In Anti & Politica, Economia, Esteri, Libertarismo

DI ULTIMAVOCE

liberland_vlajka2Dopo tanto tempo si ritorna a parlare di Liberland! La futura città/Stato che sta sorgendo tra la Croazia e la Serbia. Dopo il Vaticano e Monaco, Liberland si candida per essere la terza città/Stato più piccola ed indipendente d’Europa dove il suo motto è “Vivi e lascia Vivere”

Il fondatore di Liberland il 14 dicembre 2016 ha rilasciato questa intervista che ho tradotto in sintesi per voi:

Come è nata l’idea di Liberlandiya ?

L’idea è quella di formare uno Stato indipendente basato sulla libertà economica e sulla prosperità, molto diverso dagli attuali stati europei.

 – Quanti cittadini hanno Liberlandiya ora?

Fino ad oggi abbiano accettato 300 persone, ma le richieste attuali sono ben440.000! Le richieste devono essere gestite con serietà, si tratta di un gran numero di persone, ma non abbiamo fretta.
Vogliono controllare ogni candidato per accertarsi che sia davvero una brava persona.

– Avete attraversato il confine con i documenti di Liberland?

Si, siamo stati in Messico e in Serbia, esibendo solo i documenti di Liberland, pur non essendo ancora riconosciuto come “stato ufficiale” tra i paesi attraversati.

– La Croazia ha vietato a voi e ai vostri alleati di stare sul suo territorio?

Per qualche strana ragione, le autorità croate decisero che la nostra conferenza tenutasi in Croazia, a cui parteciparono numerosi imprenditori e diplomatici, erapericolosa. La polizia mi impedì di partecipare fisicamente alla conferenza, ma mi permise di parteciparvi virtualmente via Skype.

– Ho sentito che ci sono diversi paesi che sono disposti ad ammettere Liberland ufficialmente…

Si, si sono, ma non possiamo ancora svelare chi sono.
Fino ad allora non dirò niente, per ora vi dico che sono 10 governi provenienti da tutto il globo.

– Alcune persone dubitano che, se riconosciuto, Liberland possa diventare un paradiso fiscale.

Il nostro scopo non è creare un paradiso fiscale ma creare un Paese dove le persone possano godere dei frutti del proprio lavoro indisturbate… A Liberland il pagamento delle tasse è una forma di volontariato, non un imposizione.

Nessuno verrà considerato un criminale (evasore) se decide di non pagarle.

– Pensi che progetti come Liberland siano pericolosi ?

vit_jedlickaCi auguriamo che Liberland possa ispirare le persone a creare micro-Stati senza ricorrere alla violenza, vogliamo essere un buon esempio. Comprendo però che ci sono molte persone che hanno paure della pace e della libertà, e per questo preferiscono vivere nell’inferno fiscale piuttosto che come noi.

– La BBC dice che tu hai sostenuto che tutti i paesi sono solo fantasie, perché?

No, quella era l’interpretazione dei media…non quello che volevo dire…Io volevo dire che tutti i Paesi sono concetti virtuali, non hanno alcun confine fisico.

A volte i paesi sorgono, altre volte scompaiono, tutto dipende da come la gente li guarda. Le persone creano i loro paesi attraverso l’immaginazione, non c’è niente di naturale però in un paese.

Una guardia di frontiera croata mi ha detto: “Liberland esiste solo nella tua testa, è una tua fantasia.” E gli ho risposto: “E la Croazia esiste solo nella tua testa.” Tutte li paesi esistono solo nella nostra testa, sono concetti che impongono…

La Croazia ha una popolazione di poco più di quattro milioni di persone e Liberland è 440 mila. Sì, siamo più piccoli come territorio e popolazione, ma questo non significa che non esista.

Mettere in discussione l’esistenza di stati e la loro creazione è molto pericoloso.

Non mettiamo in discussione l’esistenza di un qualsiasi paese, ci basta creare il nostro.

– Pensi che l’UE (Unione Europea) sia un esperimento politico simile a Liberland in quanto si cerca di eliminare i confini economici, culturali e fisici tra gli Stati membri in essa?

In principio l’Unione europea è stata introdotta come un’unione economica, ma sappiamo anche che allora è stata concepita come un progetto di integrazione politica.

E ‘stata approvata l’integrazione economica, ma il suo vero scopo è quello di creare un nuovo impero, come ha detto Barroso.
E sappiamo che la creazione di un impero in Europa non finisce mai bene…

– Sono solo i governi che stanno al potere secondo te?  
Sappiamo che in tutto il mondo sono state installate telecamere per monitorare le comunicazioni su Internet, spiano i paesi, la classe e la divisione sociale si è amplificata, la libertà di espressione nei mezzi di comunicazione sta peggiorando in tutto il mondo. Cosa pensi?

Noi non abbiamo bisogno della loro approvazione per creare Liberland. Questo Paese nasce appunto per offrire un’opportunità di diventare cittadini di un altro paese se quello in cui vivono non gli soddisfa.

 Qualcosa come una protesta sociale?

Penso sia piuttosto un processo naturale, la gente non ne può più di pagare tasse elevate e seguire norme e regolamenti rigidi.

– Ci sarà un esercito a Liberland?

No, di recente sono stato in Costa Rica e neanche li c’è un esercito. Ci sono un sacco di paesi senza un esercito, perché non farlo anche noi?

Si può ottenere un’opportunità per costruire qualcosa sul territorio di Liberland?

Il Direttore esecutivo di studio e architettura Zaha Hadid ha indetto un concorso per la città, che ha richiesto circa 70 imprese architettoniche. Abbiamo scelto cinque finalisti e sono contento che il nostro inizio è abbastanza forte.

– Qual è il significato simbolico della bandiera di Liberland?

Giallo sta per libero mercato, il nero è uccello ribelle che va a guadagnarsi la libertà, l’albero invece simboleggia la prosperità e il sole e dice che noi siamo persone buone e felici.

Recent Posts
Showing 10 comments
  • Giorgio
    Rispondi

    ecco un altro paese dove poter riciclare i proventi del guadagno della vendita di droga, armi, esseri umani, materiali tossici, rifiuti pericolosi, merce rubata ecc. Evviva!

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Speriamo!

  • Evaristo
    Rispondi

    Una città fredda come un cancro, che ha conosciuto sempre e solo meste giunte sinistre per 40 anni, in cui i suicidi famosi si contano a caterve e un filosofo tedesco è riuscito ad impazzirvi.

    Ecco la città da dove digita Giorgio e ciò spiega molte cose.
    Non siate quindi troppo severi con lui, per sua fortuna questo sito gli fa da comunità terapeutica.

  • christian
    Rispondi

    Quindi dovremmo chiedere la parcella?
    Oppure lo facciamo come volontari per semplice carità cristiana?
    Ma soprattutto, un TROLL può guarire dalla sua patologia?
    Nei miei quasi 25 di “Internet” non ho contezza di alcun caso di guarigione di questo tipo.
    Al momento la scienza medica è impotente. Forse in futuro ci sarà una cura ed anche un vaccino. Per ora sembra che esista un solo antico rimedio per questa gente: mandarli a zappare la terra. Purtroppo non ci sono conferme dell’efficacia di un simile rimedio in quanto il malato viene allontanato per sempre da Internet e non se ne può constatare la guarigione.

    • Evaristo
      Rispondi

      La seconda che hai detto. :-)

      In certo firmitas, in dubio libertas, in omnia caritas.

  • Giorgio
    Rispondi

    perché secondo voi questo paese dei balocchi non sarebbe tale per chi ha soldi da riciclare? un po’ di realismo non guasterebbe…

    • jimmy
      Rispondi

      Vattene insetto immondo

      • leonardofaccoeditore
        Rispondi

        ‘Sta feccia immonda nazi-comunista è insopportabile

  • Giorgio
    Rispondi

    keep calm and evviva l’agenzia delle entrate! chissà che l’anno prossimo si riesca a debellare la piaga dell’evasione fiscale, vero flagello del nostro paese. l’evasione è omicidio.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    @Evaristo. Come hai scoperto dove il nostro profestroll digita? Dalla descrizione della città, immagino sia Torino e il filosofo tedesco Nietzsche. Ma forse sai anche chi è il digitatore.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search