In Anti & Politica, Economia

DI  OTELLO GIRARDI*

L’Imu è a mio parere la peggiore delle mosse che il governo monti potesse fare e da come l’hanno legiferata (parte dall’idea della Lega Nord ma poi è stata cambiata), da il colpo finale allo stato comatoso del settore immobiliare in Italia.

IO capisco bene il dramma che molti stanno vivendo in un periodo economico già difficile che con questo sistema fallace di tassazione dell’immobile che rende ancora più poveri molti italiani già massacrati da una tassazione che nel suo complesso è forse la più alta d’Europa.

L’Imu è stata così strutturata male che sta causando un innalzamento cautelativo delle aliquote per molti comuni  che nel 2012 non capendo il gettito che gli arriva hanno preferito prenderla larga……complimenti ai tecnici per aver creato un tale effetto depressivo a livello economico.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Poi come non bastasse abbiamo l’incognita delle revisioni di aliquote (ANCORA!!!) che i comuni possono adottare entro il 30 settembre (poveri commercialisti che devono fare i calcoli)  e anche lo  stato le può rivedere entro dicembre 2012.

La prima rata si paga il 18 giugno  con le aliquote del 0,4% prima casa 0,76% seconda casa ( ma tutti i comuni che ho letto hanno alzato fino a 0,96%) , il 17 dicembre si paga il saldo ..giusto giusto per la tredicesima……interessante l’andamento dei consumi per il prossimo Natale.

Per il calcolo dell’Imu dovete prendere la rendita catastale che nel 730 la vedete sotto redditi da fabbricati e su quella moltiplicare per 1,60 (il 5% dovrebbe già essere dentro) …il valore ottenuto è la base imponibile sul quale applicare la percentuale del 0,40 %o 0,76%…

La novità che più mi ha sorpreso è che se due coniugi dividono la casa in due e la seconda parte la danno in comodato d’uso al figlio….la casa in comodato è seconda casa e paghi l’aliquota……..vi pare giusto? non sarebbe stato meglio considerarla prima casa? Comunque i comuni su questo possono intervenire per cambiare la percentuale da applicare per calcolare l’Imu.

Okkio a questo……..la normativa sulla prima casa non parla di alcuna caratteristica necessaria per la sua identificazione, quindi la prima casa può essere accatastata in A/1, A/7, A/8 e A/9….vale a dire gli edifici di maggior pregio e sembra anche le case di lusso che in sede di acquisto non possono beneficiare dell’iva agevolata e dell’imposta di registro ridotta. A voi le conclusioni.

Ricordo che con l’Imu sparisce l’IRPEF in sede di redditi delle persone fisiche (per la maggior parte dei casi da me esaminati), quindi chi aveva un reddito con aliquota massima può anche pagare meno imu in proporzione a chi ha aliquota bassa sull’IRPEF. Com’era il discorso del governo sull’equità dell’imu? Ricordo che a seconda dei casi questo potrebbe non cambiare l’orientamento di chi ha molte case che può benissimo spostare l’innalzamento dell’imu da lui all’inquilino in affitto…..poi abbiamo la cedolare secca per pagare meno tasse sugli affitti ma mi fermo qui per il momento.

Infine è stato chiarito che si può compensare il credito da redditi irpef con l’imu………..almeno questo.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Non finisce qui e non mancherò di aggiornarvi su notizie relative a questa imposta assurdamente strutturata e prometto che farò di tutto per trovare il modo di pagare di meno…..promesso.

 

* Link all’originale: http://www.rischiocalcolato.it/2012/05/imu-e-guerra-sia.html

 

Recent Posts
Showing 7 comments
  • Fabio
    Rispondi

    ieri un altro idiota, imbevuto solo di keynes e tutto prono al Dio Stato Onnipotente, parassita pubblico assunto alla direzione inv antimafia, alle mie contestazioni mi ha risposto con tipica boria e sufficienza tipica di queste teste di cazzo, mi ha detto ‘se non ti sta bene, allora vattene’.

    Come al solito gli ho fatto notare che nessuno sarebbe così stupido da dire ad un siciliano che combatte la mafia ‘se non ti sta bene la malavita, allora vattene dalla sicilia’, ma anzi tutti lo avrebbero incoraggiato a restare e lottare. E tra stato e mafia non c’è differenza.

    Ma oggi che sento? incentivi ai cervelli in fuga per farli rientrare: dopo che queste teste di cazzo pubbliche hanno sbattuto la porta in faccia alle obiezioni col loro borioso ‘vattene’ cose sento?? una supplica, una preghiera tipo ‘vi prego rientrate, venite a produrre per favore perché sono finiti gli imprenditori, li abbiamo suicidati tutti a forza di rompergli le palle e tartassarli fino a lasciargli solo un paio di metri di corda per farli impiccare…’

    implorano che qualcuno capace a lavorare, ma abbastanza coglione da farsi tartassare per mantenere la marea di parassiti pubblici, torni a salvargli il culo. e sono disposti a pagare …. beh, non proprio, non esageriamo….diciamo che gli concedono un angolo di paradiso (fiscale) anche in patria, in quest’inferno fiscale…il tempo di farli riambientare e rimettere radici, e poi si ricomincerà a tartassare i nuovi venuti!! (che mi pare pure giusto, perché tanto intelligenti non paiono se hanno la somma colpa di aver creduto -ed accettato questo nuovo suo patto- allo Stato Mafioso)
    ———————–
    Sconti fiscali a chi porta l’impresa in Italia (Alessandro Antonelli, Alessandro Mengozzi)
    Il Sole 24 Ore, sabato 5 maggio 2012, pag. 25
    L’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 14/E del 4 maggio 2012, ha emanato le istruzioni sull’agevolazione per il rientro dei cervelli in Italia. Il bonus fiscale è previsto, a favore dei soggetti nati dopo il 1° gennaio 1969, dalla legge n. 238/2010 e ampliato dalla legge n. 14/2012 (conversione D.L. n. 216/2011, Milleproroghe).
    ———————–

    • Citizen Kane
      Rispondi

      Ho un collega che era tornato in Italia qualche anno fa con queste normative per il rientro dei cervelli.
      Dopo un anno e’ scappato di nuovo.
      E con l’aria che tira adesso in Italia, chi me lo fa fare a tornare.
      Qui all’estero non devo pagare tasse sulla casa che ho comprato con sacrifici.In Italia dovrei farlo.
      Qui posso usare i contanti, non pago bolli sui conti correnti, lo stato non curiosa nel mio conto corrente.
      Tornare per farmi spennare? Col cavolo.

      • Fabio
        Rispondi

        e dove sarebbe questo bel posto?

        io ho fatto una prova ma senza vere intenzioni (per il momento) ed il risultato si vede: ‘Based on the information provided, the Entry HAS NOT BEEN SELECTED….’

  • Gianni
    Rispondi

    E’ arrivata anche a voi la mail per pagare l’immagine a dicembre? Pensate che sia fattibileavvisare che si pagher. Tutto a fine anno senza incorrere in sanzioni, e poi se non abbiamo soldi neanche a dicembre si continua per un altro anno…
    Aspetto che pubblichiamo vostro commento prima di spedire la lettera al sindaco.

    • Gianni
      Rispondi

      IMU a dicembre, ovviamente

  • Gianni
    Rispondi

    IO L’IMU LA PAGO A DICEMBRE

    Lo Stato si permette di ritardare i pagamenti alle imprese facendole
    fallire, noi cittadini invece dobbiamo pagare alla scadenza pena
    sanzioni ed interessi legali.
    Quest’anno le tasse e le accise, che gravano su tutti i beni essenziali
    a partire dalla benzina e dagli alimentari, ci stanno massacrando.
    Non vogliamo evadere, non vogliamo esimerci dal nostro dovere, ma
    chiediamo di poter almeno rimandare a dicembre il pagamento di questa
    nuova tassa sulle nostre abitazioni, per molti ancora da pagare
    attraverso i mutui.
    La richiesta è riferita all’anno in corso tenendo conto della
    particolare situazione economica in cui versano lavoratori e famiglie.

    Ciascuno di voi può scrivere al proprio sindaco, utilizzando il modello
    riportato in questo articolo, per informarlo del fatto che se non
    pagheremo la rata IMU di giugno non sarà per evasione, ma semplicemente
    che non abbiamo i soldi e che la salderemo a fine anno.
    La lettera da far protocollare in comune contiene la richiesta di
    esenzione dalle penali e dagli interessi, per evitare che considerino il
    pagamento di dicembre come un ravvedimento operoso gravato da interessi
    e balzelli. Anche perchè quando lo Stato paga le imprese dopo 2-3 anni
    non paga nessuna multa.

    Vi invitiamo a compilare il modulo di Richiesta di dilazione del
    pagamento delle rate IMU e consegnarlo al protocollo della vostra città.

    ATTENZIONE !! La semplice domanda non rappresenta ancora
    un’autorizzazione, ma se saremo in tanti a presentarla dovranno risponderci.

    Fate girare.

    Grupp@nline consumatori in rete

    • Gianni
      Rispondi

      IO L’IMU LA PAGO A DICEMBRE

      Al Signor Sindaco della città di xxxxx prov. XXX
      e p.c. al Ministero dell’Economia e delle Finanze

      Oggetto: Richiesta di dilazione del pagamento delle rate IMU

      Pregiatissimo signor sindaco,

      il sottoscritto/a ____________________ nato/a a ________________________
      il ________________ e residente in _______________________________
      via ___________________ n. ____
      C.F. XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXxxx

      e proprietario dell’immobile sito in ___________________________
      via ____________________ n. __________
      identificato al N.C.E.U. al Foglio ______ particella n. _______ sub. _________

      e soggetto ad imposta IMU per l’anno corrente,

      vista la situazione economica in cui versa il nostro Paese ed in particolare
      la nostra città con gravi ripercussioni sui lavoratori e sulle famiglie,

      pur comprendendo l’importanza di contribuire al risanamento del Paese,

      RICHIEDE

      di poter pagare le rate dell’imposta IMU a dicembre, con un saldo in unica soluzione,
      senza aggravio di penali ed interessi previsti dalla legge in caso di ravvedimento operoso.

      Confidando nella Vostra comprensione,
      e considerando l’avvenuto preavviso,
      attendo un Vostro positivo consenso.

      In fede,

      Firma

      Data

      Luogo

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search