In Anti & Politica, Economia, Varie

Facco-quotidianoDI REDAZIONE

Quanti non hanno risposto agli inviti alla ‘compliance’ fiscale inviati dall’Agenzia delle Entrate “conosceranno il lato oscuro dell’ accertamento”. Lo ha annunciato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, illustrando i risultati 2015 dell’Agenzia. Orlandi ha segnalato la scarsa risposta, a differenza dei buoni risultati ottenuti per altre categorie, da parte dei fornitori per quanto riguarda l’operazione-spesometro. Solo 817 soggetti hanno aderito su 13.626.

E l’Agenzia, ha affermato Orlandi, passera’ ad “altri metodi”. Record nella lotta all’evasione Il recupero dell’evasione fiscale ha toccato un nuovo record nel 2015 a 14,9 miliardi di euro. Lo ha annunciato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, presentando i risultati dell’attività dell’agenzia. Sono infatti 14,6 i miliardi incassati nel 2015 grazie all’azione dell’Agenzia, ha spiegato, cui vanno aggiunti altri 250 milioni derivanti dalle attività di compliance. “E’ la somma più alta mai riportata nelle casse dello Stato” ha sottolineato Orlandi. (RaiNews)

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

DOMANI, TRA LE 9.00 E LE 10, LEONARDO FACCO SARA’ OSPITE DI AGORA’ PER DIRE LA SUA SULLE AFFERMAZIONI DELLA RESPONSABILE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE.

QUI IL PODCAST DI FACCO SULLE DICHIARAZIONI DI ROSSELLA ORLANDI

Recent Posts
Showing 4 comments
  • Francesco_pd
    Rispondi

    ..poi ci sono ancora anime pure che si offendono quando gli si ricorda che atteggiamenti e linguaggi simili sono più che degni di un Don di Corleone.
    Virtualmente saremo li puntuali a sostenerti

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Appunto, i don di Corleone. Il lato oscuro del quale parlavano i personaggi di Sciascia, la minaccia velata, il finto distacco. Con una differenza: l’associazione criminale denominata “cosa nostra” non si è mai lamentata di deficit di bilancio interni o quanto meno non li ha mai imputati ai propri non esattamente volontari contribuenti. L’associazione che non vuole essere chiamata criminale, denominata repubblica italiana, se dice di essere stata tanto brava (“brava” in senso manzoniano) nel suo recupero crediti, come mai è sempre in deficit esponenziale? Per di più in aumento aspensivo come le particelle universali? Se la donna Rodriga di cui sopra vorrà spiegarcelo, saremo pronti all’ascolto. E magari, successivamente, al pernacchio.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Il mio solito vizio di riguardare solo “dopo” i miei frequenti refusi: aumento espansivo non “aspensivo”.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search