In Economia

DI GIOVANNI BIRINDELLI

“Nel mercato nero di Bogotà (Colombia) le figurine di contrabbando sono l’unica moneta di chi scappa dal Venezuela”.

Non credo che in Italia si arriverà a questo livello in un futuro prevedibile, nemmeno dopo la scissione dell’euro (secondo me inevitabile prima o poi).

Tuttavia, prima di arrivare alle figurine, ce ne è di strada da continuare a percorrere sulla via dell’inflazione: una via non solo senza ostacoli (perché la stragrande maggioranza delle persone non capisce i danni dell’inflazione fino a poco prima delle figurine) ma con un forte vento a favore: totalitarismo (nella fattispecie democratico), stati, banche centrali, media mainstream, la gran parte delle università di economia, e altre onoratissime e privilegiatissime istituzioni.

Per fortuna c’è bitcoin, la via di uscita di mercato 2.0 (non censurabile). Non molte persone, ancora oggi, la conoscono e la capiscono: si tratta delle persone che probabilmente trarranno i maggiori vantaggi dall’ennesimo, prevedibile collasso economico prodotto dalla droga inflazionistica.

Articoli recenti
Mostrati 2 commenti
  • Albert Nextein
    Rispondi

    Parole sante.

  • vetrioloblog
    Rispondi

    Anche le persone sane di mente, vivendo a lungo in manicomio, prima o poi finiscono col credere che sia normale che una persona sostenga di essere Napoleone o che un banchiere pensi che la massa gigantesca di danaro che sta invadendo il pianeta non sia carta straccia

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca