In Economia

DI GIOVANNI BIRINDELLI

Scrive ilsole24ore.it “L’andamento esuberante del prezzo del Bitcoin sta accendendo il dibattito su quali debbano essere le politiche pubbliche. Si sono delineate due posizioni: da un lato le colombe, favorevoli a un intervento attivo e sistematico dello Stato, fino ad arrivare a divieti; dal lato opposto i falchi, che vorrebbero che il mercato globale di Bitcoin potesse svilupparsi senza i soliti lacci e lacciuoli”

Costanti passi avanti della neolingua: adesso le ‘colombe’ sono gli aggressivi e i ‘falchi’ i pacifici.

Articoli recenti
Mostrati 2 commenti
  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Un po’ come quei commercianti che si associano per opporsi alle richieste di indesiderati “protettori” dei loro negozi. Sono talmente decisi e duri nel non voler cedere alle minacce e ai ricatti che possono essere definiti falchi. I disponibili ad accettare di pagare sono invece colombe, non complici dei “protettori”. E colombe anche questi ultimi. La colomba è simbolo di pace, trovo difficoltà a vederla trafficare con la benzina per infastidire i negozianti “falchi”. Ma ovviamente è una difficoltà tutta mia. Io mica sono in grado di vedere il sole ventiquattr’ore al giorno. O al giornale.

    • Dino
      Rispondi

      In tutte le organizzazioni criminali di un certo livello, ci sono i falchi e le colombe, come nelle banche centrali. Il linguaggio del sole, è chiaramente bancocentralese.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca