a dire “ah che fortuna questo governo tecnico, ha pure abbassato le tasse”.

    • iano
      Rispondi

      L,unica tassa che hanno tolto,è stata quella sull,accendino dell,auto,nel 1976,il resto sulla benzina c,è un alcise dai tempi dell,Eritrea !!!figuratevi se abbassano le tasse.Per loro tasse vuol dire “stipendio da favola”!!!!

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search