In Anti & Politica, Economia

europaDI MATTEO CORSINI

“Se la Ue vuol proteggere il mercato interno, sia dall’elusione fiscale fatta attraverso i paradisi fiscali che dall’evasione, bisogna agire anche a livello mondiale cercando accordi tra gli Stati, con scambio di informazioni atte ad eliminare quella concorrenza fiscale dannosa e le distorsioni che colpiscono, in particolare, tutti gli Stati mondiali più evoluti. È pertanto da condividere l’iniziativa intrapresa da Italia, Francia e Germania per chiedere a Bruxelles una direttiva europea per armonizzare le regole fiscali al fine di impedire la concorrenza fiscale sleale tra i 28 Paesi Ue. Ma l’Europa deve anche confrontarsi e ricercare regole comuni con gli altri Stati del mondo globalizzato. La realizzazione di un’armonizzazione e coordinamento fiscale è importante non solo per eliminare la concorrenza fiscale dannosa e le discriminazioni tra gli Stati Ue, ma anche per contribuire a creare quel sentire comune che deve entrare a far parte del patrimonio culturale complessivo dei cittadini europei. L’attuale situazione fiscale disarmonica, infine, indebolisce l’Unione, costringendola a un impiego di energie al proprio interno piuttosto che tese a rafforzare la propria posizione nell’ambito di un mercato economico-finanziario globalizzato”. (P. Moretti)

Paolo Moretti è presidente dell’Accademia Romana di Ragioneria e, come molti di coloro che si occupano di fisco a livello tecnico, adotta una posizione che, lungi dall’abbassare la temperatura dell’inferno fiscale italiano, finirebbe per alzarla anche altrove.

Considerando che la tassazione è una violazione della proprietà privata, ridurre la concorrenza (o addirittura eliminarla) tra Stati significa peggiorare la situazione. Parlare di concorrenza fiscale “dannosa” o “sleale” equivale a prendere le parti dei consumatori di tasse a scapito dei pagatori di tasse, perché i danni di questa concorrenza “sleale” sarebbero per l’erario, non per i cosiddetti contribuenti.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Auspicare, poi, che l’armonizzazione vada estesa idealmente a livello globale, significa togliere ai legittimi proprietari delle risorse estorte dal fisco ogni possibile difesa (già peraltro parecchio indebolita nel contesto attuale).

Qualcuno potrebbe obiettare che una definizione comune delle tecnicalità dei singoli tributi (per esempio la determinazione della base imponibile) semplificherebbe la vita a chi paga le tasse. Ciò può essere vero, ma l’obiettivo reale degli armonizzatori non è quello di semplificare la vita a chi paga le tasse, bensì evitare che possa avere convenienza a pagare le tasse a uno Stato invece che a un altro.

Se questo deve diventare il “sentire comune che deve entrare a far parte del patrimonio culturale complessivo dei cittadini europei”, c’è poco da stare allegri. Si rischia veramente di arrivare in tempi brevi a una situazione peggiore di quella descritta da Orwell in 1984.

Recent Posts
Showing 6 comments
  • Albert Nextein
    Rispondi

    E’ un vero e proprio abominio.
    Un invito, forse quello determinante, a uscire dalla prigione europea con gli affari e le proprietà.

    Tutti in Russia.

  • Fabio Ghia
    Rispondi

    La Svizzera, in particolare, e gli USA (questi ultimi ancora per poco, sperando che “Obama l’alza tasse” se ne vada al più presto!) dovrebbero insegnare che cosa significhi la concorrenza fiscale in ambito Stato Federato. L’invito, dunque, potrebbe essere inteso per la costituzione di un’Europa Federale con tutt’altro sistema fiscale da attuare!

  • flavio
    Rispondi

    Le “soi disant” elite intellettuali (di cui sicuramente ritiene di far parte P.Moretti) non finiscono mai di far danni(attraverso la formazione delle idee/opinioni)? le cui conseguenze paghiamo sempre noi povera plebe.

  • Corto26
    Rispondi

    …ma l’aspetto più paradossale è che i funzionari UE godono di aliquote fiscali agevolate nella tassazione del reddito da “lavoro” nel palazzo …

  • Giulio
    Rispondi

    E’ come se si obbligasse Piero Fassino a mangiare come Giuliano Ferrara.

  • Pedante
    Rispondi

    2+2=5 da molto più di 31 anni.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

ospedale