In Anti & Politica, Economia

DI CARLO LOTTIERI*

Il premier Mario Monti ha fatto più volte questo ragionamento: ognuno ha il dovere di destinare una quota delle proprie risorse all’apparato politico-burocratico; di conseguenza, chi si sottrae a ciò sta aggredendo la comunità nel suo insieme ed è sostanzialmente un ladro; per tale motivo è necessario che la collettività sostenga quanti (uomini politici, agenzie specializzate, forze dell’ordine) sono impegnati nella repressione di tali reati.

Nella nota intervista in cui ha messo sotto accusa gli evasori fiscali e ha parlato addirittura di una “guerra” in corso, il premier Mario Monti ha sollevato questioni spinose, che stanno al cuore del dibattito filosofico della civiltà europea. Lo schema della riflessione di Monti, la cui sostanza è condivisa dalla quasi totalità del ceto politico in Europa e altrove, è un po’ il seguente: ognuno ha il dovere di destinare una quota delle proprie risorse all’apparato politico-burocratico; di conseguenza, chi si sottrae a ciò sta aggredendo la comunità nel suo insieme ed è sostanzialmente un ladro; per tale motivo è necessario che la collettività sostenga quanti (uomini politici, agenzie specializzate, forze dell’ordine) sono impegnati nella repressione di tali reati.

Sul piano storico-giuridico è interessante rilevare come la modernità abbia rovesciato i principi morali tradizionali, che in linea di massima consideravano un sopruso le pretese dello sceriffo di Sherwood, e non già la resistenza popolare dei servi di fronte ai signori. Quanti hanno confidenza con i testi della nostra tradizione religiosa sanno bene come il pubblicano (l’esattore) fosse una figura sociale sostanzialmente riprovevole, perché era costantemente portato ad abusare del proprio potere e soprattutto perché era al servizio del ceto politico e delle sue esigenze.

Ne La libertà e la legge, pubblicato in lingua inglese nel 1961, Bruno Leoni ricorda con quante difficoltà l’imposizione fiscale si sia radicata in età medievale. Basti pensare che «nel 1221, il vescovo di Winchester “chiamato a consentire ad una tassa di scutagium, rifiutò di pagare, dopo che il consiglio l’aveva concessa, perché dissentiva, e lo Scacchiere sostenne la sua difesa”». Leoni rileva anche che agli albori della modernità politica il principio no taxation without representation stava a indicare che nessuna forma di pagamento era autorizzata se chi doveva pagare non acconsentiva.

Tra il XVII e il XVIII secolo le grandi rivoluzioni furono essenzialmente ribellioni di carattere fiscale. In Inghilterra come in America, la società liberale nasce dalla difesa della proprietà di fronte al potere e, di conseguenza, da una strenua resistenza dinanzi alle pretese di ogni corvée e di ogni prelievo forzoso di denaro. Nel suo An Arrow against all Tyrants uno dei leader dei “livellatori”, Richard Overton, dichiarava senza mezzi termini: «Nessun uomo ha potere sui miei diritti e sulle mie libertà, e io non ne ho su quelli degli altri».

L’opposizione alla monarchia inglese si basava sulla convinzione che la salvaguardia della proprietà non fosse scindibile dalla quella della libertà. Il potere, insomma, ha sempre avuto bisogno di sottrarre ricchezze alla società, ma quest’ultima si è a lungo opposta a quelle pretese. Le cose sono mutate quando gli antichi re feudali si sono considerati gli unici possibili garanti dell’ordine e, di seguito, quando si è imposta l’idea che solo la coercizione statale fosse in grado di assicurare a tutti taluni beni e servizi.

Con le democrazie del welfare il rovesciamento di ruolo tra vittima e aggressore, sotteso alle parole di Monti, si consolida. In primo luogo, se “lo Stato siamo noi” (come ci raccontano le favole della religione civile, da Rousseau in poi) quando paghiamo le imposte non stiamo rinunciando a una parte del nostro reddito, né stiamo riducendo le nostre libertà. In secondo luogo, è ormai sempre più accettata l’idea che nessuno sia veramente titolare del reddito che produce: l’argomento di taglio collettivista, non dissimile da quello che legittimava i poliziotti che sparavano sui tedeschi dell’Est in fuga (quando provavano a valicare il muro di Berlino), è che noi siamo quel che siamo grazie agli investimenti pubblici.

Se siamo produttivi è perché lo Stato ci ha “costruito” come siamo. Da ciò discende che almeno una parte del reddito che creiamo è della collettività stessa. Ovviamente lo Stato è un’astrazione e non coincide affatto con la società. Si tratta però di una finzione utile a quanti grazie a essa sono in grado di imporre la propria volontà, ottenendo potere e risorse. In questo senso, non soltanto è difficile seguire Monti quando ci dice che il ceto politico è legittimato a tassare chiunque e come vuole: sulla base delle leggi che esso impone grazie alle procedure previste.

D’altra parte tutti si rendono conto quanto sia difficile simpatizzare per un senatore che legalmente guadagna 10 mila euro e condannare, invece, un artigiano che illegalmente ne incassa molto meno, poiché produce 3 mila euro, ma evade la metà di quanto – secondo le norme tributarie votate dai parlamentari – dovrebbe versare allo Stato. Se c’è una guerra, allora, questa oppone non già i buoni esattori e i cattivi evasori, ma due gruppi sociali che vanno diversamente definiti. Una tradizione di studi che ha mosso i primi passi ben più di due secoli fa contrappone quanti pagano più di quanto ricevono e quanti ricevono più di quanto pagano. Autori come Jean-Baptiste Say, Frédéric Bastiat, Herbert Spencer, Franz Oppenheimer, Albert Jay Nock, Ayn Rand e Murray N. Rothbard (ma un elenco completo sarebbe lunghissimo) hanno sottolineato precisamente il carattere redistributivo dell’azione pubblica, la quale spoglia alcuni gruppi e ne arricchisce altri.

Sulla base di questa semplice considerazione è comprensibile che quanti lavorano nel pubblico, vivendo delle risorse che il settore privato destina allo Stato, siano spesso portati ad approvare le parole di Monti, mentre coloro che operano nel privato sono assai più sensibili ai messaggi contro la violenza dello “Stato ladro”. C’è un’intervista rilasciata nel 1994 da Milton Friedman al Corriere della Sera che viene spesso ricordata dai nemici dell’imposizione tributaria. In quella circostanza l’economista premio Nobel rilasciò dichiarazioni esplicitamente a favore degli evasori: «L’Italia è molto più libera di quel che voi credete, grazie al mercato nero e all’evasione fiscale. Il mercato nero e l’evasione fiscale hanno salvato il vostro Paese, sottraendo ingenti risorse al controllo delle burocrazie statali». In quelle parole c’è la consapevolezza di un contrasto assai duro tra la parte produttiva della società e quella parassitaria.

Ora che declina la risibile contrapposizione tra una sinistra statalista e una destra analogamente statalista, la politica italiana potrebbe definire le proprie contrapposizioni proprio muovendo dalle parole di Monti e dal conflitto tra chi tassa e chi è tassato. Abbiamo qui lo scontro tra due visioni della società (una liberale e una collettivista) e soprattutto dobbiamo fare i conti con il concretissimo scontro di interessi tra due realtà sociali sempre meno in grado di dialogare e comprendersi. Perché se fino a qualche anno fa, la bestia da soma ha sopportato il carico quasi senza lamentarsi, questo ora non più possibile: e infatti molte imprese licenziano, altre chiudono, altre ancora si trasferiscono al di là dei confini.

I due gruppi sociali non sono facili da definire, anche perché la regolazione è talmente pervasiva e genera tante e tali opportunità di guadagni illegittimi (e del tutto legali) da far sì che ogni categoria è in un modo o nell’altro beneficiaria – oltre che vittima! – dell’intervento pubblico. Ma è pur vero che i commercianti e gli artigiani, gli operai e i liberi professionisti – e con loro tutti quanti con loro devono stare sul mercato e non hanno un reddito “garantito” – avrebbero da guadagnare dall’imporsi di un blocco di interessi che sappia individuare quale stella popolare i principi della libertà individuale, della protezione della proprietà, della salvaguardia dell’autonomia negoziale.

In un’Italia che sprofonda a causa del debito pubblico e dell’inefficienza di un conglomerato statale elefantiaco, costosissimo e terribilmente inefficiente, non ci sarebbe da sorprendersi se si assistesse allora all’emergere di nuovi soggetti politici caratterizzati da queste contrapposizioni, che in larga misura – non va dimenticato – sono anche di carattere territoriale. Perché non si può parlare di “questione settentrionale” senza comprendere questa stretta relazione tra uno Stato sfruttatore al servizio di vaste clientele e un Nord produttivo sempre più sfinito, in troppi casi incapace di stare sul mercato e sopportare gli oneri di una pressione fiscale e regolamentare ormai altissime.

 

*docente universitario di Filosofia Politica, Università di Siena

Link all’originale: http://www.linkiesta.it/evasori-produttori-lottieri-linkiesta

 

Recent Posts
Showing 5 comments
  • carletto
    Rispondi

    Mi sembra che non si tenga conto che ognuno di noi nasce nudo, non esistono categorie che producono e categorie parassite.

    Noi ci troviamo inseriti in un sistema complesso e nessuno produce nulla, semmai trasforma e fa in modo che energie, fisiche, intellettuali, materiali gli diano un mezzo per appropriarsi di ciò che esiste nel mondo o che viene prodotto con ciò che il mondo ha già di suo, in quantità superiore a quanto ci riescano gli altri.

    In conclusione per far ciò alcuni producono da se con le proprie mani o intelletto, altri sfruttano il lavoro materiale o intellettuale di altri, altri ancora fingono di ben amministrare la cosa pubblica e poi spesso si appropriano di cose pubbliche e private, altri ancora grazie soprattutto a questi ultimi citati, si pongono sull’ingressso di una autostrada, di una spiaggia della piazza dell’etere e si fanno pagare dagli altri per l’utilizzo i beni pubblici che hanno in concessione quasi gratuita, altri ancora sempre grazie ai nostri pubblici amministratori, abolisccono le leggi del libero mercato solo per se stessi creandosi categorie protette per le quali si limita la possibilità di accedervi alle persone qualificate (nel fare altrettanto) e si mantengono per legge le tariffe elevate (vale anche per i monopoli, gas, energia, ecc.).

    Potrei continuare ma mi sembra inutile, tutti comunque operano in un contesto sociale garantito dall’operato di moltissimi malpagati esecutori pubblici dipendenti contrattualizzati (welfare, servizi, scuola, ricerca, formazione, sanità, sicurezza, prevenzione, pulizia, manutenzione ecc.), i quali costretti, da iperpagati, iperprotetti, iperinefficienti, iperingiusti, iperpoliticizzati, iperspreconi: dirigenti prof.universitari, manager, boioardi di stato, politici caste varie, e spesso di malavoglia, a far male il loro lavoro, a favorire le caste, a cercare di far carriera leccaando il c.lo ai superiori o con il malaffare, finiscono con l’essere altrettanto dannosi per la società, quanto lo sono normalmente gli imprenditori che per traferire a se stessi un miliardo di ricchezze del mondo, producono inquinamento, morti e malattie a carico della società civile e a danno del turismo, corruzione e malaffare, deviazioni della politica e delle leggi diffusione incontrollaa di spazzatura, consumo di strade, autostrade, acqua potabile ossigeno ed aria, ed effetto serra in aumento, per svariati miliardi.

  • Maverick
    Rispondi

    Quando il prelievo medio reale, ripeto, reale, arriva a circa il 65% del reddito, per lo Stato, e per Monti, non ci sono ragioni di alcuna natura. Siamo all’oppressione, alla rapina ed alla confisca.
    Pagare le tasse é civiltà. Ma non a tali livelli. Che Monti sostenga uno Stato cosí mal ridotto indica la sua inesistente onestà intellettuale ed assoluta inaffidabilità personale. Per salvare il baraccone statale colabrodo ha condannato all’agonia ed alla morte migliaia di altrimenti sane piccole imprese. I buoni pagano per i cattivi. Le cicale sopravvivono, le formiche muoiono.

    • Riccardo
      Rispondi

      Quando saranno morte tutte le formiche moriranno anche le cicale perchè la cicala mangia quello che produce la formica. Si tratta soltanto di aspettare.

    • Massimo74
      Rispondi

      “Pagare le tasse é civiltà”

      Se fossero volontarie, sì, indubbiamente.Ma siccome a me risulta che nessuno abbia mai firmato alcun contratto di fornitura di servizi con lo stato, allora l’imposizione fiscale non può che essere considerata una vera e propria forma di estorsione, un taglieggiamento in pieno stile mafioso.

  • carletto
    Rispondi

    Vedo che qua, fra i commentatori, tutti credono di essere dei Dio, e che pensano che il denaro che riescono a togliere agli altri, lo abbiano creato loro.

    Nessuno di loro pensa che il loro inquinanre, il loro usare acqua, aria beni pubblici o qualsiasi cosa abbia fatto il mondo, senza di loro, o sia stato fatto dagli altri, o lo sfruttare il lavoro altrui, o generare malattie ed inquinamento, o fruire di una pensione o del servizio sanitario, o essere pagati da dipendenti pubblici o privati, o usare le strade o essere garantiti nella sicurezza abbia un valore o gli abbia semplicemente permesso di appropriarsi dei soldi che essi ritengono da veri Dei di aver realizzato dal nulla.

    Forse pensano che chi va in giro sulle spiaggie a vendere sotto il sole a quattro soldi, per far arricchire altri, non stia lavorando, sia un parassita, o pensano che chi fa i turni in ospedale o sulle strade sia un parassita che non stia lavorando.

    La verità sta nel mezzo tutti cerchiamo di parassitare e di guadagnare di più producendo e faticando di meno (ed anche pagando meno tasse possibbili), ad esempio investendo in titoli, in borsa, in immobbili, così sarà qualcun altro a creare la ricchezza reale che a loro sarà data, e naturaalmente peserà sul compenso dei lavoratori e sulle tasse a i dipendenti pubblici e privati che non evadono, e sui costi dei beni primari, questo loro arricchirsi (banche assicurazioni immobiliaristi locatori faanno così).

    Ma son sempre gli eccessi ad essere sbagliati.

    Siete le vittime dei vostri politici che sfruttano la vostra grettezza e pochezza per essere portati al potere, e per poi spremervi come limoni.

    I vostri politici sono tutti dello stesso stampo sia che stiano nel pd nel pdl o nella lega, son come voi.

    Avete un io grante quanto Dio e non riconoscete a nessuno il dovuto.

    E ciò ha permesso ad altri come voi, vostri simili di arrivare al potere, con i vostri sistemi e mezzi e di fare a voi e noi quel che voi vorreste fare agli altri.

    Perchè voi siete lupi come loro, ma loro vi sbranano insieme a noi pecore.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search