In Economia

IMULETTI PER VOI

ROMA – L’affitto? Te lo mangiano le tasse. I proprietari di una casa data in affitto pagano di tasse fino al 70% del canone annuo pattuito con gli inquilini.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Tempi duri per chi affitta: da un lato la crisi ha fatto calare i canoni d’affitto, dall’altro l’Imu ha raddoppiato le imposte sulla proprietà.

Tasse alle quali si aggiunge il saldo che aspetta al varco il 16 gennaio, la mini-Imu. Scrivono Cristiano Dell’Oste e Valentina Melis sul Sole 24 Ore:

“Il saldo dell’Imu sulle case affittate dovrà essere pagato con le aliquote decise dai Comuni, spesso allineate al livello massimo dell’1,06 per cento. E la somma delle imposte sul possesso e sui redditi raggiungerà nel 2013 un livello record. Soprattutto per chi possiede abitazioni con una rendita catastale elevata rispetto al valore di mercato: case accatastate in categoria A/2, costruite dagli anni 80 in poi o situate in quartieri periferici o in città di provincia dove la crisi del mercato ha colpito più duro”.

Il Sole 24 Ore ha incrociato le rilevazioni diTecnocasa sul mercato immobiliare con le delibere dei Comuni, e ha calcolato l’impatto delle tasse su una casa data in affitto:

“Nel caso di un bilocale in zona Crocetta a Torino, affittato con un contratto a canone libero di 450 euro al mese – cioè 5.400 euro all’anno – il proprietario dovrà pagare più di 2.900 euro traImu e cedolare secca, o addirittura 3.900 eurose resta alla tassazione ordinaria (che comprende l’Irpef ad aliquota marginale, le addizionali comunali e regionali, l’imposta di registro e il bollo). In pratica, il Fisco, si prende dal 54% al72,5% del canone. E questo a condizione che l’inquilino sia puntuale con i pagamenti, perché in caso di morosità il tax rate diventa ancora più alto, dal momento che le imposte si pagano sul canone pattuito, e non su quello incassato. Per avere un’idea della portata dei rincari, due anni fa – al tempo dell’Ici – l’Erario e il Comune si accontentavano di una percentuale compresa tra il35% (con la cedolare secca) e il 49% (a tassazione ordinaria).

Ma c’è un’altra variabile da valutare: la tassazione sullo sfitto, che per lo stesso bilocale a Torino costerebbe più di 2mila euro e difficilmente scende sotto i 900 euro nei centri maggiori. E non è detto che un’abitazione fiscalmente «a disposizione» sia sempre una casa di villeggiatura: nel concetto, ad esempio, rientrano anche le case ereditate che non si possono né vendere, né affittare.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Non va meglio nelle altre città.
Bari, su un canone annuo di 6.000 euro, se ne pagano 2.600 di tasse con la cedolare secca e 3.700 con la tassazione ordinaria.
Bologna, su un canone di 5.000 euro, si paga 2.750 con la cedolare secca e 3.680 con la tassazione ordinaria.
Firenze, su 7.800 di canone, se ne vanno via 3.200 con la cedolare secca e 4.600 con la tassazione ordinaria.
A Genova, su 4.400 annui, all’Erario finiscono 2.480 con la cedolare secca e 3.300 con la tassazione ordinaria.
Milano, su un canone annuale di 7.800, si paga 2.970 con la cedolare secca e 4.414 con la tassazione ordinaria.
Napoli, su 5.400 euro di canone annuo, sono tassati 2.000 euro con la cedolare secca e 3.010 con la tassazione ordinaria.
Roma, su 12.600 euro di canone annuo, se ne pagano 4.560 di tasse con la cedolare secca e 6.940 col la tassazione ordinaria.
Verona, su 5.400 euro di canone annuale, vengono tassati 2.550 euro con la cedolare secca e 3.520 con la tassazione ordinaria.

Il Sole 24 Ore ha chiesto un parere a Corrado Sforza Fogliani, presidente di Confedilizia:

“«Ormai sulle case si vedono cartelli con su scritto “Affittasi – vendesi”. Un modo per dire che il proprietario vuole solo liberarsi dell’immobile. Ma ci sono anche casi in cui i proprietari rinunciano a rinnovare i contratti scaduti, perché non trovano inquilini che garantiscano un minimo di redditività». Un altro riflesso della pressione fiscale in continuo aumento – rileva Sforza Fogliani – è il freno agli investimenti per il recupero edilizio, nonostante la proroga delle detrazioni del 50 e 65%, contenuta nel Ddl di stabilità: «Molti appartamenti restano sfitti perché avrebbero bisogno di lavori che il proprietario, in questo scenario, non si azzarda a fare». […] Come spezzare il circolo vizioso? «Ci sono rimedi che costano qualcosa per lo Stato – rileva Sforza Fogliani – ma ce ne sono anche altri a costo zero». Si potrebbe cominciare, secondo il presidente di Confedilizia, eliminando l’obbligo di redigere l’Attesato di prestazione energetica per ogni nuovo contratto d’affitto. E poi abolendo l’obbligo di costituire un fondo lavori – raccogliendo tutte le somme necessarie – prima di avviare i lavori di ristrutturazione in condominio. Una piccola mossa per non scoraggiare ancora di più gli interventi di recupero”.

TRATTO DA http://www.blitzquotidiano.it

Post suggeriti
Mostrati 3 commenti
  • Albert Nextein
    Rispondi

    In italia il risparmio immobiliare non esiste più.
    Una volta la gente risparmiava, acquistava una o più case, le destinava ai figli , oppure le affittava per avere di che vivere meglio una volta in pensione.
    Oggi non è più possibile.
    Anzi, possedere immobili è diventato una pena ed una forma di lento impoverimento.
    In italia.
    La ragione principale è che non esiste rispetto per la proprietà privata.
    Quando qualche inquilino non ti paga in italia ci si mette oltre un anno per liberare i locali.
    Questo è un trasferimento forzoso di denari.
    Dalla cosiddetta parte forte , il proprietario, a quella cosiddetta debole , il conduttore.
    Definizione ideologica e forzata all’eccesso da una magistratura socialista.

    Così vanno le cose.
    E mi meraviglio che Sforza Fogliani non abbia ancora organizzato una protesta fiscale tra i suoi associati.
    Evidentemente è della stessa famiglia di squinzi, filogovernativa, opportunista, ipocrita, inconcludente, vigliacca.

  • FrancescoL
    Rispondi

    E’ solo il preludio all’esproprio degl’immobili. Ci diranno che una casa a testa è più che sufficiente nel loro ideale di società il resto deve essere redistribuito, e poi non possiamo dimenticare coloro che una casa non ce l’hanno per colpa dei ricchi…. Act now to be prepared then

  • LucieV
    Rispondi

    E’ anche più grave; a volte le tasse sono oltre il 100%. Mettiamo il caso che un inquilino non ti paghi da mesi e che il canone comprenda anche la quota riscaldamento + spese condominiali; inizi le pratiche per lo sfratto causa morosità e trovi un magistrato favorevole al debitore che delibera per una proroga di 90 giorni in 90 giorni e intanto l’inquilino se ne sta pure al caldo a spese del locatore, piccolo affittuario con misere finanze costretto in forza di legge infame a pagare le tasse su quello che non incasserà mai e del quale la sacra legge se ne fa un baffo.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca