In Anti & Politica, Economia

DI REDAZIONE

Intervento di Leonardo Facco al convegno su Mes ed economia organizzato dal meetup di Prato il 19/1/13. Il libro “Elogio dell’evasore fiscale” non è una mera provocazione culturale né un’operazione populistica, bensì l’espressione di una coscienza di classe che va maturando in Italia. Che non si limita alla semplice reazione “antipolitica” alla corruzione e alle inefficienze della classe governante, ma va in profondità, arrivando a interrogarsi sull’intera organizzazione dello Stato e degli enti pubblici , con dati, numeri, rapporti istituzionali, dalle clamorose truffe nascoste nelle accise, al prelievo occulto da parte dello Stato nelle nostre tasche.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

[yframe url=’www.youtube.com/watch?v=CCtm6IpU7wM’]
Recommended Posts
Showing 15 comments
  • eridanio
    Rispondi

    Complimenti, hai vinto il premio Madre Teresa di Calcutta

    Sei un esempio della tolleranza possibile verso la cooperazione sociale

    Hai reso insipido qualsiasi populismo di beppegrillo fornendo per contro sapidi spunti di valutazione e scambio di ragioni tra persone di buona volontà.

    2 ore che valgono la pena di essere spese all’ascolto

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Sarebbe il primo premio che vinco in vita mia… ;-)

  • pippo pg
    Rispondi

    Per i taxi, come ad esempio per altre realtà ( tabaccai, farmacie..) si potrebbe creare una sorta di “rottamazione” ovvero liberalizzare subito ma concedere sgravi fiscali a chi gia detiene le licenze fino al raggiungimento del valore stimato della licenza da concordarsi con le associazioni di categoria.
    Una cosa del genere è stata fatta mi pare negli anni 90- in misura ridotta- per le licenze di autotrasporto
    Per gli ordini professionali abolire e basta

  • Marco Tizzi
    Rispondi

    Caro Facco, tralascio i complimenti e faccio solo una domanda: ma guardandoli in faccia si aveva l’idea che avessero avuto almeno un minimo dubbio sullo Stato?
    Perché adesso che sono il primo partito sembrano più statalisti degli altri. Ora, per carità, non è che questo video sia passato nel blog di Grillo tra un Travaglio ed un Rodotà, quindi di sicuro l’han visto in pochi, ma guardandoli negli occhi, dal vivo, ha avuto la sensazione che stessero, non dico capendo, ma almeno avendo qualche dubbio?

    P.S.
    Ha intenzione di pubblicare in formato Kindle i suoi libri?

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Caro Tizzi, qualche dubbio lo ho instillato, ma ciò che più mi ha confortato è che sono stati ad ascoltare con attenzione e mi hanno trattenuto a lungo con le domande. Non credo, comunque, di aver inciso sul loro “modus pensandi”, sarei presuntuoso al solo immaginarlo.
      I miei libri (come editore) presto cominceranno ad essere pubblicati in nuovi formati e-book grazie ad un amico editore, Michele Liati, che presto aprirà la sua attività. Con lui, peraltro, pubblicherò il mio prossimo libro (come autore). Degli altri miei non saprei dirle, sono gli editori per cui ho scritto che decideranno il da farsi.
      P.s. Grazie per i complimenti comunque, fanno sempre piacere, altro che balle :-)

      • Marco Tizzi
        Rispondi

        Allora rinnovo i complimenti, è davvero una bellissima lezione :-)
        Ma è fondamentale che i grillini capiscano, altrimenti spariranno (e cmq mi dispiacerebbe, anche se sono molto critico con loro) e a noi non resterà che il default

  • Antonino Trunfio
    Rispondi

    E pensare che a me basta sentire “stato” per farmi venire il prurito alle mani

  • christian bazzucchi
    Rispondi

    A Prato? A saperlo venivo a sentire anch’io!

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Si vede che non leggi il sito… ;-)

  • William
    Rispondi

    Bel intervento nella tana degli statalisti.

    Comunque ti devo riprendere:

    mi pare che non ti sia chiaro su come funziona il home schooling. Tipicamente sono i genitori che si occupano al 100% dell’istruzione dei propri figli.

    Portare in casa insegnanti esterni e accordarsi con altri per far educare i figli insieme ma secondo i propri principi si chiama community schooling.

    D’altro canto se tu avessi indicato come veramente funziona il home schooling quel gruppo ti avrebbe incatramato e ricoperto di penne.

    • Anthem
      Rispondi

      Ero presente all’incontro e ho anche parlato con alcuni grillini: Facco è piaciuto molto! Il suo valore si impone immediatamente, per cui niente incatramate e penne…qualunque cosa avesse detto.

      Ho avuto invece l’impressione che l’assuefazione al modello democratico statalista e l’ignoranza quasi assoluta del pensiero libertario, imperante ovunque, abbiano creato, anche in questa occasione, un filtro che non ha permesso a tanti presenti – pur desiderosi di cambiare il mondo!- capire fino in fondo la portata delle idee espresse da Leonardo.

  • folletto
    Rispondi

    Grande Leonardo!

    Non Ti avevo mai visto così collaborativo e paziente.

    L’unico appunto sul gold standard: Carbone mi ha fatto aprire la testa con Rueff, il gold exchange standard nato dalle ceneri della WW1 a Genova è stato la causa primaria di ciò che viviamo ora.
    North parla genericamente di counterfeit GS, ma Rueff con The Monetary sin of the West squarcia il velo su ciò che il GES di Genova ritoccato solo a Bretton Woods (NEL 1944) ha generato: The Age of Inflation come riportato peraltro da Sennholtz.
    Pochi economisti austriaci hanno capito questo appieno. Non che ai Grillini poteva cambiare qualcosa, ma se la causa primaria è la manipolazione del denaro questa è dovuta agli accordi di Genova: nacque così il fenomeno dell’inflazione esportata , della boomerang currency attraverso i currency loan and swap fra

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie!

  • libertyfighter
    Rispondi

    Sono al minuto 25 e sto godendo come un riccio. Bravissimo Leo!!!!!!!!!!!!!!

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      grazie!!!

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search