In Libertarismo, Varie

SARDEGNADI REDAZIONE

Libero, indipendente, scomodo, anticonformista. E sardo. Questo è il blog dei libertari isolani, con l’obiettivo di divenire uno spazio di confronto e condivisione di idee tra coloro che vogliono vivere in un territorio senza Stato, in assoluta libertà, qui, in Sardegna.

Innanzitutto chiariamo chi siamo. Ovvero, chi sono i libertari.

Il libertarianismo è la filosofia politica che si basa sull’assunto della non aggressione, unica regola da seguire nel vivere tra e con gli altri esseri umani. Una teoria semplice, che si potrebbe riassumere nella frase fatta “vivi e lascia vivere” o nella triade “vita, libertà e proprietà”. Di fatto, chiunque non uccide, aggredisce, ruba o distrugge le cose altrui, vive da libertario.  Chi accetta che nessun altro, singolo o gruppo, possa compiere quei crimini, è un libertario.

Una filosofia di vita che non impone nulla a nessuno e che non mira a costruire società perfette e utopiche. Molto semplicemente, i libertari – nell’accezione anglosassone di “libertarians” –  vogliono vivere liberi, rispettando gli altri e ricevendo in cambio il medesimo rispetto, a prescindere da qualsiasi fittizia appartenenza a classi sociali di vario genere: italiani o stranieri, ricchi o poveri, bianchi o neri, eterosessuali o gay, uomini o donne, giovani o anziani, imprenditori o fornitori di opera, e via dicendo.

Una libertà che si estende, visti i presupposti, a qualsiasi attività umana, a partire dalla vita privata, per proseguire con la vita familiare, quella lavorativa e quella sociale.

Possiamo definire la parola “libertà” come l’insindacabile e personalissima scelta tra le differenti opzioni che ogni individuo si trova di fronte nella propria esistenza.

Una libertà di scelta che trova il proprio limite nel corpo e nei beni altrui, e che di conseguenza non può essere limitata da alcuna autorità collettiva, per motivi di cosiddetto “interesse generale” o di “bene comune”, definizioni che i libertari considerano pura aria fritta ad uso e consumo del potere politico, utilizzate come giustificazione di qualsiasi scelta “democratica” che invece punta a distruggere la libertà personale e a rendere le persone schiave di maggioranze o minoranze ben organizzate.

Il rifiuto della “politica” come metodo di superamento degli attriti che si creano nella società porta noi libertari a proporre una organizzazione sociale senza Stati. Lo Stato, infatti, è per definizione l’organismo che si autoassegna il monopolio della violenza su un determinato territorio. Violenza che si traduce sia nell’esproprio dei beni legittimamente posseduti dagli individui che risiedono su quel territorio, attraverso l’imposizione fiscale o altre leggi che limitano gli utilizzi dei propri beni e della propria inventiva, sia nella produzione di leggi, regolamenti, direttive, ordinanze, che riducono gli spazi di libertà individuale e danno vita a quella spaventosa macchina burocratica che noiche  viviamo in Italia e in Sardegna conosciamo fin troppo bene.

Una vita senza poteri politici è possibile. Anzi, è auspicabile ed è fattibilissimo perfino in Sardegna.

In questo spazio cercheremo di spiegare come, con il contributo di filosofi, economisti, giornalisti e persone che, oggi come ieri, cercano di vivere secondo questi principi, spiegandoli a coloro che si rendono conto di non essere realmente felici, ma non riescono ancora a capire quale potrebbe essere la via d’uscita più semplice.

CLICCA QUI PER VEDERE IL BLOG http://sardegna-libertaria.webnode.it/

Post suggeriti
Mostrati 6 commenti
  • the1fabio
    Rispondi

    sardegna libera , voglio una sardegna off-shore , free port , completamente autonoma in mano al popolo sardo , sardegna libera .ora e subito . si può fare!!

    • Giorgio Fidenato
      Rispondi

      Un libertario non può sperare una Sardegna in mano a sardi. Bisogna sperare in una Sardegna senza governo, in cui venga rispettato il diritto di proprietà,.

  • lewisnero
    Rispondi

    un gruppo di libertari come può costruire una strada? :D

  • Liberalista
    Rispondi

    Pagando una ditta che la costruisce.

  • Marco Tizzi
    Rispondi

    In bocca al lupo!
    In un’isola con una cultura autoctona c’è davvero speranza.

  • Stefania
    Rispondi

    “Il governo è la grande illusione, attraverso la quale tutti tentano di vivere alle spese di qualcun altro.”

    FREDERIC BASTIAT

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca