In Scienza e Tecnologia, Varie

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

PER DARE VOCE A QUEI GENITORI CHE NON VOGLIONO CHE LO STATO OBBLIGHI I FIGLI AD ESSERE VACCINATI

Alcuni giudici si sono tolti grosse soddisfazioni nella propria microscopica giurisdizione. Come per esempio in Italia dove l’obbligo di vaccinare non esiste praticamente piu’ a seguito di una trentina di delibere dei Tribunali dei Minori a favore di persone “informate”, anzi informatissime, che non volevano far vaccinare i proprio figli.

L’ultima sentenza viene dalla Puglia. La sentenza riconosce ai genitori, in presenza di una approfondita conoscenza delle tematiche vaccinali, la libertà di scelta.

Il precedente legale servira’ a tutti quei genitori in Puglia che ritengono di voler tutelare la salute dei propri piccoli evitando i vaccini con argomentazioni che non sono utili, anzi in qualche misura dannosi e non e’ provata l’efficacia.

La documentazione presentata al giudice minorile è il frutto di un lavoro meticoloso, durato settimane, di concerto con l’associazione del Comilva (www.comilva.it/forum) e la ferma volontà dei genitori a dimostrare la fondatezza delle loro convinzioni.

[yframe url=’https://www.youtube.com/watch?v=zyfKoNBrzAk’]

Recent Posts
Showing 35 comments
  • Borderline Keroro
    Rispondi

    All’inizio del 20° secolo si faceva la cresta sulle spese militari, con il welfare la cresta si fa sulle spese mediche.
    La sanità pubblica è un terreno di caccia incredibile per le lobby.
    E i cittadini comuni sono ancora lì a volere la sanità pubblica “perché il pubblico non persegue un profitto” (sentita anche questa, infatti gli ho risposto “eh gia, il pubblico persegue lo spreco e le perdite” ).

    • Roberto
      Rispondi

      La gente vuole ancora la sanità pubblica perchè sa che viene pagata con il denaro che lo stato gli estorce con le tasse. Con la sanità privata lo stato continuerebbe ad estorcere la stessa quantità di tasse per sprecarla in altri modi, e in più il cittadino per pagarsi le spese sanitarie dovrebbe sborsare altro denaro prendendolo da quello che gli rimane dopo le imposte.
      Che poi la sanità pubblica sia un regalo alle lobby e non funzioni mi pare ovvio…

  • Giorgio Fidenato
    Rispondi

    Nel 1980 incominciai l’università a Padova e in corso con me (a quel tempo facevo agraria) c’era un trentino che era figlio di un farmacista. Nel discutere del più e del meno, mi disse che la sua farmacia aveva notevolmente aumentato il volume d’affari quando dal 1978 era entrata in vigore la riforma sanitaria che prevedeva (a quel tempo) la gratuità di quasi tutti i farmaci. Quindi chi sostiene la sanità pubblica sono le farmacie e le lobby dei medicinali. Questi non vogliono la sanità privata, ma quella pubblica perché è più confacente ai loro interessi.
    Quanto detto nel servizio è vero, bisogna essere con gli occhi aperti e BISOGNA PRETENDERE LA SANITà PRIVATA, che si paghino meno tasse e che i medicinali vengano pagati personalmente. I prezzi si ridurrebbero di molto, anche di quelli salva vita.
    Quello che osservo invece in tutti i gruppi italiani che si battano contro le vaccinazioni obbligatorie, è che non emerge mi una critica al sistema di sanità pubblica, ma solo una protesta fine a se stessa; anzi questi pretendono la sanità pubblica anche per cure stravaganti, non dimostrate scientificamente. Vogliono ancora più stato, più sanità pubblica che li guidi paternalisticamente e non si accorgono che i prezzi dei medicinali è alto perché manca una vera domanda ed offerta perché tutto è ovattato nella sanità pubblica. Inoltre questi protestatari non parlano mai degli effetti favorevoli delle vaccinazioni che permettono a miliardi di persone di vivere bene senza subire le conseguenze devastanti delle malattie che tengono sotto controllo.
    In definitiva affinché questo genere di proteste sia credibili ai miei occhi, dovrebbero unire una serrata critica al sistema della sanità pubblica che impedisce al genitore di essere responsabile della salute del suo bambino, preferendo cullarsi nella paternalistica assistenza statale che è alla mercé delle lobbies che vogliono fare guadagni facili, senza alcuna fatica.
    Solo così facendo considererò queste proteste valide: in caso contrario le giudicherò come proteste fine a se stesse o alla ricerca di un mondo naturale che è ritenuto miopicamente meglio e più buono di quello che l’uomo sta cercando di migliorare!!!!

    • Roberto Fedeli
      Rispondi

      @Giorgio che i farmaci gratuiti abbiano aumentato la spesa sanitaria è un dato di fatto e sono daccordo, i farmaci se è possibile è meglio evitarli (opinione personale).Per quanto riguarda i gruppi anti-vaccino a giudicare da quello che sono riuscito a leggere la situazione non mi sembra come l’hai descritta, l’esempio eclatante è venuto dall’ultimo vaccino influenzale, lo stato ha speso una marea di soldi ha sbandierato ai 4 venti la necessità di vaccinarsi, tutto “gratis” naturalmente, ma non mi sembra ci sia stato un gran seguito, fortunatamente. la letteratura descrive l’inutilità di molti vaccini in molti casi i danni che generano non sono confrontabili con i benefici, I miei figli sono stati vaccinati, non ero al corrente dei danni rapportati ai benefici, adesso probabilmente non farò fare loro i richiami. E’ vero che la tecnologia va avanti, in teoria i farmaci e i vaccini dovrebbe garantire la salute delle persone molto più rispetto al passato, nella pratica non è affatto così. A questo punto tiro fuori anche l’ OMS, garante di molte schifezza, bugiardi come i climatologhi mondiali.
      Naturalmente non siamo tutti uguali, se hai riscontrato alcune persone che criticano ma continuano a volere la sanità pubblica ci credo, personalmente per quello che spende lo stato per me probabilmente ci guadagno, ma vorrei comunque che fosse tutta privatizzata, come me credo molti altri la pensano allo stesso modo.

  • Dino
    Rispondi

    Sarà che non sono libertario (grande fan comunque), ma i vaccini per me sono una cosa buona. Forse anche perché non sono un grande fan di polio ed epatite.
    Se lo Stato offre la sanità gratuita ha il diritto di pretendere il vaccino, perché altrimenti dovrebbe pagare poi le cure in caso di malattia.
    Se lo Stato non offre la sanità gratuita e non obbliga al vaccino implica che non può esistere nessuno in grado di decidere per il bene dei figli, se non i genitori stessi. Ma in quel caso i bambini sono considebili cose dei genitori, quindi i genitori ne potrebbero anche disporre come più credono, anche fargli fare cose rischiose (tipo giocare con le pistole in casa propria o non vaccinarsi). Giusto?

    • Michele Biasi
      Rispondi

      Dino, seguendo il suo ragionamento quanto ci vorrà per decretare che la sanità pubblica possa pretendere che noi non dobbiamo più usare l’auto o uscire di casa perchè potremmo farci male? essendo coerenti con il suo ragionamento allora lei non potrebbe nemmeno stare al computera scrivere questo commento perchè si rovinerebbe gli occhi e le sue cure peserebbero su tutti noi. Vogliamo arrivare davvero a queste conclusioni?

      • Dino
        Rispondi

        Se io uso il computer con moderazione non mi ammalo, idem se uso l’auto responsabilmente difficilmente vado a finire in un dirupo.
        Invece le malattie capitano semplicemente frequentando gli infetti, e meno vaccinati vuol dire più infetti, e più infetti vuol dire più gente che muore e soffre. E questa “gente” non sono adulti che hanno scelto di non rinforzarsi il corpo, che è quello che secondo la scienza fanno i vaccini, ma bambini, che sono considerati incapaci di fare scelte responsabili, da cui l’impossibilità di scoparseli o di vendergli alcolici. In tal caso allora il vaccino è una tutela verso i bambini, per la loro libertà, visto che se crepano o diventano handicappati direi che si sono beccati un bel danno solo per tutelare la libertà dei genitori di far fede a paure irrazionali. Genitori che se hanno il potere di decidere interamente sulla loro vita allora potrebbero anche non farli mangiare adeguatamente, perché in tutto il cibo tranne che nei pistacchi si crede ci sia l’anima di Belzebù.

        I vaccini sono una roba sicura, e tutta la letteratura contraria è stata più e più volte smentita scientificamente. Quella contro i vaccini è una campagna di disinformazione anti-scientifica simile alle campagne anti-ogm e anti-nucleare, basate su bugie e menzogne.

        • andrea
          Rispondi

          Infatti i libertari sono per l’autodeterminazione, ma finché un bambino non raggiunge un’età in cui è capace di fare delle scelte autonome in maniera consapevole(che ovviamente è molto prima della maggiore età legale) , che differenza c’è tra subire le scelte dei genitori, o subire quelle del sistema sanitario??

          Uno i genitori non se li può scegliere, quindi se un bambino ha la sfiga di avere dei genitori idioti, è giusto che lo stato non intervenga? se è scientificamente provato che la vaccinazione comporta grandi vantaggi, a fronte di un rischio microscopico e del tutto trascurabile, è giusto che un bambino subisca l’ignoranza, o le convinzioni assurde dei propri genitori?
          Lo stesso discorso secondo me vale anche per la circoncisione per motivi culturali(cioè in assenza di fimosi grave, o altri motivi medici), è ingiusto che un bambino non ancora in grado di intendere e di volere, subisca una mutilazione(anche se minima , e spesso senza conseguenze negative). La circoncisione culturale/religiosa dovrebbe essere praticata solo col consenso del diretto interessato, e quindi mai a bambini troppo piccoli per poter scegliere, ma stabilendo almeno un’età minima di 10-12 anni!

      • Vincenzo
        Rispondi

        Infatti, lo Stato obbliga a cinture di sicurezza, casco, sediolini per bambini, anche per ridurre il numero di morti e incidentati gravi.

  • Fidenato Giorgio
    Rispondi

    Concordo con Dino. Essere libertari non significa essere sempre contro tutto, essere libertari significa essere responsabili. Ora, coloro che animano questi gruppi anti vaccino obbligatorio (o in genere contro i vaccini) sono delle persone che eufemisticamente io definisco bucoliche, cioè pensano che la natura sia una buona madre e che non fa del male. E’ giusto denunciare questi casi di malattie in seguito a vaccini, però bisogna distinguere: io non penso che la maggior parte dei casi di autismo siano dovute ai vaccini, come non penso che i molti casi di celiachia siano dovuti a inquinamento, come a OGM come a diserbanti e causa diversa a seconda delle mode. La statistica è statistica e queste persone molto spesso se ne dimenticano. Si dimenticano che con i vaccini si conferisce una vita decente a miliardi di persone!!!! … e queste non sono opinioni. Poi, purtroppo ci sono i casi che loro citano, ma sono sempre una rarissima minoranza. Poi, come ho cercato di spiegare sopra, i casi di malasanità purtroppo sono dovuti al monopolio della sanità che fa proliferare i casi di truffa. Il caso del vaccino influenzale è li a dimostrarlo. Se il vaccino fosse stato gratis, voi pensate che quelle 4 case farmaceutiche che l’hanno prodotto avrebbero favo quei contratti milionari? Io penso di no, perché avrebbero fatto un lancio e poi avrebbero aspettato che la domanda dei consumatori si fosse accesa.Invece prima hanno fatto una campagna mediatica terroristica e poi hanno fatto il pieno costringendo il potere pubblico a firmare i contratti milionari. Ovviamente il potere pubblico, che non rischia niente del suo, per tutelarsi, ha firmato il contratto; nel suo intimo pensava: non si sa mai, è meglio che firmi per non prendere delle responsabilità e intanto pantalone spende. E’ lo stesso caso di quei pubblici poteri della regione Abruzzo che si sono rifiutati di lanciare l’allarme terremoto nonostante qualcuno, in base a dei dati, diceva che stava per avvenire. In una situazione di mercato vero, questo preveggente avrebbe informato gli organi di informazione i quali avrebbero potuto dare spazio all’informazione e stava al singolo individuo credere a quello che si diceva. Facendo così d’ora in poi quando uno qualsiasi dirà che secondo lui verrà il terremoto, vedrete che il funzionario di turno sui agiterà e farà spendere molti soldi al pubblico per allertare la popolazione. Può darsi che il preveggente abbia ragione, ma nella vita reale c’è bisogno di capire se sia stato semplice coincidenza o se c’è stato un nesso di casualità. E questa scoperta solo il libero mercato la può garantire!!!!!

    • fabrizio
      Rispondi

      Essere libertari significa anche che “la tua libertà finisce dove inizia la mia”.
      Per i vaccini bisogna prima informarsi bene in modo che ogni genitore sia libero di scegliere se farli o no ai propri figli.
      Responsabile e libero.

      • andrea
        Rispondi

        Ma anche la libertà dei genitori dovrebbe finire dove inizia quella dei figli, quindi è giusto che un bambino debba subire la scelta dei propri genitori, anche quando quest’ultima potrebbe causare gravi danni alla sua salute? purtroppo non tutte le persone sono razionali e dotate di un minimo di buonsenso, ci sono stati anche dei genitori che hanno fatto morire i propri figli di malattie banali(come una polmonite), perché erano seguaci delle medicine alternative, e si sono rifiutati di somministrare gli antibiotici!
        Quindi in questi casi limite come la mettiamo? meglio subire le scelte cretine di genitori stupidi e ignoranti, o un’imposizione razionale e statisticamente conveniente (i rischio di effetti collaterali da vaccinazione è piccolissimo, rispetto ai danni che molte malattie infettive potrebbero causare) dello stato?
        dopotutto i libertari non sono per l’autodeterminazione? ma finché uno non è ancora nelle condizioni di scegliere autonomamente, che differenza c’è tra subire le scelte dei genitori, o quelle di un sistema sanitario?

        • fabrizio
          Rispondi

          Considera che un figlio fino a quando gli viene somministrato l’ultimo vaccino deve ancora sviluppare l’unica cosa che gli permette di scegliere:la ragione.
          Sul discorso sicurezza vaccini ti sfido a trovare un medico che firmi un documento che assuma la piena responsabilità su eventuali effetti collaterali(imbarazzo garantito100 %).
          Un vaccino non contiene solo virus spenti o vivi ma anche immuno-adiuvanti come squalene e alluminio che colpendo il sistema immunitario e nervoso di un bambino porta nella migliore delle ipotesi ad allergie,nella peggiore a sindrome di ADHD,autismo e altro.Non a caso l’aumento di certe patologie sono corrisposte con l’aumento delle vaccinazioni.
          Tali sintomi non è detto che colpiscono tutti i bambini ma dato che in natura non esiste la perfezione,ogni individuo risponde in maniera diversa.
          Ripeto:libero di informarsi e libero di scegliere.

          • Giorgio Fidenato

            @Fabrizio. Quello che dici è vero, ma parliamo anche di statistica. Sei convinto o no che i vaccini salvano miliardi di persone da malattie mortali o invalidanti come poliomelite e epatiti? Dammi una risposta a questa mia domanda, poi analizziamo quanti sono questi casi che tu segnali che purtroppo capitano!!!!

          • Pedante

            @ GF:
            L’utilitarismo non è una china pericolosa per i libertari?

  • Fidenato Giorgio
    Rispondi

    … ho sbagliato…. se il vaccino non fosse stato gratis…..

    • fabrizio
      Rispondi

      Giorgio,le vaccinazioni contro la poliomelite e epatite ha salvato sì molte persone negli anni 40-50 ma le condizioni sanitarie e il tenore di vita era ben diverse da quelle di adesso.Non è detto che ricorrendo a vaccinazioni di massa elimini la malattia,infatti in Inghilterra dove non è obbligatorio vaccinarsi alcune malattie infettive sono scomparse.
      Oggi ai bambini vengono somministrati vaccini esavalenti senza pensare che una volta iniettati questi bypassano il sistema immunitario IgA (prima linea difesa del corpo) mandandolo su di giri in risposta alla vaccinazione.
      Bisogna tenere il nostro sistema immunitario in buona salute con una alimentazione corretta e un buon stile di vita .
      PS; l’unica volta che mi sono vaccinato contro l’influenza lo presa subito.

  • Roberto Fedeli
    Rispondi

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3886&keywords=vaccini
    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3671&keywords=vaccini

    Essere libertari non significa essere sempre contro tutto, essere libertari significa essere responsabili

    Concordo anche io, su luogocomune ho avuto modo di leggere diverse discussioni, ne ho linkate un paio .
    Giorgio mi dispiace ma sei fuori strada, in abruzzo è stato solo uno a dare l’allarme in base ai suoi dati, discutibili quanto vuoi, senza andare fuori tema per i vaccini c’è una nutrita letteratura statistica di diversi medici comuni non i classici “contro il sistema”, quind,i fermo restando che credo nella tecnologia e nei miglioramenti anche in campo medico, ripeto non mi fido di molti vaccini, e la letteratura conferma le varie casistiche (vaccinati e non) anche per i problemi da te elencati, sono discussioni piuttosto lunghe, pesanti ma posso garantire che se ti interessa l’argomento puoi trovare molte indicazioni utili.

  • Lorenzo
    Rispondi

    Fidenato, sei stato contagiato anche tu dalla neo-lingua, secondo la quale i servizi pubblici sono gratis?

    • Giorgio Fidenato
      Rispondi

      … la massa è convinta che è gratis. Io non cado in questo errore.

  • Pedante
    Rispondi

    Mi oppongo al concetto di brevetto. Che le case farmaceutiche facciano le loro ricerche senza la protezione statale. Se questo significherà che certi farmaci non verrano scoperti, vorrà dire che i produttori non sono in grado di elaborare qualque altro modello commerciale per farsi rimunerare.

    Non sono neanche sicuro che le innovazioni nel campo sanitario sarebbero meno spettacolari. Magari un uso maggiore di chirurgia, trattamenti alternativi, o medicina preventiva, o altre tecnologie dov’è possibile investire e mantenere segreti i modi di produzione dei farmaci, privatizzando così i costi della protezione contro le imitazioni, e non socializzandoli.

    • Andrea
      Rispondi

      Se vuoi approfondire il discorso,ti consiglio il libro Against Intellectual Monopoly:molto interessante e ricco di esempi pratici,uno dei quali riguarda proprio l’allora fiorente industria farmaceutica italiana,sostanzialmente condannata a morte da una sentenza della cassazione degli anni 70,che recependo le richieste delle grandi multinazionali del farmaco,impediva alla piccole/medie aziende italiane di proseguire nel loro ottimo lavoro di innovazione,proibendo loro l’utilizzo delle scoperte altrui.In assenza di brevetti l’innovazione non solo non rallenterebbe,ma anzi accelererebbe notevolmente,come tutto quando viene rimosso l’ostacolo costituito dallo stato criminale e dalle sue mostruose leggi/tasse.I danni prodotti dallo stato sono enormi e forse quelli diretti(cioè visibili a tutti,come i fallimenti delle aziende strozzate da equitalia)non sono nemmeno i peggiori(pensa per esempio quanti farmaci non sono stati sviluppati solo per garantire una rendita di posizione alle multinazionali più generose coi contributi/mazzette ai partiti).

      • Pedante
        Rispondi

        @ Andrea: Sì, l’ho già letto, grazie.

        @ Robespierro: Se non ricordo male, l’AZT veniva prescritto per i sofferenti dell’HIV/AIDS proprio perché il brevetto stava per scadere. Questo farmaco uccise più persone della malattia.

        A chiunque sia interessato nelle distorzioni statali nel campo sanitario e epidemiologico, consiglio House of Numbers, denuncia sull’industria dell’AIDS.
        https://www.youtube.com/watch?v=_p-ttLfkZHQ

  • Robespierro
    Rispondi

    32 vaccini inoculati a bambini di poche settimane è un crimine non una follia, le evidenze statistiche e cliniche sono impressionanti, ma le truffe quando diventano mostri, quando sono imposte dallo stato corrotto e corruttore, si trasformano in dogmi intoccabili, anche per legge e il crimine viene imposto dallo stato.
    Analogo è il mostro assassino della donazione degl’organi a cuore battente, gente che viene macellata viva per alimentare l’industria dei trapianti, consiglio una visita a Lega Anti Predazione:
    http://www.antipredazione.org/

  • Pedante
    Rispondi

    Questo libretto di Kinsella attacca “la proprietà intellettuale” da un’ottica morale e non utilitarista (a differenza del libro di Boldrin e Levine). Io preferisco l’argomento morale, pur condividendo la conclusione degli utilitaristi.
    http://www.store.rubbettinoeditore.it/contro-la-proprieta-intellettuale.html

    La versione gratis in inglese:
    http://mises.org/resources/3582/Against-Intellectual-Property

  • serpe
    Rispondi

    Certo che la cosa è divertente. Il presidente del Movimento Libertario che non è contro la vaccinazione di massa perchè di solito quelli che lo sono sono bucolici. Ma vai a cagare….stronzo….

    • Fidenato Giorgio
      Rispondi

      @Serpe…..Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, non c’è peggior ceco di chi non vuol vedere, non c’è peggior ignorante di chi non vuol capire!!!! Io, da giovane avevo una moto e indossavo il casco anche se allora non era obbligatorio. Nelle prime automobili che acquistai con le cinture di sicurezza, le usavo immediatamente e sempre anche se a quel tempo non era obbligatorio. Ho un figlio piccolo e, al di la dei vaccini che sono obbligatori, gli ho fatto fare anche le vaccinazioni non obbligatorie. Un tempo la gente moriva e restava storpia per alcune malattie infettive e non voglio che mia figlia subisca quelle conseguenze. E penso ancora che quelli che protestano contro le vaccinazioni lo facciano, per la stragrande maggioranza di loro, perché sono animati da una mentalità bucolica e vedono complotti da tutte le parti. … e infatti molto di loro con cui ho avuto modo di parlare sono anche contro gli OGM. Sarà un caso? No, sono proprio dei bei personaggi che, a mio modesto parere, mettono a repentaglio la salute dei figli per le loro invasature mentali. Sono come i testimoni di genova (così io li prendo in giro) che si rifiutano di permettere le trasfusioni di sangue ai propri figli per una loro idea priva di qualsiasi fondamento scientifico.
      Poi cara serpe, ogni tua offesa è un onore per me, perché il tuo stile si commenta da solo!!!!

      • fabrizio
        Rispondi

        @Giorgio…Io non sono un invasato mentale,sono a favore degli OGM e per i vaccini leggi la mia risposta alla tua domanda di ieri.
        Liberi di informarsi liberi di scegliere.

        • Fidenato Giorgio
          Rispondi

          @fabrizio. Concordo con te. Infatti i libertari sono contrari al sistema sanitario centrale. I soldi vanno lasciati in tasca agli individui e questi devono decidere come e da chi farsi curare. Io scelgo di vaccinarmi e di vaccinare i miei cari!!!! Confermo, perché ho avuto a che fare con alcuni di loro, che le motivazioni di chi è contro le vaccinazioni, a mio modesto parere, sono basate su empirismo, complottiamo e scarsa conoscenza scientifica delle cose. Però, contenti loro …. contenti tutti!!!!!!

  • serpe
    Rispondi

    Oh certo caro, prima la scienza e poi la libertà….ma rivai a cagare…tu pensa a liberarmi dalle vaccinazioni poi se mi va di fare il bucolico sono cazzi miei…

    • Fidenato Giorgio
      Rispondi

      @serpe. Ogni tanto hai ragione. Infatti nel caso della grande bufala del riscaldamento globale di origine antropica, spacciato come scientifica,io mi metto a ridere per non piangere visto il grande potere che hanno di spillarmi soldi in assurdi investimenti. Questo è un tipico caso di scienza e poi la libertà. Ti chiedo a te: liberami da questa bufala e fai in modo che i soldi che vengono spesi in assurde iniziative, restino nelle mie tasche.
      Se fosse per me io non obbligherei nessuno a vaccinarsi anche se poi riterrei tutti gli individui responsabili delle proprie azioni e quindi, in caso di malattia infettiva dovuta a non vaccinazione eseguita, si accollassero personalmente le spese per la cure e non potrebbero pretendere che intervenga la collettività a curare le loro scelte. Se il rapporto sanitario fosse privatistico, probabilmente l’assicurazione, a fronte del premio assicurativo di una certa entità, pretenderebbe dal assicurato certe vaccinazione, mentre se questi non volesse farle, pretenderebbe un premio molto maggiore. Io sono di questa opinione; io non voglio obbligare nessuno a vaccinarsi!!!!!!

      • serpe
        Rispondi

        Certo, certo…ma chi lo vuole lo stato e il suo carrozzone sanitario….sarebbe utile che tu capissi che molti di quelli che non vogliono le vaccinazioni, hanno già fatto una riflessione sulla “sanità obbligatoria” e probabilmente hanno anche trovato delle vie alternative a codesta sanità…non siamo noi che dovrai convincere quando proporrai la privatizzazione della sanità….piuttosto saranno gli “assistiti” che ti opporranno una resistenza formidabile…

  • serpe
    Rispondi

    Se non comprendi che anche la scienza è una forma di incatenamento, se non comprendi che tu DEVI DIVENTARE IL MEDICO DI TE STESSO, per liberarti da tutti questi coglioni che hanno potere sulla tua vita, che cosa comprendi della libertà? Un cazzo….Gli animali selvatici hanno bisogno di un dottore? NO!! E così devi fare anche tu!!

  • Michele Biasi
    Rispondi

    Giorgio, dagli ultimi esempi che ha fatto ritengo lei abbia la mia stessa posizione (mi corregga in caso contrario): chi vuole far fare i vaccini ai propri figli li faccia fare mentre chi non vuole non li faccia fare.
    Io aggiungo: con il passare del tempo, la scelta che avrà dato i migliori risultati verrà seguita sempre che qualcuno (come lo Stato) non intervenga in questo processo evolutivo, bloccandolo (cioe imponendo i vaccini obbligatoriamente). Proprio per questo propendo per le scelte decentrate(di ogni singola famiglia sui propri figli) rispetto alle scelte centralizzate(di un unico stato su tutti i figli di ogni singola famiglia).

    • Fidenato Giorgio
      Rispondi

      @Michele Biasi. Assolutamente d’accordo con te!!!!!!

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search