In Economia, Esteri, Libertarismo

bitcoinLETTI PER VOI

NEW YORK (WSI) – I primi sportelli Bancomat al mondo per prelevare i Bitcoin apriranno a Vancouver, in Canada, da martedì prossimo.

È il Telegraph a riportare la notizia, dove si sottolinea che l’azienda Robocoin, grazie all’installazione di questi bancomat, permetterà di scambiare la valuta digitale con quella reale e viceversa.

Bitcoin è la più popolare moneta virtuale, da parecchio tempo esistente su Internet.

Ma come funzioneranno gli sportelli? Basteràscannerizzare il palmo della propria manosullo schermo in modo che venga letto e far si che non vi sia riciclaggio di denaro.

CONTINUA QUI A LEGGERE E GUARDA ANCHE IL VIDEO

Post suggeriti
Mostrati 9 commenti
  • Pedante
    Rispondi

    I dati biometrici naturalmente non verrano mai condivisi con la NSA, IRS, agenzie straniere, ecc.

  • pippo pg
    Rispondi

    In effetti non riesco a capire per quale motivo siano richiesti questi dati biometrici, non ha molto senso, contraddice uno dei principi base del BC ovvero l’anonimato.
    Il BT viene considerato pericoloso perchè consentirebbe ai terroristi e alla criminlità organizzata di rifornirsi di armi senza rischi di essere beccati come se questi soggetti non avessero gia da tempo adottato altri tipi di monete per i loro traffici, principalmente stupefacenti che guardacaso hanno un valore di mercato così alto proprio perchè sono proibiti dallo stato.

    • pippo pg
      Rispondi

      BC non BT . BT è un altro software mi sono confuso

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Prevedo amputazioni.

  • gastone
    Rispondi

    chiedo scusa in anticipo per la profonda ignoranza in materia di criptocurrency.
    è una lacuna che oggi non trova giustificazioni viste le opportunità legate alle tecnologie informatiche e alla loro facilità di accesso.

    ma quando sento parlare di “dati sensibili” ho improvvisamente una allerta istintiva e un dubbio atroce: e se fosse un cavallo di troia?

  • saldisaldi
    Rispondi

    Bravo Gastone !!!

    “Inoltre obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte. Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza, calcoli il numero della bestia, perché è un numero d’uomo; e il suo numero è seicentosessantasei” (Apocalisse 13:16-18)

  • depaoli.fabrizio@liberi.it
    Rispondi

    Alla luce di queste novità il BC mi piace molto meno.

  • pippo pg
    Rispondi

    Il fatto di creare un bancomat per bitcoin che richiede dati biomentrici personali non ha niente ha che vedere con il bit coin stesso .Sarebbe un pò come dire che internet è una cosa intrinsecamnte sbagliata perchè taluni la utilizzano per scambiare materiale pedopornografico.
    Questo è purtroppo vero ma è anche vero che viene utilizzata per un marea di altri scopi legittimi e utili.

  • Stemby
    Rispondi

    Esatto: non si confonda i bitcoin, il protocollo e l’intero progetto Bitcoin con il prodotto di un’azienda privata.

    Nessuno è obbligato ad usare questa macchinetta.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca