In Anti & Politica

maisDI MATTEO CORSINI

“Noi coltiviamo in regime di agricoltura biologica su circa 1.000 ettari
piante medicinali che poi trasformiamo in sostanze utili per la salute
dell’uomo. Già oggi non sappiamo come difenderci dalla contaminazione di
materiale geneticamente modificato derivato dalla deiezioni di animali
allevati con mangimi OGM e un domani, qualora venisse ammessa la libertà di
coltivare OGM, non sapremmo come difenderci dal rischio di contaminazione
da pollini di piante geneticamente modificate, pollini che possono
spostarsi per decine di km”. (V. Mercati)

Nel dibattito sugli OGM, Valentino Mercati è nel campo di coloro che
difendono, a suo dire, la libertà di coltivare da parte di chi fa
agricoltura biologica. A questo scopo ha anche aperto un sito:
www.liberidicoltivare.it.

Uno legge il suo appello, e l’unica cosa chiara è che per libertà di
coltivare intende quella di chi la pensa come lui. Infatti, secondo Mercati
gli OGM andrebbero proibiti in Italia. E questo, tra l’altro, perché il
rischio di “contaminazione” (io credevo fosse più corretto definirla
“commistione”, ma non è sui termini tecnici che mi soffermerò, non essendo
peraltro competente in materia) è già di difficile soluzione “nel rapporto
tra agricoltura biologica e agricoltura convenzionale e sono tali da
creare palesi distorsioni di mercato”.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Per carità, chi danneggia la proprietà altrui dovrebbe essere chiamato a
risarcire il danno; ma qui si vorrebbe proibire un’attività dando quasi per
scontati dei fenomeni che scientificamente non c’è prova che lo siano. A
mio parere su questo tema è illuminante “Law, Property Rights and Air
Pollution” di Murray Rothbard.

Non tutto ciò che afferma Mercati mi vede contrario. Per esempio, quando
sostiene “la prima cosa sarebbe rendere trasparenti le etichette e
comunicare ai consumatori che la maggior parte della carne, del latte, dei
formaggi che mangiamo sono ottenuti con alimenti OGM, sarà a questo punto
il mercato ed i consumatori a scegliere tra questi cibi e quelli invece
ottenuti con allevamenti biologici OGM free”, sono sostanzialmente
d’accordo.

Poi, però, pone delle domande retoriche, le sue risposte alle quali sono
sottintese, e sono una completa negazione della libertà per chi la pensa
diversamente da lui.

“Resta un ultimo ma fondamentale tema. Il nostro paese ha bisogno di OGM? É
questa la soluzione ai problemi dell’Italia?”

Personalmente credo che non si tratti di individuare la “soluzione ai
problemi dell’Italia”, bensì di lasciare libertà di impresa. Avere o non
avere bisogno di OGM è un punto di vista soggettivo, non oggettivo.
Pretendere di oggettivizzare la risposta è tipico di chi ha un
atteggiamento totalitario.

Ancora: “vogliamo competere con Stati Uniti e Argentina per produrre soia
OGM a costo più basso  per alimentare bovini o vogliamo valorizzare le
eccellenze del territorio italiano?”

Non vedo per quale motivo debba essere stabilito dal governo cosa si debba
fare sui terreni di proprietà privata. Chi ritiene di coltivare OGM lo
faccia; chi vuole “valorizzare le eccellenze del territorio italiano”
faccia quanto riesce e veda se e come i consumatori apprezzano i suoi
sforzi.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Quanto ai rischi potenziali, ormai nessun serio antagonista degli OGM dice
che sono dannosi. Al più può dire che non vi sono dati di lungo periodo per
affermare che non sono nocivi. Ora, voler vietare una cosa non perché è
provato che faccia male alla salute, ma semplicemente perché non è provato
che non fa male a me pare assurdo. Si lasci ai consumatori la libertà di
scegliere, ovviamente informandoli. Ma senza sostituirsi a loro nel
decidere cosa consumare al pari di come ci si vuole sostituire a una parte
di coltivatori nel decidere cosa coltivare.

In conclusione, alla domanda di Mercati: “Se pertanto vi sono rischi, anche
solo potenziali, e non vi sono ragioni economiche tali da indurci ad
ammettere gli OGM, perché farlo?” risponderei che vietare ogni cosa che ha rischi non provati significherebbe

fermare il mondo, perché, piaccia o meno, ogni attività umana comporta
l’assunzione di rischi. Quanto alle ragioni economiche, si lasci a ognuno
decidere cosa coltivare, finché rischia in proprio su terreni di sua
proprietà.

Perché, dunque, ammettere gli OGM? Perché anche gli altri siano “liberi di
coltivare” non solo quello che pare a lui.

Recent Posts
Showing 30 comments
  • _Salvatore
    Rispondi

    Articolo pulito, semplice e chiaro.
    Sottoscrivo.

  • FrancescoPD
    Rispondi

    Io ribatterei anche ai sapienti del noogm che daccordo costa meno produrlo, ma importato oggi 7/8 in italia il mais estraEU ogm vale ben 17 euro in più la tonnellata. Il dato è visibile a chiunque lo voglia al sito della granaria milano alla voce granoturco.
    Se un mangimificio è disposto a pagarlo così caro un motivo ci sarà no?… ed in effetti c’è, il mais ogm è sano, e nella conversione mangime/carne rende molto di più, ve lo potrà confermare il più grande mangimificio d’italia, nonchè n.1 negli allevamenti.

    Detto questo, e pensare a quel che succede in italia, mi vien da vomitare solo al pensiero.
    Giorni fa, si è presentato un battaglione intero di forestali in assetto da guerra per distruggere un campo di 1.000 mq. di mais che per la normativa EU è perfettamente legale, un battaglione di forestali che paghiamo noi profumatamente per esibirsi a sopprimere una lecita e libera iniziativa di un cittadino che sa pensare con la propria testa, per reprimere in base ad una legge completamente illegale e fondata sul nulla assoluto ed in aperto contrasto con la normativa EU.
    Ecco il qunque, domenica notte a 40 km di distanza succede che il tempo voglia fare i capricci, e ci scappano quattro morti. Ma tutti questo forestali mobilitati in base ad una legge totalmente illegale, sanno almeno dov’è Refrontolo che dista soli 30 minuti di macchina da Pordenone o hanno impostato il navigatore,….. hanno fatto il loro lavoro quello di controllare i boschi e gli alvei dei torrenti prima e non dopo la tragedia? …così tanto per farci un paio di domandine e mettere i puntini sulle ì come piace tanto a loro.
    CHE STATO DI MERDA !!!!

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Io, tanto per provocare, quando mi reco ad acquistare mais e ceci , oppure fagioli, secchi chiedo ad alta voce se il prodotto sia Ogm, perché la mia preferenza assoluta è per gli Ogm.
    Se non mi rispondono affermativamente, io non acquisto.
    Qualcuno mente, e io acquisto tessendo le lodi degli Ogm.
    Qualcuno mi ride in faccia, pensando che io sia un cretino, e io non acquisto.
    Qualcuno mi dice che non lo sa, e io non acquisto.

  • CARLO BUTTI
    Rispondi

    La Polizia Forestale è una delle vergogne d’Italia. Multe salate se tagli un albero in un terreno di tua proprietà, guai a ripulire dalla vegetazione sovrabbondante gli alvei dei fiumi e dei torrenti, per non distruggere la biodiversità; poi, quando arrivano nubifragi che ingrossando i corsi d’acqua i cui letti sono ostruiti da dighe di tronchi e ramaglie provocano inondazioni con danni gravi alle cose e alle persone, la colpa è sempre di qualcun altro, magari dei coltivatori di vitigni che -dicono- hanno disboscato e alterato i terreni. La Forestale è odiosa al pari della Guardia di Finanza e delle Polizie Locali

    • Fabio Colasanti
      Rispondi

      è uno di quei casi in cui il comune cittadino penserebbe che lo Stato non funziona ma in realtà è proprio questo il modo di funzionare.

      Voglio dire che se crolla un ponte, per lo Stato il PIL cresce causa le spese per ricostruire e quindi va bene.
      Nel bilancio statale il ponte che crolla non trova quantificazione così come non vengono rilevati i disastri fatti da esondazioni ed inondazioni.

      Ricordi quell’imprenditore intercettato al telefono con clienti che rideva del terremoto a L’Aquila? Lo Stato fa la stessa cosa (e forse è per questo che condannò quell’imprenditore come persegue e condanna tutti quelli che fanno le cose che vuole fare Lui in esclusiva), si rallegra delle disgrazie altrui perché alzano il PIL.

  • hilda
    Rispondi

    “Non vedo per quale motivo debba essere stabilito dal governo cosa si debba
    fare sui terreni di proprietà privata. Chi ritiene di coltivare OGM lo
    faccia; chi vuole “valorizzare le eccellenze del territorio italiano”
    faccia quanto riesce e veda se e come i consumatori apprezzano i suoi
    sforzi.”

    certo…facciamo quel cavolo che ci pare e verrà fuori un paese bellissimo eh…neoliberali di sto cazzo..

    • Albert Nextein
      Rispondi

      Facciamo quello che decidono i privilegiati al potere e le caste politiche.
      Ed è venuto fuori quello che stiamo vivendo ora.
      Hilda compresa, a meno che non appartenga alla casta o che non sia decorticata.
      Vecchia catto-socialista ipocrita e suddito del cazzo.

    • Fabio Colasanti
      Rispondi

      no, facciamo decidere i centri sociali ed i loro scarti subumani che li popolano, vedrai che bel posticino che ci ritroviamo!

      io vorrei solo che la gente possa e debba vivere secondo ciò che si augura: hilda e compagnabella vogliono che per se e per gli altri un burocrate decida di loro e della loro vita? s’accomodino pure.
      C’è qualcuno che per se e per gli altri vuole rispetto assoluto della proprietà privata senza alcuna aggressione dello Stato? Ebbene per loro nessuna ingerenza pubblica cometasse o leggi di merda varie.

      il fatto che la Hilda e compagnabella vuole le leggi per gli altri !! Sa benissimo quanto possano essere sciagurate le leggi capricciose statali, per questo le augura agli altri.

  • W la Libertà
    Rispondi

    Vorrei proprio sapere il senso delle parole di questa Hilda…ma per quale cazzo di motivo le persone non possono fare quello che vogliono rispettando la libertà degli altri ma devono obbedire ad altre persone???

    Il grande paradosso statalista: gli uomini da soli si comporterebbero male, lasciati liberi si ammazzerebbero, quindi siccome gli uomini non possono essere lasciati liberi, affidiamo le decisioni a…. Altri uomini!!!

    Che meraviglia! In base a quale strano ragionamento quello che dico di voler fare io o Giorgio Fidenato o Pinco Pallino è sbagliato mentre quello che ci dicono di fare Napolitano, Renzi, il Parlamento e la Costituzione (fatta di uomini ricordiamoci) è lecito e anzi migliore???

    E non mi venite a rispondere: perchè Napolitano, Renzi, il Parlamento e la Costituzione vogliono il Bene Comune!

    Tutto ciò è esilarante ma allo stesso tempo tristissimo

    • hilda
      Rispondi

      ma veramente sostiene queste cose? ma manco un adolescente in preda alla fregna…

      • Fabio Colasanti
        Rispondi

        mi dica hilda, come ragiona un adolescente in preda alla fregna ?
        è davvero tanto diverso da come ragionano i mentecatti dei centri sociali che, battendi i piedi e frignando come bimbi, hanno calpestato la proprietà privata di Giorgio?

        • hilda
          Rispondi

          “faccio quello che voglio” gne gne…lo stato è butto e cattivo…

          Io non sono certo un frequentatore di centri sociali (con tutto il rispetto per i circoli!)

          • Fabio Colasanti

            chiunque aggredisca una persona è brutto e cattivo gne gne, come una persona che stupra una donna per esempio.

            Chiunque violi la proprietà privata di un altro o lo aggredisca fisicamente (non potenzialmente).

            Giorgio non ha aggredito nessuno, le merde dei centri sociali (non lo sono certo tutti i loro frequentatori, solo quelle teste di cazzo) sì quando gli hanno distrutto il campo!

            E lo stesso è per lo Stato Onnipotente che impone con le armi e la forza le sue leggi.

            La Legge è di due tipi (si, mi tocca spiegarti le basi come ad un bimbo delle elementari) :
            calata dall’alto ed imposta ai sudditi (da uno o molti, dal re, duce, oparlamento, non fa differenza) ;
            contrattata tra le parti.

            il primo tipo è quello che gente come te e gli schifi par tuo adorano, fatto di violenza e coercizione, imposto con le armi, dalla pianificazione domestica all’esportazione della democrazia…

            il secondo è quello dei limertari, di Libero Mercato In Libera Concorrenza, fatto di accordi volontari, di vera meritocrazia non autoreferenziale, che porta alla civiltà, contratti tra uomini veri…

            se posso consigliarti una lettura, tanto per cominciare, ripeto!, dalle basi, leggiti La Legge di Frédéric Bastiat, liberamente scaricabile dalla rete
            (per esempio da qui: http://www.panarchy.org/bastiat/legge.1850.html)

  • Marco
    Rispondi

    E poi qualcuno mi dica perchè nessuno si preoccupa del fatto che le coltivazioni OGM potrebbero essere contaminate da quelle bio e i pesticidi usati sui prodotti non OGM (anche quelli bio, tipo RAMAEe ZOLFO) potrebbero contaminare i prodotti OGM.

    Provocazione:
    ABOLIAMO I PRODOTTI BIO PER DIFENDERE I PRODOTTI OGM DA EVENTUALI POSSIBILI CONTAMINAZIONI DI RAME METALLICO O ZOLFO TRASPORTATI DAL VENTO

    • FrancescoPD
      Rispondi

      ..infatti, sti inbecilli bio_chic con il rame e lo zolfo hanno deciso di farla finita almeno 10 anni prima.
      Sono come quei tipi che: “vogliono a tutti i costi fare danni a terzi, e senza causare vantaggio per se stessi”… tradotto, dei coglioni!

      • hilda
        Rispondi

        PD è il cognome??? Tutto un programma…..

  • W la Libertà
    Rispondi

    Hilda argomenta, altrimenti sei solo una ciarlatana, chiacchierona, buffona, pagliaccia, ridicola, e tanto altro.

    Scommetto che in questa sede (come in tante altre) ci siano persone disposte a scrivere libri interi a supporto del tuo odiato “siamo liberi di fare quel che vogliamo”, tu finora hai scritto a mala pena 4 righe del cazzo senza un minimo di ragionamento, solo offese e lamenti.

    Hilda argomenta o sparisci

  • hilda
    Rispondi

    evidentemente Lei è appena arrivato…

    • W la Libertà
      Rispondi

      Ci dica perchè lo Stato non è brutto e cattivo

  • hilda
    Rispondi

    Mi scusi è lei che deve dirmi perchè lo stato è brutto e cattivo.

    Se io dico “Dio non esiste” non è che poi le dico “Mi dica perchè Dio esiste” al massimo devo spiegare perchè per me Dio non esiste.

    • W la Libertà
      Rispondi

      Hilda, lei ha detto esclusivamente: siete dei mocciosi che sparate cazzate.

      Questo sito è il covo dei mocciosi di cui parli, scorri gli articoli e i commenti, apri i link, cerca su google i nomi, e in ogni caso sono pronto e siamo pronti a rispondere a ogni domanda.

      Tu piuttosto spiegaci come mai ti offende tanto la frase “lo stato è una merda sopra cui svolazzano putride mosche e parassiti, merda spremuta da animali da soma sfruttati e oppressi”

      • W la Libertà
        Rispondi

        Offendersi se viene offeso lo stato è possibile se:

        -Lo stato da lo stipendio alla persona che si sente offesa
        -Lo stato ha inculcato i suoi “valori e dogmi” alla persona che si sente offesa, che vede lo stato come suo unico Dio

  • charlybrown
    Rispondi

    hilda, c’è almeno una tonnellata di libri che spiegano perchè lo stato è brutto e cattivo. Quelli che scrivono qui ne hanno letti una discreta quantità e hanno trovato le argomentazioni convincenti.
    sta a te spiegare perchè non le hai trovate convincenti, ti pare?

    • hilda
      Rispondi

      quindi eliminiamo lo stato?

      Non sono dipendente pubblico…e il problema non è lo stato…è l’Euro, coglioni.

  • W la Libertà
    Rispondi

    Personalmente introdurrei la possibilità di “staccarsi” dallo stato, non pagare le tasse e non usufruire dei servizi, se si vuole.

    Dire che il problema è l’Euro equivale a dire che ti da fastidio il rumore di un missile che ti sta per cadere sulla testa…

    Lo Stato è il Male, chiamami bambino infantile, io ti chiamo cieca serva e sottomessa (non mi permetto di darti della cogliona)

  • hilda
    Rispondi

    se non capisci che il problema è l’euro e che dobbiamo sganciarci da esso…

    • W la Libertà
      Rispondi

      Hilda dovrebbe essere una di quelle persone con il feticcio delle stampanti…il rumore di una stampante accesa che sforna bellissime banconote nuove di zecca gli provoca una serie di orgasmi multipli ed eiaculazioni femminili senza pari

  • hilda
    Rispondi

    Ah è un “sito” per soli maschi questo???

    Cmq il primo problema non è “stampare moneta”, mi dispiace ma anche questa ormai è vecchia caro il mio bel liberale da strapazzo.

    Il problema è il cambio bloccato…

    Mi spieghi perche la finlandia la francia e la stessa germania negli ultimi mesi si sono bloccate tutte per far compagnia a noi, al portogallo, alla grecia, alla spagna????

    • Fabio Colasanti
      Rispondi

      perché non sei un uomo te? lo chiedo sinceramente perché ricordo bene frasi, che mi colpirono perché pensavo che fossi una donna, in cui scrivevi al maschile.

      riguardo al blocco diffuso, guarda caso sono tutti stati con forte regolamentazione statale in ogni ambito (niente libero mercato in economia) ed una moneta imposta dallo stato (di nuovo niente libero mercato nel servizio di moneta di scambio e/o tesaurizzazione).
      Se per fare una torta tra gli ingredienti usi abbondante merda, come puoi mai stupirti dello schifoso risultato e continuare a chiedertene il perché?

  • Christian
    Rispondi

    libertà e scienza (OGM) gli unici motori del progresso umano.
    Il motore si è ingolfato i volo, riusciremo a riaccenderlo prima di schiantarci al suolo ? Non credo.
    quanto manca prima di toccare il suolo?
    No lo so ma spero che quelle che vedo dal mio finestrino siano persone così lontane da sembrare formiche e non veramente… formiche.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search