In Anti & Politica

gorini robertoDI ROBERTO GORINI

In estate l’Italia è splendida. Sono nato e cresciuto in Romagna, anche se attualmente vivo e lavoro a Lugano. Dopo mesi di permanenza all’estero, sono tornato per un breve weekend nelle spiagge romagnole. Sono stato negli stessi luoghi che di solito frequento. Il sole, la spiaggia  e il mare (verde) sono immutati. Ma un punto di vista economico qualcosa è cambiato.

Innanzitutto i prezzi dello stesso hotel, frequentato l’anno prima, si sono abbassati di un 20%. Ma per fortuna la qualità del cibo e l’ospitalità sono immutati. Il mio ristorante preferito, una vecchia osteria con cucina tipica, non ha aumentato i prezzi. Già molto bassi negli anni passati. Ma in compenso ha aggiunto un servizio: panini + bibita a 5,50€, “prendi e porta via”. In concorrenza con il supermercato di fianco che vende una cosa simile a 5,90€.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Ma veniamo alle cose importanti: la partita a “calcio balilla”. L’anno scorso era a 1€, quest’anno a 0,50€ ! Le fette di cocomero, quest’anno venivano vendute a peso, non più a 2,5€  l’una, ma per 4 fette abbiamo speso 6,70€. Il cono gelato “tiene la quotazione”, 2 gusti a 2,5€. Ma per uno che viene dall’estero vi assicuro che è già un gran bel prezzo. Lo shopping era molto più “in saldo” del solito. Un paio di scarpe di qualità, fatte a mano, 70€ anziché 110€ la scorsa stagione. Sempre dello stesso artigiano. Eppure rispetto all’anno prima, benzina e pedaggi autostradali sono più cari. Sono aumentate le bollette per l’energia e ovviamente anche le tasse !

Come mai alcuni prezzi si alzano e altri si abbassano ?

I prezzi più bassi sono indotti da un calo del potere d’acquisto dei clienti. Meno del solito e più poveri. Albergatori e negozianti, stringono la cinghia e cercano di resistere. Spesso erodendo il proprio patrimonio. Le vacanze, i ristoranti e i vestiti sono costi che si possono comprimere. La mancanza di liquidità fa calare la domanda e, rimanendo invariata l’offerta, i prezzi si abbassano. Ma di liquidità (denaro che circola) nel mondo ce né sempre tanta, solo che tende a essere concentrata in poche mani. E questo denaro va a posarsi su quei beni a domanda anelastica (prodotti che siamo costretti a utilizzare), facendone aumentare i prezzi. Anche le tasse vengono sempre aumentate su quei consumi che vengono compressi  per ultimi. Esempio classico benzina e sigarette (per chi fuma). Ecco che in caso di difficoltà finanziaria, i prezzi dei beni che possiamo limitare si abbassano, e quelli che difficilmente riusciamo a diminuire si alzano !

Attualmente  le statistiche ufficiali (Istat) ci dicono che l’inflazione, calcolata sull’andamento medio dei prezzi, è stabile. Ad Agosto 2013 l’Italia ha accumulato un 1,3% rispetto al 2012. Un andamento considerato ideale dagli economisti prezzolati. Quindi l’economia non è in deflazione (diminuzione dei prezzi), e neanche in inflazione (aumento dei prezzi). L’obiettivo dichiarato dalla Banca Centrale è di mantenere la stabilità dei prezzi tra lo zero e il 2%. Risultato raggiunto. Tutto bene quindi … ma ne siamo sicuri ? No.

Il dato dell’inflazione (sebbene poco reale) non serve. Non ha nulla a che fare con la qualità della vita e il benessere dei cittadini. E oggi in Italia ne abbiamo un esempio. I prezzi dei prodotti che aumentano il mio benessere si possono anche  abbassare, ma se non ho soldi per comprarli perché sono costretto a mettere la benzina per andare a lavorare, pagare le bollette, e pagare il mutuo, non sto meglio ! E se la somma delle diminuzioni e degli aumenti fa zero, non mi interessa. Io posso spendere sempre 1.000€ al mese per vivere, ma la differenza la fa ciò che riesco a comprare con quei soldi.

Ecco perché l’economia reale va molto peggio dei dati ufficiali. E lo stesso vale per altri indicatori come la disoccupazione e il PIL. Se non licenzio delle persone in una società “fallita”, solo perché li posso mettere in cassa integrazione facendoli pagare allo Stato,il dato della disoccupazione non peggiora, ma l’economia si. Se costruisco un’autostrada che porta nel nulla (con i soldi dei contribuenti), il PIL aumenta, ma tutti siamo un po’ più poveri. Ci sono enormi quantità di spesa pubblica che non portano vero beneficio al popolo. Ci sono provvedimenti economici (con nomi fantasiosi) che puntano a migliorare gli indicatori, non il benessere.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Il consiglio quindi quello di non fidarsi dei dati ufficiali, ma di fare le proprie valutazioni. Rilevare l’andamento dei prezzi personalmente. Fare un consuntivo delle entrate e delle uscite e guardare (senza timore) l’ultima riga in fondo. Se è in rosso, bisogna rimboccarsi le mani e non aspettare che la politica risolva quel problema, perché non lo farà. E anche se il telegiornale comunica che “ci sono segnali di ripresa”, è bene diffidare e non aspettare.

I dati ufficiali sono una cosa, l’economia reale un’altra. L’Italia ufficialmente è sempre il “bel paese”, ma di bello, nella sua politica economica, c’è ben poco.

P.S.  la Romagna invece è sempre un bel luogo per le vacanza.

TRATTO DA: http://www.robertogorini.com

Recommended Posts
Showing 7 comments
  • Sigismondo di Treviri
    Rispondi

    I “segnali di ripresa” sono propinati alla gente per uno scopo ben preciso. Siccome il governo traballa e le elezioni sono quindi vicine, i mezzi di informazione di regime hanno il compito di far credere agli italiani che i politici sono stati bravi e quindi bisogna votarli ancora. L’economia reale è a pezzi. Dalle mi parti, ogni giorno chiudono imprese commerciali e manifatturiere. La gente che può permetterselo attinge ai risparmi per mandare avanti la baracca. La vera crisi arriverà quando quei risparmi saranno finiti. Che poi il PIL diminuisca dello 0.8% invece che dello 1%, non è cosa che riguardi chi ormai è ridotto alla fame. Mi sembra la stessa situazione di quando i russi erano a Berlino e Goebbels alla radio diceva: “Il Fuhrer sta per ottenere la sua più grande vittoria”.

  • leonardofaccoeditore
    Rispondi

    ECCO UN ALTRO ESEMPIO CHE DA’ RAGIONE A ROBERTO

    Centinaia di esercizi commerciali, fra gastronomie, pastifici, alimentari in genere e bancarelle dei mercati rionali partecipano all’iniziativa ‘Pasto Amico. Io Aderisco’, promossa per la terza volta dalle categorie dell’Alimentazione dell’Ascom torinese. Si tratta di ‘Menu in offerta’, menù fissi per un pasto completo (primo, secondo e contorno) proposti al prezzo di 5,90 euro, da lunedì 9 settembre per quattro settimane.

    Obiettivo: aiutare i consumatori e le famiglie torinesi ad affrontare gli effetti della crisi, cercando di contenere al massimo gli incrementi dei prezzi dei generi alimentari. La prima edizione risale a novembre 2008, poi il bis nell’aprile 2010. Al progetto aderisce anche anche Codé-Crai Ovest, che solo in Torino e provincia schiererà ”per la causa” oltre 200 dei suoi punti vendita

    . ”Riproponiamo un’iniziativa – spiega Maria Luisa Coppa, presidente dell’Ascom torinese – che tanto successo ha riscosso nelle precedenti edizioni, con l’obiettivo di andare incontro alle esigenze delle famiglie, in un periodo di profonda crisi economica in cui spesso si registrano forti difficoltà anche per quanto riguarda l’acquisto dei generi di prima necessità. La nostra iniziativa si configura quindi come una sorta di ‘patto di solidarietà’, in attesa di tempi migliori, fra il mondo del commercio, del ‘negozio sotto casa’, e quello dei consumatori”. ”Anche questa volta – sottolinea Mauro Rosada, presidente del Settore Alimentare dell’Ascom – il progetto è limitato nel tempo, ma ciò non esclude, anche in base alle adesioni che avremo, di prolungarlo o riproporlo nei mesi a venire. Magari con nuove idee e nuove proposte”.

  • firmato winston diaz
    Rispondi

    Se non ci fosse l’artigliato e smisurato prelievo dello Stato che mantiene altissimi i costi di produzione di beni e servizi, distruggendone l’offerta, saremmo in evidentissima tragica deflazione, anche contabile. La parte dell’economia produttiva privata lo e’. Lo Stato sta sequestrando tutto l'”oro” per pagare gli interessi del suo debito (e non solo del suo…), e il resto degli scambi si adegua alla sua disponibilita’. Ammazzando la produzione e l’economia di scambio, si instaura il circolo vizioso della distruzione dei valori finanziari che la rappresentano, il che ispira agli austro-tedeschi della bce ulteriori “austerita’” e prelievi, a scopo “igienico”, di “pulizia” pseudo-schumpeteriana. Qua dentro ve ne accorgerete fra qualche decennio, penso. E forse.

    • Liberty Defined
      Rispondi

      @firmato winston diaz Sei troppo illuminato ed intelligente per noi semplici mortali. Dovresti avere anche la pazienza e la bontà di spiegarci la via verso la Tua verità… Dacci la ricetta per la prosperità! :-)

  • firmato winston diaz
    Rispondi

    “Sei troppo illuminato ed intelligente per noi semplici mortali.”

    Per rispondere con lo stesso, inutile, tono, di cui vedo che se altri usano in quantita’ minima vi accorgete subito, temo che a chi sa gia’ tutto sia impossibile spiegare nulla. (per non parlare del capire)

    Ho solo ripetuto con altre parole cio’ che spiega l’articolo di gorini.

    • Liberty Defined
      Rispondi

      Però a parte criticare tutto e tutti e denigrare questo sito non hai risposto. Potresti dire perchè ritieni sbagliato sostenere che lo stato toglie risorse all’economia privata, o cosa dovrebbe fare la Bce al posto dell’austerità austro-tedesca

      • firmato winston diaz
        Rispondi

        “Potresti dire perchè ritieni sbagliato sostenere che lo stato toglie risorse all’economia privata, o cosa dovrebbe fare la Bce al posto dell’austerità austro-tedesca”

        Ti ho gia’ risposto prima che tu ponessi le domande.
        In altre parole, leggi quello che ho scritto. ;)

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search