In Anti & Politica, Varie

di REDAZIONE

QUESTA SERA, PER PARLARE DI LEGA NORD E MALAFFARE, LEONARDO FACCO SARA’ OSPITE DEL PROGRAMMA “IN ONDA”, SU LA7

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

A pochi giorni dall’espulsione dalla Lega Nord della vice-presidente del Senato Rosi Mauro e dell’ex-tesoriere Francesco Belsito, l’inchiesta della Procura di Milano sembra non arrestarsi. Questi i temi centrali di In Onda, il programma di approfondimento condotto da Nicola Porro e Luca Telese, sabato 14 aprile alle ore 20.30 su La7. Ospite del programma l’assessore allo Sport della Regione Lombardia Monica Rizzi (Lega Nord), il direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti, e in collegamento da Milano David Parenzo.

Recent Posts
Showing 19 comments
  • saldisaldi
    Rispondi

    Leonardo, se posso consigliarti, loro non aspettano altro che tu vada lì ad infamare la Lega.
    Non che non se lo meriti, anzi, ma anche tutti gli altri partiti sono nelle stesse miserabili condizioni ed è questo che dovresti cercare di sottolineare senza rischiare di cadere soltanto in una strumentalizzazione anti-lega.
    In bocca al lupo.

  • Federico
    Rispondi

    Basta dire la verità: e cioè che sono come gli altri. Pessimi come Vendola Lusi ecc..

  • daniele
    Rispondi

    Caro leo NON DEVI INFAMARE LA LEGA….MA TUTTI…PERCHE’ SONO TUTTI DEGLI INFAMI CHE VIVONO SULLE SPALLE DEI PIRLA ITALIANI!

    Onore a Leonardo Facco!

  • CARLO BUTTI
    Rispondi

    Però chi ha sempre fatto la morale agli altri e poi mostra suo malgrado di avere gli stessi vizi è un sepolcro imbiancato, quindi il peggiore di tutti.

    • Sigfrido
      Rispondi

      Perfettamente d’accordo…Leghisti pagliacci. Di ora , di ieri, di sempre…

    • Lucas
      Rispondi

      Io penso che l’anonimato sia fondamentale nella fase di sleoziene dei testi (qualsiasi tipo di sleoziene) per garantire una scelta basata solo sulla poesia e non sul nome o il curriculum dell’autore. Poi credo sia giusto, sia per il lettore che per l’autore, dare una paternite0/maternite0 alle opere. L’anonimato e8 una condizione che rimane a prescindere dall’attribuzione e credo che si stia ancora tentando di risalire agli autori che nei secoli passati hanno creato lavori (penso alla scultura, alla pittura, alla musica e a tutta l’arte) oggi patrimonio della cultura. Patrimonio diventano sia opere di incerta attribuzione che opere nominalisolo, nel primo caso, c’e8 un problema ancora aperto di collocazione, nel secondo almeno questo e8 superato.Non vorrei che gli studiosi del futuro si trovassero con lo stesso problema per il presente: saper collocare un’opera a un periodo e a una storia e8 fondamentale per capirla (o interpretarla, preferisco).Non credo che una poesia anonima sia pif9 letta. La poesia non viene letta in nessun caso per motivi vari, sociologici e non, che vanno oltre il narcisismo dell’autore.In fine so, parlando da lettrice, che non avrei saputo cosa cercare se non avessi legato alle poesie che mi hanno pif9 colpito un nome che mi ha portata a cercare altri testi e ad approfondire.Quindi credo che l’anonimato possa essere una scelta per una singola iniziativa ma non un concetto da avvalorare in toto. In questo senso mi pare faccia tornare a uno stato storico di ignoranza (nel senso etimologico del termine) che non giova particolarmente a nessuno.Pur ribadendo quanto sia fondamentale nella fase di sleoziene o di discriminazione prima di un valore poetico, poi trovo fondamentale per la curiosite0 e la voglia di approfondimento, legarla al suo autore.

  • TPM
    Rispondi

    questo accanimento mediatico contro la lega c’è solo perchè avevano iniziato a raccogliere le firme contro la pressione fiscale.

    Tutti i politici si rubano i soldi dei partiti ma a noi che ci frega? i soldi dati ai partiti sono comunque persi.
    hanno rubato alla lega. La lega è la derubata. I soldi dati di contributi elettorali erano comunque persi.

    • Deciomeridio
      Rispondi

      Mossa numero 1 : dapprima la Guardia di Finanza fa ispezioni ad effetto a Cortina , Milano ( 2volte),Portofino , Courmayeur , Genova , San Remo ( Durante il Festival) ecc. con rare incursioni a Roma e al Sud.

      La tesi da dimostrere è che L’ evasione fiscale è concentrata al Nord.

      Mossa numero 2 : si apre l’ inchiesta sulla Lega al fine di dimostrare che l’ ‘unico movimento che si era opposto al Sacco del Nord ( Omonimo libro di Luca Ricolfi ) pari ad almeno 50 Miliardi di euro l’ anno, è un partito corrotto.

      In tal modo l’ esproprio del Nord può procedere senza troppi intoppi tra ali di foole festanti.

      Mossa Numero 3 : i voti del PDL , in libera uscita verso la Lega Nord vengono deviati verso movimenti inoffensivi come quello di Beppe Grillo o , meglio ancora , verso l’ astensione.

      All fine chi lo prenderà in culo saranno sempre i Padani , e se lo meritano , dato che di questi giochetti politici non hanno mai capito un cazzo.

      Si meritano tutto il male possibile : e lo avranno, lo stanno già avendo.

      L’ ondata dei suicidi colpisce soprattutto il Nord e specialmente il Veneto , patria spirituale del Calvinismo-stronzo.

      Non comprate ORO , compretevi una CORDA !

      I prezzi delle corde sono in sicura ascesa ,nel prossimo futuro.

      Buon lavoro a tutti !

      Il Lavoro rende Liberi !

      • Deciomeridio
        Rispondi

        Hanno mandato avanti il Magistrato John Henry Woodcoock dato che è già abbondantemente sputtanato da indagini inconcludenti.

        Beh , ci sono anche ottimi Magistrati della Calabria che non si sono mai accorti che la Regione Calabria non aveva contabilità scritta ma solo orale ma trovano tempo di occuparsi dei bilanci della Lega.

        D’ altra parte fu per la nota efficienza della Magistratura calabrese che il Processo per la strage di Piazza Fontana venne portato in quella amena Regione : con risultati che tutti conosciamo…

        • Deciomeridio
          Rispondi

          Inoltre la Lega Nord aveva osato presentare una legge sulla responsabilità civile dei magistrati : orrore !

          Reato di lesa maestà !

          Infatti dopo 10 giorni , al parlamentare leghista dell’ Emilia Gianluca Pini , arriva un bell’ avviso di garanzia !

          Ma non è mica un complotto ! Noooo !

          Pochi giorni fa , sempre in Emilia , a Piacenza , arrestano per presunte tangenti un ex assessore della Lega , proprio a 20 giorni dalle elezioni comunali dove la Lega va da sola e presenta un suo Onorevole come candidato ( Polledri , se ben ricordo ).

          Poi , dopo le elezioni , verrà scarcerato con tutti gli onori , come è successo qualche mese fa ad un assessore leghista di Castel Mella ( Brescia ) : arrestato prima delle elezioni e scarcerato perchè innocente subito dopo.
          Ma intanto la Lega Nord aveva perso le elezioni .

          Al Nord , si sa , gli elettori sono FURBI e se i magistrati arrestano qualcuno , quello non viene più votato.

          Peccato che i terroni al Sud fanno l’ esatto opposto.

          Il loro motto è ” Se sei capace di rubare per te , vuole dire che puoi farlo anche per me. E io ti voto ! ”

          Magari mi farai avere un posto di lavoro o una pensione farlocca.

          Tanto il conto lo pagheranno sempre quei cornuti della Padania ( che non esiste)

          Ma sono sempre casualità , dice il Calvinista – stronzo del Nord : i Magistrati fanno solo il loro dovere !

          Compratevi una corda , datemi retta ….

  • CARLO BUTTI
    Rispondi

    Forse la vecchiaia gioca brutti scherzi alle mie connessioni neuroniche, ma non colgo i nessi logici di questo ragionamento. Si vuol forse dire che i furti perpetrati dalla Lega sono una sorta di gesuitica “occulta compensazione”? Mi sembra davvero un arrampicarsi sugli specchi, ma, come ho detto, il somaro potrei essere io. Rimango in ogni caso dell’idea che, di solito, i moralisti sono sepolcri imbiancati, e per ciò stesso peggiori, molto peggiori di chi è oggetto delle loro rampogne. Avete presente i preti? Cito a memoria Carlo Porta( da “Meneghin biroeu di ex-monegh”):”L’è quell predicà semper el digiun/e cercà i mej boccon d’empì el tarlìs (i lumbard traducano e ci riflettano sopra.

    • Deciomeridio
      Rispondi

      infatti , sono ragionamenti da vecchio rincoglionito…

  • domenico
    Rispondi

    Ho seguito solo metà della trasmissione, vedrò di rimediare più tardi vedendola tutta su internet.
    Sono un po’ troppo giovane per conoscere tutta la storia leghista, non sono neanche del nord ma sposo ormai da tempo la causa libertaria.
    Le cose però che mi viene da dire sono:

    1) Chi diavolo è sto Formentini??? Questo sarebbe un “leghista” (nel senso “Migliano” della parola). A me pare un imbecille che non ha capito cosa significhi federalismo (bravo Pagliarini a bastonarlo) ed ancora imprintato di amore CIECO per Bossi.

