In Economia

DI GIOVANNI BIRINDELLI

“Bitcoin [a differenza di cosa? del denaro fiat stampato dalle banche centrali? n.d.r.] non ha alcun valore intrinseco” (Stephen Poloz, governatore della banca centrale canadese).

Dato che il valore è solo soggettivo e non oggettivo, cioè dato che sta nelle persone e non nelle cose (o nelle non-cose), il concetto di “valore intrinseco” ha la stessa valenza scientifica del geocentrismo: zero.

Questa è più di una metafora. Come all’epoca della Rivoluzione Copernicana chi impersonava la scienza astronomica non capiva un cazzo di astronomia, così oggi chi impersona la scienza economica molto spesso non capisce un cazzo di teoria del valore, che della scienza economica è il punto di partenza.

A causa del fatto (generalmente non conosciuto, specie dagli addetti ai lavori) che la metodologia valida per scienze sociali è diversa da quella valida per le scienze naturali, questa situazione in cui la scienza è ufficialmente sostituita dallo scientismo (cioè dalla cialtroneria scientifica) durerà molto più a lungo di quanto, dopo Keplero, sia durato il geocentrismo (e continuerà a fare infinitamente più danni).

Tuttavia, il bello della scienza è che se ne frega dell’opinione della maggioranza e dell’autorità: la Terra girava attorno al Sole anche quando il 100% delle persone e tutte le autorità ‘scientifiche’ ritenevano che fosse l’inverso. E il bello di bitcoin è che, a differenza delle banche centrali, nasce anche sulla base della scienza economica, non dello scientismo.

Articoli recenti
Mostrati 9 commenti
  • Max
    Rispondi

    Belle parole, ma perchè gente come Buffet o Soros manco lo cagano il btc? Sarà perchè mancano i volumi? Andando a questioni pratiche: se sono un segaiolo brufoloso e metto 100 euro su btc sul primo exchange che trovo no problem (posso perdere tutto e posso ritrovarmene 100.000); ma se sono un investitore di peso e voglio mettere su btc 100 milioni di euro, dove caxxo vado a sbattere la testa? Su un exchange di merda che non so manco se domani lo ritrovo online? Immaginiamo comprare o liquidare 100 milioni di euro in btc: le montagne russe odierne sembrerebbero dune. Se si aborre la regolamentazione, si dovrà puntare almeno su una certa sicurezza di siti e su una garanzia di volumi o la quotazione del btc rimarrà sempre talmente ballerina da riflettere la sua vera debolezza intrinseca che non la renderà mai una vera moneta.

  • Pedante
    Rispondi

    [permette]

  • Bobcar
    Rispondi

    il Bitcoin a differenza del denaro stampato dalle banche centrali non ha alcun valore intrinseco, e’ verissimo. Confermo. Il valore di una moneta e’ data dato dallo Stato che garantisce la domanda (e dunque, entro una certa misura, il valore) della stessa attraverso le tasse. Al momento, non mi risulta che con il bitcoin si possano pagare le tasse in alcun Paese.

    • Fabrizio Fv
      Rispondi

      “Il valore di una moneta e’ data dato dallo Stato che garantisce la domanda”
      “Al momento, non mi risulta che con il bitcoin si possano pagare le tasse in alcun Paese.”

      Forse è proprio per quello che gli stati fanno di tutto per eliminarlo.

      ————————————————————————————
      “La nostra formula è questa: tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato……..”
      Benito Mussolini – Discorso pronunciato ai cittadini milanesi il 28 ottobre 1925.
      ————————————————————————————

      Sembra che il fascismo sia finito più di 70 anni fa, ma, purtroppo, a quanto pare, è ancora ben radicato nella testa di molta gente, che pensa che niente possa esistere senza il timbro di approvazione statale.

  • eridanio
    Rispondi

    Io non sono prepccupato di cosa pensi Buffet e Soros e quale valore dicano di attribuire a questo o a quello. Son tutti preoccupati del male che può fare quest’astrazione informatica senza considerare che questo mezzo di scambio fiduciario rende possibile ciò che prima non era. È una opzione nata e prosperata fino ad oggi proprio perché qualcuno ci ha visto del potenziale, magari senza capire molto, ma per guidare un auto non serve conoscere l’impianto di iniezione. È prosperata soprattutto grazie alla ignoranza più profonda della sua esistenza. Le istituzioni cominciano adesso a balbettare stupidaggini, purtroppo l’Italia è sempre all’avanguardia nelle norme di repressione e sta tara ci rovina materialmente tanto. Uno stato più cialtrone e fallito è e più tende a proteggersi dalle verità.
    Ecco allora i provvedimenti in via di gestazione.
    Concedono 16 giorni di consultazione su ciò che è già stato praticamente deciso, che buoni…. che metodo partecipativo…. che prassi corretta civile e ….paracula
    Nessuno capisce molto… è inutile sprecare tempo … e poi dobbiamo RRREGOLAMENTARE!
    Vediamo chi assume il costo di informarsi e presentare suggerimenti pertinenti, utili, ed innovativi a favore del controllo o meno.

    Quello che viene proposto è l’autodenuncia non solo per chi fa servizi con crittomonete, ma anche chi le accetta e le scambia ordinariamente e privatamente.
    I portatori di crittomonete dovranno portare cucito sul vestito e sul cappotto una lettera “C” gialla ben evidente.
    Tanto per cominciare.
    L’ironia è pesante ma non mi scuso perchè non c’è nulla di diverso dalla logica alla base di atti tristi mai confinati del tutto nel passato dagli stati.

    Scaricate gente; scaricate il decretino

    http://www.dt.tesoro.it/it/consultazioni_pubbliche/prestatori_virtuale.html

    I cittadini degli stati che regoleranno meno saranno i più avvantaggiati.

  • firmato winston diaz
    Rispondi

    “la Terra girava attorno al Sole anche quando il 100% delle persone e tutte le autorità ‘scientifiche’ ritenevano che fosse l’inverso. ”

    In realta’ i moti sono relativi, la faccenda e’ un po’ piu’ complicata.
    Di certo c’e’ solo che tutti vogliono avere ragione, poveracci.

  • christian
    Rispondi

    Boca, sei sicuro? Mi confermi che hai aperto un Bitcoin e dentro era vuoto
    Sul “valore intrinseco” già è stato indicato nel post. Oltre questo, il valore della moneta come mezzo di scambio è dato dalla fiducia delle persone che lo utilizzano. Se lo stato sparisse da un giorno all’altro, tolto l’iniziale panico, il valore della moneta non si azzererebbe ma continuerebbe a circolare (sicuramente svalutata) proprio grazie a questa fiducia (fiducia che con quella moneta si possa continuare ad ottenere in cambio mezzi e servizi). Con il tempo certamente, senza il monopolio della violenza dello stato, questa moneta verrebbe sostituita da altre più efficienti.
    Tra le tante cose che non ti risultano è che in una città della Svizzera si possono pagare le tasse in Bitcoin e che dal 1 aprile 2017 il Giappone riconosce il Bitcoin come valuta e metodo di pagamento legale.

    Infine il fatto che tutti vogliano avere ragione non significa che nessuno ce l’abbia. Il mondo è andato avanti grazie a persone che erano convinte di avere ragione ed hanno difeso questa convinzione nonostante la “ragione comune”. Il problema non è quando tutti vogliono avere ragione ma quando qualcuno tenta di affermare la propria ragione con la violenza, e questo qualcuno di certo non un libertario (nonostante qualcun altro ritenga dover affermare il contrario). La faccenda forse non è così tanto complicata.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Il sempre misurato Birindelii questa volta si è concesso un paio di licenze linguistiche. Volgarità a parte ha pienamente ragione, su tutti i fronti. E se “vuole” avere ragione ne ha tutto il diritto. Semplicemente perché afferma la verità, così come la affermava Galileo. Sia quest’ultimo che i cardinali volevano avere ragione; ma chi ce l’aveva veramente? Se uno getta rifiuti nella mia proprietà, la mia lamentela è un voler avere ragione a tutti i costi o è un semplice esercizio del mio diritto? E’ vera la relatività dei moti ma Birindelli, nella sintesi, ha posto la questione fondamentale e cioè che comunque il sistema non è geocentrico. Einstein è arrivato dopo Copernico e nessuno mette in dubbio le ragioni di Einstein. La scienza va avanti, le teorie di Newton erano incomplete e un giorno risulteranno tali anche quelle odierne ma nessuno mette in dubbio l’esistenza della forza di gravità. Il “guaio” è che Birindelli ha ragione non perché voglia averla ma perché afferma la verità. Ed è verità quella relativa alla diversità metodologica tra scienze naturali e scienze sociali. Ed è verità che il valore intrinseco delle monete statali abbia uno spessore scientifico pari a zero (anzi, secondo me qui Birindelli sbaglia: è inferiore allo zero assoluto in quanto privo di vitalità teorica). Così come è vero che la competenza in economia degli autoreferenziali e autoproclamati rappresentanti della scienza economica sia pari a quella in fisica astronomica degli avversari di Galileo. E se non sono incompetenti sono in malafede. Uno scrittore albanese, Ismail Kadare, sostiene che il comunismo sia una patologia e che Marx fosse un cretino. E’ ora di dirlo anche per l’interventismo mercantilista e per Keynes. Senza timori di apparire come chi voglia avere a tutti i costi ragione. Le verità di Birindelli saranno oggetto di critiche dei trollatori e dei frullatori che infestano questo sito. Uno di loro, in merito al primo acquisto di un’abitazione in criptomoneta avvenuto a Torino, ha scritto di non poter credere che celebri autori “siano stati così sciocchi da validare l’equazione denaro = merce”. Si parlava di Say, Menger, Schumpeter, Walras, Mises, Hayek, Rothbard, Rockwell, Cubeddu, Salin, De Soto… E lui, che sciocco lo è veramente a credere il contrario come erano sciocchi i timorosi degli untori, tratta da potenziali sciocchi i grandi pensatori solo perché affermano la verità. E finisce per avere involontariamente ragione su un unico punto: “non può credere”: Anche perché non vuole credere. Ma soprattutto NON DEVE credere perché l’analfabeta DEVE rimanere tale, pena la sua scomparsa fisica causata da depressione acuta il giorno che scopre l’inuitlità della sua vita. E’ un altro che vuole avere ragione senza un minimo di competenza su ogni cosa, come i cardinali con Galileo. E come gli pseudoeconomisti di oggi. Birindelli ha detto la verità; pertanto, secondo simili “personaggi” senza pirandelliano autore, andrà considerato sciocco anche lui. E la causa è ancora una volta la scuola di stato che sforna a ripetizione “persone” simili al citato trollista per vocazione. E’ in quei maledetti luoghi che i “docenti di economia e diritto”, già nel biennio del liceo, “insegnano” la presunta validità scientifica del valore intrinseco della moneta. Chiudiamo le scuole, scriveva Giovanni Papini (chi era costui, vero Trollioti? Osiia, troll – gloditi idioti?). Chiudiamo gli stati, occorrerebbe scrivere parafrasandolo. Così potremo offrire l’occasione a qualche saccente di dire “non posso credere che siate così sciocchi da scriverlo veramente”.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca