In Anti & Politica

DI REDAZIONE

CLAUDIO GATTI, ha confermato la sua presenza all’appuntamento su Radio AnCap per venerdì prossimo, 19 Luglio, ore 18.00.

LEONARDO FACCO LO INTERVISTERA’ IN DIRETTA, e aprirà i microfoni agli ascoltatori,

IL LIBRO: Chiedersi se Matteo Salvini sia fascista non è solo un esercizio inutile, è un grave errore. Perché vuol dire cercare quello che non c’è. Il fascismo è finito con Mussolini. Quella che non si è mai spenta è la fiamma culturale e ideologica che lo ha alimentato. Grazie al racconto di una gola profonda e ad altre testimonianze esclusive, l’autore rivela l’identità e la storia dei principali protagonisti di una macchinazione senza precedenti. A condurla è stato un manipolo di persone che, dopo aver metabolizzato fascismo e nazismo, con una strategia classificabile come postnazista ha saputo trarre vantaggio da debolezze e difetti della democrazia liberale per egemonizzare il dibattito culturale e prendere il controllo di quello politico. Un progetto di restaurazione del vecchio pensiero reazionario a vocazione autoritaria e plebiscitaria, dissimulato però come una formula nuova che supera i vecchi schemi politici attraverso un veicolo diverso da tutti gli altri: la Lega Nord.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

CLAUDIO GATTI: risiede negli Stati Uniti dal 1978. Oggi è inviato speciale de Il Sole 24 Ore e collabora con il New York Times, l’International Herald Tribune e il Philadelphia Inquirer. Ha scritto per testate italiane e straniere, dal Corriere della Sera al Financial Times, ed è stato corrispondente de L’Europeo, vicedirettore de Il Mondo e direttore del supplemento Italy Daily.

Nel 2005 vince il premio giornalistico Premiolino. Nel 2005, dalle colonne de Il Sole 24 Ore e del Financial Times, è stato il primo giornalista al mondo a denunciare lo scandalo Oil for Food. Nel 2007, prima dello scoppio della crisi finanziaria, ha lanciato l’allarme sui rischi dei derivati e nel 2009 ha denunciato che la banca americana JP Morgan Chase era coinvolta nella truffa da 50 miliardi di dollari perpetrata da Bernard Madoff. Nell’aprile del 2011 ha rivelato che l’allora presidente di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini si era accordato con due faccendieri per fare affari a spese di società del gruppo da lui stesso amministrato. Con Roger Cohen del New York Times ha scritto In the Eye of the Storm (Farrar, Straus and Giroux, 1991), scelto dal celebre quotidiano tra i “libri dell’anno” del 1991.

Scarica DISCORD e clicca su questo link invito https://discord.gg/wkfAK4A

Articoli recenti

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca