In Anti & Politica, Varie

DI REDAZIONE

Giovedì scorso, Leonardo Facco ha partecipato a CANALE ITALIA al programma di Gianluca Versace.

Ad un certo punto tale Florian Abrahamowicz inizia ad inneggiare a Hugo Chavez…

e l’ex amministratore delegato del Movimento Libertario non le manda a dire.

 

Articoli recenti
Mostrati 17 commenti
  • eridanio
    Rispondi

    Ha ha ha …Se non ci fosse da piangere, ma sto servo dell’Anticristo da che bolgia dantesca è stato evocato. Non ho mai sentito tanto male ed odio sporcare una tonaca da dentro.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      un fuori di testa assoluto

  • Giovanopoulos
    Rispondi

    Questo signore intonacato, è la prova vivente dell’esistenza di Dio.
    Che ci siano ancora dei Fedeli con un Clero del genere, è spiegabile solo col fatto che Dio esiste veramente.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      ahahahaha

  • GIG
    Rispondi

    son 2000 anni che fottono la gente con le loro cazzate.
    ahhahhaahahhaahahahaahhhaahhhaaa
    la dittatura è meglio dell’anarchia ..ahhhhahhaahhhahhaaa
    ambulanza !!!!!!!!!!!!!!

  • Enzo Falo
    Rispondi

    Un prete pagliaccio. Poveretto, con il suo capo Francesco che e’ un communista stanno facendo una figura di vigliacchi su questa Terra .

  • Ranieri Cossettini
    Rispondi

    Una persona che non lascia esporre le ragioni e i fatti ed essa si sovrappone alla controparte interrompendolo con insulti, con parolacce squallide neppure degne in una osteria si è già squalificato da se stesso. Bisognava prima capire bene perché la politica di Hugo Chavez era interessante e poi controbattere. Questi signori hanno capito che il nostro debito è un colossale furto che da oltre trecento anni impoverisce le Nazioni e arricchisce chi ha fatto due guerre mondiali e alimenta la 3° ed ultima guerra mondiale con i nostri sodi furbescamente RUBATI? No non l’hanno capito, lo dicono le loro insulse e maleducate risposte. Capisco perché DIO ci ha abbandonato al potere, di un pugno di uomini, umanamente invincibili, in preda al loro desiderio di potere universale, essi sono gli amici di Satana e i nostri nemici dichiarati.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Guardi, sarebbe vero se ciò che dice riguardasse lei, che forse non capisce niente di Chavez e Venezuela. Ma il sottoscritto, che denuncia quel regime criminale dal 2004, che ci ha vissuto 30 anni, che ha ancora amici che soffrono la fame là, che ancora cerca di tenere aperta un’attività a Caracas, beh… è già andata bene con non lo ho preso a calci n culo, quel NAZI-COMUNISTI DI PRETE DEL CAZZO.
      Quando dio ha distribuito i cervelli, lei era assente!

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Questo prete è inqualificabile.
    Un altro che è nato dal buco del culo.

  • Fabio
    Rispondi

    Secondo me bisogna tenere presente un aspetto, in generale più lampante in campo economico ed il prete non è diverso dagli altri.

    Mi spiego: tutti quelli che aprono un’attività tifano per la libera concorrenza, perché sono loro stesi a volerla fare. Però quando ormai si sono fatti il mazzo affermandosi nella rispettiva nicchia, non tollerano l’arrivo di concorrenti che “rubano” i clienti
    lo vedo coi sindacati dei lavoratori, che chiedono più concorrenza tra imprenditori (che porta a più posti e migliori salari) ma la rifiutano dalla parte propria.
    I sindacati degli imprenditori (tutti, dai taxi ai supermercati alle farmacie, ecc..) si oppongono ad ogni liberalizzazione ed apertura dei propri rispettivi settori ma chiedono maggiore flessibilità nei contratti applicabili ai lavoratori.

    E le chiese fanno lo stesso: quando si debbono ancora affermare e sgomitano per farsi notare ecco che mostrano il volto buono e tollerante, e chiedono siano rispettate tutte le forme di credenza, e che siamo tutti fratelli, e che dobbiamo fare ponti e non muri, e che le braccia aperte…
    Poi più sono sicuri del proprio potere e meno tollerano la libertà altrui.
    Capisco bene perché, a fronte di una persona che rivendichi l’assoluta libertà di coscienza che scardina ogni presa e pretesa morale sulle persone, ‘sto prete del cavolo benedica addirittura la dittatura -che lui vede come estrema ed ultima difesa contro l’estrema evenienza che sarebbe la perdita del potere dell’impero della chiesa sui sudditi credenti.

  • Ranieri Cossettini
    Rispondi

    La risposta che Lei mi da Signor Leonardo Facco è solo un po’ meno volgare di quella fatta in televisione, si nota bene che ancora una volta Lei non risponde a quanto esposto nel mio commento, non prende in considerazione la vera causa e i veri colpevoli dei mali generati nel mondo e non solo nel Venezuela ma in tutto il pianeta. Lei Signor Fabio fa, a riguardo di chiese e preti, delle considerazioni giuste, ma conosce quello che è successo negli ultimi 60 anni nella Chiesa che fu Cattolica, Apostolica, Romana e non lo è più? Le considerazioni sono giuste, le conclusioni possiamo farle dopo aver trovato le giuste cause di tutti i mali materiali e spirituali che affliggono questo povero pianeta avviato alla terza guerra mondiale preventivata da Pike e da Mazzini. Fossi in voi prenderei anche conoscenza del Terzo Segreto di Fatima che Roma con la complicità dei poteri forti ha cercato di smantellare.

    • eridanio
      Rispondi

      Sinceramente non penso lei abbia tutte le rotelle in zucca.
      Forse un po’ di letture buone ed un settennato di esercizi spirituali sarebbero propizi a ritrasformare la transustanzazione del pane e del vino che pretende invocare ogni giorno in una nuova epifania di amore umile e succube. Lei fa della ragione quel che non è consigliato fare. Libero di farlo, ma non può impedire, con ragioni pseudoetiche ed in fondo inevitabilmente con precisi fini utilitaristici, di limitare il grido e la reazione di chi soffre. Se vuole accelerare la riconversione prenda un biglietto d’aereo per Caracas. Vada a portare conforto ed il Vangelo a chi muore per mancanza di mezzi, ma mi raccomando i Testi li legga solo e non provi a commentarli. Vedrà che le l’Anticristo si arrenderà alla Fede. Coraggio fratello. Se il suo confessore non sapesse che pesci pigliare con le letture adatte gli dica di rivolgesi al mentore della Libreria del Ponte di Bologna per un percorso di completamento. Sia lodato Gesù Cristo.

  • Ranieri Cossettini
    Rispondi

    Finiamola pure qui. Tra sordi non ci si può intendere e ancora meno insultandoci. Mi ero fatto una idea sbagliata chiedo scusa tolgo il disturbo.

  • Pedante
    Rispondi

    Chavez era un abilissimo manipolatore delle tensioni razziali del paese.

    http://runrun.es/opinion/324093/el-chavismo-es-racista-pero-no-lo-sabe-por-isaac-nahon-serfaty.html

    (Lo sa eccome).

    • Pedante
      Rispondi

      La stessa dinamica si vede nel caso della rivoluzione cubana. I bianchi – maggiormente colpiti dal ridistrubuzione della ricchezza – fuggirono a Miama e il paese diventò più nero.

  • Dino Sgura
    Rispondi

    Mi scusi sig. Facco, ma qual’è la posizione ufficiale della chiesa cattolica sul Venezuela?
    Chiaramente lei per questioni personali, è un conoscitore non solo della lingua spagnola ma anche di tutta la situazione, ci parli di più per piacere in merito perché è veramente interessante ascoltarla, purtroppo si fanno sempre più largo tutti questi complottardi fasciocomunisti “dell’assedio internazionale” su un paese ridotto alla fame da un ducetto chiacchierone e tutta la sua cricca. Mi ricordo quando Minà, gli dedicò un documentario….
    In ogni caso mi capita spesso di vedere video dell’Istituto Juan De Mariana su YouTube, sul Venezuela e non solo, purtroppo lo con lo spagnolo vado solo a “recchia”, non lo conosco praticamente, ma noto con piacere che in Spagna c’è un certo fermento libertario, può confermarmelo?

  • vetrioloblog
    Rispondi

    “Date a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio” evidentemente si è imbastardito in “Date a Chavez quello che è di Chavez…”. Come dire “Date ad Erode quello che è di Erode…

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca