In Anti & Politica, Economia

camussomontiDI LEONARDO FACCO

Passano i governi inutili, ma non la loro maniacale perseveranza nel dare addosso “all’evasore fiscale”. Rimangono inamovibili, invece, i parassiti e la loro perseveranza a pontificare. Un esempio? L’incivile Camusso, ieri ha detto che vuole “una patrimoniale (come se non ce ne fossero già abbastanza, nda) e una ‘mobilitazione civile’ contro l’evasione”. Abbiamo presentato le geniali proposte della Cgil per il fisco.

Come ha scritto il mio amico Diego Gabutti, il Club dei giacobini giustizialisti e filogabellieri italiani può perdonare la pedofilia a Roman Polansky e il Gulag a Lenin e Stalin. Persino la madre che ha ucciso le sue figlie (in fondo non sapeva, poveretta, che futuro avrebbero avuto le sue bambine, anche un po’ per colpa degli evasori fiscali). Ma per chi evade il fisco non c’è perdono”.

Tra le tante corbellerie che si leggono quotidianamente, non poteva mancare – puntuale come una cambiale – quella del sindacato comunista per antonomasia, causa prima del declino infinito di un’Italia senza speranza, un paese fondato sulle zecche!

Analizzando a fondo l’inferno tributario in cui ci costringono a vivere, mi sovvengono le parole di Sant’Agostino: “La coercizione dei sovrani è sempre espressione di una superbia contraria alla virtù. Quando qualcuno vuol dominare su chi per natura gli è uguale, la sua superbia si fa intollerabile”. E quando a sovrano si erge la Camusso, l’insopportabile si trasforma in intollerabile. Eppure, benché tutti lo sappiano, lo ripetano, lo urlino – persino quella marmaglia che si fa scrivere “on.” davanti a nome e cognome ritiene necessario riformare il sistema fiscale – nulla cambia, anzi… tutto peggiora. (Un dato fresco: nel 2013, la pressione fiscale sulle imprese milanesi è aumentata del 13%)

I parassiti, come dico sempre e non smetterò di ribadire, o li stermini o ti sterminano. Ma gli italiani preferiscono sperare nelle prossime elezioni europee. Agli italiani non serve più o meno Europa… serve uno psicanalista!

Post suggeriti
Mostrati 15 commenti
  • Fabio
    Rispondi

    è davvero terribile. Aboliranno il contante e ci doteranno di corretta moderna tessera del pane.

    La versione aggiornata della fascista tessera avrà il chip con i nostri dati biometrici uniti ai dati economici finanziari come il c/c, copia degli ultimi 5 quadri RW, albero genealogico, profili socialnetwork…. insomma se non saremo più che a nudo davanti anche all’ultimo dei parassiti pubblici non saranno contenti.
    Zero privacy, come dicono sghignazzando ‘non devi temere nulla se non hai nulla da nascondere’ (citando involontariamente Hitler).
    Purtroppo la Privacy è blindata quando si parla di funzionari pubblici e Stato.

    • Sigismondo di Treviri
      Rispondi

      La tessera fascista? Ma di fronte a questi qui Benito Mussolini era un povero fraticello francescano ed il fascismo in confronto a quello a cui andiamo incontro era una una organizzazione di boy scout. Mi dispiace dirlo, ma se mi mettessero di fronte all’alternativa, Mussolini – Questi qui, non avrei dubbi, sceglierei il fraticello.

  • Claudio Romiti
    Rispondi

    Un articolo monumentale. Mi compiaccio caro Leonardo.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie.

  • andrea
    Rispondi

    vuole la patrimoniale?? va bene, diamogliela pure ma facciamo in modo che venga applicata anche su tutti gli immensi beni del sindacato, prima organizzazione per l’evasione sistematica in italia

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Io attendo che in Veneto ci raccontino come sta andando la campagna di protesta fiscale.
    La camusso è un dinosauro morente.
    Non conta più un tubo.

  • Fabio
    Rispondi

    è sempre più serrata l’offensiva portata agli imprenditori dalla casta , che usa il suo potere di violenza armata (dai carabbignieri alla Gdf fino all’esercito per le strade, non sapendo più che cavolo fargli fare) e di violenza nei media che ha in monopolio di fatto (essendo rai e mediaset due facce della stessa moneta) .

    Con una bozza di disegno di legge previsto un giro di vite (con RECLUSIONE fino ai 6 anni) per chi ‘trasferisce denaro, beni, o altre utilità’ , provenienti da delitto non colposo, ‘per finalità imprenditoriali, o finanziarie’.
    e AUMENTO delle pene per chi compie lo stesso delitto, ma svolgendo ‘un’attività bancaria, finanziaria, o professionale’, oppure agisce in qualità di ‘amministratore, sindaco, o liquidatore’ in rappresentanza di un imprenditore.

