In Anti & Politica, Economia

stampante_denaroDI MAURO GARGAGLIONE

Il falsario spaccia una cinquanta euro e compra un paio di sandali. Il tizio che glieli vende non se ne accorge e cede sandali in cambio di pattumiera.

Quella pattume gira, supponiamo, per tre passaggi finché qualcuno la rifiuta perché si accorge che è falsa. Nel momento in cui la pattume smette di girare è facile stabilire chi è rimasto fregato, quei tre che non se ne sono accorti.

Quindi il denaro falso, creato dal nulla, premia i primi che lo ricevono e fotte quelli che lo ricevono per ultimi.

La stessa identica cosa avviene se il falsario è una banca centrale. I primi che lo ricevono sono le banche commerciali e i le grandi aziende che hanno trattamenti di favore. Dopo enne passaggi quel denaro arriva alle persone comuni che non possono rifiutarlo.

Ma cosa perdono le persone da questi passaggi? Che cosa gli hanno fregato?

Semplice, il potere di acquisto che si manifesta nell’aumento dei prezzi delle merci. Mettetevi il cuore in pace che funziona così, pure se Friedman ha detto che una banca centrale è indispensabile!

Articoli recenti
Mostrati 5 commenti
  • Albert Nextein
    Rispondi

    Mi sembra una similitudine azzeccata.
    Un socialista potrebbe capirla.
    Forse.

    • andrea
      Rispondi

      sei sicuro che un socialista sia in grado di capirla ?

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Non condivido. Un socialista, in quanto tale, non può capire nulla. Neanche il valore di un romanzo o di un componimento in versi, figuriamoci il valore del denaro o la sostanza dell’economia.

  • vetrioloblog
    Rispondi

    Elementare Watson! Una Banca Centrale unica autorizzata a stampare carta moneta altro non è che un monopolista. E quando mai i monopoli hanno ben funzionato! Purtroppo quando più generazioni di schiavi hanno sempre ragionato in termini di schiavi e padroni, finisce che non riescono a concepire un mondo senza padroni e al massimo pretendono “un padrone buono”

  • Evaristo
    Rispondi

    Veramente Friedman non era molto amico della Fed e l’avrebbe abolita con piacere per sostituirla con un algoritmo che avrebbe mantenuto la quantità di denaro ad un tasso costante, emesso direttamente dal governo.
    Ha scritto anche di riforme della stessa, ma erano semplicemente sue raccomandazioni su come averebbe dovuto essere dato che purtroppo già esisteva.

    Qui un sunto di cosa ne pensava, ovvero peste e corna.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca