In Ambientalismo, Anti & Politica, Economia

PSICOLOGO_MATTODI MATTEO CORSINI

“Per intenderci, oggi non è come quando firmammo il Protocollo di Kyoto, con il quale noi europei e soprattutto noi italiani prendemmo un carico rilevante di vincoli quando altri Paesi non ne avevano. Oggi tutto il mondo si impegna ad andare in una direzione comune, e finalmente questo impegno non è più una serie di vincoli ma, appunto, di opportunità. Lo dico in altre parole: è come se a Parigi stessimo facendo il grande “piano industriale del mondo” per i prossimi 85 anni”. (G. L. Galletti)

Reduce dalla conferenza sul clima di Parigi, il ministro dell’ambiente Galletti, al pari degli altri partecipanti, ha parlato di evento storico.

Non voglio entrare nel merito della faccenda, per la quale non ho competenze adeguate. Resta il fatto che, ammesso che le premesse del vertice fossero attendibili (e da più parti la cosa è messa in discussione), ogni impegno che non preveda sanzioni a chi non lo rispetta (questa, fondamentalmente, è la flessibilità concessa ai paesi emergenti) è poco credibile.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Ciò detto, la cosa che invece trovo agghiacciante in conferenze come questa, è l’idea di pianificazione globale che pervade chi vi prende parte. In pratica, non sono neppure certi che ciò che pensano in merito al clima sia vero, ma si prendono il diritto di stabilire, al posto di miliardi di persone, cosa fare nei prossimi 85 anni.

Non a caso Galletti parla di “piano industriale del mondo”. Già in ambito aziendale, dove pure i rapporti sono (generalmente) regolati da contratti stipulati volontariamente, i piani pluriennali si rivelano spesso ex-post un insieme di buone intenzioni (con orizzonte 3-5 anni) la cui realizzazione è per lo più parziale. Figurarsi un piano globale a livello politico, che compiorta per definizione coercizione, per di più su un orizzonte di 85 anni. Neppure in Unione sovietica hanno mai pensato a tanto, e nella Cina attuale il partito comunista si limita ancora a predisporre piani quinquennali.

Si salvi chi può.

Articoli recenti
Mostrati 5 commenti
  • Albert Nextein
    Rispondi

    Delirio.
    Quanto più si pianifica, più sono le possibili interferenze.
    Mission impossible.

  • Ari
    Rispondi

    L’ennesima prova che il comunismo è stato sconfitto ma di comunisti ce n’è ancora a iosa.

    Ps: L’unica differenza rispetto al passato è che adesso si vergognano di dirlo o, peggio, non sanno nemmeno di esserlo.

  • charlybrown
    Rispondi

    “In pratica, non sono neppure certi che ciò che pensano in merito al clima sia vero, ma si prendono il diritto di stabilire, al posto di miliardi di persone, cosa fare nei prossimi 85 anni.”

    Non hanno nessun bisogno di essere certi, visto che il clima è solo un pretesto.

  • Antonino Trunfio
    Rispondi

    Il cancro e’ stato diagnosticato, le metastasi sono ormai evidenti. Urge un chirurgo che col bisturi faccia quello che e’ improcastinabile. Non ci son balle.

  • Pedante
    Rispondi

    I cosmopoliti contro le nazioni, una lotta all’ultimo sangue.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca