In Anti & Politica, Economia, Libertarismo

DI REDAZIONE

Roberto Gorini, imprenditore e divulgatore di idee liberali, ha intervistato l’amministratore delegato del Movimento Libertario.

Ecco la seconda delle tre puntate, che va alla radice della dicotomia fra LIBERTA’ E COERCIZIONE.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Oggi, Roberto Gorini e Leonardo Facco parlano di imprenditori e prenditori, liberisti e falsi liberisti, lavoro e ricchezza, libertà e responsabilità.

[yframe url=’https://www.youtube.com/watch?v=UC3k0IOpGm0′]
Recommended Posts
Showing 5 comments
  • Diego Tagliabue
    Rispondi

    Esatto! La ricchezza si produce con il lavoro, quindi né con la speculazione, né con la stampasoldi.

    La sovranità monetaria è una bellissima cosa, ma per Stati seri come la Norvegia, dove addirittura le istituzioni impongono un limite di inflazione alla loro banca centrale.

    In tutti i PIGS, invece, abbiamo sempre visto l’esatto contrario: sperperi (legalizzati o meno) da parte delle istituzioni, svalutazione monetaria a carta straccia e debiti astronomici con banche di mezzo mondo.

    La “soluzione” di Fallitagia ai problemi, da lei stessa creati? Taste sopra tasse, senza uno straccio di taglio alla spesa pubblica (= alla malversazione legalizzata cronica)!

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Vediamo.
    Warren Buffett ha lavorato in vita sua,certamente.
    Ma è un grande investitore-speculatore.
    E’ un lavoro investire e speculare capitali?

    Settore immobiliare,commercio e compravendita.
    E’ un lavoro speculare e compravendere nel settore immobiliare?

    Entrambe fatte da un comune e privato cittadino,senza un’organizzazione aziendale.

    Mi e vi chiedo, sono lavori o semplici occupazioni?

    Lavoro = unica strada per creazione di ricchezza sana e non a debito.
    E’ davvero sempre ed obbligatoriamente così?

  • Lorenzo
    Rispondi

    Leonardo.. e la cintura di sicurezza?
    Attento che di questi tempi potrebbero anche usare youtube per dare contravvenzioni!!

  • Massimo74
    Rispondi

    Il fatto che “pagare tutti per pagare meno” sia una panzana colossale è dimostrato empiricamente dai dati oggettivi.Se si vanno a vedere le statistiche fornite dall’agenzia delle entrate si vede che dal 2006 al 2011 sono stati recuperati 50 miliardi di euro di imposte evase.Peccato che di quei soldi nessun contribuente italiano ha mai visto un centesimo, tutto l’extra gettito è stato utilizzato per alimentare ulteriori aumenti di spesa, vedi aumenti dei costi per acquisto di beni e servizi nella sanità, assunzioni clientelari nella PA (vedi forestali o camminatori della regione sicilia) e ruberie varie (vedi i casi Lusi, Fiorito, Daccò,ecc).La lotta all’evasione è quindi solo una gigantesca arma di distrazione di massa utilizzata da politici e burocrati per continuare a gozzovigliare a spese dei contribuenti italiani.
    Quando è che gli italiani cominceranno ad aprire gli occhi?

  • mimmo
    Rispondi

    Per Albert Nextein.

    Mi ha fatto impressione vedere il tuo commento, indice forse di una ignoranza (non la prendere come offesa, ma come ignorare qualcosa a mio modo di vedere almeno) in merito alla figura di Warren Buffett.

    Lui è un investitore prevalentemente, speculatore (flipper come si direbbe in inglese) quasi mai (ma è capitato raramente).

    Ad ogni modo chi ha denaro e lo usa per ad esempio per acquistare una casa anche a basso prezzo quando non c’è molta liquidità in giro e c’è chi vuol vendere è un grande beneficio per la società in genere e per il privato che vende in particolare.
    Continuando con l’esempio, quella persona (famiglia) vorrebbe cambiar casa, o magari è una persona con un debito per la casa che non riesce a pagare e quindi ha fretta di vendere..
    Ed ovviamente l’investitore poi potrebbe vendere, se ha capacità, ad un prezzo superiore….in tal caso parliamo di speculazione.

    Ma tu vedi questa come un’operazione negativa? Io la vedo positivissima. :-)

    Poi potrei parlarti degli investimenti alla maniera di come li fa Warren Buffett, ma i benefici alla fine sono anche maggiori (anche per lui ovviamente, ma è lui che rischia, ricordiamolo), soprattutto per la società ed il mercato.

    Spero di essere stato d’aiuto a capire il concetto, molto spesso identificato come negativo (investitore, speculatore ecc ecc) a causa di una televisione che attraverso telegiornali o film (vedi Wall Street e chi più ne ha più ne metta) parlano di persone e di come una professione, un lavoro o come volete lo indicate può apportare valore o meno alla società, ma dipende sempre e solo da una cosa, anzi 2: dai principi e dai valori della persona che svolge un’azione.

    Come in tutte le cose peraltro, potrei elencare:

    Politici, banchieri, idraulici, insegnanti, venditori, meccanici ecc ecc ecc…

    Tutto può fare bene alla società purchè possa apportare valore e ciò dipende quasi sempre da chi la svolge.

    Spero di non essere stato noioso.

    Un grande saluto a tutti e complimenti per il Blog :-D

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search