In Anti & Politica, Economia, Varie

redditometroDI MARCO BASSANI

Redditometro e spesometro. Sento adesso su Radio Stato 24 lo slogan dipietrista ripetuto cento volte: “Se ci comportiamo bene non abbiamo nulla da temere”. “Tranquilli, tutto documentato, tracciato. Niente da temere”.

Il totalitarismo dolce e i suoi corifei non inventano proprio nulla.

Quelli della Gestapo rassicuravano: “Se non avete cospirato contro il Volk non dovete temere nulla”. O anche “se siete battezzati, portateci il certificato e non avrete nulla da temere”. Quando arrivavano i comunisti a massacrare i Kulaki entravano nei villaggi rassicurando tutti: “Chi non ha nascosto derrate alimentari non ha nulla da temere”.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Unica consolazione odierna: non attentano direttamente alla nostra vita, finiranno solo per ridurci in povertà. Presto torneremo alla pastorizia e da un campo all’altro, fra un belato e un muggito sentiremo – attraverso una piccola radio a pile – i Barisoni prendersela con gli evasori e i Paragone col Bilderberg, con Renzie in sottofondo a prometterci 4 euro al mese, pure agli incapienti (saranno quelli con meno di tre capre).

(Liberi pensieri on Facebook)

Recent Posts
Showing 4 comments
  • Dino
    Rispondi

    Sbagliato dire che non attentano alla nostra vita.
    Grazie al cielo Hitler ha rovinato il genocidio per tutti, quindi si sono inventati un metodo più lento ma che porta allo stesso risultato. La povertà è morte.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Ogni tanto mi capita di ascoltare Barisoni su Radio24.
    Mi pare che la scuola economica austriaca sia , per lui, una sconosciuta.
    Si arrampica spesso sugli specchi, mancandogli la luce libertaria.

    Giannino , tornato a Radio24 e autodenominatosi liberale e liberista, non parla pressoché mai delle idee e delle indicazioni della scuola austriaca.

    Paragone sta perdendo anche quella spolverata liberale che pareva avesse inizialmente.

    Ma , se non ho letto male, Renzie ha detto che col reddito minimo non si creano posti di lavoro, e che vorrebbe continuare con la riduzione delle tasse.
    Che stia leggendo i libri di economia della scuola austriaca?

  • FrancescoL
    Rispondi

    Molto improbabile

  • Fabio
    Rispondi

    Parole sante quelle di Bassani.
    Ed il paragone con la germania NazionalSocialista è azzeccato proprio perché nessuno avrebbe mai immaginato che una simile tragedia poteva nascere e crescere in un paese così all’avanguardia, faro di civiltà d’europa, patria dei migliori pensatori e filosofi dell’epoca….. ed invece!

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search