In Anti & Politica, Economia, Libertarismo

DI GIUSEPPE SANDRO MELA*

Bloomberg annunciava il 16 settembre dello scorso anno che Barclays Capital si sarebbe aperta un caveau blindato nel bel mezzo di Londra, per potenziare l’offerta di servizi ai clienti. Classica la localizzazione, all’interno della zona delimitata dalla M25, ove si trova in buon quanto discreta compagnia. E’ verosimile che esso diventi operativo entro l’estate, così da offrire un sicuro rifugio agli investitori.

L’operazione é stata condotta in accordo con The Brink’s Co., che già aveva aperto un suo caveau giusto lo scorso anno e si appresterebbe a farne costruirne un secondo, sempre a Londra.

La Brink è una società di sicurezza e protezione con sede a Richmond, Virginia, Stati Uniti. Il suo core business è la Brink, Incorporated, ma le operazioni di spin-off di sicurezza sono usualmente fatte dalla Broadview Security. Nel 2005, la società denunciava  un totale di 54,000 dipendenti e filiali in oltre 50 paesi. Trasporta con furgoni blindati anti-proiettile denaro e valori di ogni tipo, ma é anche dotata di speciali cargo navali ed aerei. Brink è un fornitore di servizi di sicurezza a governi, zecche e banche, ma non disdegna servire anche dettaglianti e gioiellieri.

Nel 2010 il 72% delle sue entrate provenivano da attività e servizi svolti fuori degli Usa e ben il 17% provenivano dalla Francia.

Recentemente, Brink’s Co. ha venduto a Deutsche Bank per 1.1miliardi di dollari Usa una sua controllata, la BAX Global, nota in passato con il nome di Burlington Air Express.

Ma Deutsche Bank ha fatto anche qualcosa di più nel settore. Per rafforzare la sua presenza nel controllo dell’oro e dell’argento fisico, sembrerebbe che questa banca abbia acquisito l’inglese G4S, mentre altre voci suggerirebbero che sia solo stato stipulato un accordo decennale. G4S dovrebbe incaricarsi di costruire e gestire un nuovo caveau, perché la capienza di quelli londinesi sta rapidamente arrivando a saturazione.

Quasi contemporaneamente, però, Zerohedge ha segnalato la sempre più frequente presenza sui mercati di lingotti da 500 gr e da 1 kg, contenenti un buon 40% del peso in barrette di tungsteno, che è pur sempre un buon metallo, ma non certo oro. La scelta del wolframio non è casuale, perché sfugge alle apparecchiature di controllo quali quello impedenziometrico e stratigrafico. L’unico modo per scoprirlo é segare fisicamente in due il lingotto, oppure usare le più sofisticate evoluzioni del metodo di Archimede, determinandone volume e peso. Si noti che detti lingotti presentano un’abilissima contraffazione dei marchi ed i numeri di serie sembrerebbero essere stati calcolati da matematici di tutto rispetto, anticipando di qualche mese quelli che sarebbero stati usati.

Considerazioni.

Si isti et istae, cur non ego? Così diceva Sant’Agostino nelle Confessioni nel memorabile capitolo 8, 27 (si noti che vi sono lezioni differenti di questa frase, nda). Se fan ciò questi e quelle, perché non lo faccio anche io?

Se le banche comprano oro fisico, perché non comprarlo anche noi?

 

 

* Link all’originale: http://www.rischiocalcolato.it/2012/04/le-banche-fate-quello-che-fanno-non-quello-che-dicono-diventerete-ricchi.html

 

Recent Posts
Comments
  • Robespierro
    Rispondi

    Se dovessi (potessi) fare quello che fanno le banche, cioè: comprare oro per poi emettere dei certificati ETC e rivendere con provvigioni l’oro da me detenuto, poi guadagnarci ogni volta che quell’oro viene comprato e venduto, lo farei, ma non mi è concesso e poi… mi mancano quei milioncini di euro che servono per l’operazione.
    Deutsche Bank emette un ETC physical gold che ho usato diverse volte, questo ETC è garantito da un equivalente di oro fisico, è come comprare oro fisico ma c’è il vantaggio di poterlo rivendere quando si vuole a prezzo di mercato, meno la commissione, è per questo mercato che Deutsche Bank compra oro, ma è di proprietà dei clienti che detengono gl’ETC, dunque la chiosa dell’articolo è priva di senso, meglio che il Sig.Giuseppe si dedichi alla teologia che gli è più congeniale, che all’economia, di cui da prova di non capire granchè.
    Circa il problema delle falsificazioni di lingotti con tungsteno è un problema noto, c’è pure con i dollari d’oro o d’argento, generalmente i falsi sono cinesi. Questa è un’altra ottima ragione per preferire gli ETC di un grosso gruppo bancario che ha tutti gli strumenti per comprare da fonti sicure ed anche per controllare ciò che ha acquistato con tests costosi, il problema dei falsi lingotti o monete è reale per il piccolo investitore che è più facile da truffare che un colosso come Deutsche Bank.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search