    Lo stato bugiardo fa i salti mortali per attirare imprenditori ma, come nella camera della mortedi una tonnara, come vede che cercano di scappare addirittura progetta di sbatterli in galera. Avrà pensato che la loro funzione ‘sociale’ sia finita nel momento in cui decidono di andarsene, quindi meglio in galera, ‘st’ingrati, che a portare occupazione ricchezza benessere e civiltà in uno stato limitrofo concorrente o addirittura in un maledetto paradiso fiscale.

  • Mister Libertarian
    Rispondi

    La patrimoniale e la caccia all’evasore fiscale sono indispensabili per dare il vitalizio ai superparassiti come i consiglieri regionali della Sardegna, che si beccano anche più di 5000 euro netti al mese a 40 anni per tutta la vita, con la compiacenza della Camusso.

    19:23 8 Maggio 2014
    Vitalizi Sardegna: on line elenco 317 ex consiglieri regionali

    (AGI) – Cagliari, 8 mag. – E’ appena stato pubblicato sul sito istituzionale del Consiglio regionale della Sardegna, sotto la voce Trasparenza, l’elenco dei 317 fra ex consiglieri regionali e loro eredi beneficiari di vitalizi, beneficio cancellato da questa legislatura. Gli importi netti oscillano fra i 828 euro mensili (pagati all’ex onorevole Elia Corda), e i 5.585 euro (riconosciuti ad Isauro Baghino). All’ex presidente del Consiglio regionale Claudia Lombardo (Fi), 41 anni, spettano 5.129 euro netti al mese. La lista, la cui pubblicazione era stata annunciata ieri dal presidente Gianfranco Ganau, compare in ordine alfabetico. (AGI)Vai sul sito di AGI.it

    Tutto questo mentre i lavoratori privati, massacrati di tasse per mantenere a vita questi bastardi, si suicidano perché licenziati o perchè falliti.

    I mafiosi più incalliti sono dei benefattori dell’umanità, se paragonati ai membri della casta politica e sindacale.

    Sempre più mi convinco che i solerti pagatori di tasse sono i veri sostenitori dell’attuale regime e di tutte queste infamie.

    I grandi eroi della nostra società sono gli evasori fiscali: gli unici che a proprio rischio e pericolo cercano di sottrarre risorse allo Stato criminale.

  • Masha Sancin
    Rispondi

    “Come ci dice la ragione, tutti nascono uguali per natura, ossia con pari diritto sulla propria persona, e un pari diritto alla sua conservazione…. e giacché ogni uomo possiede la propria persona, [ il frutto ] della fatica del suo corpo e dell’opera delle sue mani è giustamente suo, e nessuno tranne lui può rivendicarlo come proprio; da ciò consegue che, quando toglie qualcosa allo stato in cui la natura l’aveva posto, mescola con esso il proprio lavoro e vi aggiunge qualcosa di suo, rendendolo con ciò di sua proprietà… Quindi, poiché tutti hanno un diritto naturale – che definiamo proprietà – alla propria persona ( cioè la possediamo ), alle proprie azioni e al proprio lavoro, da ciò inevitabilmente segue che nessuno può accampare un diritto sulla persona e sui beni di un altro. E, chiunque ha diritto alla propria persona e ai propri averi ha anche diritto di difenderli… e pertanto ha il diritti di punire qualsiasi offesa alla propria persona e ai propri beni.”
    ( Rev. Elisha Williams – 1774 )

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Plaudo

  • giuseppe
    Rispondi

    E’ proprio così!

  • Nereo
    Rispondi

    “Agli italiani non serve più o meno Europa… serve uno psicanalista!”
    Ahahahaha aha aha aha aha! Ecco:

    Per fortuna ci sono gli ungheresi!
    Attenzione: oggetto pericoloso!
    http://youtu.be/tkeUlHhNVGY

    Gli ungheresi lo rigettano dal loro parlamento!

    L’UE è un “oggetto” pericoloso, prodotto dall’auto-alienazione del pensiero, in quanto i logisti lo costruirono formalmente a tavolino come un’abbagliante meccanismo, privo di connessioni reali con la vita, in quanto meramente dedotto secondo meri valori relazionali vincolati alle parole.

    Sull’auto-alienazione del pensiero, si veda:
    http://bastamonopolio.over-blog.com/2014/05/auto-alienazione-del-pensiero.html
    e
    http://bastamonopolio.over-blog.com/2014/05/insidie-dell-apparato-formale.html

    Ciao Leooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Ciao fratelloooooooooo, ci dobbiamo vedere presto!

      • Nereo
        Rispondi

        Magari! Così ti registro e pubblico video, perché sei l’unico veramente onorevole che voterei. Ricorda che dopo la fine di giugno vado in montagna perché non sopporto le zanzare, e ricorda pure che a casa mia ora ora ho una stanza per gli ospiti! Ciao bestia.

        • leonardofaccoeditore
          Rispondi

          Nereo, ci vediamo prestoooooooooooooooooooooo!|

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca