In Libertarismo, Varie
Recent Posts
Showing 13 comments
  • Malgaponte
    Rispondi

    Giuste indicazioni quelle date dall’Avvocato, vorrei aggiungere,però, che non indossare la mascherina ci impone a sguardi di riprovazione e, a volte, commenti e offese da parte delle persone che si incontrano, cosa che può non fare piacere. Ormai gran parte del popolo italiano, terrorizzato dsi mass media, dai vari DPCM che si susseguono e dalla possibilità di multe salate mi sembra che possa avere assunto qualche somiglianza a delle scimmie ammaestrate. Sono estremamente sicuro che il vero virus in Italia e in Europa sia quello politico che sta cercando di instaurare una forma moderna di dittatura.

    • MICHELE
      Rispondi

      Quando c’era il lockdown ho avuto parecchie occasioni di questo tipo. Mentre camminavo facendomi gli affari miei e c’era un altro sulla stessa strada è uscita una vecchia sul balcone urlando imprecazioni contro noi due passanti. Quando andavo a correre in una stradina di campagna affinché non avessi problemi con le forze dell’ordine la gente usciva di casa per vedere chi mai si azzardasse a correre e una volta mi hanno puntato addosso la luce con una torcia.Al supermercato non ne parliamo lidl, coop e conad sempre a litigare una volta perchè sei a 87 cm di distanza anzi che 1 metro, l’altra perché hai dato i soldi direttamente in mano alla cassiera e non nella ciotola un’altra ancora perchè sei andato ad imbustare prima che l’altro cliente se ne fosse andato.Non ci scordiamo mai che siamo a mezzo cromosoma di distanza dallo scimpanzé e gli ammaestratori lo sanno.

  • Loredana
    Rispondi

    Concordo con i 2 commentatori che mi hanno preceduta: avete provato a prendere la metropolitana? La gente ti guarda terrorizzata e ti rimprovera anche solo per un piccolo abbassamento della mascherina sotto al naso per respirare! Io vengo rimproverata in continuazione. E nei supermercati durante il lock-down, le commesse erano diventate isteriche a forza di urlare “state a casa”, “state a casa”……..non rendendosi conto di quanto fossero fortunate ad avere un lavoro e a non averlo perso; la fortuna loro erano proprio le persone che andavano a fare la spesa e non se ne rendevano conto. Il problema è che la maggiorparte degli italiani è felice così, chiusi in casa con le famiglie.
    Quanti sono quelli che seguono questo Blog? La minoranza. E quanti conoscono a memoria i numeri dei contagi giormalieri? La maggioranza. Già questa considerazione dice molto.

  • Fabio
    Rispondi

    e quei dementi che mettono sullo stato il disegno col tizio che indossa la mascherina col sottotitolo “Se per voi la mascherina è un problema, avete uno strano concetto di libertà” ?

    Ma se è da febbraio che sfragnano i zibidei con arresti domiciliari, caccia ai runner, distanze, limitazione d’affluenza, code sotto il sole, chiusura delle aziende, posti di blocco coi mitra spianati, multe, droni, militarizzazione di interi quartieri, ed ancora non gli basta!
    Nonostante non si muoia più, e quando accadeva era per le cure sbagliate imposte da loro, non gli basta e non basterà mai.

    E’ brutto confessare di sperare di veder scorrere un po’ del loro sangue? Di vederli pagare di persona per il male e gli errori fatti?

  • Nicola Rossini
    Rispondi

    Fabio, a quelli che pubblicano vignette del tipo “e mettetevi sta mascherina e non rompete le palle!”, dovremmo rispondere creandone una identica che recita “e bevete sto olio di ricino e non rompete le palle!”, poi un’altra con “e mettetevi sta stella gialla”, “sto numeretto sulla pelle”, etc.
    Sulla questione della riprovazione sociale, noi libertari l’abbiamo comunque. Ora è solamente più visibile, ma siamo intellettualmente di un’altra “specie”. Per quanto sia brutto da dire, non credo che mi verranno le lacrime nel vedere i covidioti soffrire per le loro scelte di vita folli.
    Chiudo raccontandovi anche io un piccolo episodio risalente ai primi di marzo. Ero con mio figlio, all’epoca non ancora 5enne, all’eurospin di Iglesias (la mia cittadina natale, in cui mi trovavo in quei giorni). Nonostante l’obbligo delle mascherine al chiuso non fosse esteso agli under 6 (esentati come adesso), la guardia giurata è venuta 5 volte a dirmi di sistemarla sul muso di mio figlio, su segnalazione degli altri clienti. Alla cassa, una cassiera mi ha urlato contro dicendomi che dovevo mettergliela e basta, che era la legge. Al mio spiegarle che sotto i 6 anni non era così, mi rispose che allora avrei dovuto lasciare a casa mio figlio. E io “lascio un bambino di 5 anni a casa da solo? È questa la brillante soluzione?”. Inutile dire che non ho più messo piede in quel supermercato. Rimane però l’amara consapevolezza di vivere in un mondo di lobotomizzati, di persone che urlano contro i non allineati, come nel film “L’invasione degli ultracorpi”

    • Fabio
      Rispondi

      Concordo totalmente. Quando stamattina mia moglie mi ha mostrato nauseata quel fumetto sullo ‘stato’ di un paio di persone di ns conoscenza, il mio commento è stato proprio quello sulle stelle gialle: Invece la loro concezione di libertà è meglio?? come se andassero dicendo “mettetevela sta stella gialla, che sarà mai”… possibile siano così imbecilli?
      …. SI, è possibile :(
      ed il guaio è che sti dementi sono gli utili idioti indottrinati a dovere dal governo, che poi questo usa contro il resto della popolazione.
      _
      Ricordiamoci che in una classe ordinaria, la scolaresca non è tutta inetta o tutta eccelsa. Uno o due saranno da 10 o 9, alcuni buoni da 8 e 7, la maggioranza arriverà al 6 o peggio.
      La maggioranza quindi è mediocrità.
      Ma hanno diritto di voto. E ciò comporta che la maggioranza degli elettori saranno nella migliore delle ipotesi mediocri. E chi eleggeranno?
      Ma il problema non è chi eleggeranno, quanto è intelligente o criminale, ma quello e quanto possono fare in base al potere che gli viene dato.
      Sono d’accordo con chi dice che bisognerebbe avere un sistema di governo che neanche il peggior criminale potrebbe riuscire ad usare per diventare un novello ducetto e fare del male al proprio popolo o a qualsiasi altro.
      E’ evidente che in italia il combinato costituzione/sistema politico ha fallito in pieno se parliamo degli interessi del popolo. Se invece parliamo dei desideri della Casta (forze armate, ministeriali, sanguisughe varie, ecc…), allora non posso che riconoscere che hanno vinto al 100%.

  • Andrea
    Rispondi

    dove lo trovo l’avvocato ?? quale il suo sito ??

    • Tom
      Rispondi

      Speriamo che i Covidioti siano coerentemente i primi a mettersi in fila per il santo vaccino.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Lo strano concetto di libertà ce l’hanno quelli che comunque vogliono obbligare gli altri a scegliere ciò che scelgono loro. Se ritengono che mascherarsi comporti la protezione dal virus (idiozia lapalissiana perché le nanoparticelle passano comunque), che si mascherino. Cosa importa loro degli altri? Come fanno gli altri a contagiarli se loro sono protetti? Stessa cosa per le terapie, farmacologiche o vaccinali che siano. Il loro problema è il talebanismo ormai unico a non essere mascherato. Sognavano il burqa agli italiani durante la moda filoislamica. Adesso sono riusciti a metterglielo e opportunisti come sono, quando passerà anche questa moda rigorista diranno: “l’avevo detto io che non bisognava preoccuparsi”. Mentre i loro capi affermeranno di aver vinto la battaglia grazie al confinamento come i sacerdoti Maya dicevano di aver vinto l’eclissi solare con i sacrifici umani. Non pagheranno mai di persona, anche perché l’opposizione politica di fatto non c’è.

    • Dino Sgura
      Rispondi

      Cmqe i sacerdoti Maya fecero brutta fine e con loro appresso tutto il popolo….

  • Tom
    Rispondi

    Perche’ non provare a mettere su un’azione legale con i controcaxxi come stanno facendo in Germania:
    https://www.paulcraigroberts.org/2020/10/15/here-is-the-text-version-of-the-video-describing-the-lawsuit-against-the-covid-lockdowns/

  • Matteo Pellizzoni
    Rispondi

    Mi scuso per l’intromissione. Anche se si tratta di una iniziativa mirata (chiaramente il problema è più complesso) sottopongo alla vostra attenzione questa petizione, relativa all’obbligo di tampone per la riammissione a scuola dei bambini.

    http://chng.it/Hw65HqLj

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      GRAZIE, leggeremo

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search