In Anti & Politica, Libertarismo

DI MAURO GARGAGLIONE*

«L’organizzazione dell’attività economica, per il tramite dello scambio volontario presume che siano garantiti, per mezzo del governo, la legge e l’ordine in modo da evitare la coercizione di un individuo da parte di un altro, e che sia assicurato il rispetto dei contratti volontariamente conclusi, che sia determinata la definizione dei diritti di proprietà insieme alla loro interpretazione e applicazione e che infine sia garantito un quadro di riferimento monetario ». [M. Friedman – Capitalismo e libertà]

Quindi il governo, deve definire cosa è tuo e fino a che punto lo è (esempio: questo pezzo di terra è tuo ma ora serve a me quindi ti risarcisco un tot e me lo prendo, se non sei d’accordo ti mando l’esercito), e decide quale moneta devi usare, quanta deve essercene in giro e a quale interesse la devi prestare.

Ma neanche per sogno, caro Milton! Se ti sta tanto a cuore lo scambio volontario, non deve esistere al mondo niente e nessuno che possa scambiare qualcosa ‘contro’ la volontà di qualcun altro. Oppure mi stai dicendo che c’è una cosa chiamata stato che ha una sua volontà che viene prima di quella degli individui?

Se è così arrivi tardi caro Milton, ci hanno fatto una rivoluzione su quest’idea. Il suo simbolo diventò la ghigliottina. Poi ne seguirono tante altre tipo fascismo e comunismo, i cui effetti hai osservato coi tuoi occhi. Eccerto, attribuisci volontà autonoma a un sistema statale, e guarda che succede quando non riesci più a fermarlo. La volontà è SOLO degli individui.

Mi dici che sto esagerando, che lo stato deve comandare in pochissime cose. Ok, mi sta bene, e se non lo fa? Mi dici che mi devo fidare. Ma io, ultimamente, non mi fido più tanto della moneta che lo stato mi prescrive di usare. Non so, vedo che fanno un sacco di porcherie e vorrei mettermi volontariamente d’accordo con chi la pensa come me per usare un mezzo di scambio reciprocamente accettato. Come sarebbe a dire, fallo pure !? Se non uso la moneta che mi imponi tu non posso pagarti le imposte che pretendi da me e poi mi arresti!

Va beh dai, la chiudo qui, in questo momento sono più preoccupato da un sacco di ignorantissimi sedicenti economisti che imperversano su stampa, rete e TV i quali sostengono la cartaccia che sono obbligato a usare come moneta deve tornare allo stato (sic!), che idioti, vero?

*Mauro Gargaglione
contributor Riecho Economia e Libertà – http://riecho-economiaeliberta.blogspot.it

Articoli recenti

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca