In Anti & Politica, Economia, Esteri

DI GIUSEPPE SANDRO MELA*

La contabilità rende meravigliosamente semplice l’economia. La si può fare anche solo usando le somme e qualche sottrazione: insomma, roba da bambini delle elementari (quelli di una volta, perché adesso passano il loro tempo in assemblee ed ore di educazione sessuale. Lo studio é un turpe ricordo dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo).

Per non capire o per non voler nemmeno prendere in considerazione la contabilità  serve aver assunto una dose così massiccia di ideologia da rimanerne abbacinati al punto tale di non voler vedere, di non voler sentire, di non voler prendere atto di ciò che succede. Poffare: se la realtà differisce da quanto postula l’ideologia si cambi la realtà! Siamo o non siamo post-sessantottini?

E poi sia ben chiaro: la contabilità se la inventarono nella sua forma moderna i frati benedettini, e quel fratacchione del matematico Frate Luca Pacioli, detto il Paciolo, la codificò persino in partita doppia nel 1494. La roba dei preti, che puzza di superato, di retrivo: contamina chi la usa e fa venire l’impotenza. Noi, figli dei Lumi, pur se orfani di Lenin e di Mao, dei preti ce ne infischiamo e li mandiamo subito alla ghigliottina. E’ un nostro inalienabile diritto.

Processo? Ma quale processo! Sono asociali, nemici del popolo! Di che razza di processo abbiamo bisogno?

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Non Vi ricordate quando in corteo si cantava gaiamente in coro «Morte al prete e all’odiato borghese»?

Quindi: contabilità al macero.

Il fatto.

Standard & Poor’s Ratings Services, la mai sufficientemente esecrata società di rating, serva del potere, prona solo alle voglie dei banchieri, lacchè dell’Imperialismo americano (si omette il resto che ogni Signor Lettore dovrebbe ben conoscere se vuole sopravvivere alla burocrazia italiana), ha fatto un po’ di conti: delle somme, perchè sono dei poveri di spirito.

Hanno pubblicato un libretto degno di Nostradamus, proprio da jettatori quali sono: causa effciente del debito attuale. «The Credit Overhang: Is A $46 Trillion Perfect Storm Brewing?». E’ un po’ lungo per essere riportato, ma val proprio la pena di leggerselo. Tanto per sapere cosa fa il nemicodel popolo lavoratore e sovrano.

Nei prossimi cinque anni le società non finanziarie di Stati Uniti, Gran Bretagna, Cina, Eurozona e Giappone avranno bisogno di 30mila miliardi di dollari di nuovo debito per rifinanziare i bond in scadenza e i prestiti erogati nel periodo pre-crisi (le società europee contano per il 30%), più altri 13-16mila miliardi di nuovi capitali che si stima siano necessari per finanziare la crescita.Nel complesso quindi 46 trilioni di dollari (ovvero 35mila miliardi di euro).

Si noti bene: per rifinanziare, mica per rendere! Ci sarebbe forse qualche tanghero che, dopo aver avuto l’onore di prestare i suoi soldi, potrebbe mai ardire a rivolerli indietro?

Ma, se poi qualche screanzato ci sommasse anche quanto servirebbe al sistema bancario per non andare diritto all’insolvenza, la cifra raddoppierebbe tranquillamente: 92 trilioni di dollari.

Commento.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Il report di Standard & Poor’s Ratings Services sorvola dignitosamente un aspetto del tutto marginale, infatti, de minimis praetor non curat. Dove li prenderemo? [Occhio alle Vostre tasche! [N.d.A.]]

Si azzarda quindi un tentativo di risposta. Il buon Hegel ci ha insegnato che quando l’uomo pensa l’Idea, questa si crea e si realizza, si materializza nel divenire suo storico. Orbene, se tutti i Signori Lettori simultaneamente si concentrassero e pensassero a 92 trilioni di dollari, ebbene, Hegel ci assicura che essi si materializzerebbero, li raccatteremo, e ci potremo comprare il mondo. Forse che non credete ad Hegel, al padre del’idealismo?

Non vorremo mica lasciare l’iniziativa al buon Ben ed al buon Mario, Santi Patroni dei Topografi?

Noi intanto di occuperemo del progresso sociale, dello sviluppo economico, della piena occupazione e degli inalienabili diritti dei Gurzi del Borneo, stirpe che potrebbe estinguersi tra 721 anni se non si prendessero subito dei provvedimenti. Non vorrete mica far piangere la Sig.ra Camusso?

 

* Link all’originale: http://www.rischiocalcolato.it/2012/05/sessantottini-cuccuruccuccu-mancano-46-trilioni-di-dollari-ce-li-mette-voi-o-facciamo-crack-up-boom.html

 

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search