In Anti & Politica, Economia

tartassati-iDI SILVIO CECI

E’ di questi giorni la notizia dell’ennesimo arresto di magistrati tributari coinvolti in torbide storie di corruzione per favorire contribuenti disonesti. Si tratta di una notizia a cui, purtroppo, siamo stati abituati, soprattutto negli ultimi anni, data la ricorrenza con cui essa appare nei giornali. Ho già in passato espresso la mia opinione su tale argomento osservando – credo non a torto – che lo Stato si rivela inflessibile con chi lo danneggia finanziariamente, alterando il corso di una verifica fiscale o di un giudizio tributario, ma assolutamente disattento verso gli altri (e mi permetto di osservare, per la mia lunga esperienza di difensore di contribuente, numerosi) magistrati che, invece, operano indefessamente a favore del fisco, (come direbbe Totò, ‘a prescindere’) confezionando sentenze, tante volte in violazione (oltre che del diritto) della verità dei fatti, colpendo uomini ed imprese fino alla distruzione, nel tentativo di salvare accertamenti palesemente ingiusti ed illegittimi.

A mio avviso, uno Stato per essere credibile deve essere innanzitutto serio e coerente. Non si può, infatti, pretendere dal cittadino il rispetto delle regole se lo Stato per primo agisce in trasgressione del patto sociale che, come insegna Montesquieu, impone la soggezione al diritto di tutti i soggetti che operano in una comunità, inclusa la stessa pubblica amministrazione. Invece, parafrasando il Conte di Cavour, il nostro Stato applica la legge per il nemico (cioè il cittadino corruttore) ma la interpreta (o meglio la ignora) quando la trasgressione proviene dagli stessi funzionari dell’apparato.

Il doppio gioco e la condotta abusiva dello Stato verso i cittadini sono fatti noti che appartengono alla storia del nostro Paese. In particolare, attraverso una distorta e perversa applicazione del concetto penalistico di prevenzione, lo Stato ha sempre utilizzato i volti noti per dare lezioni di presunta correttezza e rigore alla collettività in modo da addomesticarla facendole accettare la sopraffazione delle ‘istituzioni’ come regola inevitabile del sistema. Una delle più note vittime della prevaricazione statale è stato certamente Totò. Il principe De Curtis dedicò alle sue disavventure fiscali anche un film, ‘I Tartassati’, nel quale veniva tormentato da un opprimente funzionario erariale, Aldo Fabrizi, il quale ad ogni costo voleva scoprire evasioni che, in realtà, il povero protagonista non aveva assolutamente commesso. Come ha sempre ricordato la figlia di Totò, Liliana, il nostro beniamino, vera icona dell’arte, negli ultimi anni della sua vita lavorò praticamente solo per estinguere un debito – totalmente infondato – di 400 milioni di Lire dell’epoca che il fisco gli aveva attribuito, ritenendo che le già importanti somme che il principe dichiarava non rispecchiassero le reali fortune dell’attore napoletano.

La cosa colpi’ profondamente Toto’, deprimendolo molto, tanto che soleva affermare ad amici e parenti di essere perseguitato e soprattutto ‘sopravalutato’ dal fisco italiano. Altro caso di cronaca non meno noto è quello di Sofia Loren. La splendida attrice partenopea pure è stata vittima del fisco nel lontano 1980 quando l’intendenza di finanza le attribuì redditi sproporzionati con le sue reali entrate. Nel caso della Loren addirittura lo Stato è andato oltre ogni regola, giungendo finanche ad arrestarla nel 1982, in occasione peraltro della visita dell’attrice alla madre morente, e facendole scontare ben 17 giorni di carcere nel penitenziario femminile di Caserta. La vicenda, poi, si è chiusa felicemente nel 2013 con la pronuncia definitiva della Cassazione che l’ha assolta da ogni accusa. Ma ormai il danno di immagine e di dignità era già fatto e la nostra amata attrice, almeno fino alla decisione della Cassazione, ha dovuto ingiustamente sopportare l’onta di una accusa infondata. E, come sempre, nessuno dei magistrati penali e tributari coinvolti in questa vergognosa storia di ingiustizia ha pagato né finanziariamente né penalmente per le gravissime colpe di cui essi sono stati responsabili.

Ultima, ma non meno importante, vittima del fisco ingiusto è Maradona. Il calciatore argentino da 30 anni ormai assurdamente è in lite con l’Agenzia delle entrate che, anche nel suo caso, sostiene, senza motivo, che il campione avrebbe occultato guadagni al fisco italiano negli anni in cui era residente a Napoli. Anche in questo caso, infidamente, lo Stato ha utilizzato il volto noto per dimostrare ai cittadini la sua inflessibilità che, però, è solo un mezzo per lanciare alla gente il messaggio che il fisco non fa sconti a nessuno (tranne a se stesso). La lista potrebbe essere anche più lunga e comprenderebbe altri personaggi ma, come detto, l’uso dei nomi famosi è sempre strumentale e capzioso, deliberatamente finalizzato a dare una ‘lezione’ al cittadino. Non credo che questo sia il percorso che il nostro Paese debba seguire. Il modo migliore per ottenere rispetto delle leggi, in realtà, è solo quello di dare il buon esempio.

E certamente lo Stato può favorire la correttezza dei cittadini non attraverso la persecuzione fiscale ma solo impegnandosi a garantire un sistema tributario equilibrato e moderato che, soprattutto nella fase contenziosa, offra al contribuente una giustizia equa con magistrati tecnicamente preparati ed imparziali e non legati a doppio filo (funzionale e retributivo) all’Agenzia delle entrate, come accade oggi senza che nessuno dei nostri politici (e dei nostri ‘esperti’) abbia nulla da eccepire. Solo in tale modo lo Stato potrà garantirsi il rispetto dai cittadini che oggi, nella situazione attuale, non ritengo che possa in alcun modo esigere.

Totò, Sofia Loren e Maradona sono tre insuperabili ed immortali simboli di eccellenza nei loro campi che hanno dimostrato grandezza, oltre che nella loro professione, anche nel fare fronte agli attacchi dello Stato. La dignità ed il coraggio con cui questi personaggi hanno affrontato la prevaricazione delle istituzioni rimane un esempio di dignità e determinazione che spero possa ispirare tanti onesti contribuenti che ogni giorno nelle aule dei tribunali combattono per fare valere le loro ragioni calpestate da una sistema tributario prepotente ed abusivo che andrebbe riformato al più presto.

TRATTO DA QUI

Articoli recenti
Mostrati 3 commenti
  • Paolo Rossi
    Rispondi

    Bellissimo articolo, sopratutto per il fondamento Morale e per la testimonianza di coraggio ed umilta’ di questi tre grandi Miti, Totò Sofia Loren e Maradona che con grande dignità hanno affrontato le prevaricazioni e le ingiustizia del Fisco italiano, tra l’Impunita assoluta dei responsabili ! Grazie Movimento Libertario per la divulgazione di queste notizie e queste storie ! Avanti così sempre !

  • vetrioloblog
    Rispondi

    E’ la stessa criminale logica del “colpirne uno per educarne cento”. E non dimentichiamo la funesta tendenza a “lisciare il pelo” all’invidia sociale per il personaggio di successo. Alla fine, rimane sempre il sospetto “Se l’è scansata perché poteva permettersi bravi avvocati”.
    Quanto alla punizione del funzionario/magistrato responsabile, come pretenderla da uno Stato che ha assicurato ottima carriera e serena vecchiaia a magistrati e pentiti protagonisti della tragedia di Enzo Tortora?

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Non è un onta essere considerati o scegliere di essere autodifensori fiscali.
    Non si può subire sempre.
    E non c’entra essere ricchi o meno.
    Le tasse sono un furto per ricchi e per meno abbienti.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca