In Anti & Politica, Libertarismo

venetoDI LEONARDO FACCO

Oggi, più che mai dobbiamo essere indipendentisti! E venetisti soprattutto. L’Italia  – come vado dicendo da oltre dieci anni – si regge su uno Stato di merda, ladro, parassita, canaglia e irriformabile. E mi scuso per la moderazione. A proporre “cambiamenti”, si alternano personaggi che hanno a cuore non la libertà, ma i fattacci loro e quelli dei loro clienti e delle lobby amiche, tra le quali c’è la feccia libberale e libberista italiana, i cui simboli sono un pittoresco guascone che ha cantato allo Zecchino d’oro, ha due lauree e un master a Chicago, un professore uscito dai centri sociali che fa alleanze con Tabacci e un pensatoio che ha come riferimento ideologico Debenedetti.

Dopo vent’anni di ridicolo Berlusconismo, un insulto a qualsivoglia idea di liberalismo (con l’appoggio di una Lega complice, e correa, delle nefandezze messe in atto a tutt’oggi), ora è il turno di Renzi, giovane prodigio dell’establishment, sugli scudi per essere un fenomeno della chiacchiera, del distintivo e del twitt. Ha la lingua biforcuta, propone riforme che tali non sono e che nulla hanno a che vedere con la libertà. Ma la claque applaude. Dall’Italicum alla minchiata dell’abolizione delle province è tutto un gattopardare, un centralizzare.

L’operazione messa in atto dalla procura di Brescia, a 17 anni dal simbolico gesto dei Serenissimi, è una chiara azione di repressione politica. Fondata su una ruspa peraltro. Giunta con la tempistica perfetta, in un momento eccezionale per l’indipendentismo veneto, che – tra plebiscito digitale (chapeau) e progetto di legge 342 – ha fatto parlare di sé in mezzo mondo, ha aggregato i secessionisti (ma non solo) attorno ad un gesto democratico quale il referendum per ottenere la propria libertà. Proprio come succederà, per via ordinaria,  in Catalunya e in Scozia quest’anno. La sola idea di interpellare il “popolo” (per dirla con la loro prosopopea) ha fatto cagare addosso le milioni di zecche che vivono dei soldi dei lombardi e dei veneti.

Non v’è dubbio che l’arresto di 24 persone (spero tanto in una manifestazione unitaria dei venetisti a loro sostegno) e l’inquisizione di altre 27 offre il destro allo Stato giacobino per puntare l’indice contro l’indipendentismo tutto, oltreché marciano. Non solo: come assistiamo da un paio di giorni, manda in brodo di giuggiole il giornalismo cialtronesco, e in gran parte assistito, di quelli che guai a toccargli l’articolo 5 della Costituzione. Di quelli che (provenendo dal “Sol dell’avvenire”) sbeffeggiano il diritto all’autodeterminazione chiedendo per loro l’autonomia di Cinecittà. Questi signori sono quelli che se anziché finire sotto inchiesta Gianluca Marchi fosse stato sottoposto a perquisizione e indagini un loro amichetto no-global avrebbero messo in scena puntate su puntate per difendere la libertà di pensiero. La loro, solo la loro.

Oggi, più che mai, mi sento indipendentista. Oggi, più che mai, la resistenza all’oppressione è un diritto, ma soprattutto un dovere, di chi sa che la libertà non è un atto benevolo di concessione di un padrone, ma un diritto naturale e inalienabile. Sprofonda Italia!

TRATTO DA: www.lindipendenza.com

Recent Posts
Showing 9 comments
  • Pedante
    Rispondi

    Due lauree e un master di pura invenzione, se non erro.

  • FrancescoPD
    Rispondi

    Non vi sembra strana l’uscita del nazista di quel Attila dell’agenzia delle entrate con i risultati del bliz di Cortina?? … e la gran cassa di quella TV di stato che alle 8.30 di domenica mattina con Livadiotti e la Cantone a straparlare di evasione fiscale.
    Mi sembrano tanti cani che schiumano dalla rabbia perchè non riescono ancora a rubare più di quel che già fanno…

  • Fabio
    Rispondi

    concordo con Leo su ogni sacrosanta parola

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      :-) grazie

  • Sigismondo di Treviri
    Rispondi

    Sinceramente, uno stato che arresta chi si è stancato di essere derubato, mi dà l’idea di un pugile alle corde. Speriamo che arrivi presto il KO finale.

  • Giuseppe
    Rispondi

    Sono del Sud e sono solidale con gli indipendentisti Veneti arrestati.
    In effetti si tratta palesemente di un’azione intimidatoria contro l’indipendentismo tutto.

  • depaoli.fabrizio@liberi.it
    Rispondi

    Leonardo Facco,

    “..La sola idea di interpellare il “popolo” (per dirla con la loro prosopopea) ha fatto cagare addosso le milioni di zecche che vivono dei soldi dei lombardi e dei veneti..”

    Questa è la buona notizia, vuol dire che le cose stanno evolvendo velocemente, ed andranno ancora più veloci quando i Veneti e gli indipendentisti in generale passeranno ad un tipo di voto molto più efficace: l’EMBARGO FISCALE.

  • Nicola Albano
    Rispondi

    Solidarietà da Prato.

  • triario
    Rispondi

    Egr Direttore,

    analizzo, teorizzo, ipotizzo:

    è da anni che una truce, variegata consorteria, es. notav, antagonisti,,,,,,,,scatena sanguinose sommosse e calorose, a colpi di molotov, con numerosi tutori della legge malconciati, proprietà vandalizzate e così sia…..
    Sono sempre quelli, quindi presuppongo, noti ai tutori costituzionali e democratici, sinceramente, ed intercettati sicuramente, forse.
    Ne viene arrestato solo qualcuno, raramente, in corso d’opera, non mi sembra alle 5 di mattina e dopo un ette sono tutti fuori, pronti a rimovimentare la repubblica unita e democratica, nata dalla resistenza.

    25 cittadini, vengono messi in galera, all’alba e ci sono ancora e ci staranno.
    Non risulta abbiano mai rotto un vetro, o tirato peti alle forze costituzionali e democratiche, sinceramente.

    Ergo i tutori della costituzione più bella del mondo, hanno paura dei truci, ma se la ridono dei cacasotto, saldatori di ruspe e tagliatori di salami, più che altro ombrosi.
    Giocano, da veri duri, democratici e costituzionali a terorizzarli, tanto questi al massimo, calandosi le braghe risponderanno ” comandi”.

    Spesso ho visto gli urbani comunali sanzionare fieramente la signora con la borsa della spesa stracarica, perchè posizionata in divieto di sosta.
    Non li ho mai visti fermare una mercedes di Rom, senza assicurazione, che intralciano la carreggiata etc….
    La signora dirà solo “comandi”, i Rom, si dice, siano maestri nell’affilatura dei coltelli.

    Ipotizzando, mi ridomando: non è che chi pecura se fa lu lupo se lu magna ?

    Amen, amen.

    G. Vigni
    .

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search