    2) E’ da un po’ che non seguo le porcate dei servi di berlusconi, ormai non li sto più a sentire, ma quando capita di ascoltarli ti rendi conto di quanto faccia schifo sta gente. Sallusti è veramente uno dei peggiori giornalisti italiani, hanno ragione su di lui tutti gli antiberlusconiani sinistroidi e non. Per lui un intervista alla mamma di Bossi in vestaglia dimostrerebbe l’onestà del politico in questione.
    Per me vale come se avessero beccato la mamma di Penati in vestaglietta questo gli avrei risposto, ci sono documenti ed intercettazioni dei soldi che questa famiglia si è fatta attraverso il partito, reato o no per la nostra repubblichina del cazzo rimane una cosa inaccettabile e vergognosa per un partito che si dichiari anti-partitocrazia e contro la politica romana.

    La cosa che resta da capire è se Sallusti abbia attaccato te Leonardo e gli altri del salotto perchè doveva difendere il suo padrone da Pagliarini e da altra gente che lo avrebbe a ragione diffamato come merita, oppure perchè il patto Lega-Silvio è ancora vivo e vegeto ed il buon Sallusti ha fatto il suo dovere ordinatogli dal padrone di non permettere di infierire troppo sulla Lega.
    Secondo me un po’ tutte e due le cose.

    Se posso comunque dare un suggerimento bisognerebbe continuare ad insistere con la gente del nord, non solo facendogli capire che la Lega è un partito come gli altri che serve alla partitocrazia come specchietto per le allodole padane, attraverso battaglie false, ideologiche e poco pratiche oltre che il magna magna. Ma che le alternative esistono, come Veneto Stato che sento spesso nominare e tanti altri.
    Questi movimenti dovrebbero unirsi, smetterma di fare i padani e lottare per la causa libertaria.
    L’ideologia di Miglio non era “noi padani semo i mejo”, ma che lo stato consuma risorse, limita le nostre libertà e ci riempie di parassiti… indipendentemente che siano a Palermo o a Milano.

  • Federico
    Rispondi

    Caro Domenico, sì: Formentini è un poverello… e Sallusti un dipendente di casa Berlusconi. Però l’idea di unire i movimenti separatisti non è ragionevole. Ognuno deve battersi per la propria indipendente e sostenere le rivendicazioni altrui, ma dobbiamo tutti capire – da Bolzano a Palermo – che questa nostra società ha bisogno di veder disgregarsi lo Stato unitario.

  • ALESSANDRO
    Rispondi

    ciao ragazzi purtroppo non ho visto la trasmissione ,qualcuno potrebbe inserire il link?

  • rik
    Rispondi

    il motivo per il quale nel meridione fanno finta di fare delle verifiche fiscali e’ che per prima cosa tagliano le gomme alle auto personali degli agenti,alla seconda volta la bruciano, e alla terza sparano.E cosi’ per tutte le cose:che fine hanno fatto i milioni di case abusive? Ricordiamoci inoltre che il processo Bassolino e’ a porte chiuse e secretato. A questo punto le strade sono due o essere taglieggiati dalla mafia o dallo stato;con la prima si e’ tutelati e con la seconda si e’ gabbati e piaccia o non piaccia questa e’ la realta’.Mi pare che sia stato il comune di Lodi a dichiarare che e’ meglio la mafia dello stato.

  • macioz
    Rispondi

    L’unico federalismo sano è quello di Max Stirner

  • Lorenzo
    Rispondi

    Non ho potuto vedere la trasmissione, è possibile caricare l’intervento di Leonardo su youtube?

  • Giorgio Zammuto
    Rispondi

    Questa sera – 2 giugno 2012 – si parla a “in onda” anche di terremoto e danni in provincia di Modena.

    Si intervistasno, però, solamente gli imprenditori danneggati dal sisma che si lamentano, penso giustamente della burocrazia che, a loro dire, non consente di orovvedere ad interventi sul territorio (abbattimernto di ruderi, primi rifacimenti) a proprie spese. La burocrazia, esclusivamente anonima, rifiuta ogni intervento ache a spese private.

    E’ un difetto dei media quello di accogliere solo lamentele – giuste – ma generiche. Perchè il giornalista intervistatore non chiede all’ntervistato di fare almeno qualche nome con qualifica del burocrate sordo ed insensibile? e perché gli organizzatori del programma non hanno pensato preventivamente di chiamare in video uno di questi burocrati che, almeno, possa giustificare l’atteggiamento così generico ma senza appello negativamente giudicato?
    Giorgio Zammuto

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search