In Anti & Politica, Esteri, Libertarismo

dormita-sul-lavorodi LEONARDO FACCO

Cosa accadrebbe in Italia se qualche imprenditore nostrano fondasse una linea di taxi chiamata “Macho-man” per trasportare solo orgogliosi eterosessuali, alla cui guida ci fossero solo eterosessuali altrettanto orgogliosi (magari riconoscibili per una t-shirt con sopra scritto “Dalla non è un cantante, ma un’esortazione), su auto smaccatamente griffate in maniera mascolina?

Intanto, sappiamo che non riuscirebbe a farlo per il veto della lobby dei tassinari (e delle leggi), ma un secondo dopo l’annuncio della sua impresa si ritroverebbe investito di insulti da parte della “ganga politicamente corretta” nostrana, con i gay che lo denuncerebbero e le femministe che lo sputerebbero. Un manipolo di minus habens seduto in parlamento presenterebbe un’interrogazione urgente al Ministro dell’Interno e qualche suo collega chiederebbe a Napolitano di intervenire. 

A New York, invece, dopo i celeberrimi “yellow cab” e i taxi verdi, arrivano… CONTINUA A LEGGERE QUI.

Recent Posts
Showing 4 comments
  • Pedante
    Rispondi

    L’unica certezza è che nella gerarchia del politically correct, gli uomini bianchi di discendenza europea occupano sempre lo scalino più basso. Sarà una magra consolazione, ma c’è da divertirse a osservare le risse tra le varie minoranze coccolate dai poteri forti:
    http://www.dailynews724.com/us/muslim-drivers-at-cleveland-airport-refuse-to-drive-cabs-with-gay-games-advertising-h58397.html

    Lunga vita allla Scuola di Francoforte!

    • Pedante
      Rispondi

      I fatti venuti alla luce di recente nello scandalo di abusi sessuali a Rotherham (Gran Bretagna) dimostrano chiaramente che i diritti della donna bianca sono subordinati sistematicamente a quelli delle minoranze etniche. In linea di massima, quando sono in conflitto l’uno con l’altro, il Sistema privilegia il razzismo sul sessismo.
      http://goo.gl/yvwLrm

      Per “asiatici” si legga pakistani.

  • Pedante
    Rispondi

    http://www.ibs.it/code/9788888389868/obama-barack/sogni-mio-padre.html
    Se fosse Pat Buchanan invece a scrivere con orgoglio “un racconto sulla razza e l’eredità” possiamo immaginare l’apoplessia di Tim Wise, il New York Times, e gli altri istigatori di odio verso i bianchi? La discriminazione è accettabile sempre che sia a senso unico.

  • Pedante
    Rispondi

    Un appunto all’articolo, altrimenti ineccepibile: in Parlamento non ci sono minus habens. Fingono stupidità per non svelare i cinici meccanismi di controllo usati dalle élite (meglio spacciarsi per fessi che non per traditori).

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search