In Anti & Politica

DI MATTEO CORSINI

E’ di mercoledì l’annuncio di Angelino Alfano di non ricandidarsi alle prossime elezioni politiche.

Ho scelto di non candidarmi alle prossime elezioni e non farò nemmeno il ministro.”

Aggiungendo il classico:

Lascio il Parlamento, non la politica”.

Solo nove mesi fa, Alfano aveva sciolto NCD, nato a fine 2013 quando Alfano, che politicamente doveva tutto a Berlusconi, decise di mettersi in proprio (molto probabilmente, al di là della retorica, per restare al governo).

Disse, tra le altre cose, lo scorso marzo:

Il nostro slogan è: da soli ove possibile e con i riformatori ove necessario e indispensabile.”

Probabilmente Alfano ha capito che, questa volta, avrebbe avuto defezioni in cabina elettorale anche da parte dei parenti più stretti.

Della sua assenza in parlamento e al governo suppongo ce ne faremo serenamente una ragione.

Articoli recenti
Mostrati 2 commenti
  • Giovanopoulos
    Rispondi

    Prossimamente su questi schermi come presidente di qualche ente di Stato.
    E fa bene, mica può andare a lavorare a questa età.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Non è detto che presiederà enti, banche, consigli di amministrazione o la Federcalcio. L’anno prossimo ci sono le europee e qualche ente locale “importante”. Vedremo che dirà: “La volta scorsa sono stato fermo un giro (lo dirà a Franco Giro?), quindi adesso tocca a me.” In realtà il giro dura solo pochi mesi. Così fan tutti, direbbe Lorenzo Da Ponte. E poi, in una grande coalizione, un posto da ministro non lo rifiuterebbe affatto. Contrariamente a quek che afferma. Speriamo non gli diano un ente lirico, con il suo cognome allestirebbe solo lavori del suo omonimo napoletano. O al massimo Turandot, magari solamente il finale.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca