In Anti & Politica
MOTIVI SCIENTIFICI
1) Non ferma né attenua il contagio;
2) SE anche ha una protezione sulla malattia, questa svanisce dopo 4 mesi;
3) Sono vaccini contro un virus del 2019, contro la Omicron sono inefficaci e lo dicono pure loro
4) Sono farmaci soggetti a prescrizione medica, che però vanno assunti SENZA prescrizione e CON PIENA ASSUNZIONE di responsabilità da parte del paziente/cavia;
5) Miocarditi o infarti fulminanti, che PRIMA non facevano parte degli effetti collaterali, ADESSO ne fanno parte, anche se per adesso sono ancora catalogati come “rarissimi”. Ma l’ ASCIENZA si sa, è in continua evoluzione, come ha detto Draghi. E quindi tra tre mesi, magari da “rarissimo” diventa “frequente”;
6) L’unico studio sulla genotossicità / cancerogenicità è di ModeRNA e dice che si, sono vagamente cancerogeni, ma che ti frega, mica devi farne uno ogni sei mesi.. O si?
7) In virtà del punto 2, bisognerebbe vaccinarsi tre volte l’anno, ma adesso l’EMA ha riscoperto l’acqua calda e afferma che vaccini “troppo ravvicinati” possono indurre a VAIDS;
8) La procedura a mRNA è sicuramente affascinante, ma MOLTO rischiosa. Riprogrammare il funzionamento cellulare può portare danni enormi, se non lo si fa perfettamente. La proteina SPIKE che invece di stare dove dovrebbe, se ne va a spasso per tutti gli organi, ne è un esempio;
9) Nella mia cerchia continuo a contare un solo morto di covid (e ci sarebbe da aprire un capitolo a parte) contro almeno 6 storpiati da siero;
10) Sono uno sportivo italiano classico. Accendo la TV e guardo gli altri fare sport. E quest’anno cascano come birilli. Un motivo ci sarà, e non credo sia Saturno in Trigono con Urano;
11) Se mio padre, medico in pensione, ha indovinato le cure precoci già ad Aprile 2020, direi che questo virus non è sta grande novità.
MOTIVI ETICI
1) Dal momento in cui è stata creata l’infame tessera verde, vaccinarsi equivale ad accettare il ricatto di dover ottenere l’autorizzazione governativa per poter vivere una vita normale. E’ LA VIA PER LA SCHIAVITU’. Quand’anche fossi certo della validità di questi vaccini, la sola imposizione degli stessi come prerequisito per vivere, mi spingerebbe a NON FARLO. Bisogna infatti cercare di lasciare ai posteri un mondo migliore di quello in cui si è vissuti. Non trasformarlo in una fogna.
2) Il corpo è mio. Non dello Stato Italiano. Cosa mi inietto sono fatti miei. Con cosa mi curo, anche. Analogamente al punto precedente, avallare una simile oscenità, significa avallare che il tuo corpo appartenga allo Stato, e come tale, che lo Stato abbia il diritto di dismetterlo qualora non gli interessasse più o gli fosse di intralcio.
Anche qui, decisione obbligata. Bisogna lasciare ai poveri un mondo migliore di quello in cui si è vissuti,
E non si ottiene tutto ciò regalando il corpo allo Stato.
MOTIVI LOGICI
1) Qualunque affermazione della “scienza ufficiale” è stata smentita dieci quindici volte dai fatti. E’ ovvio che non abbia credibilità in questo caso.
2) Se devi obbligare milioni di persone a fare una cosa, è veramente impossibile credere che quella cosa sia a favore di tali persone. Viceversa è plausibile che quella cosa sia a favore di chi impone l’obbligo;
3) Hai finanziato TV e Giornali per fare propaganda;
4) Se fosse una questione sanitaria, non avresti sospeso o radiato 35.000 tra sanitari e medici;
5) Se fosse una questione sanitaria, avresti aperto nuove terapie intensive invece di spendere oceani di soldi in bonus vaccinazione e propaganda televisiva;
6) Se fosse una questione sanitaria, non avresti approvato solo i vaccini occidentali, ma avresti permesso la vaccinazione anche con Sinovac e Sputnik.
Recent Posts
Showing 5 comments
  • Duca Conte Piermatteo Barambani
    Rispondi

    Queste sono tuttw motivazioni recenti che potrebbero essere le mie, ma da queste parti l’antivaccinismo è nato ben prima, a scatola chiusa e per partito peso, diciamo per Bastiat-contrarismo militante.
    .
    Se Los Gobiernativos avessero puntato sulle cure alternative e niente vaccini (assurdo, qualunque fesso sa che prevenire è meglio che curare) eravate ad innalzare lai al cielo contro i vili cani di stato che ci negavano e nascondevano i benefici dei vaccini che le care strutture del sempre beneamato e munifico zio Sam ci mettevano a disposizione.
    .
    Ormai vi conosco bene.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Non è così, nessuno di noi è contro il vaccino per partito preso. Se si dovesse andare in alcune zone dell’Africa, il vaccino antiebola avrebbe sicuramente più benefici che rischi ma è passato per anni attraverso tutte le fasi sperimentali. Stesso discorso per la poliomielite, la difterite o il vaiolo. La prevenzione non è composta solo da vaccini, ciò che si contesta è il vaccinismo come religione. Non si può escludere che un governo vieti la prevenzione per ragioni mercantilistiche a favore dei medicinali curativi; in quel caso sarebbe legittimo lamentarsi. Né la nostra posizione è favorevole a zio Sam dal momento che non sono certo mancate le critiche a Trump prima perché si è tenuto Fauci pur fingendo di contestarlo, a Biden ora che conferma Fauci senza nascondere di esaltarlo. Tutti e due, comunque, hanno violato la costituzione degli Stati Uniti per evidenza e per sentenza. Chi ci conosce bene dovrebbe sapere che siamo sempre stati per la libertà di cura, anche di tipo alternativo ma non solo di quel tipo. Alcune terapie alternative non ci convincono affatto, ci resta ad esempio difficile immaginare l’efficacia di un trattamento omeopatico contro la cataratta. Ma non ci si sogna certamente di impedire a un paziente di affidarsi a questo tipo di cura. Nulla è nato a scatola chiusa, le motivazioni scritte nell’articolo sono solo una coerente conseguenza di quanto precedentemente affermato in merito a chiusure, maschere, limitazioni, narrazioni e situazione epidemiologica reale comparata dai dati statistici degli anni precedenti. Dati forniti dalle stesse agenzie che gestiscono l’attuale situazione nella sanità e soprattutto nell’informazione asservita a interessi ormai più che evidenti. Bene, in ogni caso, che si condividano le motivazioni sia pure con una a mia avviso errata analisi temporale. Nessuno nega che ci siano i detrattori dei vaccini a ogni costo ma ciò è solo l’altro estremo del moloch che scolpisce i vaccini come un amuleto. O forse come un vitello d’oro.

  • Malgaponte
    Rispondi

    Non posso certo essere definito un no-vax: quando i miei figli erano piccoli andavo in Svizzera ad acquistare vaccini che in Italia erano introvabili, io stesso ho fatto, oltre a tutte le altre, la vaccinazione pneumococcica e quelle per recarmi in Africa. Sono altresi convinto che il Covid sia solo una meravigliosa scusa per uno stravolgimento della società (Great Reset) a favore di un pugno di miliardari affamati di potere. Non farò mai questo pseudo-vaccino sperimentale perche non sarò mai succube di una dittatura sanitaria preludio di una dittatura globale.

  • Pierre Joseph Proudhon
    Rispondi

    Oggi, che i dogmi dello scientismo sono divenuti un elemento caratterizzante dell’essere “di sinistra” e “progressista”, chiunque non vi aderisca è automaticamente collocato nella schiera della reazione, indipendentemente da quali siano le sue convinzioni e senza alcuna possibilità di far ascoltare la sua voce al di fuori di un contesto di contrapposizione frontale,

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search