In Anti & Politica, Economia

DI ETTORE MALPEZZI

I greci ci stavano quasi riuscendo e se non fosse stata per la perfida speculazione finanziaria globale a quest’ora potremmo finalmente brindare al più brillante successo di economia politica della storia della civiltà umana: il benessere per legge.

Entrati nell’area Euro il governanti greci avevano fatto delle leggi intelligenti che garantivano benessere a tutti.

A…i dipendenti pubblici veniva dato un buon (giusto) stipendio , chi non era riuscito a trovare un lavoro o ne aveva uno che non lo gratificava abbastanza poteva entrare (giustamente) nel pubblico impiego e quando uno cominciava ad essere un po’ stanco di lavorare andava (come è giusto) in pensione con una retribuzione che quasi eguagliava l’ultimo stipendio.

Naturalmente , a completare il quadro, c’erano anche i grandi investimenti in opere pubbliche e infrastrutture.

Il mondo guardava entusiasta a questo meraviglioso sviluppo economico; basta ricordare gli elogi ai tempi delle Olimpiadi di Atene , ai successi di immagine e anche a quelli sportivi (qui purtroppo saltò fuori qualche caso di doping, ma minore) .

La costernazione nel vedere fallito questo meraviglioso tentativo non impedisce tuttavia ai più attenti osservatori di scoprirne le cause cosicché , quando saranno rimosse, l’esperimento potrà essere ripetuto con la certezza del pieno successo.

Per la verità la causa principale si è fatta scoprire subito: la speculazione finanziaria internazionale.

Però i più attenti si sono accorti che anche la Merkel ci ha messo del suo (culo largo ma miopia politica ed economica) sostenendo che gli stipendi e le pensioni greche venivano pagati coi risparmi dei tedeschi, come poi potesse dire una bestialità del genere lo sa solo lei.

Comunque, scoperti i colpevoli, in Italia siamo pronti per ritentare l’esperimento anzi per continuarlo perché da noi questo esperimento (benessere per legge) va avanti da anni e il fallimento greco non è certo sufficiente a convincerci ad abbandonarlo, tanto le cause ormai sono chiare e quindi basta correggerle bloccando la speculazione finanziaria e mandando a “spendere” la Merkel, e già che ci siamo tutta l’Unione Europea.

Il pensiero progressista “più progressista”, tipo Vendola , CGIL & Co., ha anche perfezionato la ricetta e, oltre ai due rimedi visti, ha capito che la riforma finale che garantirà il pieno successo sarà un forte inasprimento fiscale e una bella patrimoniale che togliendo (giustamente) i soldi a chi li ha accumulati (ricchi e speculatori) li riutilizzi per il benessere di tutto il popolo.

In tempi così difficili tutto ciò ci solleva l’animo e ci fa sperare nel futuro!

P.S. Un esperimento di “ benessere per legge” era già stato descritto sullo scorcio del XIX secolo da un tale toscano di nome Collodi. L’esperimento fu tentato nel Paese dei Balocchi, e anche lì fu un mezzo disastro, ma probabilmente anche allora la speculazione internazionale …

 

Recent Posts
Showing 2 comments

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search