In Anti & Politica

Naldini-staffsmallDI LEONARDO FACCO

Da oggi, per colpa di un gruppo di scienziati dediti alle tecnologie genetiche, vi sono sei bambini in vita che andrebbero soppressi immediatamente, perché contaminati da geni ricavati dai retrovirus dell’AIDS!!! Ma vi rendete conto??? Se noi si ragionasse come i NAZI-COMUNISTI ANTI OGM, cominceremmo a scrivere minchiate del tipo:

1- Ma il principio di precauzione non garantisce che questi sei bambini non infettino altri esseri umani;

2- E’ stata stuprata la natura umana;

3- E’ in atto una nuova forma di contaminazione umana da parte di qualche multinazionale che produce quei geni speculando sulla vita dei minori.

4- Segue un’eccetera di altre stronzate.

INVECE, NOI PLAUDIAMO AL GENIO UMANO E AL PROFESSORE (E LA SUA EQUIPE) CHE HA PERMESSO QUANTO SEGUE!

“Sei bambini, sei «guariti» nei geni che ne minavano la vita invece di proteggerla, sei capitoli dell’evoluzione della scienza. Prima di loro, tante le vittime delle stesse malattie ereditarie. Troppe. Speranze infrante, tra il dolore dei genitori e lo sconforto dei medici frustrati dall’impotenza. La svolta ha le premesse nel 1996, quando un ricercatore italiano ha un’intuizione «geniale». Utilizzare il potente retrovirus dell’Aids. Disattivato della componente maligna, modificato in modo da trasportare il gene sano e, «infettando» le cellule staminali dei bambini, sostituirlo a quello malato causa di una morte scontata. Cellule staminali «curate» nella genetica e iniettate nel sangue dei bambini. E come il virus, quando è dannoso, invadere l’organismo imponendo nel cuore delle cellule il gene sano. Anni di piccoli passi, in vitro, sugli animali, di successi e insuccessi, di tre passi avanti e due indietro. Fino ai sei bambini «infettati» da un virus diventato improvvisamente simpatico”. (Corriere della sera online).

 

Post suggeriti
Mostrati 8 commenti
  • Sigismondo di Treviri
    Rispondi

    Immagino che questi scienziati prima di inoculare il virus nei bambini abbiano fatto tutta una serie di verifiche per scingiurare il rischio di effetti collaterali. Lo stesso tipo di verifiche che spero vengano fatte negli OGM. La scienza di certo comporta dei rischi, ma anche innegabili vantaggi. Se avessimo ‘lasciato fare alla natura’, oggi moriremmo ancora per appendicite. Oltretutto, tutti i mammiferi, uomo compreso sono OGM, dal momento che sono il frutto di una evoluzione genetica che a partire da organismi molto semplici ha prodotto organismi complessi.

  • RobertoFedeli
    Rispondi
    • Sigismondo di Treviri
      Rispondi

      Curare malattie è una cosa. Creare esseri umani ‘geneticamente modificati’ è un’altra. Una tecnologia del genere messa nelle mani dello stato potrebbe essere devastante. E’ stato ad esempio scoperto che le persone più portate verso la libertà e quindi la ribellione se qualcuno gliela toglie, sono portatrici di un particolare gene. Immaginiamo che cosa succederebbe se si potessero creare in laboratorio esseri capaci di dire soltanto “Signor si” e questa tecnica fosse messa nelle mani sbagliate. Preferisco un mondo di uomini non OGM. Lasciamo le modificazioni genetiche alla cura delle malattie ed al migioramento degli ortaggi. Gli uoimini non sono delle zucche. Per lo meno, non tutti.

      • al
        Rispondi

        O tutto o niente non è una scelta, è buttare il bambino con l’acqua sporca. In futuro l’ingegneria genetica consentirà sicuramente di fare quello che lei ha accennato, ci conti. Sono pronto a scommettere che sperimentazioni di questo tipo sono già in corso in qualche laboratorio militare, finanziate tramite fondi neri per creare il Cittadino Perfetto o il Soldato Perfetto, con la nobile intenzione di eliminare le inclinazioni violente dall’individuo e altri illuminati propositi ma non è con l’anatema e la censura che si evitano questo tipo di pericoli, perchè chi ha i mezzi e la volontà di realizzare cose di questo genere continuerà a perseguire i propri scopi senza minimamente interpellare lei, me o chiunque altro, anzi…Invocare la censura e il bando di queste pratiche serve a far si che la gente non se ne interessi, mentre lontano dai riflettori gli esperimenti volti a riplasmare l’essere umano secondo il sogno collettivista continuano, più veloci e spregiudicati, senza nessun controllo da parte di chi poi dovrà subirne le conseguenze.

        Il rifiuto categorico di questo tipo di pratiche per paura di un futuro distopico è una dichiarazione di resa nei confronti di tutti quelli che questo futuro vogliono realizzare. Se si vuole restare dei liberi individui, integrati nella comunità ma con piena autonomia di pensiero e di azione bisogna anzi aprirsi a questa nuova frontiera della scienza, giudicando di volta in volta cosa è opportuno e cosa no. Altrimenti non si fa che darla vinta agli esaltati, ai fanatici, ai furbastri che da sempre mascherano col buonismo il loro desiderio di Potere Assoluto.

  • Roberto Fedeli
    Rispondi

    Infatti il tipo di esperimento mi è sembrato un passo verso l’eugenismo, che poi libero ci allega un file video per screditare l’ogm vegetale ad arte e fare pura disinformazione la dice tutta sul tipo di informazione.

  • fabio
    Rispondi

    è splendida questa conquista, nonostante i rischi che comporta.

    il problema è che, dopo aver fatto andare avanti il “mercato” ad esplorare nuove vie e conquistare nuove cime ed accollarsi insulti da tutti i critici statalisti perché il tutto andava prima pianificato dall’autorità, arriverà lo Stato a far proprie le conquiste ed utilizzarle per schiacciare ancor più la popolazione.

    Come esempio estremo guardo all’Iran: con un SMS il governo avvisa quel/quella giovane che il suo comportamento/abbigliamento/discorso è stato “notato” e se non cambia si prenderanno provvedimenti ulteriori (carcere e condanne penali!!). In misura -forse- ridotta il controllo statale lo subiamo tutti noi. A che pro quindi il progresso tecnologico se aumentano le catene che portiamo invece di liberarcene?

    Insomma, una conquista come l’informatica, computer ed internet, diventano strumento di controllo ultracapillare come mai ne avevamo visti prima.

    E sempre più la medicina sarà attenzionata dallo Stato per creare il Combattente perfetto, il soldato che sopporta ferite e dolore continuando ad eseguire il compito assegnato ed ordini senza discutere, senza se e senza ma.

    Bellissime queste conquiste, non fosse che c’è di mezzo lo Stato che ce ne farà pentire amaramente!

  • Si agli OGM , sì al progresso
    Rispondi

    Un grandissimo passo nella via del progresso : solo i nazicomunisti della decrescita e primitivisti possono pensare che l’uomo biologico sia meglio di quello OGM : quelli OGM producono molto più , sono dediti al sacrificio e alla dedizione per il proprio lavoro e di certo non a quei diritti , ovvero le scuse inventate dai fannuloni per non fare un cazzo . Magari ci fosse un mondo di individui OGM , ma purtroppo c’è in atto una campagna orchestrata di disnformazione sul tema da parte degli ambientalisti e dei socialcomunisti fascisti e cattodemocratici che mira a screditare la scienza . Inoltre questi gruppi promuovono la menzogna secondo il quale biologico è meglio e cose del genere ma forse loro non sanno che la pasta che mangiamo è OGM da un bel pò di anni e l’uomo venne creato come un’ibrido tra la scimmia e il rettiliano in laboritario , eh quindi è un’OGM , o forse gli ambientalisti queste cose non ve le dicono e ve le tengono nascoste ?

    La verità è che siamo già OGM e quindi possiamo benissimo cibarci di cibo OGM , oppure c’è qualcuno che crede veramente che l’uomo sia solo discendete della scimmia , come ci dicono i propagandisti nazicomunisti anti OGM ?

  • libertyfighter
    Rispondi

    Sigismondo.
    QUALUNQUE scoperta scientifica, nelle mani dello Stato fa solo danni. E’ stato vero per la lancia, per il fuoco, la polvere da sparo, l’energia atomica e pure l’informatica che ha permesso DATAGATE.
    Sarà così per qualunque cosa fino a che continueremo a farci soggiogare da troie politiche e papponi parlamentari

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca