In Ambientalismo, Scienza e Tecnologia

giorgio_Lodi_22_9_2014DI DAVIDE GIACALONE*

Lesti son lesti, quando si tratta di proibire. Garantendo all’Italia un ulteriore elemento d’arretratezza e violazione del diritto dei cittadini. Quando il ministro dell’ambiente, Gian Luca Galletti, tornò trionfante annunciando di avere indotto i colleghi europei a stabilire che, circa le coltivazioni Ogm, ciascun Paese avrebbe deciso per i fatti propri, scrivemmo subito che trattavasi dell’apoteosi dell’antieuropeismo, nonché la premessa, dalle nostre parti, per la proibizione oscurantista. E’ puntualmente, nonché malauguratamente, accaduto.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Si deve ragionare su basi razionali, senza accecarsi e farsi accecare da paure e stregonerie mediatiche. La prima domanda è: la coltivazione degli Organismi geneticamente modificati può arrecare danni collaterali o, addirittura, comportare pericoli per la collettività? La risposta è: no. Non è “forse”, è “no”. Non c’è nessuna evidenza scientifica di danni o pericoli. Questo non è un buon motivo per metterci tutti a coltivare Ogm, perché non basta una cosa non sia pericolosa perché sia anche conveniente e utile. Ma è un buon motivo per non proibirla. Oggi, e per la precisione dal luglio del 2013, un agricoltore italiano è meno libero di un agricoltore spagnolo. Ciò vuole dire che un cittadino italiano è meno libero di un cittadino spagnolo. Tanto è evidente la violazione dei diritti, collettivi e individuali, che non hanno il coraggio né la base giuridica per proibire definitivamente quel che altrove non è solo consentito, ma praticato, e allora ricorrono a un trucco: la proroga della proibizione temporanea. Un trucco che serve a evitare che un cittadino italiano si rivolga alla Corte di giustizia e ottenga la sicura condanna dello Stato.

Perché proibiscono? Perché, dopo avere in tutti i possibili modi tassato il settore dell’agricoltura, cedono alla pressione corporativa di organizzazioni che pensano, in questo modo, di tutelare le coltivazioni tradizionali. Tanto è vero che parlano di rispetto dei sapori e dei profumi della nostra tradizione. Il che è comico assai, visto che gli Ogm che taluni pensavano di coltivare erano mais, con cui far mangiare gli animali. Negli allevamenti italiani, del resto, il mais dei mangimi è per la quasi totalità importato e Ogm. E dato che si è quel che si mangia: loro mangiano Ogm e noi mangiamo loro, o beviamo il loro latte. A qualcuno sono spuntate le branchie?

Oltre al danno per il diritto e i diritti, oltre a quello che subiscono gli agricoltori che avrebbero voluto coltivare (e alcuni, in Friuli, già annunciano che lo faranno ugualmente), c’è anche il danno per la ricerca scientifica. Se c’è un problema, sicuramente legato agli Ogm, è che importando le sementi si dipende da chi le ha prodotte (Monsanto, il più delle volte). Poi c’è la fastidiosa cantilena delle lamentazioni per i nostri cervelli che fuggono all’estero. Ebbene, ma come si può pensare di non dipendere dalle multinazionali dell’Ogm, e come si può credere che i ricercatori restino in Italia, se qui è proibito fare quel che altrove sono premiati e pagati per realizzare? Dentro il valore di quelle multinazionali c’è anche il peso dei nostri cervelli che hanno portato le loro capacità e scoperte dove non fosse proibito utilizzarle. Quindi, anche in questo caso, il problema non sono i cervelli che vanno via, ma quelli che rimangono e non funzionano.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Uno speciale ringraziamento, allora, ai ministri dell’ambiente, dell’agricoltura e della sanità, che ci hanno conquistato, per altri diciotto mesi, uno spazio d’illibertà, povertà e superstizione.

Pubblicato da Libero

Recent Posts
Showing 6 comments
  • Mario
    Rispondi

    Siano maledetti i nazi-comunisti

  • Renzo Riva
    Rispondi

    Nemmeno più in Russia sono vietati dal settembre 2013.
    .
    La culdiretti può andare fiera ed ancora di più i cul-tivatori diretti dai loro caporioni.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Ben scritto.
    Manca un ringraziamento specialissimo a Fidenato.

  • Ari
    Rispondi

    Oltre alla grancassa “progressista” che impone sempre le sue boiate politicamente corrette , ci si mette pure la grande industria e le grandi catene di distribuzione che esibendo ovunque i vari “No OGM” e “OGM free” sui loro prodotti, insinuano nella mente delle persone in modo subdolo gli OGM sono roba brutta, sporca e cattiva.

  • Fabio
    Rispondi

    la distribuzione mostra quello che vuole il cliente. Se una cosa ‘va’, se il cliente la cerca, allora la GDO cercherà di offrigli quella cosa.
    Ovviamente ogni preferenza non esprimerà mai il 100% della clientela, ci sarà una parte (ad oggi grossa) propensa per OGM, altri indifferenti ed altri ancora coscienti che OGM non è veleno a prescindere. Quindi normalmente un imprenditore per quanto grande sia, non volterà mai le spalle ad una fetta di clienti e lascerà sempre la porta aperta alla concorrenza e quindi spazio sugli scaffali per altri prodotti.

    Quello che voglio dire è che il cliente è davvero sovrano. Chi vuole combattere la guerra pro-OGM deve farlo a monte del mercato, prima che il cliente entri nei supermercati, martellandolo con ideologia e superstizione.

    Oppure lo stato (comune, provincia, regione) deve entrare a gamba tesa nel mercato finanziando (con sconti di tasse, fornitura di locali iacp a canone irrisorio, o in ogni altro modo dei tanti a disposizione) i supermercati amici che attuano politiche NO-OGM volute dal governo (come mi sembra accada con le Coop). Cioè toglie con la forza (tassazione) i soldi ai clienti, che forse avrebbero comprato altro, dandoli al fornitore prescelto e violentando completamente la ‘libertà’ di scelta ‘democratica’ che abbiamo solo a parole.

  • Liberalista
    Rispondi

    Io me ne fotto delle scritte No Ogm. Anzi, non compro quei prodotti, dato che la loro pubblicità è ingannevole. Di solito lo faccio a voce alta, in modo da farmi sentire da commessi e clienti.
    Poi non compro in nessun supermercato cooperativo, ma solo nei discount. Sono sovrano di me stesso, delle mie scelte e dei miei averi. E mi basta così.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search