In Anti & Politica, Economia, Libertarismo

di GUGLIELMO PIOMBINI

In tutte le democrazie occidentali la riduzione delle imposte e della spesa pubblica è diventata ormai una missione impossibile. Nessun governo, tecnico, di destra o di sinistra, sembra essere in grado di rovesciare l’innata tendenza dei nostri sistemi politici ad evolvere verso forme sempre più estese di statalismo. La ragione, forse, sta nel modo difettoso con cui sono organizzati i nostri apparati pubblici e fiscali, troppo coercitivi e burocratizzati. Probabilmente non è possibile arrestare questa tendenza con gli strumenti del normale gioco politico democratico, sperando che si formi in Parlamento una maggioranza favorevole a consistenti tagli delle tasse e della spesa pubblica, perché la logica del sistema va nella direzione opposta.

Cosa si può fare, allora? L’unica proposta veramente innovativa, in mezzo a tanto chiacchericcio ripetitivo sulla lotta all’evasione, il pagare meno per pagare tutti o la spending review, arriva dalla Germania. Uno dei maggiori filosofi tedeschi contemporanei, Peter Sloterdijk, ha scatenato infatti un acceso dibattito in Germania con la sua proposta di cambiare completamente i nostri sistemi d’imposizione fiscale, passando a forme volontarie di tassazione: l’unico modo, a suo parere, per rivitalizzare le nostre moderne democrazie, ormai trascinate alla bancarotta da sistemi fiscali sempre più esosi e polizieschi, che riducono le libertà individuali e umiliano i contribuenti. Le sue idee sono esposte in un libro da pochi giorni tradotto in Italia dall’editore Raffaello Cortina, intitolato La mano che prende e la mano che dà.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Sloterdijk fa notare innanzitutto quanto siano carenti le teorie moderne poste a fondamento del potere di tassazione degli Stati. Sarebbe vano, scrive Sloterdijk, aspettarsi dal fisco attuale una spiegazione, soddisfacente sul piano razionale, dei principi a base della sua condotta impositiva: «Chi sfoglia un libro recente di diritto tributario o di finanza pubblica si imbatte in una marea di banalità stataliste … Da nessuna parte troviamo la benché minima traccia di una giustificazione delle tasse all’altezza dei tempi». La verità è che «lo Stato odierno, come tutti i suoi precursori, è uno Stato che prende sempre quanto riesce effettivamente a prendere. Se mai lo si dovesse mettere di fronte alla necessità di motivare questo suo prendere, si constaterebbe come sia ormai abituato a ruotare in tautologie»: lo Stato tassa perché ha bisogno di soldi, e tassando dimostra di cosa ha bisogno. La sua legittimazione a prendere viene presupposta in via dogmatica.

Storicamente, osserva il filosofo tedesco, si sono avuti quattro modi diversi di prelievo e altrettante giustificazioni da parte dei governi. Il primo è quello del saccheggio della tradizione bellico−predatoria, che anche dal punto di vista storico rappresenta la prima modalità di arricchimento statale. Si ha quando un esercito vincitore impone il “tributo” alle popolazioni vinte. La seconda modalità per procurare e giustificare introiti statali deriva dalla tradizione autoritaria e assolutistica delle “imposte”, secondo cui i sudditi sono obbligati a pagare quanto dall’alto decide unilateralmente l’autorità, come prezzo da pagare per vivere in condizioni regolamentate sotto l’ombrello protettivo del Leviatano statuale. A questa modalità, secondo Sloterdijk, si richiama gran parte dell’attuale cultura fiscale, dato che le procedure della fiscalità contemporanea scaturiscono, senza soluzioni di continuità, dalle tradizioni assolutistiche. Il terzo metodo per procurare e giustificare le tasse nella collettività moderna è quello del “contro−esproprio” della tradizione socialista e di sinistra. Se la “proprietà è un furto”, allora lo Stato deve riparare questa ingiustizia “espropriando gli espropriatori”, cioè attuando un contro−furto ben dosato per mezzo del fisco. Infine, il quarto modo per reperire e giustificare le entrate della mano pubblica è rappresentato dall’attività di donatori e benefattori della tradizione filantropica.

La prima modalità, quella del diritto di conquista, oggi non più accettabile perché si ritiene che, negli stati di diritto, il saccheggio esterno deve essere totalmente sostituito dalla tassazione interna. Sloterdijk osserva quindi che i nostri attuali sistemi fiscali possono essere compresi solo come un amalgama tra la seconda e la terza modalità di giustificazione del prelievo fiscale, quella assolutistica e quella socialista. Fondendosi, queste due concezioni hanno prodotto un blocco che non ha lasciato ai sostenitori della concezione della tassazione volontaria altra opzione se non quella di sottomettersi. Sloterdijk sospetta che, dalla Rivoluzione Francese in poi, abbiamo coltivato un’errata concezione progressista del mondo, dato che in realtà non è avvenuta alcuna cesura così profonda come ci viene fatto credere. Ben poco infatti è cambiato rispetto alla monotona storia di rapacità fiscale dell’umanità.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Eppure, sostiene Sloterdijk, in un autentico sistema democratico i versamenti nelle casse dello Stato dovrebbero essere concepiti come doni attivi a vantaggio della comunità, non come tributi di sudditanza. Soltanto un sistema di tassazione basato sulla libera scelta dei cittadini, consapevoli e attivi, potrebbe metter fine al degradante sistema dei prelievi coatti, che tratta i contribuenti come soggetti passivi da premere e da gabellare a piacimento. Un sistema del genere, dice Sloterdijk, finirebbe per essere ben più vitale, umano ed efficace di quanto posano mai essere le procedure fiscali obbligatorie oggi dominanti: ottuse, anonime, inefficienti, dissipatrici e soggette a continui abusi.

Un sistema di tassazione volontaristico produrrebbe dei cambiamenti psicologici immensi nei cittadini: cesserebbe il loro malumore verso lo Stato e la politica, e si ridesterebbe l’impegno sociale e comunitario. In una società rimodellata sullo spirito del dare, spiega Sloterdijk, il gesto della beneficenza diventerebbe sempre più comune, apportando alla fiscalità pubblica gran parte di ciò che oggi le serve per consolidarsi. La donazione a vantaggio del bene comune potrebbe dunque trasformarsi, nel tempo, in un’abitudine psicopolitica consolidata, impregnando le popolazioni democratiche di una sorta di seconda natura. Esonerati dalla necessità di dare a favore di un obiettivo imposto, i cittadini non si lascerebbero assolutamente sfuggire la possibilità di effettuare gli investimenti necessari nei settori che stanno loro più a cuore, come l’ambiente, l’istruzione, la ricerca medica e mille altre cose. Dopo una lunga era di passività imposta, i cittadini tornerebbero insomma a scoprire la bellezza del dare e di contribuire a progetti d’interesse comune.

Un sistema volontario di tassazione, in realtà, non è un’utopia libertaria, ma ha avuto degli esempi storici importanti, come l’antica “liturgia” greco−romana o le più moderne forme di mecenatismo. Charles Adams, in un libro pubblicato in Italia dall’editore Liberilibri intitolato For Good and Evil. L’influsso della tassazione della storia dell’umanità, ricorda che gli antichi greci manifestarono il proprio genio non solo inventando una civiltà senza dispotismo, ma anche un sistema fiscale su base volontaria, privo di burocrazia, di uffici governativi e di forze di polizia. Gli antichi greci avevano infatti capito, guardando agli imperi orientali, che dispotismo e tassazione erano strettamente legati. In Grecia i cittadini più facoltosi di ogni città venivano chiamati a pagare i beni pubblici come l’equipaggiamento militare, le navi da guerra, i giochi atletici, i divertimenti pubblici, e raramente qualcuno si sottraeva a questo dovere, chiamato “liturgia”. Da ogni cittadino ci si aspettava una certa cifra, ma il più delle volte essi davano molto di più, anche il doppio o il triplo, per dimostrare l’attaccamento alla propria comunità (un fatto oggi impensabile!). È probabile, osserva Adams, che in questo modo la comunità abbia ricevuto più averi dai ricchi nell’antica Grecia che nelle nostre democrazie a tendenza socialista.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

I critici di Sloterdijk, provenienti soprattutto dalla sinistra, lo hanno accusato di voler provocare un crollo delle entrate dello Stato, per favorire i ricchi. Secondo questi “amanti della coercizione” (così li ha definiti Sloterdijk) il cittadino, se non costretto con la forza, si rintanerebbe nel proprio più gretto interesse egoistico e non farebbe più nulla per la comunità. Questa visione “misantropica” secondo Sloterdijk si basa su una concezione errata e unilaterale della natura umana, dato che l’uomo è un essere duplice, non solo egoistico, ma anche capace di gesti di generosità. È possibile che all’inizio molte entrate dello stato si riducano, anche drasticamente (e questo non è necessariamente un male), ma è possibile anche che determinati beni pubblici che godono di particolare interesse risultino più finanziati di quanto lo siano oggi. Ed è anche probabile che si instauri un benefica concorrenza tra lo stato centrale e i diversi enti locali (o addirittura le associazioni private no-profit), se ai cittadini viene permesso di scegliere l’ente cui versare le tasse.

Per procedere per gradi, all’inizio si potrebbe lasciare facoltativa solo una parte dell’imposizione fiscale, o quantomeno controllata sul piano della destinazione, ad esempio estendendo i meccanismi del 5 x 1000. Col tempo il carattere volontario della tassazione dovrebbe essere ampliato. In definitiva, quello di Sloterdijk potrebbe costituire, come egli stesso riconosce, un “pensiero politico visionario” a favore dei ceti medi produttivi, oggi divisi e privi di rappresentanza politica, così come nel XIX secolo il socialismo lo è stato per il proletariato industriale. Quello che è certo è che solo un cambiamento dei nostri sistemi fiscali nella direzione della volontarietà potrà impedire alle moderne democrazie di collassare sotto il peso della crescente e inarrestabile esosità dei sistemi fiscali coercitivi, come è accaduto a tante civiltà del passato.

Recent Posts
Showing 12 comments
  • CARLO BUTTI
    Rispondi

    Ottima la”pars destruens”, discutibilissima, come spesso capita, la “pars costruens”. Nell’articolo, per il resto chiaro ed esauriente, si dimentica fra l’altro che Sloterding arriva ad auspicare un Ministero cui sia affidato il compito di indottrinare i cittadini alla pratica dell’altruismo. Aberrante! Questo è un compito delle Chiese, se mai vorranno recuperare il loro spirito originario, smarritosi da Costntino in avanti(senza negare che qualcosa di buono abbiano continuato a fare, magari ad opera di movimenti marginali, spesso guardati all’inizio con sospetto, come quello francescano, più tardi “sterilizzato” e immesso a pieno titolo nell’alveo istituzionale). L’alternativa allo Stato-tassatore è un sistema libertario dove tutti i beni e i servizi, anche quelli offerti oggi in esclusiva dallo Stato monopolista, siano forniti dal mercato, attraverso la libera contrattazione. Il problema dei poveri resterebbe, in tutta la sua dolorosa problematicità, ma frmarrebbe pur sempre marginale, in quanto un sano capitalismo produce ricchezza per tutti; ed è proprio in questo margine che dovrebbe operare un nuovo spirito di autentica solidarietà. Personalmente non credo sia possibile un solidarismo “naturaliter cristiano” senza Cristo, come quello nobilmente suggerito da Giacomo Leopardi nella “Ginestra”. Credo invece si debba recuperare il messaggio cristiano non solo sul piano etico ma anche su quello della trascendenza, non importa se dentro le Chiese istituzionali o attraverso altre vie.Ma questa è un’opinione tutta mia, forse anche sbagliata, non ha nulla che fare col pensiero libertario.

  • Drago78
    Rispondi

    Fantastico articolo!! Piombini è un mito!! E pure quello che scritto il libro che mi foindo subito a comprare!! Accidenti che coraggio a seminare zizzagna e bordello in Germaniken heil!! Ottima idea e concordo con CARLO BUTTI, alla fine la famigerata redistribuzione della ricchezza avverrebbe in modo naturale ed automatico, pur rimanengo un problema di povertà, ma cmq all’epoca enormemente più marginale di quanto lo è oggi. Anche se su questo discorso specifico, ci sarebbe molto ancora da discutere… saluti.

  • Nereo
    Rispondi

    Una proposta che viene dalla Germania? No. È una proposta che viene da Rudolf Steiner attraverso il “donor” esposto da Peter Sloterdijk nel libro “La mano che prende e la mano che da’”!
    https://www.youtube.com/watch?v=dTbK749rYyI
    Comunque bravo Piombini ugualmente!

  • Nereo
    Rispondi

    Ora gli ignorantoni che mi hanno schifato in quanto studioso della triarticolazione sociale di Steiner, dicendo che era meglio che Steiner si fosse occupato di agrficoltura come la mettono? Non possono fare altro che cagarsi addosso dalla vergogna! Ahahahahaha aha aha! In ogni caso: meglio tardi che mai! Anzi: meglio mardi che tai! :D :D :D

  • Paul
    Rispondi

    Se il messaggio deve arrivare a me, sei tu che devi farti capire. Quindi se parli in tedesco e il 99% del mondo non ti capisce, potresti tanto vale esprimerti in afgano e l’impatto delle tue idee sarebbe idempotente: uno zero quasi assoluto. Per cui, esimetevi dall’indicare unutili indirizzi youtube del genere.

    Ottima l’idea di introdurre forme graduali di autotassazione, necessariamente di scopo.

    • Nereo
      Rispondi

      Ho postato il video in tedesco ( https://www.youtube.com/watch?v=dTbK749rYyI ) solo per mostrare che l’autore del libro è uno studioso di Steiner e che l’idea delle tasse in forma volontaria non è della Germania ma di Steiner. Anche se uno non sa il tedesco può vedere dopo un minuto che l’autore di quel libro che espone l'”ottima l’idea di introdurre forme graduali di autotassazione” parla con la sua bocca materiale di Steiner, cioè di chi molti cosiddetti libertari hanno sbertucciato all’infinito. Ecco perché poi ho scritto: http://0z.fr/47cvE nel mio blog. Per il resto, è ovvio che uno deve comprarsi il libro in italiano…

  • stefano
    Rispondi

    che utopia le tasse su base volontaria , allora stampiamoci anche i soldi , gia che ci siamo :D

    • vihuela
      Rispondi

      Saranno anche utopia le tasse volontarie,
      Certamente però tutte queste tasse imposte forzosamente hanno già portato ad un sistema TECNICAMENTE e non certo UTOPICAMENTE collassato.
      E poi cosa c’entra lo stamparsi i soldi con questo discorso?

  • Tellme Why
    Rispondi

    .. i cittadini vogliono sempre piu’ assistenza dallo stato; costosa sanita’, pensione pubblica, istruzione pubblica, strade, giustizia, interessi sul debito generato per erogare tali servizi anche se le tasse non coprono le spese. Quando si cerca di ridurre o ottimizzare, scatta il putiferio e tutti fanno a gara per dimostrare che sono piu’ bravi o piu’ a mantenere i “diritti acquisiti”, contro i “cativi” che cercano di ridurre le spese. I giornali sono pieni di questi campioni di populismo. Un altra cosa; ho letto altri articoli che comparano la Germania con L’Italia; non funziona! Vi immaginate in Italia la liberta’ di non pagare tasse? Che le paga piu’? Ci sara’ un motivo perche’ nella costituzione c’e’ scritto che non si possono fare referendum sulla abolizione delle tasse…

  • G.Digi
    Rispondi

    Nel passato, appena un politico(in questo caso Friedrich Merz anno 2003), proponeva una rifoma come dichiarare le tasse in modo semplice, lo facevano “sparire”. Anche specialisti come il Prof. Kirchhofer hanno proposto un nuovo concetto di tassa.
    Nessuno è riuscito al successo.
    I politici non vogliono che cambi la tassazione dei cittadini in un migliore siostema. Loro vogliono sempre sottolineare non solo il potere, ma anche di non perderci dalle loro tasche.

  • Federico Bertolini
    Rispondi

    Ma allora se siamo ormai così Filantropi empatici e animati da intracollabile senso civico perchè non passare direttamente a una socetà basata sulle risorse alla Zeitgeist,….a già, è utopico.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search